L'argilla che si utilizza per realizzare oggetti in terracotta o per altri progetti artistici si può ricavare facilmente dalla terra che si trova nel tuo stesso giardino; si tratta di un processo lungo, ma semplice. Tutto quello che ti serve sono alcuni contenitori, della terra, dell'acqua e un panno; in questo modo, puoi separare l'argilla dai sedimenti e farla addensare.

Parte 1 di 3:
Mescolare il Fango

  1. 1
    Raccogli un po' di terra. In teoria, dovresti prendere quella che si trova sotto lo strato superficiale; quest'ultimo è spesso dai 5 ai 20 cm e contiene un'elevata concentrazione di contaminanti. Scartando il terriccio superficiale puoi sbarazzarti dei residui organici, come le piante vive, le radici e gli insetti. Maggiore è la quantità di terra che prelevi e maggiore è la quantità di argilla che ottieni.[1]
  2. 2
    Trasferisci la terra in un contenitore. Le dimensioni del recipiente dipendono da quanta terra stai utilizzando; riempilo per circa due terzi della sua capienza. Cerca di evitare quelli che hanno un'apertura ristretta, simile al collo di bottiglia, altrimenti hai maggiore difficoltà a svuotarli del contenuto durante le fasi successive.[2]
    • Per eliminare i residui, puoi setacciare la terra prima di metterla nel recipiente, anche se non è un passaggio obbligatorio.
  3. 3
    Aggiungi l'acqua. Puoi usare la semplice acqua di rubinetto e mescolarla accuratamente al composto; dovresti eliminare tutti i grumi e ottenere una poltiglia uniforme.[3]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Separare l'Argilla dai Sedimenti

  1. 1
    Lascia stabilizzare il composto. L'argilla si separa dai sedimenti e resta in sospensione nell'acqua galleggiando sopra i residui da scartare; fai attenzione a non agitare il contenitore o a mescolare i sedimenti che si trovano sul fondo.[4]
  2. 2
    Versa l'acqua argillosa in un altro recipiente. Procedi con cautela per non travasare anche i detriti; quando questi ultimi si avvicinano al bordo del contenitore, smetti di versare l'acqua e sbarazzati dei sedimenti.[5]
  3. 3
    Ripeti questo processo quattro o cinque volte. Aggiungi l'acqua, mescola il composto, lascialo riposare e versa l'acqua argillosa in un nuovo contenitore; a ogni passaggio l'argilla diventa sempre più pura. In teoria, dovresti continuare in questo modo finché non trovi più sedimenti sul fondo.[6]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Addensare l'Argilla

  1. 1
    Lascia che l'argilla si separi dall'acqua. Dato che il materiale si trova in sospensione nell'acqua e non è altamente solubile, si deposita da solo sul fondo quando viene lasciato riposare. L'acqua argillosa deve restare indisturbata per almeno 24 ore; la miscela si divide in due strati ben distinti e puoi renderti conto di questo fenomeno perché l'acqua torna trasparente.[7]
    • Se noti ancora dei sedimenti sotto lo strato di argilla, ripeti i passaggi descritti in precedenza per eliminarli.
  2. 2
    Versa l'acqua. Quando lo strato argilloso si avvicina al bordo del recipiente, fermati; il materiale è morbido e impregnato d'acqua, se lo getti via devi ricominciare da capo.[8]
  3. 3
    Aspetta che l'argilla si stabilizzi. Man mano che sedimenta sul fondo, si forma un altro strato di acqua sulla parte superiore; sbarazzati ancora del liquido fermandoti non appena vedi il materiale che si avvicina al bordo del recipiente.[9]
    • Puoi ripetere la procedura fino a quando non si forma più lo strato d'acqua superficiale.
  4. 4
    Filtra l'argilla attraverso un panno. Tendi il tessuto sopra una ciotola e versaci sopra il materiale fluido. Il panno deve essere abbastanza grande per avvolgere tutta l'argilla che si trova nel contenitore e fungere da sacchetto; chiudi quindi il "fagotto" con un pezzo di spago, creando una sorta di palla di argilla dentro il tessuto.[10]
    • Va bene qualsiasi tipo di panno. Puoi utilizzare una vecchia maglietta o un lenzuolo che non usi più; scegli però un tessuto che non ti importa sporcare.
    • Puoi suddividere l'argilla in diversi panni per accelerare il processo di indurimento.
  5. 5
    Appendi il fagotto. In questo modo, l'acqua può gocciolare via attraverso il tessuto; man mano che il liquido fuoriesce, l'argilla diventa sempre più dura. Sono necessari due o tre giorni per completare il procedimento.[11]
    • Appendi il fagotto in una zona in cui l'acqua che gocciola non possa causare danni; potresti legarlo a un ramo di un albero o al porticato.
    • Trascorsi un paio di giorni, controlla la consistenza dell'argilla. Ti serve un materiale di densità differente in base ai vari progetti artistici che vuoi realizzare; se hai bisogno di un materiale più duro, lascialo appeso più a lungo.
  6. 6
    Finito.
    Pubblicità

Consigli

  • Aggiungi dei pigmenti per rendere l'argilla colorata.

Pubblicità

Avvertenze

  • Realizzare l'argilla causa parecchio disordine; fallo in un ambiente e con dei materiali che puoi sporcare senza preoccuparti.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Creare la Plastilina

Come

Fare uno Scaldacollo ai Ferri

Come

Rimuovere una Placca Antitaccheggio

Come

Lavorare un Cappello Facile ai Ferri

Come

Creare una Tasca da Pasticcere

Come

Liberare lo Scarico della Doccia

Come

Autoprodurre Argilla Polimerica

Come

Creare un Fiocco da un Nastro

Come

Realizzare degli Stoppini per Candele

Come

Lavorare una Sciarpa ai Ferri

Come

Costruire un Igloo

Come

Sistemare un Letto che Cigola

Come

Chiudere l'Impianto Idraulico Facilmente e Velocemente

Come

Tingere il Poliestere
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 28 568 volte
Categorie: Fai da Te
Questa pagina è stata letta 28 568 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità