Come Pulire una Lapide

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Se hai una persona cara che riposa al cimitero, vorrai probabilmente prenderti cura della lapide. Uno degli aspetti più importanti per garantirne il buono stato è assicurarsi che sia pulita; se noti delle tracce di sporco, devi seguire alcune procedure per riportarla allo stato originale; fai in modo di usare detergenti appropriati per il tipo di pietra che devi lavare.

Parte 1 di 3:
Definire un Piano per la Pulizia

  1. 1
    Verifica l'effettiva necessità di pulire la lapide. La prima cosa che dovresti fare è chiederti se è davvero necessario procedere. Molte persone confondono i segni dell'invecchiamento della pietra con la sporcizia o la polvere; ricorda che il marmo e gli altri materiali sbiadiscono naturalmente con il passare del tempo.[1]
    • Gli ambientalisti sconsigliano un programma di pulizia troppo aggressivo, dato che ogni prodotto pulente comporta dei potenziali rischi per la pietra, anche se sei estremamente delicato.
    • Evita di pulire la lapide con lo scopo di onorare il tuo caro; se non è necessario, dovresti trovare un altro modo per rendere omaggio al defunto.
    • Se la pietra si è sporcata di fango o altre sostanze, è ovviamente opportuno pulirla; ricorda però che quando inizi ti rendi poi conto che lo devi fare in maniera regolare.
  2. 2
    Acquista un detergente con tensioattivi non ionici. Le condizioni climatiche e il tempo possono rendere la lapide meno "immacolata" rispetto a quando era nuova; se ti accorgi che comincia a diventare sporca, devi dedicare del tempo a pulirla con cautela, assicurandoti di procurarti i prodotti corretti.[2]
    • Le sostanze chimiche aggressive possono danneggiare la pietra; scegli un sapone delicato e neutro.
    • Acquista un detersivo non ionico che puoi trovare presso i rivenditori di prodotti per la manutenzione e la pulizia.
    • Questo tipo di detergenti non contiene sali aggressivi che possono danneggiare la pietra tombale. Leggi con attenzione l'etichetta per assicurarti che sia privo di tali sostanze; se sei incerto, chiedi a un commesso di aiutarti.
  3. 3
    Raduna il necessario. Una volta procurato il prodotto detergente, puoi prendere anche gli altri oggetti che ti servono, come dell'acqua pulita; se nel cimitero c'è un rubinetto o un tubo da giardino che puoi utilizzare, porta con te un secchio in modo da riempirlo d'acqua.[3]
    • Se non sai con certezza se il cimitero mette a disposizione dell'acqua corrente, puoi acquistare dell'acqua distillata da portare con te; dovresti comunque portare anche il secchio in cui intingere gli strumenti per pulire la lapide.
    • Procurati inoltre un panno morbido e pulito, vanno bene anche dei vecchi asciugamani o magliette.
    • Acquista delle spugne; le migliori sono quelle naturali, dato che è poco probabile che possano rovinare la pietra.
    • Prendi delle spugne abrasive non metalliche e delle spazzole; scegline diversi tipi con vari gradi di durezza.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Pulire la Lapide

  1. 1
    Controlla la presenza di danni. Quando ti avvicini alla lapide, prenditi qualche minuto per esaminarla; cerca segni evidenti di usura, guardala sulla faccia anteriore, ai lati e sulla parte superiore.[4]
    • La presenza di crepe o schegge indica chiaramente che la pietra è rovinata.
    • Se noti delle parti rovinate, devi procedere con molta cautela nella pulizia, perché tali segni indicano che la pietra si è indebolita.
    • Non applicare pressione sulle zone più usurate; è meglio che rimanga un po' di sporco piuttosto che stressare la pietra.
  2. 2
    Pulisci una lapide di granito. Una volta ispezionata, puoi iniziare il processo vero e proprio di pulizia. Attieniti alle indicazioni descritte sulla confezione del detergente per quanto riguarda la modalità d'uso e il rapporto di diluizione con l'acqua.[5]
    • Intingi la spugna nel secchio d'acqua, quando è umida strofinala sulla superficie.
    • Dopo aver rimosso il primo strato di polvere o sporcizia, puoi usare le spazzole; bagnale e strofinale delicatamente su tutte le parti della lapide.
    • È meglio cominciare dalla base della pietra e spostarsi verso l'altro per evitare di lasciare delle striature.
  3. 3
    Rimuovi eventuali residui. In certi casi, si può notare la presenza di materiale vegetale che si è sviluppato sulla pietra; si tratta di un fenomeno del tutto normale, dato che la lapide è costantemente esposta agli agenti atmosferici. I licheni, in particolare, sono molto comuni.[6]
    • Si tratta di organismi viventi simili ai funghi e possono apparire di colori differenti, come grigio, verde e giallo.
    • Per eliminarli, puoi usare una miscela di ammoniaca; diluiscila con l'acqua in un rapporto 1:4.
    • Prendi una spugna pulita e strofina delicatamente la zona affetta dai microrganismi con questa miscela; al termine, risciacqua con acqua pulita.
  4. 4
    Pulisci una lapide di marmo. È importante che tu conosca il tipo di pietra che stai trattando, dato che i vari materiali richiedono procedure di pulizia differenti; il marmo in particolare è molto più delicato del granito.[7]
    • Bagnalo preventivamente con acqua pulita; se noti la presenza di muschi e licheni, raschiali via con una paletta di legno.
    • Applica un detergente non ionico. Usa lo stesso metodo descritto per la lapide di granito e ripeti la procedura circa una volta ogni 18 mesi; una pulizia più frequente potrebbe indebolire il marmo.
    • La roccia calcarea è molto usata per le lapidi; puliscila come faresti con il marmo.
  5. 5
    Usa le lumache. Quando si deve pulire una lapide, i metodi naturali sono spesso i migliori. Alcune persone hanno usato queste creature con successo, senza contare il fatto che è una soluzione rispettosa dell'ambiente.[8]
    • Le lumache si nutrono di parecchie sostanze vegetali che crescono sulle pietre tombali; ad esempio, mangiano le muffe, i funghi e i licheni.
    • Crea una piccola tenda sopra la lapide; usa un tessuto in polietilene e dei pezzi di legno per fissarlo a terra.
    • È probabile che nelle zone erbose adiacenti alle tombe ci siano parecchie lumache; raccoglile e mettile sotto la "tenda" che hai creato. Ricorda di forare il telo di polietilene per garantire un'adeguata ventilazione.
    • Controlla la situazione dopo alcune ore; se erano affamate, la lapide dovrebbe essere ben pulita.
  6. 6
    Consulta un esperto. Se hai qualsiasi dubbio in merito alle condizioni della pietra tombale, vale la pena parlare con un marmista che può dirti l'età approssimativa della lapide e riconoscerne il materiale.[9]
    • Contatta il custode del cimitero per chiedere se può consigliarti un esperto; gli ambientalisti hanno in genere molta conoscenza in merito.
    • Puoi anche rivolgerti al museo locale, in quanto il personale che ci lavora può indicarti un esperto in pietre; assicurati di chiedere quali sono i metodi di pulizia migliori e con quale frequenza dovresti procedere.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prendersi Cura della Tomba

  1. 1
    Scegli la pietra giusta. Quando devi seppellire una persona cara, ci sono molte decisioni da prendere; quella in merito alla lapide è piuttosto importante, prenditi quindi del tempo per trovare la migliore per la situazione.[10]
    • Per prima cosa, scegli il modello; puoi valutare una lapide verticale, piatta o a forma di obelisco.
    • Scegli il materiale; solitamente, le pietre tombali sono disponibili in marmo, granito e arenaria. Il granito è molto robusto e ha un ottimo rapporto qualità-prezzo.
    • Parla con l'addetto del cimitero. Prendi visione del regolamento in merito alle dimensioni e al tipo di lapide prima di fare degli acquisti; potrebbero esserci delle linee guida che devi rispettare.
  2. 2
    Annota le pulizie. Le pietre tombali non richiedono un lavaggio frequente; sebbene possa sembrare naturale prendersene cura spesso, resisti alla tentazione. È sufficiente un trattamento ogni 18-24 mesi; in certi casi, puoi anche aspettare molto di più.[11]
    • Annota la data in cui pulisci la pietra, in modo da evitare di lavarla troppo spesso.
    • Parla con l'addetto del cimitero in merito al piano di manutenzione; a volte, è previsto un servizio di pulizia che si prendere cura della lapide al posto tuo.
  3. 3
    Decora la tomba. Oltre a mantenere la lapide in perfette condizioni, ci sono altri modi per onorare la memoria del defunto; valuta di decorarla con qualcosa che ti aiuti a sentirti in contatto con chi non c'è più.[12]
    • Puoi lasciare dei fiori vicino alla lapide, soprattutto in occasione delle festività, degli anniversari o dei compleanni.
    • Puoi lasciare una piccola reliquia sulla tomba, ad esempio una palla da baseball per un amante dello sport.
    • Chiedi il regolamento al custode del cimitero, alcuni materiali potrebbero non essere concessi.
    Pubblicità

Consigli

  • Non usare mai una spazzola di metallo.
  • Non usare mai i detergenti commerciali per uso domestico, sono troppo aggressivi sulla pietra naturale.

Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Pulizia
Questa pagina è stata letta 14 734 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità