Hai mai litigato con qualcuno e dopo ti sei dispiaciuto? O forse non eri veramente dispiaciuto, ma non potevi permetterti o non volevi perdere i vantaggi che avevi prima? Senti che la tua amicizia si è appena distrutta? Se hai un perso un vero amico o il partner, puoi riconciliarti nonostante le cose siano finite male. Spesso ci si stupisce quando le persone agiscono e si comportano in modo diverso rispetto al comune buon senso, che spesso insegna una visione piuttosto desolante della vita. Molti scrittori che hanno rotto rapporti senza più riconciliarsi propongono di dedicarsi ad altre attività, trascurando la possibilità che il legame precedente potrebbe trasformarsi o modificarsi, indipendentemente dal livello di conflittualità che ha toccato. Sostanzialmente l'obiettivo principale è intessere quante più relazioni significative possibili, perché senza rapporti rischiamo di privarci di un'esistenza realmente umana. A volte abbiamo bisogno di una buona capacità di giudizio per gestire al meglio la nostra situazione personale, quando non possiamo vederla in modo chiaro e completo da soli. Pertanto, bisogna trovare una via d'uscita dalla disperazione e recuperare amabilità e gioia nella vita.

Ecco alcune tecniche utili a riconciliarsi con qualcuno che credevamo perso. Tuttavia, è importante ricordare che si tratta di un profondo processo psicologico ed emotivo. Può attuarsi in pochi istanti o nel corso di svariati anni, e talvolta non si verifica affatto.

Passaggi

  1. 1
    Decidi che cosa vuoi. Prima di tutto stabilisci se desideri o no salvare questo rapporto, e perché. "Andare avanti" non è sempre l'unica scelta o la migliore, e non credere nemmeno che se perdi un vero amico, non ne troverai più un altro. Ogni rapporto si può riparare nel tempo, tuttavia, se non sei completamente pronto o se si tratta di un rapporto poco sano che ti richiede di calpestare i valori in cui credi o il rispetto di te stesso, allora può darsi che ora non sia il caso. Rendendoti conto che l'amicizia non è nella fase in cui desideri sia, puoi fare un passo concreto verso la risoluzione dei problemi che esistono tra te e l'altra persona. La tua autostima migliorerà quando aiuti un amico a sentirsi valorizzato e ad acquisire un senso di rispetto reciproco; le cattive amicizie minano la sicurezza e l'autostima. Un po' di dignità può fare molto nelle prime fasi del riavvicinamento. Non cadere nella trappola di concentrarti sulle qualità negative della persona con cui hai rotto per giustificare il tuo allontanamento. Se hai intenzione di troncare un'amicizia, svalutare l'altra persona è una soluzione squallida e immatura.
  2. 2
    Perdona nel miglior modo che puoi. Quando qualcuno ti trascura, ti offende o ti ferisce profondamente è facile voler rispondere a tono, vendicarsi, abbandonare, mettersi apertamente sulle difensive, sprofondare nella depressione, autodistruggersi o semplicemente risentirsi. Il problema di questi atteggiamenti è che sono reazioni imprecise che usiamo per "proteggere" noi stessi dai pericoli, reali o immaginati, ma alla fine sono in diretta opposizione a ciò che realmente desideriamo e cerchiamo: ci impediscono di comunicare e ci mettono in condizione di stare sulle difensive e di avere comportamenti ostili, condannando i nostri tentativi di rappacificamento al fallimento o a una riconciliazione forzata che alla lunga non funziona. In definitiva, il conflitto genera solo più conflitto, perciò dobbiamo evitare questo circolo vizioso e liberarci del desiderio di ferire di nuovo o di crollare in una quieta disperazione. Sostanzialmente stiamo cercando di spostare l'ago della bilancia a nostro favore, cosa che di per sé non è necessariamente cattiva, se non per il fatto che trascura l'essenza umana dell'altro individuo coinvolto nel litigio. Metti il tuo orgoglio da parte e tieni conto che la prospettiva dell'altra persona può essere completamente diversa – probabilmente non ha neppure capito in che modo ti ha ferito. Puoi arrivare al punto di perdonare finché puoi senza comunicare.
  3. 3
    Stabilisci un contatto significativo. Una volta che hai deciso che potrebbe essere una saggia idea ristabilire un contatto, è necessario scrivere un appunto, chiamare o incontrare l'altra persona per trasmetterle con la massima sincerità il messaggio fondamentale: "La nostra amicizia è importante per me e mi manca vederti. Non c'è un modo in cui possiamo risolvere la situazione tra noi?". Il punto è semplice: per trasmettere il tuo affetto, esprimi la volontà di riconciliarti e invitalo a una discussione aperta e onesta. Non c'è bisogno in questo momento avanzare recriminazioni e neanche di fare scuse elaborate.
  4. 4
    Scopri cosa è andato storto. Entrambi dovete trovare un modo per capire bene la situazione, adottando una prospettiva logica, veritiera e razionale. Ammetti che le persone non sono né intrinsecamente cattive né intrinsecamente buone (invece la dura realtà è che tutti stiamo tra questi due estremi). Ciò non significa che non abbiamo innate tendenze distruttive, ma non vuol dire nemmeno che non possediamo innate tendenze costruttive. Tutto questo ci appare chiaro se adottiamo una visione più realistica della realtà. Non siamo sempre consapevoli delle conseguenze né del significato delle nostre azioni.
  5. 5
    Comprendi le differenze. Nel corso della storia esistono vari esempi che mostrano entrambi i lati di una medesima vicenda e ci dicono che le differenze possono essere accettate e comprese. Non sono le differenze in sé a costituire il problema, ma il modo in cui ci relazioniamo a loro. Le persone hanno anche modi diversi di gestire i conflitti ed è necessario ancora una volta comprenderli affinché possa avvenire una riconciliazione.
  6. 6
    Assumiti le tue responsabilità. Devi ammettere il tuo ruolo nella vicenda, dal momento che le controversie nascono sempre tra due persone. Inizia a scusarti sinceramente per non essere stato l'amico che volevi essere e/o che avresti potuto essere. Individua precisamente quello che hai fatto e che ha contribuito alla rovina del rapporto e confessalo all'altra persona. Chiedi perdono, ma non obbligare l'altro a dartelo. Anche se le tue scuse non vengono accettate, puoi sempre provare in un secondo momento una volta che avrai riflettuto un po' di più.
  7. 7
    Ricostruisci la fiducia e il rispetto. Se l'amicizia è da ricostruire o sopravvive in qualche modo dipende molto dal valore che dai a te stesso e all'altra persona (cioè, dipende molto dal concetto di rispetto). È più etico e responsabile concentrarsi sulle caratteristiche positive dell'altro, perché focalizzarsi su ciò che è negativo svilisce il valore dell'essenza umana degli altri, prolungando il conflitto ed evitando la riconciliazione.
    Pubblicità

Consigli

  • Dal punto di vista etico è meglio essere sinceramente pentiti piuttosto che fingere di esserlo.
  • Anche se può essere abbastanza difficile da ricordare, cerca di mantenere il sangue freddo. Ricorda che quanta più rabbia hai, tanto maggiore sarà la possibilità di dire cose che in seguito rimpiangerai e tanto più profondo sarà il baratro da cui dovrai risalire alla fine.
  • Una scusa è sempre apparentemente più sincera quando fatta di persona e accompagnata da un atteggiamento di pentimento. Tuttavia, non dare per scontato che solo perché le scuse sono sincere sarai perdonato.
  • Dipende da te abbassare lo sguardo con vergogna o mantenere un "sincero" contatto visivo.
  • Alcune relazioni non ritornano alla gioia originaria di un tempo, ma questo non significa che non sia possibile o che non si possa fare una prova. Se provi dolore, rimpianto o rimorso quando pensi a un amico perduto e non fai nulla per recuperarlo, non saprai mai quello che sarebbe potuto succedere.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non esagerare. A meno che tu non abbia già una reputazione del genere, non chiedere scusa mille volte. Due o al massimo tre scuse più sincere andranno bene.
  • Se il tuo amico è molto sensibile, probabilmente è meglio non parlare degli errori che ha commesso.
  • Non regalare cose troppo costose. Darai l'impressione di voler corrompere e, a meno che il tuo superiore non sia disonesto, questo gesto ti farà apparire ... beh, disonesto. E se il tuo superiore è un approfittatore, potrebbe trascinarti in una spirale di estorsioni e ricatti (non è così esagerato come potresti pensare; basta pensare alle situazioni tra fratelli in tutto il mondo).
  • A patto che l'altra persona li usi spesso e che sia l'unico modo per contattarla, non inviare messaggi di testo per scusarti. Le tue scuse potrebbero apparire poco sincere quando usi questo strumento.
  • Non fare regali di cattivo gusto. I fratelli più piccoli potranno apprezzare un orsacchiotto acquistato in saldi, ma un insegnante o un capo probabilmente no.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Fargli Sentire la Tua Mancanza

Come

Capire se un Ragazzo ti Cerca solo per il Sesso

Come

Smettere di Amare Qualcuno Che Non Ti Ama

Come

Dimenticarsi di una Persona

Come

Capire se la Relazione è Finita

Come

Capire se Non Sei Più Innamorato del Tuo Partner

Come

Dimenticare una Persona che Ami

Come

Dire a una Ragazza che Ti Piace Senza Essere Respinto

Come

Capire se un Ragazzo Non è Più Interessato a Te

Come

Dimenticare un Ex che Ami Ancora

Come

Superare l'Ossessione per una Persona

Come

Comportarsi con un Narcisista

Come

Capire se l'Ex Tiene Ancora a Te

Come

Capire Quando la Tua Ragazza Vuole Lasciarti
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 13 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 1 357 volte
Questa pagina è stata letta 1 357 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità