Scarica PDF Scarica PDF

Gatti e gattini sanno essere adorabili, ma con la loro natura curiosa (e i loro artigli) sono anche una potenziale minaccia per vestiti, mobili e lenzuola. Se vivi in un appartamento, puoi fare diverse cose per renderlo a prova di gatto ed evitare che il nuovo arrivato distrugga tutto quello che possiedi. È inoltre importante rimuovere qualunque cosa possa mettere a repentaglio la salute o la vita dell'animale.

Parte 1 di 3:
Controllare l'Appartamento e Cambiare Abitudini

  1. 1
    Controlla le finestre. Fai attenzione quando le apri, perché il gatto potrebbe uscire e anche ferirsi gravemente, se dovesse cadere da un secondo o un terzo piano; se hai le zanzariere, assicurati che non cedano facilmente, in particolare se sono del tipo che può aprirsi di scatto.
    • Cerca di tenere le finestre solo socchiuse oppure installa delle zanzariere sicure.
  2. 2
    Controlla sempre lavatrice e asciugatrice. I gatti sono attratti dai posti caldi, quindi assicurati di chiudere questi elettrodomestici una volta terminato di usarli, in modo che il micio non si infili all'interno rischiando di rimanere intrappolato. Inoltre, guarda sempre dentro prima di avviarli.[1]
  3. 3
    Copri i bidoni dell'immondizia. Il gatto potrebbe voler esplorare la spazzatura, tirando fuori cose poco gradevoli che possono fargli male o rovesciando l'intero contenuto. Potrebbe anche ferirsi con superfici taglienti. La cosa migliore è usare sempre un coperchio e optare per un bidone di plastica anziché di metallo, in modo che non vi siano bordi affilati.[2]
  4. 4
    Abbassa la tavoletta del water. I gattini possono affogare anche in piccole quantità d'acqua, inclusa quella del water, mentre un gatto più grande potrebbe volerla bere, il che non sarebbe molto salutare. Tieni quindi la tavoletta abbassata quando non usi il bagno.[3]
  5. 5
    Controlla i mobili. Se per esempio hai una poltrona reclinabile o con un poggiapiedi regolabile, assicurati sempre che il micio non vi si sia rintanato sotto prima di manovrarla. I gatti amano infilarsi in spazi molto stretti, quindi stai attento a non intrappolarlo![4]
  6. 6
    Non lasciare incustodite le candele. Passandoci accanto il gatto potrebbe bruciarsi; rimani sempre nelle vicinanze quando ne accendi una.
  7. 7
    Rispetta le norme sulla detenzione di animali domestici e il regolamento condominiale. Esegui le dovute vaccinazioni, presta attenzione all'igiene e vigila sull'animale affinché non causi danni, in particolare negli spazi comuni, sia per tutelare il gatto sia per rispettare i vicini. Tieni inoltre presente che sebbene un condominio non possa vietare agli inquilini di tenere animali domestici, nel caso di un contratto di locazione il proprietario può decidere di non ammetterli in casa; se hai preso o stai per prendere un appartamento in affitto, assicurati di conoscere le regole in merito a questo punto.[5]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Rimuovere i Pericoli

  1. 1
    Controlla se hai piante velenose in casa. Molte piante sono tossiche per i gatti – alcune solo lievemente, altre in modo potenzialmente letale. Verifica che nessuna pianta nell'appartamento sia pericolosa per il tuo animale. Se qualcuna lo è, portala via o, se proprio devi tenerla, mettila in una stanza dove il gatto non può entrare.[6]
    • Tra le piante tossiche più comuni ci sono l'aloe, l'intera famiglia delle gigliacee, diverse specie di felci, il ciclamino e molti tipi di edera.[7]
    • Esempi di piante che invece non sono velenose per i gatti sono l'orchidea, la violetta africana e il bambù.[8]
  2. 2
    Tieni gli alimenti nocivi per il gatto fuori dalla sua portata. Non devi mai lasciare caffè, alcolici, cioccolato, uva o uva passa in punti raggiungibili dal gatto. Altre cose che possono fargli male e che non deve avere l'occasione di assaggiare sono il lievito, le noci di macadamia, le cipolle, l'aglio, l'erba cipollina e lo xilitolo. Inoltre non dovresti dargli il latte, nonostante una credenza comune lo consideri uno dei suoi cibi preferiti, perché il lattosio può causargli problemi all'apparato digerente. Infine, evita di dargli alimenti con troppo sale, perché potrebbe non riuscire a metabolizzarlo bene.[9]
    • Tieni presente che questo elenco non è completo: controlla sempre se un alimento è sicuro per il tuo gatto consultando siti web affidabili o chiedendo al veterinario.
  3. 3
    Lega o nascondi i fili. I gatti sono particolarmente attratti dalle cordicelle, come quelle usate per aprire e chiudere le veneziane; per loro sono come dei giocattoli. Il problema è che il gatto può rimanere impigliato o persino strozzarsi. Anche i fili degli apparecchi elettronici attirano la sua attenzione e sono ovviamente molto pericolosi se vengono masticati. Nascondili o legali in alto quando possibile.
    • Non dimenticare di nascondere anche fili interdentali, gomitoli e altri articoli simili. Puoi sicuramente usarli per giocare con il gatto, ma non devi lasciarglieli senza la tua supervisione, perché potrebbe inghiottirli e stare male di stomaco.[10]
    • Se non puoi tenere i fili fuori dalla sua portata, una soluzione alternativa è renderli poco allettanti applicando uno spray dissuasore con un sapore sgradevole per lui.
  4. 4
    Nascondi i prodotti chimici. I detersivi e altri prodotti per la casa sono spesso tossici per i gatti, e la curiosità del tuo micio potrebbe spingerlo a cercare di aprire qualche confezione se dovesse trovarsela davanti. Assicurati quindi di riporli in mobiletti inaccessibili per lui.[11]
  5. 5
    Nascondi i medicinali. I farmaci sono ovviamente altre sostanze pericolose; anche quando si tratta di una medicina specifica per il gatto, una dose eccessiva o un'assunzione non necessaria può causare gravi effetti collaterali. A volte i gatti vedono le confezioni come qualcosa con cui giocare e rischiano di aprirle a furia di zampate. Tienile in un armadietto apposito o in un contenitore con un'apertura a prova di gatto.[12]
  6. 6
    Metti via altri prodotti tossici. Ci sono diversi articoli di uso comune potenzialmente pericolosi per i gatti a cui potresti non pensare, come la naftalina, le salviette ammorbidenti per il bucato, le sigarette e le batterie. Assicurati di tenere tutti questi oggetti fuori dalla portata del micio.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Proteggere le proprie Cose e l'Appartamento

  1. 1
    Compra un tiragraffi. Se vuoi proteggere l'arredamento dalle unghie del tuo compagno felino, devi fornire al gatto qualcosa da graffiare che non sia il tappeto nuovo. Puoi trovare tiragraffi a buon mercato in qualsiasi negozio di animali; alcuni sono fatti di semplice cartone.[13]
  2. 2
    Proteggi gli oggetti fragili. Se possiedi soprammobili che possono rompersi facilmente, è meglio nasconderli, anche se sembrano essere fuori portata. I gatti sono animali molto curiosi che riescono a salire nei posti più impensabili, facendo cadere di tutto. Il rischio non è solo quello di perdere oggetti per te preziosi, ma anche che il micio si faccia male.[14]
  3. 3
    Spuntagli regolarmente le unghie. In questo modo proteggerai sia l'arredamento sia il gatto stesso, dato che gli artigli troppo lunghi possono causargli dei problemi.[15]
    • Non è necessario usare uno strumento speciale: il classico tagliaunghie è una buona opzione, purché sia ben affilato; ma se preferisci puoi comprarne uno specifico per gatti. Tieni a portata di mano un po' di amido di mais, polvere antiemorragica o una saponetta nel caso la zampa dovesse sanguinare (basta applicarli sull'area). Ad ogni modo, di norma non si verifica alcuna emorragia se la procedura viene eseguita nel modo corretto. Tieni il gatto sotto un braccio, prendi delicatamente una zampa e premi sui cuscinetti in modo da estrarre le unghie. Taglia solo la punta, evitando la parte rosa, che è una zona sensibile con terminazioni nervose. Potrebbero essere necessarie diverse sessioni per tagliare tutte le unghie.[16]
    • Ricorda che non puoi far rimuovere chirurgicamente gli artigli. La "deungulazione" del gatto, ossia l'asportazione totale e definitiva delle unghie, è una pratica ormai vietata in Italia e in molti altri Paesi. Un tale intervento, oltre a essere molto doloroso, può causare gravi problemi di salute e di comportamento.[17]
  4. 4
    Copri i mobili. I gatti perdono pelo: è un dato di fatto. Non potrai impedire al micio di lasciare peli in giro, ma puoi sempre coprire i mobili con dei rivestimenti protettivi. Magari non saranno il massimo dal punto di vista estetico, ma puoi toglierli quando hai ospiti e lavarli periodicamente.[18]
    Pubblicità

Consigli

  • Oltre a seguire i passaggi descritti in questo articolo, consulta il veterinario o un negozio di articoli per animali per ricevere consigli su ulteriori prodotti che contribuiscano a rendere il tuo appartamento a prova di gatto.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Capire se il tuo Gatto ha i VermiCapire se il tuo Gatto ha i Vermi
Determinare il Sesso di un GattinoDeterminare il Sesso di un Gattino
Tenere Lontani i GattiTenere Lontani i Gatti
Sapere se il vostro Gatto non sta BeneSapere se il vostro Gatto non sta Bene
Preparare in Casa un Repellente Per GattiPreparare in Casa un Repellente Per Gatti
Separare i Gattini dalla Madre per darli in AdozioneSeparare i Gattini dalla Madre per darli in Adozione
Evitare che il Gatto usi il Giardino come LettieraEvitare che il Gatto usi il Giardino come Lettiera
Stabilire l'Età di un GattoStabilire l'Età di un Gatto
Capire se una Gatta è IncintaCapire se una Gatta è Incinta
Trattare una Puntura d'Ape in un GattoTrattare una Puntura d'Ape in un Gatto
Viaggiare con un GattoViaggiare con un Gatto
Comunicare con il vostro GattoComunicare con il vostro Gatto
Fare Andare di Corpo un GattinoFare Andare di Corpo un Gattino
Trovare un Gatto SmarritoTrovare un Gatto Smarrito
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 7 392 volte
Categorie: Gatti
Questa pagina è stata letta 7 392 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità