Possedere un pianoforte è un grande privilegio, ma è necessario prendersene cura in maniera appropriata, per evitare danni e per mantenerlo pulito. Effettuando una regolare manutenzione e sbarazzandosi puntualmente della polvere, lo strumento non dovrebbe richiedere una pulizia professionale frequente; tuttavia, è importante utilizzare i prodotti e le tecniche corrette per evitare di rovinarlo o graffiarlo.

Parte 1 di 3:
Pulire i Tasti

  1. 1
    Spolverali. Usa un piumino da spolvero e applica una leggera pressione per eliminare i residui dai tasti. Persino i piccoli granelli di polvere possono essere abrasivi, cerca quindi di essere molto delicato. Pulisci scrupolosamente ogni fessura e nicchia, come gli spazi fra un tasto e l'altro.[1]
    • Procedi a questa operazione ogni due giorni circa, per evitare che la polvere si fissi penetrando nella tavola armonica e nella meccanica.
    Consiglio dell'Esperto
    Michael Noble, PhD

    Michael Noble, PhD

    Pianista Concertista Professionale
    Michael Noble è un pianista concertista professionale che ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Piano Performance alla Yale School of Music nel 2018. Suona il pianoforte dal 1995. Si è esibito alla Carnegie Hall e in altre sale di Stati Uniti, Europa e Asia.
    Michael Noble, PhD
    Michael Noble, PhD
    Pianista Concertista Professionale

    Prova a pulire i tasti del pianoforte con un panno umido. Il pianista concertista Michael Noble afferma: “Puoi pulire i tasti del piano con un panno umido, stando attento a non strizzare liquido sui tasti stessi. Passa dolcemente la superficie dei tasti per rimuovere la sporcizia. Per pulire l'interno del pianoforte è invece consigliato rivolgersi a un esperto".

  2. 2
    Pulisci i tasti d'avorio. Prendi un panno bianco e pulito realizzato con tessuto che non lascia lanugine, come la microfibra o la flanella; bagnalo con acqua e strizzalo per eliminare la maggiore quantità possibile di liquido. Pulisci pochi tasti alla volta strofinandoli delicatamente, muovendoti dalla parte posteriore verso quella anteriore; asciugali immediatamente con un panno pulito per eliminare l'acqua in eccesso, prima di passare ai tasti adiacenti.[2]
    • Evita i panni ruvidi, le fibre sintetiche e la carta da cucina, perché possono graffiare i tasti; non usare neppure i tessuti colorati, perché possono rilasciare la tinta sul pianoforte.
    • Non strofinare la tastiera in orizzontale, dato che potresti spingere la polvere e l'umidità fra i tasti.
    • Per riconoscere i tasti di avorio, cerca delle venature parallele alla direzione dei tasti, delle fenditure fini, delle zone deformate o una rifinitura opaca.[3]
  3. 3
    Pulisci i tasti di plastica. Dato che questo materiale sintetico non è poroso come l'avorio, puoi pulirlo con dei prodotti detergenti, se necessario. I tasti di plastica sono sempre perfettamente lisci e piatti, non presentano venature o segni di deformazione come quelli di avorio. Per pulirli, hai bisogno di un panno bagnato in acqua e una soluzione detergente, un altro panno inumidito con sola acqua e uno terzo straccio asciutto.
    • Riempi una piccola bacinella con acqua e alcune gocce di detersivo liquido per i piatti oppure d'aceto;[4] mescola la soluzione e intingi il panno bianco e pulito di flanella o microfibra.
    • Strizza lo straccio per eliminare l'umidità in eccesso e utilizzalo per strofinare alcuni tasti alla volta, muovendoti dalla parte posteriore verso quella anteriore.
    • Prendi il panno bagnato in sola acqua e ripassa questi tasti per eliminare la soluzione detergente.
    • Strofinali nuovamente con lo straccio asciutto; ripeti la procedura lavando pochi tasti alla volta, finché non hai pulito tutta la tastiera.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Pulire la Struttura Portante e la Tavola Armonica

  1. 1
    Pulisci la rifinitura. Strofina la parte esterna dello strumento con un panno umido e pulito,[5] lavorando su piccole sezioni alla volta e asciugandole immediatamente con uno straccio. Procedi con movimenti rettilinei, non circolari, rispettando la venatura del legno; così facendo, eviti di lasciare strisce e segni rotondi.[6]
    • Accertati di usare un panno non abrasivo, come quelli di cotone o microfibra. Questa fase della pulizia elimina la polvere dalla struttura esterna e rimuove la sporcizia, gli aloni e le impronte digitali.
    • Verifica che il panno sia solo leggermente umido; devi evitare che il tessuto bagnato lasci delle tracce visibili di umidità.
  2. 2
    Lucida la finitura solo quando è necessario. In questo caso, devi applicare una piccola quantità di prodotto direttamente su un panno senza lanugine.[7] Strofina delicatamente una piccola sezione del pianoforte alla volta, rispettando sempre la direzione delle venature; fai molta attenzione sugli angoli e sui bordi delicati su cui c'è solo uno strato sottile di finitura. Al termine, elimina ogni residuo di prodotto lucidante con uno straccio pulito.
    • È importante scegliere un lucido specifico che possa essere usato sullo strumento in sicurezza, dovresti inoltre procedere a questa operazione solo quando il pianoforte ha davvero bisogno di una pulizia accurata, di una lucidatura o quando presenta dei graffi sottili che vanno sigillati. Il lucido in realtà danneggia la finitura e, se penetra nello strumento, può rovinarne la meccanica.[8]
    • Se il pianoforte è rifinito con lacca, non devi scegliere un prodotto che lucida la superficie a specchio, perché questo tipo di trattamento di superficie non è formulato per essere lucido. Opta invece per un prodotto con effetto satinato; i lucidi con effetto "a specchio" sono adatti solo per le finiture con polimeri.
    • Non utilizzare il normale detergente per mobili, i prodotti a base di silicone, con olio di limone e non spruzzare alcun aerosol vicino allo strumento, perché possono rovinare l'esterno e l'interno del pianoforte.
  3. 3
    Soffia via la polvere dalla tavola armonica. Che tu abbia un pianoforte a coda o uno verticale, puoi pulire la tavola armonica soffiando via la polvere e la sporcizia accumulate. Puoi usare un aspirapolvere al contrario oppure una bomboletta di aria compressa. È però importante ricordare che puoi farlo solo se hai esperienza nella pulizia delle parti interne dello strumento; in caso contrario, potresti danneggiare le corde e gli smorzatori. Se hai dei dubbi, chiama un professionista che si occupi di questo lavoro. Se invece vuoi procedere in autonomia:
    • Tieni il beccuccio dell'aspirapolvere o della lattina di aria compressa a diversi centimetri dalla superficie della tavola armonica e, muovendoti lungo le corde, soffia via la polvere.[9]
    • Fai attenzione a non toccare le corde o gli smorzatori con il beccuccio, con la bomboletta o con le dita.
    • Soffia la polvere e la sporcizia verso un angolo accessibile del pianoforte e utilizza l'aspirapolvere per risucchiarle.
  4. 4
    In alternativa, chiama un professionista. Egli possiede tutti gli strumenti, l'esperienza e la conoscenza necessari per pulire i meccanismi, senza danneggiare i componenti sensibili e delicati.
    • I professionisti non solo puliscono lo sporco visibile, ma smontano i tasti e le altre parti per sbarazzarsi della polvere che si è annidata in ogni fessura.[10]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Tenere Pulito il Pianoforte

  1. 1
    Lava le mani prima di suonare. Lo sporco e il sebo presenti sulle dita sono i maggiori responsabili della sporcizia che si accumula sullo strumento, lava quindi le mani con cura prima di suonare.[11]
    • Per farlo, bagnale con acqua corrente e aggiungi del sapone. Strofinale per almeno venti secondi, in modo da creare una bella schiuma, pulendo i dorsi, i palmi, le zone fra le dita e sotto le unghie. Risciacquale con acqua corrente e asciugale tamponando con un panno pulito.[12]
  2. 2
    Proteggi il pianoforte dagli agenti atmosferici. La luce solare, l'umidità, il calore e il freddo estremi possono danneggiarlo, farlo invecchiare e sbiadire. Tienilo al riparo dalla luce solare diretta e mettilo in una stanza con temperatura e umidità controllate.
    • Non tenerlo vicino agli spifferi o alle prese d'aria e non metterlo in un locale soggetto a umidità.[13]
  3. 3
    Non appoggiare degli oggetti direttamente sulla superficie dello strumento senza interporre una protezione. Se metti qualcosa sul pianoforte, come una lampada o un metronomo, accertati che abbia una base protettiva in feltro che non graffi la superficie.
    • Non mettere mai delle bevande, dei cibi o dei liquidi sul pianoforte e non permettere mai che entri in contatto con la gomma o il vinile.
  4. 4
    Chiudi il coperchio quando non usi lo strumento. Accertati di abbassare il coperchio che protegge la tastiera ogni volta che non devi suonare; in questo modo, la proteggi dalla luce solare, dalla polvere, dalla sporcizia e dagli schizzi.[14]
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non spruzzare mai dei prodotti per la pulizia sui tasti del pianoforte, perché potrebbero penetrare fra gli elementi e danneggiare le corde sottostanti.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Suonare il Violino

Come

Imparare a Suonare il Pianoforte da Autodidatta

Come

Imparare a Suonare la Chitarra da Autodidatta

Come

Leggere Tablature per Chitarra

Come

Imparare le Scale sulla Chitarra

Come

Suonare l'Ukulele

Come

Cambiare le Corde di una Chitarra

Come

Cambiare le Corde di una Chitarra Classica

Come

Montare una Tracolla sulla Chitarra

Come

Accordare una Chitarra Acustica

Come

Accordare un Ukulele

Come

Suonare la Tromba

Come

Suonare la Batteria

Come

Suonare gli Accordi con la Chitarra
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 16 236 volte
Categorie: Strumenti Musicali
Questa pagina è stata letta 16 236 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità