Come Realizzare degli Oggetti in Ceramica

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

In questo Articolo:Le BasiTornireCreare a ManoSmaltaturaRiferimenti

Realizzare oggetti in ceramica è semplice! Quando avrai appreso le basi potrai cominciare a creare i tuoi pezzi in tempo zero. Potrebbe sembrare un procedimento complicato, ma quando sarai in cima alla curva d'apprendimento, potrai realizzare dei veri capolavori. Ecco tutto quello che devi sapere per cominciare.

1
Le Basi

  1. 1
    Scegli un metodo. Questa scelta iniziale è molto importante perché determinerà il tipo di argilla che lavorerai. Non escludere subito quelle che richiedono una fornace: puoi comprarne una per uso domestico se vuoi continuare con questo hobby. Ecco il riassunto dei metodi e dei tipi di argilla usati:
    • Argilla cotta al forno, asciugata all'aria o argilla polimerica. Gli oggetti realizzati con questa tecnica non richiedono l'uso di una fornace, dato che possono essere asciugati all'aria o cotti in un forno normale. Considerate le spese, solitamente vengono realizzati oggetti piccoli come gioielli o elementi decorativi. Le argille da forno e da asciugare all'aria hanno un aspetto simile all'argilla normale. L'argilla polimerica è disponibile in vari colori brillanti (un po' come la plastilina) e può essere modellata in varie forme, con risultati finali simili alla plastica.
    • Prodotti a mano con argilla normale. Per quel che riguarda gli oggetti in ceramica realizzati a mano le possibilità sono sconfinate. Anche se è necessaria la fornace, l'investimento richiesto è abbordabile dato che l'argilla costa circa 5-10 euro per un sacco da 10 chili. Per il resto, non serve che un mattarello, fogli di giornale e un panno, più altri oggetti che sono generalmente presenti in casa. Con un libro sul modellato, praticamente ogni persona dovrebbe essere in grado di realizzare dei propri oggetti a mano.
    • Modellato su tornio con argilla normale. Anche in questo caso serve una fornace e, quando sarai in grado di lavorare velocemente con il tornio, ne vorrai sicuramente una bella grossa, dato che produrrai oggetti a un ritmo rapidissimo. Puoi imparare a modellarla leggendo libri o guardando video illustrativi, ma è molto difficile. La maggior parte delle persone senza esperienza compra un tornio, si deprime per i risultati scadenti e molla tutto. Invece, se sei paziente, migliorerai pian piano, anche senza cuocere nulla (una fornace professionale è costosa... ma magari ce n'è una disponibile nei paraggi?); piuttosto, allenati riciclando la stessa argilla. All'inizio c'è la tentazione di cuocere le prime creazioni, più che altro per una questione di orgoglio, ma dopo poco comincerai a odiarle! Quindi non cuocere nulla all'inizio potrebbe essere un'ottima strategia.[1]
  2. 2
    Scegli l'argilla. Ora che sai quale metodo utilizzerai puoi scegliere l'argilla. La maggior parte di esse richiede l'uso di una fornace, ma alcuni marche potranno essere cotte nel forno elettrico di casa. Se vuoi semplicemente giochicchiare con dell'argilla umida, non preoccuparti troppo della cottura. Una regola di base: l'argilla umida e quella secca non vanno d'accordo, perciò ricordati di usare argilla della stessa consistenza.
    • Se vuoi cuocere l'argilla scegli tra fuoco alto o basso.
      • Il secondo tipo solitamente va bene per ottenere colori scintillanti e decorazioni dettagliate. La finitura lucida solitamente è molto stabile a quella temperatura, i colori rimangono luminosi e non cambiano durante la cottura. Lo svantaggio è che i pezzi non sono completamente vetrificati (cioè l'argilla non è completamente fusa), quindi sarà solo la finitura esterna a garantire l'impermeabilità. Di conseguenza potrai realizzare oggetti poco adatti all'uso in cucina o per contenere liquidi. Probabilmente la finitura lucida salterà via o si scheggerà perché non ha "interagito" con l'argilla più in basso come nella preparazione a fuoco forte. Comunque, se usi l'argilla e la finitura giusta, potresti avere un risultato piuttosto resistente. I prodotti di questa preparazione sono chiamati terracotta.
      • Le preparazioni a fuoco medio e alto usano argille per le porcellane. Si possono avere dei colori lucenti anche con fornaci a ossidazione (elettriche), meno con quelle a riduzione (a gas). Il risultato è molto resistente, perché la cottura ad alte temperature rende l'argilla impermeabile, può quindi essere usato in cucina e in forno. La porcellana può essere realizzata anche con strati molto sottili senza che perda la sua resistenza. Le finiture a queste temperature interagiscono con il corpo in argilla, dando un risultato a chiazze apprezzato da molti per la sua unicità. Solitamente la finitura "si muove" un po', quindi i dettagli potrebbero risultare mossi.[1]
  3. 3
    Prepara l'area di lavoro. Lavorando l'argilla si fa sempre un pasticcio, specialmente se ci sono di mezzo dei bambini. Copri ogni zona che non vuoi macchiare, posando della tela cerata o dei fogli di giornale, oppure lavora in una stanza che puoi lasciare in disordine, come il garage.
    • Non indossare mai abiti che non vuoi sporcare o macchiare. Se hai i capelli lunghi, legali. Avrai meno problemi durante la preparazione e non ti finiranno negli occhi.

2
Tornire

  1. 1
    Prepara l'argilla. Le bolle d'aria possono rovinare un oggetto perfetto, quindi falle uscire prima di cominciare a lavorare. Impasta o taglia piccole quantità: cerca di cominciare con un pezzo grosso come i tuoi pugni.
    • Impasta l'argilla come faresti col pane, andando a formare una palla, e sbattila su un pezzo di gesso (ottimo per assorbire l'umidità). Continua a farlo finché non saranno uscite tutte le bollicine d'aria. Se non sei sicuro, taglia la palla a metà con un filo e controlla l'interno.
  2. 2
    Accendi il tornio. Getta l'argilla sul centro con un po' di forza. Dato che sei all'inizio, comincia con una bella manata di argilla. Bagnati le mani in una scodellina piena d'acqua (da tenere a portata) e comincia a modellare l'argilla.
    • Comincia a dare alla pallina una forma a cono. Tienila fra i palmi delle mani e comincia a schiacciarla verso l'alto.
      • Controlla che i gomiti siano a contatto con l'interno coscia o sulle ginocchia (come ti trovi più comodo). Questo ti aiuterà a tenere le mani salde.
  3. 3
    Sposta l'argilla al centro. Questo è un metodo che prevede la rotazione finché non è perfettamente liscia senza bozzi o solchi. Quando hai ottenuto un cono sei pronto per procedere.
    • Spingi la torre verso il basso usando una mano e tenendola stabile con l'altra. Se sei destrimano, spingila giù con la destra. La maggior parte della pressione dovrebbe arrivare dall'alto.
    • Quando l'argilla è più larga alla base, comincia ad applicare una leggera pressione sui lati, cercando di renderli omogenei. Un po' di argilla potrebbe essersi accumulata sulla mano sinistra. Non preoccuparti, è normale, mettila da parte e continua.
  4. 4
    Modella la forma desiderata. Le istruzioni specifiche finiscono qui, perché ogni pezzo (scodella, vaso, ecc.) verrà formato con un metodo differente. Indipendentemente dalla forma scelta, ricorda di fare movimenti fluidi ma lenti, lasciando che il tornio faccia 5 giri prima di finire ogni movimento. Controlla che l'argilla venga lavorata allo stesso modo a 360°. Togli l'eventuale acqua in eccesso con una spugna.
    • Quando hai finito, pulisci il tuo pezzo con un coltello di legno e rendi liscia la superficie con un raschino.
      • Nota: se fai un disastro e l'argilla è tutta storta, probabilmente non potrai rimodellarla dall'inizio, dato che l'argilla non si resetta e non può essere rimodellata come nuova.

3
Creare a Mano

  1. 1
    Controlla che nell'argilla non ci siano bolle d'aria. Se ci sono, l'oggetto probabilmente esploderà durante la cottura. Come precisato nella sezione della tornitura, sbatti l'argilla sul gesso e impastala come se fosse una pagnotta.
    • Se vuoi controllare l'interno per essere sicuro, prendi un filo e tagliala a metà. Se ci sono ancora delle bolle continua a sbatterla.
  2. 2
    Pizzica, arrotola o affettala. Quando lavori a mano, solitamente ci sono tre metodi che puoi seguire. Ognuno di essi porta a un risultato molto diverso: per esempio, le fette vanno meglio per i pezzi più grossi.
    • Il vaso pizzicato: comincia a fare un vaso col primo metodo, formando una sfera che stia nella tua mano. Questo metodo è simile a quello usato dai Nativi Americani per fare i vasi. Mentre tieni la sfera d'argilla, premi il pollice sul centro della sfera, a metà altezza dalla base. Mentre giri la sfera in una mano, schiaccia uniformemente le pareti verso l'esterno con il pollice all'interno e con le altre dita all'esterno. Liscia la superficie con una spugna bagnata.
    • Il metodo dell'arrotolamento: puoi utilizzare dei rotoli di argilla per creare scodelle, vasi e altre forme strane. Tenendo le dita piatte, modella l'argilla andando a formare un salame, e dopo arrotolalo in cordoni spessi 1 e 2cm. Fai un piatto piano con il metodo del pizzicotto e giralo per usarlo come base. Metti il rotolo sui bordi della base. Bagnati le dita e attaccalo all'altro rotolo, applicando una leggera pressione. Continua ad aggiungere i cordoni, pressandoli con le dita o con un attrezzo specifico sull'interno e sull'esterno per creare una struttura particolare.
    • Il metodo a fette: metti due strisce di legno o di tela a una distanza leggermente superiore alla larghezza delle fette. Lavorando su un tessuto ruvido avrai una finitura molto particolare. Metti l'argilla sul panno fra le strisce di legno e falla rotolare. Usa un attrezzo a punta per rifinire il pezzo fino alle dimensioni desiderate. Puoi realizzare dei modelli di carta per aiutarti. Strofina un dito bagnato sui bordi da unire e intagliali con un attrezzino. Arrotola un salamino di argilla appiccicosa e mettilo lungo un bordo. Schiaccia i due bordi insieme. Le fette di argilla possono essere messe su rocce, scodelle o forme di plastica per creare forme interessanti. Quando l'argilla si asciuga, si stacca dal modello ma tiene la sua forma.[2]
      • Se è un pezzo di dimensioni medie-grandi, fallo cavo: l'argilla ci mette un sacco asciugare e se la cuoci, molte volte esploderà.

4
Smaltatura

  1. 1
    Cuoci l'argilla almeno una volta. Dopo questa operazione può essere smaltata! Se non hai una fornace rivolgiti a un professionista e lascia fare a lui. Se ne hai una e sai usarla procedi al passaggio successivo.
    • Argille differenti reagiscono in maniera differente al calore. Leggi le istruzioni presenti sul pacchetto di argilla e fai delle ricerche online. Tieni in considerazione anche le dimensioni del tuo oggetto.
  2. 2
    Scegli lo smalto. Come per ogni altro passaggio ci sono varie opzioni. Ogni smaltatura darà una finitura leggermente diversa.
    • Smalto Liquido: puoi comprare smalti e sottosmalti in forma liquida nei negozi specializzati e applicarli con un pennello. Alcuni tipi di smalto sono difficili da stendere uniformemente: come risultato avrai i segni dei crini del pennello. Altre si scioglieranno abbastanza per cancellare questi segni.
    • Asciutto: puoi anche acquistare dello smalto asciutto, che è ideato per immergere, versare o spruzzare. Oltre a un pennello, ti servirà un secchio, dell'acqua, qualcosa per girarlo e una maschera per evitare di respirarlo. Il vantaggio di immergerlo è che la finitura sarà più regolare e puoi realizzare effetti impensabili con un solo pennello, come una doppia immersione per avere diversi colori sullo stesso pezzo. Di solito solo i professionisti spruzzano lo smalto dato che è richiesta una buona ventilazione e tutta l'attrezzatura relativa.
    • Fai da te: questa è la forma di smaltatura più avanzata. Usando delle ricette specifiche, puoi comprare i materiali grezzi e mischiarli: puoi trovare queste ricette su libri o siti specializzati. Ti serviranno gli ingredienti che formano lo smalto, una bilancia, un setaccio e lo spirito giusto per la sperimentazione. Alle volte lo smalto non verrà fuori come sperato, dovrai imparare a modificare la ricetta per avere il risultato desiderato.[1]
  3. 3
    Scegli il tuo metodo. Come puoi ben immaginare ci sono diversi metodi per smaltare il tuo prodotto. Ecco un elenco completo dei metodi per tirare fuori i colori della tua arte:
    • Immergere: se hai un mucchio di oggetti da smaltare, questo sarà il metodo più rapido. Non devi far altro che immergere il prodotto nello smalto (che dovrebbe avere una consistenza cremosa) per circa tre secondi e metterlo da parte. La smaltatura verrà sicuramente uniforme.
    • Versare: se vuoi smaltare l'interno, versa lo smalto dentro al vaso, lasciandolo dentro per tre secondi per poi riversarlo dentro al secchio. Se hai paura di esagerare ci sono molti metodi per liberarsi del liquido in eccesso.
      • Versare è un metodo adatto anche alla smaltatura esterna. Spesso viene usato un secondo strato più sottile. I due strati poi interagiscono dando risultati colorati ed estremamente profondi.
    • Spennellare: se hai comprato dello smalto pronto all'uso, probabilmente dovrai applicarlo con un pennello. Se lo smalto è spesso puoi cominciare, dato che la sua consistenza è ideata per eliminare i segni del pennello. Se questi segni ti piacciono diluisci lo smalto. Usa un pennello sintetico.
      • Se vuoi una superficie regolare e opaca, usa un pennello grosso e applica il numero consigliato di mani più un'altra. Metti il pezzo sul tornio e fallo girare lentamente mentre stendi lo smalto per una superficie particolarmente regolare.
    • Spugnare: per questo metodo, immergi il vaso in uno strato di smalto che ti piacerebbe come sfondo. Dopo usa una spugna marina naturale immersa in uno smalto di un altro colore per creare il disegno desiderato. Le spugne comprate in un negozio specializzato, di varie forme, possono essere utilizzate per effetti strani. Se hai tempo, sperimenta mischiando varie forme e colori per vedere quale effetto combinato ti piace di più.
    • Incidere: per questo ti serviranno almeno due smalti, preferibilmente dei modelli che hai già cotto e che danno un bel risultato se messi uno sull'altro. Comincia immergendo il vaso nello smalto più chiaro dei due e mettilo ad asciugare. Reimmergilo questa volta nello smalto più scuro. Dopo che è asciugato, prendi un attrezzino a fiocco e disegna un motivo sullo strato superiore dello smalto, mettendo alla luce quello inferiore. Con pratica e abilità puoi realizzare disegni molto complessi. Dopo la cottura, i motivi avranno il colore del primo smalto, circondati da uno sfondo dei due colori combinati.
    • Stampare: prendi della spugna da fiorista (quella roba verde su cui inseriscono i fiori). Disegna un motivo sulla superficie della spugna. Incidi la traccia con l'attrezzino a fiocco, immergila nello smalto e usala per decorare grossi oggetti piatti.
    • Stampa a riserva: immergi il vaso in uno smalto leggero; dipingi il disegno con l'ossido di cobalto (blu) o con l'ossido di ferro (marrone), poi ricopri la superficie con una cera specifica per la stampa a riserva. Quando la cera si è asciugata, immergi il vaso in un secondo colore. Se ricopri di cera anche la parte bianca, otterrai tre smalti di colore diverso (bianco, cobalto e quello finale). Puoi aggiungere dettagli ulteriori intagliando un disegno nel secondo strato di smalto.
    • Nastrare: per delle linee sottili, arricciate, con bordi e angoli acuti, usa del nastro invece che la cera per realizzare il tuo motivo. Puoi farlo smaltando tutto il vaso, lasciandolo asciugare e mettendo il nastro adesivo nella forma voluta. Reimmergi il vaso, lascialo asciugare e togli il nastro per far spuntare lo smalto inferiore.[3]
      • Fai attenzione alla temperatura di cottura sulle bottiglie di smalto. Se è uno smalto a fuoco alto e hai usato un'argilla per fuoco basso, il tuo pezzo si scioglierà al calore della fornace.

Consigli

  • Controlla che l'argilla sia totalmente asciutta prima di cuocerla, perché potrebbe rompersi o esplodere se così non fosse.
  • Se lavori su un pezzo per qualche giorno, tienilo coperto con della plastica di notte, per non farlo asciugare troppo velocemente.
  • Quando fai delle incisioni nell'argilla, aspetta che abbia raggiunto la consistenza del cuoio. Inoltre, non scolpirla lasciando segni profondi e sottili.
  • L'argilla perdona, ma si stanca e perde di elasticità se sta troppo a contatto con l'acqua o viene manipolata troppo.
  • Sarebbe il massimo se trovassi qualcuno che ne sappia abbastanza per insegnarti. Si tratta di un hobby molto pratico e avere qualcuno che ti faccia crescere facendoti vedere come procedere può fare molta differenza. Questa guida è stata scritta per darti degli spunti e delle informazioni teoriche, ma solo con la pratica riuscirai a capire come muovere le mani.
  • Un modo semplice per creare animaletti è partire da palline e poi attaccarle insieme, andando a togliere i pezzi in eccesso.

Avvertenze

  • Non respirare l'argilla in polvere. Indossa l'attrezzatura protettiva.
  • L'argilla trattiene il caldo ed il freddo: non bruciarti.
  • Alcuni smalti contengono piombo. Sono meravigliosi ma non berli o ingerirli.
  • Gli attrezzi sono affilati! Fai attenzione.

Cose che ti Serviranno

  • Argilla
  • Scodella d'acqua calda
  • Filo per tagliare l'argilla
  • Raschino in legno o metallo
  • Taglierina
  • Attrezzino ad ago
  • Coltello di legno
  • Bilancia
  • Tornio (eventuale)
  • Gesso (eventuale
  • Smalto

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Decorazioni

In altre lingue:

English: Make Ceramics, Português: Ser um Ceramista, 中文: 制作陶瓷, Español: hacer artículos de cerámica, Русский: делать керамику, Français: faire de la céramique, Deutsch: Keramiken herstellen, 日本語: 陶芸を楽しむ

Questa pagina è stata letta 78 894 volte.
Hai trovato utile questo articolo?