Come Pulire i Mobili in Teak

3 Parti:Pulizia OrdinariaRimuovere Sporco e SudiciumePrevenire Ulteriori Danni

Per sua natura, il teak è più resistente all'usura e ai danni causati dalle intemperie rispetto ad altri tipi di legno. Per questo motivo, gran parte dei mobili da esterno vengono realizzati con questo materiale. Anche se è abbastanza robusto, vanno comunque curati adeguatamente affinché durino nel tempo. In genere, per pulirli, basta lavarli velocemente con acqua e sapone. Tuttavia, col passare degli anni è necessario ritinteggiarli o applicare un olio protettivo per mobili da esterno.

Parte 1
Pulizia Ordinaria

  1. 1
    Inizia dalla parte inferiore. Quando pulisci un mobile in teak, devi sempre iniziare dal basso e procedere verso l'alto. Così facendo, non lascerai segni e macchie antiestetiche dovute al detergente o un metodo di pulizia sbagliato.[1]
    • Probabilmente sarai tentato di cominciare dall'alto perché è la parte del mobile che spicca di più. Tuttavia, partendo da questa zona, rischi di rovinarlo o ottenere un risultato insoddisfacente.
  2. 2
    Usa acqua e sapone. Il modo migliore per mantenere puliti i mobili in teak è quello di applicare acqua e sapone una volta ogni due o tre settimane. In questo modo, il colore manterrà il suo splendore ed eviterai che si accumulino sporcizia e tracce di muffa. Ti basta applicare un po' di detergente liquido delicato su una spugna e passarlo sulla superficie.[2]
    • Puoi anche aggiungere un pizzico di aceto o candeggina per ottimizzare la pulizia.
  3. 3
    Procedi al risciacquo. Assicurati di sciacquare accuratamente il mobile in modo da eliminare tutti i residui di detersivo, altrimenti nel tempo potrebbero favorire la formazione di depositi di sporco. Se lo stai lavando all'esterno, usa un tubo da giardino per togliere il sapone.
    • Se hai deciso di pulirlo in casa, rimuovi i residui di detersivo con un panno bagnato. Sciacqualo più volte in modo che non scarichi l'acqua saponata mentre lo passi.
    • Una volta terminato, lascia asciugare il mobile all'aria.
  4. 4
    Togli i cuscini. Dal momento che il teak non assorbe completamente l'olio protettivo, specialmente nei primi mesi dall'applicazione, potrebbe macchiare i tessuti con cui entra in contatto. Se il mobile è dotato di cuscini, ti conviene toglierli e metterli da parte in modo da preservare più a lungo la bellezza complessiva del tuo pezzo di arredamento.[3]
    • È importante soprattutto se comincia a piovere subito dopo che hai applicato l'olio.
  5. 5
    Evita di usare l'idropulitrice. Il lavaggio a pressione è un ottimo metodo per pulire molte superfici, ma non i mobili in teak. Ti sembrerà una soluzione facile e veloce, ma nel tempo c'è il rischio che la superficie si indebolisca lesionandosi ulteriormente. Se si sono formate delle crepe, a lungo andare l'acqua penetrata ad alta velocità potrebbe deformare il legno.[4]
    • C'è anche il pericolo che il lavaggio a pressione distrugga la finitura applicata a protezione del legno, causando ulteriori danni nel corso degli anni.

Parte 2
Rimuovere Sporco e Sudiciume

  1. 1
    Prepara una miscela a base di candeggina. Mescola 240 ml di candeggina al cloro, 240 ml di detersivo per il bucato e 3,8 l di acqua calda. In questo modo, otterrai una soluzione detergente abbastanza forte da rimuovere la maggior parte dello sporco e delle macchie, senza il rischio di danneggiare il legno.[5]
    • Come sempre, fai attenzione quando adoperi la candeggina, evitando che entri in contatto con altri materiali.
  2. 2
    Applica la candeggina con un pennello. Utilizzane uno di plastica morbida per stendere la soluzione a base di candeggina facendola penetrare delicatamente nel legno. Lasciala agire per circa 15 minuti, dopodiché lava tutta la superficie con l'acqua.
    • Effettua questa pulizia all'aperto. Se devi lavorare in casa, stendi un panno sul pavimento per evitare che la candeggina si versi sul pavimento e danneggi altre superfici.
  3. 3
    Strofina con una spazzola. Invece di lavare via la sporcizia (insieme al rivestimento protettivo), utilizza una spazzola palmare in modo da controllare tutto il procedimento. Elimina delicatamente le macchie o le imperfezioni senza strofinare troppo, altrimenti rischi di rovinare irrimediabilmente il mobile.[6]
    • La pulizia sarà più efficace se bagni prima la superficie. Inoltre, l'acqua ti aiuterà a rimuovere qualsiasi residuo di sporco o sudiciume man mano che pulisci.
  4. 4
    Usa un prodotto per la pulizia del teak. È più aggressivo sulle macchie e sui segni di usura. Quindi, è adatto per mobili in teak rimasti all'aperto per lunghi periodi di tempo. Ti basta applicarlo sulla superficie e strofinare con una spazzola morbida. Dovresti lasciarlo agire per circa 15 minuti prima di risciacquare con un tubo da giardino.[7]
    • Per l'applicazione segui le istruzioni riportate nella confezione.
    • Scegli un prodotto che contiene acido ossalico tra i principi attivi.
  5. 5
    Procedi al risciacquo. Che si tratti di un detergente acquistato in negozio o una soluzione a base di candeggina, devi togliere i residui quando hai terminato di pulire il mobile. Usa un tubo da giardino per sciacquarlo e lascialo asciugare all'aria.
    • Se lo pulisci in casa, usa un panno bagnato per rimuovere le tracce del detergente.

Parte 3
Prevenire Ulteriori Danni

  1. 1
    Passa un olio per legno di teak. Acquista l'olio di tung o di lino presso un negozio di detersivi e applicalo sul mobile. Stendilo uniformemente su tutta la superficie aiutandoti con un pennello. Man mano che lo applichi, adopera un panno umido per eliminare l'eccesso. Continua finché il legno non sembra saturo e non riesce più assorbirlo.[8]
    • Assicurati di pulire bene il mobile prima di applicare l'olio.
  2. 2
    Applica un sigillante a base di resina sintetica. Contribuirà a proteggere il teak dagli agenti atmosferici e preverrà ulteriori danni in futuro. Acquistalo presso una ferramenta e stendilo con un pennello. Lascialo asciugare completamente prima di riutilizzare il mobile. In genere, bastano circa 24 ore.[9]
    • Assicurati di comprare un sigillante formulato appositamente per il teak.
  3. 3
    Tinteggia il mobile ogni due-tre anni. Come qualsiasi arredo in legno, è necessario ritinteggiare i mobili in teak una volta ogni 2-3 anni. Il colore tende ad alterarsi nel tempo e, quindi, deve essere ravvivato. Quando cominci a notare delle crepe in superficie, vuol dire che devi verniciarlo nuovamente in modo da sigillare le fessure e proteggerlo in profondità.[10]
    • Questa operazione non è necessaria se preferisci che il tuo pezzo di arredamento conservi un aspetto più naturale e non lavorato. Tuttavia, in questo caso, devi pulirlo regolarmente.
  4. 4
    Allontanalo dalla luce diretta del sole. Niente invecchia il teak più dell'esposizione diretta e continua ai raggi solari. Col passare del tempo perde il suo splendore e necessita di una maggiore manutenzione. Quindi, cerca di collocarlo in una zona ombreggiata, almeno durante parte della giornata.[11]
    • Considera di metterlo in un ripostiglio, completamente al riparo dalla luce del sole durante i mesi invernali, ovvero quando non lo utilizzi molto spesso.

Cose che ti Serviranno

  • Sapone liquido delicato
  • Detersivo per il bucato
  • Candeggina
  • Prodotto per la pulizia del teak
  • Pennello di plastica morbida
  • Olio di tung o di lino
  • Sigillante a base di resina sintetica

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Pulizia

In altre lingue:

English: Clean Teak Furniture, Português: Limpar Móveis de Teca, Español: limpiar muebles de teca

Questa pagina è stata letta 707 volte.

Hai trovato utile questo articolo?