Scarica PDF Scarica PDF

Al giorno d'oggi, gli artisti usano sempre più spesso i colori acrilici ad acqua nelle loro opere. Tuttavia, a causa della loro consistenza più morbida, queste vernici hanno la tendenza ad attirare la polvere, lo sporco e a trattenerli. Per svolgere correttamente la manutenzione di una collezione di dipinti in acrilico, è molto importante conoscere il modo migliore per pulirli senza danneggiarli. Di solito, è sufficiente una leggera spolverata per sistemare la maggior parte dei quadri. Utilizza un pennello dalle setole morbide o una soluzione a base di sapone delicato per pulire le tue opere d'arte, poi assicurati di conservarle nel modo corretto, in modo da preservarne la bellezza originale per gli anni a venire.

Metodo 1
Metodo 1 di 3:
Rimuovere la Polvere da un Quadro ad Acrilico

  1. 1
    Assicurati che la vernice sia asciutta. L'aspetto più importante da ricordare prima di iniziare a pulire un dipinto è che la vernice deve essere completamente asciutta. Se è ancora umida, potresti sbavare lo strato più esterno del colore, attenuandone l'intensità e confondendo i dettagli, come le pennellate caratteristiche dell'artista. Una volta che la vernice acrilica si è seccata, puoi pulire delicatamente la superficie esterna senza rischiare di provocare dei danni.[1]
    • Attendi almeno 24 ore prima di provare a pulire un quadro appena finito;
    • La più piccola imperfezione su un'opera d'arte originale può essere sufficiente per diminuirne il valore.
  2. 2
    Acquista un pennello a setole morbide. Cerca un pennello con una base larga e setole fini, realizzate con materiali naturali, come i peli. Puoi usare questo strumento per rimuovere la polvere e lo sporco rimasti attaccati al quadro. In molti casi, una bella spolverata di tanto in tanto è sufficiente per mantenere un quadro in buone condizioni.[2]
    • Per questo passaggio puoi usare un pennellino da trucco o uno spolverino a mano;
    • Il pennello deve essere pulito e asciutto prima di entrare in contatto con la vernice acrilica.[3]
  3. 3
    Spolvera la superficie del quadro. Elimina la polvere dalla superficie dell'opera con movimenti lunghi e fluidi. Inizia da uno degli angoli superiori del quadro e procedi verso il basso e lateralmente fino a rimuovere tutta la polvere e lo sporco. Fai attenzione a non applicare troppa pressione, perché potresti lasciare dei segni sulla vernice morbida.[4]
    • Non dimenticare di occuparti anche della polvere che si è accumulata sulla cornice e sulle superfici adiacenti al quadro;[5]
    • Per eliminare gli strati più resistenti di polvere, tieni un aspirapolvere vicino al quadro mentre lo spolveri.
  4. 4
    Spolvera i quadri regolarmente. I quadri ad acrilico devono essere puliti bene a distanza di pochi mesi. Questo è particolarmente importante se vengono conservati o affissi in abitazione private o altri luoghi in cui le condizioni non sono controllate attentamente. Spolverandoli frequentemente si riducono le probabilità che la polvere venga assorbita dal colore, che potrebbe cambiare la propria consistenza.[6]
    • Per quanto riguarda la conservazione dei beni culturali, la prevenzione è sempre più efficace della pulizia.[7]
    Consiglio dell'Esperto

    “Se non possiedi un piumino, prova a usare un panno leggero”.

    Kelly Medford

    Kelly Medford

    Pittrice Professionista
    Kelly Medford è una pittrice americana che vive a Roma. Ha studiato pittura classica, disegno e stampa negli Stati Uniti e in Italia. Lavora impiegando principalmente la tecnica "en plein air" per le strade romane, inoltre viaggia su commissione per collezionisti privati internazionali. Nel 2012 ha fondato "Sketching Rome Tours", dove insegna a creare diari di viaggio dall'impronta artistica ai visitatori della capitale. Si è diplomata alla Florence Academy of Art.
    Kelly Medford
    Kelly Medford
    Pittrice Professionista
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 3:
Pulire il Quadro con Acqua e Sapone

  1. 1
    Considera i rischi di provare a pulire il quadro da solo. Anche se i colori acrilici sono meno delicati di altri tipi di pittura, possono essere comunque rovinati da tecniche e materiali inappropriati. Prima di provare un metodo di pulizia fai da te, ricorda che modificando un quadro puoi ridurne il valore.[8]
    • Prendi in considerazione l'idea di far pulire le opere di maggior valore da un restauratore professionista. Anche se la procedura costerà di più, sarai certo che il quadro riceverà il trattamento più appropriato.
    • Non usare mai sostanze chimiche corrosive o strumenti abrasivi per pulire un quadro. Questo include soluzioni usate spesso, come l'acquaragia o la trementina, oltre ai detergenti commerciali.
  2. 2
    Mescola sapone e acqua in un grande contenitore. Riempi un lavandino o un secchio con acqua pulita o tiepida. Aggiungi alcune gocce di un detersivo per piatti liquido non astringente e mescola la soluzione a mano. Puoi usarla per pulire i punti sporchi dei quadri acrilici secchi.[9]
    • Il sapone aiuta a emulsionare la polvere e lo sporco, in modo da sollevarli rispetto alla superficie della vernice, mentre l'acqua li lava via.
  3. 3
    Inumidisci un panno o una spugna. Per ottenere i risultati migliori, usa un panno realizzato con un materiale morbido, come il cotone o la microfibra. Satura il panno con la soluzione a base di sapone, poi strizza via più acqua possibile. Se stai usando una spugna, scrollala bene prima di iniziare; dovrebbe essere solo leggermente umida.
    • Assicurati che non ci siano residui di sapone sul panno;
    • Alcuni tipi di vernici acriliche sono idrosolubili. Se il panno è troppo umido, può iniziare a dissolvere la vernice, macchiando il quadro e confondendo il colore.[10]
  4. 4
    Spolvera il dipinto con attenzione. Pulisci il quadro con movimenti lunghi e fluidi dall'alto in basso e da un lato all'altro. Elimina più sporco possibile. Non strofinare e non premere troppo, perché rimuoveresti quasi certamente parte della vernice. Se necessario, passa il panno più volte, lasciando asciugare la superficie del quadro prima di ciascuna passata.[11]
    • Piega il panno un paio di volte per creare una superficie più ampia. Questo aiuta a distribuire l'umidità in modo più uniforme sul quadro e a non esercitare troppa pressione.
    • Prova la soluzione a base di sapone su un angolo o un'altra zona poco importante, in modo da verificare l'effetto prima di pulire l'intero quadro.[12]
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 3:
Prevenire lo Sporco e i Danni

  1. 1
    Proteggi il quadro. La lacca o finale è un tipo di rivestimento trasparente a base di resina che può proteggere le opere d'arte da polvere, sporco, umidità e da altri fattori che possono deteriorarle. Usa un pennello o uno spray per applicare una sottile mano di lacca sopra le superfici esposte del dipinto, poi lascialo asciugare per una notte. In seguito, il quadro sarà più resistente alla polvere, quindi sarà più facile e sicuro tenerlo pulito.[13]
    • Assicurati di scegliere una lacca pensata specificamente per l'uso su vernici acriliche. Se userai il prodotto sbagliato, potresti danneggiare gravemente il colore.[14]
    • Spolvera la superficie del quadro prima di applicare la lacca, in modo che lo sporco non resti intrappolato all'interno del rivestimento trasparente.
  2. 2
    Conserva i quadri in un ambiente privo di polvere. Dato che i dipinti acrilici sono leggermente appiccicosi, possono catturare le particelle di polvere che fluttuano in aria. Per questo motivo, è meglio tenere le opere d'arte di maggior valore in luoghi in cui c'è pochissima polvere. Impegnati a passare spesso l'aspirapolvere nelle zone più frequentate, in modo da ridurre la quantità di polvere nell'aria che può depositarsi sui quadri vicini.[15]
    • È più probabile che i quadri catturino la polvere quando sono affissi in alto sulle pareti.[16]
    • Se sei costretto a conservare i dipinti in soffitta, in cantina o nel garage, proteggili con carta da imballaggi, poi coprili con sacchetti di carta o plastica, in modo da impedire che la polvere si depositi su di essi.[17]
  3. 3
    Assicurati che il quadro non riceva troppa luce solare. L'esposizione prolungata ai raggi ultravioletti fa sbiadire quasi tutti i tipi di vernice. Per ritardare il deterioramento naturale, esponi i dipinti all'interno della casa, della tua attività o della tua galleria d'arte, lontani da finestre e altre aperture. Se possibile, evita di posizionarli direttamente alla luce del sole.[18]
    • Quando usi una fonte di luce per illuminare un quadro, assicurati che non sia così forte da far sbiadire i colori.[19]
    • Copri sempre i dipinti quando li trasporti, in modo da ridurre al minimo il tempo in cui sono esposti alla luce naturale intensa.
  4. 4
    Tieni i dipinti in acrilico in un ambiente secco e fresco. Le vernici acriliche possono ammorbidirsi se la temperatura è alta, diventando più vulnerabili ai danni. Cerca di mantenere la temperatura dell'ambiente mite (tra 20 e 27 °C), in modo che i colori non si surriscaldino. Dovresti anche fare attenzione ad appendere i quadri a distanza di sicurezza dalle cucine, dai bagni e dagli altri luoghi in cui l'aria è umida.[20]
    • Accendi periodicamente un deumidificatore nella stanza in cui conservi o esponi i tuoi quadri, in modo da mantenere ottimali le condizioni ambientali.
    • L'umidità troppo alta può anche provocare la formazione di muffe e funghi.[21]
  5. 5
    Non maneggiare direttamente la vernice. Salvo il pennello o il panno, non lasciare entrare nulla in contatto con la superficie di un quadro acrilico. In caso contrario, potresti provocare sbavature e macchie, oltre a danni più gravi come rotture e scheggiature. Questo può rovinare l'aspetto di un dipinto e il suo valore monetario.[22]
    Pubblicità

Consigli

  • Prima di tentare di pulire un quadro, è saggio decidere che tipo di vernice usare per crearlo. Le varie pitture richiedono soluzioni detergenti diverse e spesso molto specifiche.
  • Potresti anche pensare di proteggere i tuoi quadri acrilici con una cornice protettiva di vetro. Molti restauratori e cornicerie possono farlo per te. Le cornici possono essere rimosse e sono meno pericolose di una mano di rivestimento trasparente.
  • Che tu ci creda o meno, la saliva viene consigliata spesso come detergente sicuro ed efficace. La saliva umana è leggermente acida e può rimuovere la polvere intrappolata senza danneggiare la vernice sottostante.
  • Tieni i quadri lontani dalla portata dei bambini, degli animali e lontani dalle zone in cui sono probabili gli incidenti.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non conservare e non esporre mai le opere d'arte all'aperto. La polvere, l'umidità, il calore e la luce sono abbondanti all'aria aperta e possono rovinare irrimediabilmente un dipinto.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Pennello a setole morbide
  • Acqua tiepida
  • Sapone liquido per piatti delicato
  • Panno morbido o spugna
  • Lacca
  • Aspirapolvere (facoltativo)
  • Carta da imballaggi, sacchetti di carta o plastica (per la conservazione)

wikiHow Correlati

Informazioni su questo wikiHow

Kelly Medford
Co-redatto da:
Pittrice Professionista
Questo articolo è stato co-redatto da Kelly Medford. Kelly Medford è una pittrice americana che vive a Roma. Ha studiato pittura classica, disegno e stampa negli Stati Uniti e in Italia. Lavora impiegando principalmente la tecnica "en plein air" per le strade romane, inoltre viaggia su commissione per collezionisti privati internazionali. Nel 2012 ha fondato "Sketching Rome Tours", dove insegna a creare diari di viaggio dall'impronta artistica ai visitatori della capitale. Si è diplomata alla Florence Academy of Art. Questo articolo è stato visualizzato 9 026 volte
Categorie: Pittura
Questa pagina è stata letta 9 026 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità