Scarica PDF Scarica PDF

L'ibisco cinese è un arbusto piuttosto ampio con dei grandi fiori che solitamente presentano sfumature di colore rosa, bianco e viola. Si tratta di una pianta che non richiede molte cure e che sopporta bene l'inquinamento, è quindi adatto per i giardini che si affacciano sulle strade trafficate. È un pianta che predilige zone soleggiate o con ombra solo parziale. Uno dei modi per propagare l'ibisco cinese è attraverso il taleaggio.

Parte 1 di 3:
Prelevare e far Radicare le Talee

  1. 1
    Preleva le talee di ibisco durante la primavera. Il periodo migliore per provare a far radicare le talee di ibisco cinese è durante i mesi estivi (maggio, giugno e luglio).
  2. 2
    Preleva sempre più talee di quelle di cui avresti bisogno. Devi sapere che non tutte le talee riusciranno a radicarsi. Per questa ragione, dovresti sempre piantare più talee rispetto al numero di piante di cui avresti bisogno. Conta che solo circa un terzo delle talee si svilupperanno sino a formare delle piante vere e proprie.
  3. 3
    Preleva talee lunghe circa 12 cm dalla pianta di ibisco cinese. Preleva talee lunghe circa 12 cm a partire da nuovi getti della pianta, e tagliale con un angolo di 45 gradi.
    • Le parti della pianta da cui prelevare le talee dovranno essere verdi e flessibili, leggermente rigide ma non legnose – dovranno essere rami cresciuti quest'anno, non vecchie parti legnose. Rimuovi le foglie poste nella parte bassa delle talee.
    • Immergi l'estremità tagliata in un ormone o in una polvere radicante. Ora esistono due vie per radicare le tue talee: nel compost o nell'acqua.
  4. 4
    Propaga le tue talee di ibisco cinese nel compost. Se hai scelto di utilizzare il compost, infila le talee per circa 4-5 cm in un vaso riempito con del compost già inumidito. È consigliabile utilizzare un compost apposito per talee o creare un mix 50:50 di compost e sabbia.
    • Copri il vaso con una busta di plastica trasparente (assicurandoti che non tocchi le talee – usa dei paletti per tenere la busta lontana dalla talea, se necessario) o con una bottiglia di plastica trasparente a cui è stata tagliata la parte superiore in modo tale da poterla utilizzare come un mini-serra, una volta messa a testa in giù sopra il vaso.
    • Tieni le talee in vaso sempre ben inumidite, e lontane dalla luce diretta del sole. Dovrebbero radicarsi in circa uno o due mesi.
  5. 5
    In alternativa, potrai propagare le tue talee di ibisco cinese in acqua. Ad alcuni giardinieri piace far radicare le talee utilizzando solo un contenitore trasparente di plastica o di vetro e dell'acqua, piuttosto che piantandole nel compost. Il vantaggio di questo metodo è che potrai osservare lo sviluppo delle radici.
    • Metti circa 5 cm d'acqua in un contenitore di vetro o di plastica, inserisci la talea e riponi il tutto in un luogo luminoso ma lontano dalla luce diretta del sole. Dovresti anche coprirlo con una busta di plastica trasparente e inumidire quotidianamente la talea con dell'acqua, utilizzando uno spruzzino.
    • Anche se è consigliabile prelevare più talee del necessario, è importante che tu metta ciascuna talea in un contenitore separato, altrimenti tenderanno a svilupparsi colonie batteriche.
  6. 6
    Cambia l'acqua regolarmente fino a quando la talea non sarà pronta per essere piantata. Se stai propagando le talee in acqua, dovrai ricordarti di cambiarla regolarmente: l'ideale è ogni due o tre giorni.
    • Se possibile, sarebbe meglio utilizzare dell'acqua piovana. Se non effettui la raccolta di acqua piovana nel tuo giardino, o se non hai accesso a un ruscello, puoi provare a far ristagnare dell'acqua di rubinetto in una brocca per 24 ore. Questo procedimento di permetterà di eliminare parte del cloro dall'acqua di rubinetto. Non si tratta comunque di un passaggio fondamentale, le talee potrebbero trovarsi bene anche nell'acqua di rubinetto.
    • Non appena noti che le radici hanno raggiunto una lunghezza di circa 3-5 cm, pianta le talee in compost inumidito. Di nuovo, tienile lontane dalla luce diretta del sole per qualche mese, fino a quando le radici non saranno un po' più sviluppate.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Piantare a Partire dai Semi

  1. 1
    Tieni presente che le piante coltivate a partire dai semi potrebbero non essere identiche a quelle che hanno generato tali semi. Se coltivi l'ibisco cinese a partire da semi che hai prelevato tu stesso, potresti accorgerti che le nuove piante sono diverse da quelle in cui hai raccolto i semi.
  2. 2
    Cerca dei germogli sotto le tue piante di ibisco. Se vuoi partire dai semi (nonostante tu non possa prevedere l'aspetto delle piante che ne verranno fuori), dovresti prima controllare che non ci siano già dei germogli sotto le tue piante di ibisco già esistenti, dal momento che alcuni semi potrebbero essere caduti a terra ed essersi sviluppati.
    • Guarda se ci sono già dei germogli ad aspettarti, in modo tale da poterli dissotterrare e ripiantarli in un altro punto. Se ci fossero, ti risparmieresti lo sforzo di iniziare da zero.
    • Quando lo fai, potresti voler distruggere o rimuovere i germogli che non hai intenzione di utilizzare, in modo tale da evitare che il tuo giardino si riempia di ibisco cinese!
  3. 3
    Per raccogliere i semi, aspetta fino a quando i baccelli non saranno diventati marroni. Se preferisci partire dai semi, aspetta fino a quando i baccelli non saranno diventati marroni e maturi prima di raccoglierli.
    • Alcuni giardinieri piantano i semi all'esterno durante l'autunno, e lasciano che si sviluppino durante l'inverno.
    • Altri giardinieri fanno sviluppare i semi al chiuso a partire da circa un mese prima che inizi l'ultima ondata di gelo.
  4. 4
    Adagia i semi in compost apposito. Indipendentemente dal fatto che tu stia piantando i semi al chiuso o all'esterno, dovresti adagiarli su del compost apposito per semi. Inumidisci il compost, appoggia i semi sulla sua superficie e ricoprili con circa mezzo centimetro di compost asciutto. Spruzza dell'acqua sul tutto.
  5. 5
    Tieni i semi umidi, e ponili in un luogo ben illuminato. Se pianti i semi al chiuso, assicurati di riporli in un punto ben illuminato, ma al riparo dalla luce diretta del sole, come ad esempio sul davanzale di una finestra su cui il sole non batte. Sia nel caso di semi piantati all'esterno che di semi tenuti al chiuso, tieni il compost umido sino a quando i semi non germoglieranno, dopo circa 2-3 settimane.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prendersi Cura delle Piante di Ibisco Cinese

  1. 1
    In primavera, metti del pacciame attorno alle piante di ibisco cinese già cresciute. Una volta cresciute, le piante mature di ibisco cinese non avranno bisogno di molte attenzioni. Tuttavia, apprezzeranno uno strato di pacciame fresco durante la primavera.
    • Per farlo, rimuovi ogni eventuale traccia dello strato di pacciame dell'anno scorso. Se non piove da un po' e c'è un clima secco, annaffia la zona. Applica 8-10 cm di pacciame usando letame, compost o foglie marce.
    • Mettilo sotto tutta la zona coperta dal fogliame.
  2. 2
    Pota la pianta a inizio primavera. Per farlo, rimuovi ogni parte che ti sembra morta, malata o che non sta più crescendo. Ogni stelo morto, malato o danneggiato va tagliato alla base.
    • Taglia ogni ramo in modo tale che abbia solo 3 boccioli sulla sua superficie: servirà a ottenere fiori più grandi.
    • Il periodo della potatura è anche quello giusto per applicare al terreno un fertilizzante bilanciato a rilascio lento (in granuli), o uno liquido.
  3. 3
    Valuta la possibilità di fertilizzare il tuo ibisco cinese durante i mesi estivi. Ad alcuni giardinieri piace fertilizzare le proprie piante di ibisco una o due volte durante il periodo della fioritura estiva, ma non è essenziale.
    • L'ibisco cinese risentirà dell'aver ricevuto troppo fertilizzante, ma tollererà molto bene una sua eventuale carenza. Per questo motivo, non preoccuparti troppo di utilizzare dei fertilizzanti chimici, soprattutto se in primavera gli applichi uno strato di pacciame.
    • La pacciamatura darà al terreno i nutrimenti necessari, quindi non preoccuparti troppo di utilizzare dei fertilizzanti chimici.
  4. 4
    Spruzza un'insetticida sulla pianta, se viene infestata dai parassiti. L'ibisco cinese è relativamente resistente ai parassiti, ma può comunque essere vittima di infestazioni da parte di parassiti comuni, come gli afidi, o pidocchi delle piante. Spruzza un insetticida sulla pianta se ti accorgi che è infestata.
    Pubblicità

Consigli

  • Dovrai inoltre ricordarti di annaffiare le tue piante di ibisco cinese durante i periodi più asciutti, per evitare che il terreno si secchi.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Piantare un Albero di Avocado
Fare Talee di RosaFare Talee di Rosa
Piantare i Semi di CiliegioPiantare i Semi di Ciliegio
Innaffiare le OrchideeInnaffiare le Orchidee
Raccogliere il BasilicoRaccogliere il Basilico
Ravvivare un'Orchidea che non FiorisceRavvivare un'Orchidea che non Fiorisce
Coltivare un Albero di GiadaColtivare un Albero di Giada
Eliminare le Formiche dalle Piante in VasoEliminare le Formiche dalle Piante in Vaso
Favorire la Fioritura delle OrchideeFavorire la Fioritura delle Orchidee
Rinvigorire una Pianta di Aloe Vera AppassitaRinvigorire una Pianta di Aloe Vera Appassita
Prendersi Cura delle OrchideePrendersi Cura delle Orchidee
Potare e Raccogliere la LavandaPotare e Raccogliere la Lavanda
Ottenere una Pianta di Aloe da una Foglia
Potare i GeraniPotare i Gerani
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 23 464 volte
Categorie: Giardinaggio
Questa pagina è stata letta 23 464 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità