Come Restare Positivo in una Situazione di Lavoro Negativa

Scritto in collaborazione con: Melody Godfred, JD

Tutti nel corso della vita incontriamo situazioni negative, al lavoro o in altri contesti. Tuttavia, quelle che si verificano in ambito professionale possono essere particolarmente preoccupanti, perché l'attività lavorativa scandisce le nostre giornate e determina la stabilità della nostra vita quotidiana. Se hai difficoltà a orientarti quando i rapporti di lavoro diventano tesi, esistono alcune soluzioni che puoi adottare per conservare un atteggiamento positivo, a prescindere dai conflitti che devi affrontare.

Parte 1 di 3:
Controllare la Tua Reazione Interiore

  1. 1
    Stai calmo. Quando sei costretto ad affrontare uno scontro sul posto di lavoro, che riguardi te personalmente, un collega o il tuo staff, è essenziale mantenere la calma. In questo modo riuscirai a valutare la situazione e prendere le decisioni più sagge possibili.
    • Quando sei sotto pressione, ricorri immediatamente a qualsiasi tecnica in grado di distenderti: potresti respirare profondamente o contare fino a dieci. Se non ti affidi a nessun metodo di rilassamento, imparane uno.[1]
    • Prova ad allontanarti invece di parlare.
    • Una volta che sarai andato via, utilizza i cinque sensi per calmarti.[2] Ad esempio, potresti rilassarti con l'aromaterapia tenendo sulla scrivania una candela o un flacone di olio essenziale.
  2. 2
    Accetta la situazione. Se ti opponi a una situazione negativa che si è venuta a delineare sul posto di lavoro, rischi di sentirti ancora più combattuto. È molto probabile che questo tipo di resistenza ti costringerà a reagire in modo negativo, esacerbando il conflitto in atto. Al contrario, accetta quello che ti sta accadendo.[3]
    • Se al lavoro si è verificato un episodio increscioso, accettando l'accaduto, riuscirai ad affrontare il problema e a risolverlo invece di tirarlo per le lunghe col rischio che diventi una seccatura.[4]
  3. 3
    Ricorda le cose in cui sei bravo. Durante un aspro confronto sicuramente ti sentirai molto combattuto. Questa sensazione può metterti sulla difensiva, portandoti a reagire in malo modo. Concentrati sulle cose in cui hai dimostrato la tua bravura finché lo scontro non si è concluso.
    • Pensa a un progetto che recentemente hai portato avanti e grazie al quale hai ricevuto molte lodi.
    • Pensa a tutti i corsi che hai seguito o alle esperienze che hai inserito all'interno del tuo curriculum che ti rendono idoneo per la posizione che occupi.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Reagire Esternamente in Modo Positivo

  1. 1
    Evita di reagire male. Sii gentile invece di comportarti come chi ti ha provocato. Se qualcuno è aggressivo, è meglio stemperare la tensione agendo passivamente.[5]
    • Resisti alla tentazione di contrattaccare. Se sul momento assumi un atteggiamento di difesa, la situazione rischia di degenerare rapidamente.
    • Prova a dire qualcosa per evitare lo scontro. Per esempio, potresti dichiarare: "Non mi ero accorto di questo errore" oppure "Mi scuso per la confusione che ho causato".
  2. 2
    Evita di farti trascinare in un'accesa discussione. Non lasciarti coinvolgere da chi ti attacca con un'accusa. Se resti calmo e tranquillo, scusandoti anche quando non credi sia colpa tua, potrai scampare il pericolo di un aperto dissidio. Se non hai commesso nulla di sbagliato, potrai affrontare la realtà una volta che sarà passata l'agitazione del momento.
    • Che tu venga coinvolto direttamente in uno scontro o che si tratti di qualcun altro, potrai riportare un po' di serenità offrendo un punto di vista imparziale.[6]
    • Imparzialità vuol dire non prendere le parti di nessuno. Piuttosto, considera che, fino a prova contraria, entrambe le parti possono avere ragione e che nessuna delle due è senza colpa.
  3. 3
    Parla lentamente. In questo modo avrai il tempo di pensare a quello che devi dire e darai l'impressione di essere padrone di te stesso.[7] Parlando lentamente, sembrerai anche abbastanza preciso e determinato e, al tempo stesso, rafforzerai la tua parvenza di sicurezza.
    • Se durante un attacco personale ti mostri sicuro di te, senza essere arrogante, impedirai a chi ti accusa di calcare la mano.
  4. 4
    Resta umile e trasparente. Se un collega o un tuo responsabile ti accusa di aver commesso un errore, ammetti immediatamente le tue responsabilità. Un atteggiamento umile può smorzare rapidamente una situazione esplosiva.
    • Se ritieni di non aver fatto nulla di male, non comportarti in modo arrogante e non metterti sulla difensiva. Resta aperto all'eventualità di aver commesso l'errore di cui vieni accusato e offriti di scoprirne la causa.
    • Per reagire con umiltà, potresti lasciare l'ultima parola al tuo responsabile o ammettere di non aver saputo portare a termine il tuo lavoro come pensavi.
  5. 5
    Ammetti la tua parte di responsabilità. Se ti trovi in una situazione negativa alla quale anche tu hai contribuito (intenzionalmente o no), ammetti i tuoi errori. Come è stato detto precedentemente, l'umiltà può smorzare rapidamente una situazione esplosiva.
    • Se riconosci i tuoi errori, anche l'altra parte sarà più disposta a concordare una soluzione pacifica.
  6. 6
    Allontanati. Se nessun tentativo ha funzionato – come chiedere scusa, mantenere la calma, tirarti fuori dallo scontro – forse è meglio andare via. Per l'altra parte potrebbe essere più facile affrontare la situazione se te ne vai con delicatezza indietro invece di girare i tacchi e sbattere la porta.
    • Non è semplice adottare questo atteggiamento, soprattutto se qualcuno ti accusa ingiustamente o ti definisce vigliacco, ma per evitare che lo scontro peggiori, forse ti conviene allontanarti.
    • Non sembrerai un codardo. Inizialmente, quello che devi fare è concedere a te stesso e all'altra persona il tempo necessario per calmarvi e decidere razionalmente in che modo procedere. Di solito questo è il comportamento migliore in ambito lavorativo.
  7. 7
    Mantieni un comportamento professionale. Se ti trovi in una situazione critica o qualche amico è alle prese con qualcuno che lo osteggia, potresti essere tentato di snobbare, o persino provocare, la parte che attacca. Tuttavia, per evitare altri episodi incresciosi e mitigare gli animi, tratta tutti i colleghi allo stesso modo e con professionalità.
    • Trattando tutti professionalmente, eviterai di parteggiare per chi preferisci e produrre ulteriori tensioni.
    • Se di recente ti sei scontrato con un collega o l'attrito è ancora forte, non precluderti la possibilità di interagire con lui. Cerca di trattarlo in modo professionale e probabilmente ti accorgerai che le ostilità si attenueranno da sole.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Mantenere un Atteggiamento Positivo

  1. 1
    Alimenta un dialogo interiore costruttivo. È importante mantenere un atteggiamento positivo sia durante che dopo un episodio spiacevole avvenuto sul posto di lavoro, soprattutto se il conflitto si prolunga. Incoraggiati ripetendo a te stesso le cose in cui riesci a dimostrare la tua bravura.
    • Ricordati tutti i compiti che assolvi correttamente. Conserva le e-mail e i messaggi più rincuoranti ricevuti dai responsabili e dai colleghi e rileggili.
    • Non tormentarti pensando "avrei dovuto ..." e non pretendere troppo da te stesso.[8]
  2. 2
    Usa le soluzioni che hai applicato in passato. Pensa ad altre situazioni negative simili che hai incontrato in passato. Cerca di ricordare che cosa hai fatto all'epoca per mantenere un atteggiamento positivo e comportati nello stesso modo.
    • Per esempio, supponiamo che su un documento consegnato al tuo capo hai commesso un errore simile a quello che hai fatto su un documento dato al tuo responsabile. Come hai posto rimedio la prima volta? Risolvi la situazione nello stesso modo anche questa volta.
  3. 3
    Trova il lato positivo. Dopo uno scontro sarebbe utile stendere un elenco dei lati più belli riguardanti il tuo lavoro o l'incarico da cui è sorto il conflitto.[9] Rivedi la lista degli "aspetti positivi" ogni volta che sei sul punto di arrabbiarti, così potrai provare un senso di gratitudine.
    • La gratitudine ti aiuterà a migliorare la percezione delle cose.
  4. 4
    Pensa a qualcosa di bello. Distraiti dal desiderio di reagire istintivamente concentrandoti sulle cose che ti rendono felice (la famiglia, il mare e così via). Ricordando le persone e le situazioni che potrebbero alleviare la tua agitazione, eviterai anche di perdere la calma.
    • Puoi anche scegliere di migliorare il tuo atteggiamento nei confronti della vita in generale vedendo ogni aspetto sotto una luce più positiva.[10]
    • Per esempio, puoi accettare un complimento invece di chiederti che cosa avresti potuto fare affinché l'altra persona continuasse a elogiarti o perché prima non ti ha mai detto nulla.
  5. 5
    Scaccia i pensieri negativi. Per pensare alle cose più belle, è necessario tenere a bada i pensieri negativi. A tale scopo, devi cercare di arginare le considerazioni più scoraggianti, chiederti se sono vere e prendere in considerazione altre spiegazioni quando sei tentato di pensare al peggio perché la comunicazione sul posto di lavoro è compromessa o assente.[11]
    • Concentrati sui compiti che puoi adempiere non sulle cose che fuoriescono dal tuo controllo.[12]
    • In genere, le persone che pensano in modo positivo tendono a vivere più a lungo.[13]
  6. 6
    Ricevi un parere costruttivo. Se sei coinvolto in un duro scontro, dovresti chiedere un consiglio su come gestire la situazione. Potresti rivolgerti al tuo capo, al tuo responsabile o anche un collega che conosci da molto tempo. L'importante è trovare qualcuno che ti dia un parere costruttivo che ti impedisca di soffermarti sugli aspetti peggiori della situazione.
    • Se nessuno nel tuo reparto è in grado di darti un consiglio obiettivo, prova a rivolgerti a un amico fidato che lavora in un altro settore o anche all'ufficio delle risorse umane.
  7. 7
    Stai lontano dai pettegolezzi. Evita di discutere dello scontro con i colleghi che amano pettegolezzi. Queste persone tendono a concentrarsi sugli aspetti negativi e riferire ad altri quello che pensi, aggravando la situazione.
    • Allo stesso modo, se un collega che si trova in una posizione un po' delicata si sfoga con te, non alimentare i pettegolezzi. Tieni per te le confidenze che ti ha fatto e incoraggialo a cercare un confronto con la persona con cui ha litigato.[14]
  8. 8
    Accetta qualsiasi compito ti venga assegnato in modo da mettere fine alle ostilità. Infine, per dimostrare la tua disponibilità a collaborare, fai quello che ti viene chiesto affinché le divergenze siano superate. Se sei un dipendente e un collega rispettoso e attento, renderai tutto più semplice.
    • Se ti viene chiesto di fare qualcosa che ti mette in difficoltà, non esitare a dirlo. Rivolgiti a una figura dirigenziale, come il tuo capo o il responsabile delle risorse umane.
    Pubblicità

Consigli

  • Se il direttore o il tuo capo sembra trattarti in modo diverso, non sottovalutare questo aspetto. Trova qualcuno che possa aiutarti a capire il motivo per cui è in atto questo comportamento e determina se stai ricevendo un trattamento ingiusto. Potresti rivolgerti a una figura dirigenziale, come il responsabile delle risorse umane o il direttore di un altro reparto. Se ritieni di essere trattato ingiustamente, questa persona può aiutarti a decidere in che modo puoi procedere.
  • Sii proattivo. Se hai l'impressione che possa nascere un conflitto con un collega, prova a risolvere la questione prima che diventi effettivamente un problema.
  • Sii onesto e affidabile. Se non riesci a terminare un compito nel tempo che ti è stato dato, informa il tuo responsabile in modo da non metterti in una posizione difficile.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non permettere a nessuno di ricattarti o manipolarti affinché determinate informazioni non vengano rivelate. Se succede, sottoponi l'episodio all'attenzione di un dirigente.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Career Coach
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Melody Godfred, JD. Melody Godfred è una career coach, imprenditrice e fondatrice di Write In Color, un'azienda che offre servizi a 360° mirati allo sviluppo della carriera e delle potenzialità professionali dei propri clienti. Si specializza in particolar modo nello sviluppo di presentazioni personali e marchi accattivanti. Con oltre 10 anni di esperienza, Melody ha lavorato con clienti di aziende di intrattenimento e media, tra cui Apple, Disney, Fox, Netflix, Riot Games, Viacom e Warner Bros. The Muse (sito web di servizi per l'impiego) ha invitato Melody e Write In Color come uno dei suoi 30 consulenti di fiducia (su 3.000) per fornire un servizio di coaching professionale individuale agli oltre 4 milioni di utenti attivi della piattaforma. Melody si è laureata in Giurisprudenza alla Loyola Marymount University e ha conseguito anche una laurea di primo livello alla University of Southern California.
Categorie: Il Mondo del Lavoro
Questa pagina è stata letta 1 663 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità