Scarica PDF Scarica PDF

Pulire un'ustione non è facile. Se però è poco grave, è possibile farlo in casa. Le ustioni causate da una fonte di calore presentano quattro livelli di gravità: possono infatti essere di primo, secondo, terzo o quarto grado. Se la bruciatura sembra essere di primo o secondo grado e non ricopre una zona estesa del corpo, è generalmente possibile pulirla e bendarla in casa. Tutte le ustioni di terzo grado e quelle che coprono aree estese della pelle vanno esaminate subito da un medico. Le ustioni di quarto grado devono invece essere trattate al pronto soccorso. Se hai dei dubbi in merito alla gravità dell'ustione, dovresti rivolgerti a un medico per farti prescrivere un trattamento adeguato.

Parte 1 di 3:
Determinare la Gravità dell'Ustione

  1. 1
    Valuta un'ustione di primo grado. Le ustioni di primo grado sono le meno gravi. Sono caratterizzate da rossore, gonfiore e dolore da lieve a moderato. Sono piuttosto comuni e si manifestano quando la pelle ha un breve contatto con una superficie bollente (per esempio i fornelli) o viene esposta ai raggi solari. Le ustioni di primo grado interessano soltanto lo strato superficiale della pelle e possono solitamente essere trattate in casa [1] .
    • Ecco alcuni dei sintomi da ricercare:
      • Pelle arrossata e dolorosa al tatto;
      • Formicolio;
      • Pelle secca al tatto;
      • Lieve gonfiore.
    • Le ustioni solari gravi o le bruciature di primo grado che coprono una zona estesa del corpo vanno esaminate da un medico.
  2. 2
    Identifica un'ustione di secondo grado. Le ustioni di secondo grado danneggiano anche lo strato cutaneo che si trova sotto l'epidermide. Si manifestano in caso di contatto prolungato con una superficie bollente o quando ci si espone a lungo al sole. Molte ustioni di secondo grado possono comunque essere trattate in casa. Oltre ai sintomi che contraddistinguono le bruciature di primo grado, le ustioni di secondo grado presentano le seguenti caratteristiche: chiazze, vesciche e dolore da lieve a intenso [2] .
    • Ad ogni modo, dovresti rivolgerti subito a un medico nei seguenti casi:
      • L'ustione di secondo grado interessa mani, piedi, inguine o viso;
      • L'ustione è accompagnata da gravi vesciche;
      • Copre aree estese del corpo.
  3. 3
    Determina se hai un'ustione di terzo grado. Le ustioni di terzo grado distruggono sia lo strato esterno della pelle sia quello interno. L'intensità del dolore è variabile, ma durante la guarigione è tendenzialmente più forte rispetto a ustioni di minore portata. Le bruciature di terzo grado si manifestano quando una fonte di calore penetra molteplici strati cutanei. Essendo gravi, non vanno trattate in casa. Se dovessi avere un'ustione di terzo grado, è fondamentale andare all'ospedale quanto prima [3] .
    • Ecco alcuni sintomi che potresti osservare:
      • Pelle arrossata o biancastra;
      • Quando premi la pelle, il colore dell'epidermide non subisce alcuna alterazione;
      • Assenza di vesciche;
      • Tessuto cutaneo distrutto.
    • Le ustioni di terzo grado sono particolarmente soggette a infettarsi. È importane evitare di toccare la zona interessata o provare a trattarla. Rivolgiti invece immediatamente a un medico.
  4. 4
    Vai immediatamente al pronto soccorso qualora avessi un'ustione di quarto grado. Le ustioni di quarto grado sono gravi e le persone che le subiscono si trovano solitamente in stato di shock. Queste bruciature distruggono sia gli strati della pelle sia i tessuti sottostanti, come muscoli e tendini. Dato che generano una situazione di emergenza, richiedono un intervento medico immediato.
    • Essendo sotto shock, è probabile che il paziente non accusi alcun dolore nella fase iniziale. La guarigione è invece più dolorosa.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Disinfettare e Proteggere l'Ustione

  1. 1
    Lavati le mani. Inumidisci le mani con dell'acqua calda e applica una noce di sapone. Strofinale fra di loro assicurandoti di lavare la parte inferiore e superiore dei palmi, le dita e i polsi. Risciacquale con acqua tiepida [4] .
    • Non è necessario usare un sapone antibatterico: ne andrà bene uno qualsiasi.
  2. 2
    Pulisci la ferita con acqua e sapone. Bagna la zona interessata con dell'acqua fredda per raffreddare la pelle e attenuare il dolore. Applica una piccola quantità di sapone sull'ustione e massaggialo delicatamente. Risciacqua con acqua tiepida e tampona dolcemente con un asciugamano pulito. Lavare l'ustione con acqua e sapone aiuta a prevenire gravi infezioni [5] .
    • A questo scopo andrà bene qualsiasi tipo di sapone. Se possibile, scegline uno privo di fragranze per ridurre il rischio che irriti la pelle. Non è necessario che sia antibatterico.
    • Prima del lavaggio, è importante rimuovere tutti gli accessori che limitano l'afflusso di sangue diretto alla zona dell'ustione.
  3. 3
    Applica una pomata antibiotica. Crea uno strato sottile di pomata antibiotica (usane per esempio una a base di neomicina) sulla zona interessata. Oltre a mantenere la pelle umida, questo prodotto è efficace per prevenire infezioni [6] .
  4. 4
    Applica dell'aloe vera. Se la bruciatura è dolorosa, l'aloe vera ti aiuterà a calmare la pelle, ma solo nel caso in cui l'ustione sia di primo o secondo grado. Basta uno strato sottile di aloe vera in gel o estratta direttamente da una pianta per alleviare il fastidio [7] .
    • Puoi anche prendere un ibuprofene o un altro antinfiammatorio da banco per attenuare dolore e gonfiore.
  5. 5
    Non schiacciare le vesciche. Le bolle lacerate sono soggette a infettarsi. Il corpo ha bisogno di tempo per curare questo tipo di rigonfiamento. Non rompere o schiacciare le vescicole che si manifestano in seguito a una bruciatura, in quanto la loro funzione è quella di proteggere e mantenere sterile la ferita. Se dovessero aprirsi da sole, lava a fondo la zona interessata con acqua e sapone [8] .
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Coprire la Zona Interessata con una Garza

  1. 1
    Determina se è il caso di usare una garza o meno. Se l'ustione è di primo grado e non presenta vescicole lacerate né spaccature cutanee, non bisogna applicare alcuna garza. Se la pelle è invece spaccata/esposta o hai un'ustione di secondo grado, dovresti usare della garza sterile in rotolo per prevenire possibili infezioni [9] .
  2. 2
    Applica un velo di unguento. A mano a mano che l'ustione guarirà, si svilupperà un nuovo strato di pelle. Per evitare che l'epidermide aderisca alla benda, è importante applicare sempre un velo di unguento fra la cute e la garza. Puoi usare una pomata antibiotica, dell'aloe vera in gel o una pomata specificamente formulata per ustioni [10] .
    • L'unguento ha la funzione di creare una barriera lubrificante fra l'ustione e la garza, quindi andrà bene uno qualsiasi di questi prodotti. Non è necessario che abbia proprietà antibiotiche per essere efficace.
  3. 3
    Copri l'ustione con la garza. Applicato l'unguento, copri delicatamente la zona interessata con due o tre strati di garza. Fissala con del nastro adesivo medico. Fai attenzione a non lasciarla eccessivamente allentata o stretta [11] .
    • Fai il possibile per mantenerla asciutta. Puoi coprirla con una busta di plastica prima di farti la doccia.
    • Cambia la garza qualora dovesse bagnarsi o sporcarsi.
  4. 4
    Cambia la garza due o tre volte al giorno. Rimuovila delicatamente più o meno alla stessa ora tutti i giorni. Applica l'unguento e copri la zona interessata con una garza nuova. Se dovesse aderire alla ferita, inumidiscila con una soluzione salina sterile e toglila con cura, evitando danneggiare l'epidermide sottostante [12] .
    Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Acqua e sapone
  • Pomata antibiotica
  • Aloe vera
  • Pomata per ustioni
  • Garza
  • Nastro adesivo medico
  • Soluzione salina
  • Medicinali antinfiammatori

wikiHow Correlati

Riconoscere la Puntura di un RagnoRiconoscere la Puntura di un Ragno
Trattare le Punture di OrticaTrattare le Punture di Ortica
Trattare una Vescica da UstioneTrattare una Vescica da Ustione
Rimuovere una Zecca
Sbarazzarsi di una Scottatura da SoleSbarazzarsi di una Scottatura da Sole
Curare una Ustione da SfregamentoCurare una Ustione da Sfregamento
Uccidere una ZeccaUccidere una Zecca
Togliere il Pungiglione di un'ApeTogliere il Pungiglione di un'Ape
Togliere le Spine dei CactusTogliere le Spine dei Cactus
Trattare una Ustione da Acqua BollenteTrattare una Ustione da Acqua Bollente
Trattare il Morso di un GattoTrattare il Morso di un Gatto
Trattare un'Ustione da SigarettaTrattare un'Ustione da Sigaretta
Trattare il Morso della Formica di FuocoTrattare il Morso della Formica di Fuoco
Trattare una Vescica da Ustione sul DitoTrattare una Vescica da Ustione sul Dito
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Mohiba Tareen, MD
Co-redatto da:
Socia FAAD e Dermatologa Iscritta all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Mohiba Tareen, MD. Mohiba Tareen è una dermatologa iscritta all'albo e fondatrice del centro Tareen Dermatology, che ha sede a Roseville, Maplewood e Faribault, nel Minnesota. La Dottoressa Tareen si è laureata all'Università del Michigan (situata ad Ann Arbor), dove è stata accolta nella prestigiosa Alpha Omega Alpha, associazione per studenti meritevoli. Durante il suo internato in dermatologia alla Columbia University di New York, ha vinto il premio Conrad Stritzler della New York Dermatologic Society ed è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine. Ha poi ottenuto una borsa di studio che le ha permesso di specializzarsi in chirurgia dermatologica, laser e dermatologia estetica. Questo articolo è stato visualizzato 9 176 volte
Questa pagina è stata letta 9 176 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità