L'acciaio inossidabile è uno dei materiali più resistenti tra quelli presenti in commercio, sia per uso domestico che industriale. L'elemento che lo rende particolarmente resistente alla ruggine e opacità è la pellicola in cromo che può proteggere l'acciaio per molti anni, se viene eseguita un'adeguata manutenzione. Tuttavia, questo strato superficiale a volte può danneggiarsi e la sua integrità può venire compromessa dalla sporcizia e altri contaminanti. Pertanto l'acciaio inossidabile deve essere pulito regolarmente con dei prodotti sicuri. Alcuni detergenti delicati e un po' di "olio di gomito" dovrebbero riuscire a mantenere brillante il tuo oggetto in acciaio per molti anni.

Parte 1 di 4:
Pulire le Pentole

  1. 1
    Pulisci le pentole lavandole normalmente. Per la pulizia ordinaria e quotidiana puoi lavarle con acqua e detersivo per i piatti nel lavello della cucina. Le pentole dovrebbero essere pulite a mano, perché la lavastoviglie può rovinarne i manici.
    • Asciugale subito con un panno o un asciugamano per evitare che restino tracce di gocce d'acqua. Se rimangono delle gocce sulla superficie, risciacqua con acqua gassata (puoi riutilizzare sempre la stessa per ogni tegame) e asciuga con un panno morbido asciutto.
  2. 2
    Pulisci i residui di cibo incrostato. Riempi la pentola con circa 2-3 cm di acqua e rimettila sul fornello. Accendi la fiamma e fai bollire l'acqua.
    • Quando l'acqua inizia a bollire, aggiungi 2 cucchiai di sale o 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio.
    • Lascia sobbollire delicatamente la miscela per 30 minuti, impostando una fiamma bassa o medio-bassa.
  3. 3
    Gratta via i residui. Con una spatola di plastica o di legno, raschia il fondo della pentola per sollevare le tracce di cibo. Continua questa procedura finché non riesci a rimuovere tutti gli ultimi pezzi ostinati.
    • Se la pentola ha solo segni di bruciature, puoi usare il bicarbonato di sodio per toglierli. Per questo compito è sufficiente cospargere il bicarbonato nella stoviglia e strofinarla con un panno pulito o una spugna seguendo un movimento circolare.
    • Puoi decidere di procedere con questo metodo a secco, oppure di versare una quantità di acqua sufficiente per creare un impasto denso. Continua a strofinare finché spariscono tutti i segni di bruciatura. Risciacqua il tegame sotto l'acqua e asciugalo subito.
    • Se le tracce di bruciatura sono veramente ostinate, puoi provare a usare una spugna leggermente abrasiva per cercare di toglierle.
  4. 4
    Lucida le pentole. Per conferire un aspetto brillante alle tue stoviglie puoi usare un prodotto lucidante specifico per le pentole. Puoi trovare questo tipo di prodotti presso i negozi di casalinghi, nel reparto delle pentole o vicino alle pentole d'acciaio.
    • Assicurati di non usare prodotti lucidanti industriali per le tue stoviglie, perché contengono dei principi attivi chimici molto più aggressivi rispetto a quelli specifici per tegami.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Pulire i Piccoli Elettrodomestici

  1. 1
    Elimina la sporcizia e ogni residuo. Strofina l'oggetto per togliere ogni traccia di cibo, grasso e impronte digitali rimaste sulla superficie. Puoi usare un panno bagnato e un detergente delicato (come il sapone per i piatti) per la pulizia iniziale. Usa solo alcune gocce di detersivo, in modo da non lasciare troppi residui.
    • Se lo sporco o le tracce di cibo sono particolarmente ostinati e non si staccano facilmente, puoi usare una spugna in nylon per strofinare l'acciaio.
    • In ogni caso, non usare la lana d'acciaio o qualunque altro tipo di spugnetta che non sia specificatamente etichettata come "antigraffio". Se usi dei prodotti abrasivi puoi graffiare la finitura dell'acciaio e, a questo punto, per lucidare il metallo dovrai rivolgerti a un professionista che dovrai pagare.
  2. 2
    Lucida l'apparecchio. I detergenti per i vetri, l'olio di oliva, l'olio di limone o quello delicato per bambini sono tutti adatti per lucidare l'acciaio inossidabile. Inumidisci un panno in microfibra con il prodotto lucidante che hai scelto (è sufficiente una piccola quantità) e strofina l'elettrodomestico.
    • Assicurati di seguire la direzione della venatura del metallo.
  3. 3
    Rimuovi l'eccesso di prodotto. Usa il lato asciutto del panno per eliminare i residui della soluzione lucidante. Alla fine, la superficie dovrà essere asciutta al tatto.
    • Se, al termine della lucidatura, l'oggetto mostra aloni o strisce, valuta di portarlo da un professionista competente del settore, rivolgendoti a una ferramenta.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Pulire i Lavandini

  1. 1
    Applica un prodotto detergente non abrasivo. Versa circa 2 cucchiai di bicarbonato di sodio nel lavandino asciutto. Usa una spugna umida e pulita per strofinare il prodotto all'interno del lavello, assicurandoti di lavorare seguendo la venatura dell'acciaio.
    • Potresti essere tentato di usare qualche prodotto chimico più aggressivo e una spugna più abrasiva per strofinare la superficie del lavandino, ma in realtà faresti solo più danni. La candeggina e altri prodotti chimici possono rovinare l'acciaio, mentre le spugne ruvide e la lana d'acciaio possono graffiarlo.
    Consiglio dell'Esperto
    Raymond Chiu
    Raymond Chiu
    Guru del Pulito e Direttore Operativo di Maid Sailors

    Il nostro esperto concorda: è possibile pulire le macchie ostinate con una miscela di bicarbonato di sodio e acqua calda. Se si tratta di pulizia generale, utilizza un panno in microfibra con acqua calda e un paio di gocce di sapone per i piatti. Pulisci l'acciaio inossidabile seguendo la direzione della venatura e asciugalo con un altro panno per evitare di lasciare striature. Per ottenere una maggiore lucentezza, strofinaci sopra olio per bambini con un panno in microfibra.

  2. 2
    Versa l'aceto sulla superficie del lavello. Questa sostanza reagisce con il bicarbonato di sodio, formando una schiuma che aiuta a sollevare i residui di sporco che si formano normalmente. Lascia agire l'aceto per circa 10 minuti e assicurati che la miscela dei due elementi sciolga le impurità.
    • Per bagnare in modo uniforme tutto il lavello, metti l'aceto in un flacone spray e spruzzalo su tutta la superficie del metallo, invece che farlo colare lungo le pareti interne. In questo modo sei certo di coprire interamente il lavandino con la soluzione.
    • Puoi usare un vecchio spazzolino da denti per pulire lo scarico e le altre scanalature del lavello.
  3. 3
    Risciacqua il lavandino. Usa l'acqua per questo passaggio, poi asciugalo con un panno o un asciugamano. A questo punto il lavandino dovrebbe essere brillante e pulito, pronto per essere usato ancora.
    • Valuta di proteggerlo mettendo sul fondo un tappetino di plastica o di gomma. Questi prodotti sono economici e impediscono che si formino graffi sulle superfici di acciaio a causa dei piatti o delle posate che metti all'interno del lavello.
    • Se decidi di mettere il tappetino, assicurati di toglierlo quando pulisci il lavello ogni settimana, perché potrebbe nascondere e trattenere residui di sporco o cibo.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Pulire la Bigiotteria

  1. 1
    Riempi una piccola ciotola d'acqua. Aggiungi un detergente delicato, come il detersivo per i piatti, e bagna nella soluzione un panno morbido senza pelucchi. Strofina delicatamente i gioielli di acciaio con il panno umido finché non saranno puliti.
    • Strofina e pulisci la gioielleria seguendo la venatura del metallo, in modo da mantenere uniforme la finitura.
  2. 2
    Pulisci con il dentifricio. Puoi usare questo prodotto per pulire i gioielli particolarmente sporchi e quelli che hanno dei punti di sporcizia incrostata; sappi comunque che il dentifricio è piuttosto abrasivo. Risciacqua con acqua una volta terminata la procedura.
    • Se hai deciso di usare questo prodotto per pulire, assicurati di prendere un dentifricio che non sia sbiancante e senza silice, e usa un panno morbido per strofinarlo sul gioiello.
  3. 3
    Asciuga il gioiello. Usa un panno pulito e asciuga il pezzo, lasciandolo all'aria per completare il processo.
  4. 4
    Assicurati di fare una buona manutenzione, e conserva i tuoi gioielli in modo appropriato e accurato. Anche se gli oggetti in acciaio sono resistenti, possono però graffiarsi. Cerca di tenerli lontano da altri elementi che possono rovinarli o graffiarli.
    • Se comunque dovessero graffiarsi, puoi sempre valutare di rivolgerti a un professionista, che li luciderà in maniera accurata.
    • Riponi i gioielli in acciaio in scomparti diversi rispetto a quelli costruiti con metalli diversi. È opportuno tenerli distinti in sacchetti o custodie separati.
    Pubblicità

Consigli

  • Pulisci spesso l'acciaio. Maggiore è la frequenza, più facile sarà il lavoro, senza contare il fatto che ci saranno meno possibilità che i residui di sporco possano danneggiare la pellicola protettiva sulla superficie.
  • Se non riesci a togliere una macchia con l'acqua e un detergente delicato, lasciala stare. Una macchia o un alone isolato è comunque preferibile a un danno provocato dall'uso di una sostanza chimica aggressiva.
  • Se hai delle macchie di ruggine o degli aloni causati dal calore che sono davvero difficili da togliere, applica una soluzione al 10% di acido nitrico (acquaforte). Tieni presente, comunque, che in genere questo prodotto è solo per uso industriale.

Pubblicità

Avvertenze

  • L'acido nitrico è una sostanza chimica altamente corrosiva e non devi usarlo se non l'hai mai fatto prima e non sai come smaltirlo in modo corretto.
  • Non usare la candeggina per l'acciaio inossidabile. Questo metallo è sensibile al cloro e, se entra in contatto con la candeggina, si possono formare delle macchie e provocare danni sulla pellicola protettiva.
  • Fai attenzione quando misceli i vari tipi di detergenti. Non mescolare quelli commerciali, che trovi su tutti gli scaffali dei supermercati, con l'aceto o con altre marche di prodotti.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Acqua calda
  • Spugna o panno morbido
  • Detergente delicato
  • Aceto
  • Bicarbonato di sodio
  • Dentifricio
  • Spazzolino da denti
  • Detergente per i vetri / olio di oliva / olio di limone / olio per bambini
  • Materassino in plastica o gomma da mettere sul fondo del lavello


wikiHow Correlati

Come

Rimuovere i Colori che si Sono Trasferiti sul Bucato

Come

Far Tornare Bianchi i Capi Bianchi

Come

Pulire le Fughe nel Pavimento

Come

Pulire le Converse Bianche

Come

Rimuovere l'Odore di Urina del Gatto

Come

Usare una Lavatrice

Come

Sturare un WC

Come

Rimuovere la Cera dai Tessuti

Come

Rimuovere i Trasferibili a Caldo dai Vestiti

Come

Fare il Bucato a Mano

Come

Pulire la Tua Camera

Come

Eliminare le Alghe da una Piscina

Come

Organizzare l'Armadio

Come

Pulire le Cromature e Rimuovere la Ruggine senza Usare Detergenti Costosi
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 22 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 29 237 volte
Categorie: Pulizia
Sommario dell'ArticoloX

Per pulire gli elettrodomestici in acciaio inossidabile, strofina le impronte delle dita e gli avanzi di cibo con un panno umido e alcune gocce di detersivo liquido, poi lucidali con olio d'oliva o un detergente per vetri. Per pulire un lavandino in acciaio inox, versa 12 g di bicarbonato di sodio e un po' d'aceto nel lavabo asciutto, attendi 10 minuti, poi risciacqua e strofina per asciugare. Lava le pentole di acciaio inox a mano con detersivo liquido e acqua. Per pulire i gioielli di questo materiale, imbevi un panno in acqua e detersivo liquido, poi usalo per strofinare l'acciaio lungo la grana. Per imparare a lucidare l'acciaio inossidabile dopo averlo pulito, continua a leggere!

Questa pagina è stata letta 29 237 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità