Come Riconoscere la Fibrillazione Atriale

Scritto in collaborazione con: Luba Lee, FNP-BC

In questo Articolo:Controllare le PulsazioniRiconoscere i Sintomi Più ComuniOttenere una Diagnosi21 Riferimenti

La fibrillazione atriale (FA) è una patologia che consiste in un'alterazione del ritmo cardiaco: il battito può essere irregolare o veloce. Di solito non è pericolosa, ma se non trattata può favorire l'insorgere di complicazioni, come ictus e malattie cardiache.[1] Puoi individuarla autonomamente controllando se le pulsazioni sembrano irregolari. Inoltre, nota se manifesti i sintomi più comuni. Se sospetti di essere affetto da fibrillazione atriale, consulta il medico per una diagnosi corretta.

Parte 1
Controllare le Pulsazioni

  1. 1
    Rilassati 5 minuti prima di misurare il battito. L'attività fisica accelera la frequenza cardiaca, quindi devi controllarla a riposo per determinare se hai un problema. Siediti o sdraiati in modo da stabilizzare la respirazione e distenderti. Di solito, bastano 5 minuti.[2]

    Consiglio: Ti conviene misurare il battito più volte al giorno. In questo modo, potrai delineare uno schema che ti permetterà di capire se la frequenza è regolare o irregolare.

  2. 2
    Tendi la mano sinistra di fronte a te con il gomito leggermente piegato. Gira il palmo verso l'alto e rilassa il braccio e la mano. Puoi anche inclinarlo leggermente verso il corpo.[3]
    • Dal momento che il cuore si trova leggermente decentrato a sinistra, avrai meno difficoltà a trovare il battito sul braccio sinistro.
  3. 3
    Posiziona l'indice e il medio della mano destra alla base del pollice sinistro. Il punto esatto si trova tra il polso e il tendine sotto il pollice. Individua le pulsazioni premendo delicatamente. Sentirai un battito costante mentre il sangue scorre nella vena.[4]
    • Non è necessario applicare una forte pressione per misurare le pulsazioni. Al contrario, se premi eccessivamente, rischi di non sentirle.
    • Se non avverti nessuna pulsazione, muovi le dita finché non senti la contrazione ritmica dovuta ai battiti cardiaci.

    Variante: Puoi trovare le pulsazioni posizionando l'indice e il medio su un lato del collo, appena sotto la mandibola.

  4. 4
    Usa un orologio o un timer per contare quante volte il cuore batte nell'arco di 1 minuto. Programma un timer o guarda un orologio analogico per 1 minuto. Durante questo periodo, conta quante volte batte il cuore. Inoltre, nota lo schema delle pulsazioni.[5]

    Variante: In alternativa, puoi contare le pulsazioni per 30 secondi e moltiplicare il risultato per 2.

  5. 5
    Determina se le pulsazioni sono irregolari. Se sono normali, percepirai un battito lento e costante con poche variazioni. Tuttavia, potresti notare una certa irregolarità, come un battito mancante (extrasistole) o anche più battiti consecutivi (tachicardia). Se riscontri spesso queste anomalie, potrebbero indicare una fibrillazione atriale.[6]
  6. 6
    Nota se il battito cardiaco sembra irregolare o supera i 100 battiti al minuto. Se il cuore batte velocemente, potrebbe trattarsi di fibrillazione atriale. Tuttavia, questa aritmia potrebbe anche essere causata da altre patologie o abitudini, come un consumo eccessivo di caffè. Ti conviene consultare il medico se le pulsazioni sono rapide per ottenere una diagnosi corretta.[7]
    • In genere, la frequenza cardiaca a riposo è compresa tra i 60 e i 100 battiti al minuto.

Parte 2
Riconoscere i Sintomi Più Comuni

  1. 1
    Rivolgiti immediatamente al medico se hai l'affanno o avverti dolore al torace. La fibrillazione atriale può indurti a credere di avere problemi di respirazione e persino causare dolore al petto. Entrambi questi sintomi sono gravi, quindi devi farti visitare urgentemente. Recati subito dal medico, alla guardia medica o al pronto soccorso per essere sicuro di non correre rischi.[8]
    • Molte sono le cause all'origine dell'affanno e del dolore toracico: possono essere ininfluenti o pericolose. In questi casi, è preferibile consultare il medico per assicurarsi di ricevere le cure necessarie.
  2. 2
    Fai attenzione alla tachicardia. Potresti notare che il cuore batte all'impazzata anche quando sei a riposo. Ogni tanto è normale avvertire un aumento della frequenza cardiaca; tuttavia, se avviene spesso, potrebbe trattarsi di un problema di salute come la fibrillazione atriale.[9]
    • Oltre alla tachicardia, è possibile soffrire di aritmia cardiaca. Il battito potrebbe accelerare e rallentare o sembrare che salti (extrasistole).
    • L'affanno, il dolore toracico e l'aumento del battito cardiaco possono verificarsi anche durante un attacco di panico. In questo caso, potresti anche avvertire una sorta di dissociazione dalla realtà, pensare di morire di lì a poco, perdere il controllo, tremare, sentirti stordito e confuso. Se riscontri questi sintomi, parlane col medico per conoscere le opzioni terapeutiche.[10]
  3. 3
    Nota se ti senti sempre debole e affaticato. Potresti anche avere l'impressione che, nonostante il riposo, ti manchino le energie. Anche se si tratta di un sintomo comune ad altre patologie, può indicare una fibrillazione atriale.[11]
    • Il medico è in grado di determinare che cosa ti procura debolezza e spossatezza.
  4. 4
    Siediti se ti senti stordito o confuso. Dal momento che il battito cardiaco è irregolare, potresti sentirti intontito e confuso. Questi sintomi possono spaventare, ma scompaiono con le cure adeguate. Rivolgiti al medico per informarti sui possibili trattamenti.[12]
    • Spiega a chi ti sta vicino i tuoi sintomi in modo da ricevere aiuto. Prova a dire: "Mi sento molto stordito e frastornato. Puoi aiutarmi a sedermi?".
  5. 5
    Nota se hai problemi quando fai attività fisica. È difficile allenarsi se la frequenza cardiaca è già elevata. Se soffri di fibrillazione atriale, potresti subito ansimare e avvertire una sensazione di oppressione appena provi a muoverti, persino dopo pochi minuti.[13]
    • Quando cerchi di capire se soffri di fibrillazione atriale, considera i sintomi nel loro complesso. Se temi qualche patologia cardiaca, consulta il medico per una diagnosi corretta.

Parte 3
Ottenere una Diagnosi

  1. 1
    Recati dal medico se presenti i sintomi della fibrillazione atriale. Sebbene non sia una minaccia per la salute, può portare a un peggioramento del quadro clinico. Una diagnosi corretta effettuata dal medico può aiutarti a gestire questa malattia.[14]
    • Probabilmente ti prescriverà degli esami diagnostici per determinare le cause. In genere, gli accertamenti sono semplici e indolori.
  2. 2
    Sottoponiti all'analisi dell'emocromo completo in modo che il medico possa escludere altre patologie. Si tratta di una semplice analisi del sangue effettuata in laboratorio. Un infermiere preleverà un campione di sangue. I risultati mostreranno se sei affetto da uno squilibrio ormonale o minerale che potrebbe indicare un'altra condizione, come una disfunzione tiroidea. Inoltre, indicheranno se è in corso un'infezione.[15]
    • Il prelievo non è doloroso. Tuttavia, potresti avvertire un leggero fastidio.
  3. 3
    Preparati a un elettrocardiogramma (ECG). Anche questo esame è indolore e solitamente viene effettuato presso un centro diagnostico. Un medico posizionerà sul petto e sulle braccia dei piccoli sensori chiamati elettrodi. Quindi, invierà segnali elettrici al cuore per misurarne il battito, che verrà letto dai sensori. Una volta completato l'esame, l'apparecchio ECG produrrà una registrazione grafica dell'attività elettrica del cuore che il medico userà per determinare se soffri di fibrillazione atriale.[16]
    • Non sentirai nessun dolore né fastidio durante questo accertamento.

    Variante: In alternativa, il medico può prescriverti un elettrocardiogramma dinamico completo secondo Holter. Consiste nel registrare la frequenza e il ritmo cardiaco nell'arco di 24 ore mediante un apparecchio portatile inserito in una tasca o una cintura. È indolore.

  4. 4
    Sottoponiti a un ecocardiogramma in modo da ottenere un'immagine del cuore. Si tratta di un esame indolore e non invasivo che viene effettuato presso un centro diagnostico. Un medico utilizzerà una sonda lunga (chiamata trasduttore) per inviare ultrasuoni al torace. Quando rimbalzano, producono su un monitor un'immagine del cuore che verrà usata per formulare una diagnosi.[17]
    • Se l'immagine non è chiara, è possibile procedere a un ecocardiogramma transesofageo, che consiste nell'introdurre nell'esofago una sonda flessibile con un trasduttore collegato in modo da ottenere un'immagine più chiara del cuore. Può essere una manovra fastidiosa, ma non dolorosa.
  5. 5
    Sottoponiti a un esame di ecostress per vedere come funziona il cuore durante uno sforzo fisico. Durante la procedura, vengono posizionati degli elettrodi sul torace che monitorano la frequenza e il ritmo cardiaco. Dopodiché verrai invitato a camminare o correre su un tapis roulant. Il test produrrà un tracciato sulla funzionalità del cuore sotto sforzo in modo che il medico possa formulare una diagnosi.[18]
    • Si tratta di un esame indolore, anche se potresti avvertire fastidio durante l'esercizio.
    • Puoi effettuarlo in un centro diagnostico.
  6. 6
    Preparati a un Holter cardiaco se prescritto dal medico. Come già accennato, si tratta di un apparecchio elettrocardiografico portatile utilizzato per monitorare l'attività elettrica del cuore nell'arco di 24-48 ore. È una metodica diagnostica più efficace perché è in grado di rilevare la fibrillazione atriale quando gli episodi sono intermittenti e impossibili da cogliere mediante l'ECG.[19]
    • Segui attentamente le istruzioni del medico riguardo all'uso corretto dell'apparecchio.
  7. 7
    Sottoponiti a una radiografia del torace in modo da escludere problemi polmonari. Il medico può prescriverti una radiografia per vedere se una patologia a carico dei polmoni, come la polmonite, è responsabile dei sintomi tipici della fibrillazione atriale. È un esame indolore da effettuare presso un centro diagnostico.[20]
    • Spetta al medico stabilire se è necessaria.

Consigli

Avvertenze

  • La fibrillazione atriale può favorire l'insorgere di gravi problemi di salute, quindi non ignorare i sintomi.
  • Gli attacchi di panico condividono molta parte del corredo sintomatologico della fibrillazione atriale. Se sei soggetto ad attacchi di panico o sei sicuro che siano all'origine dei tuoi sintomi, dovresti consultare il medico.

Riferimenti

  1. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/atrial-fibrillation/symptoms-causes/syc-20350624
  2. https://www.nhs.uk/conditions/atrial-fibrillation/diagnosis/
  3. https://www.nhs.uk/conditions/atrial-fibrillation/diagnosis/
  4. https://www.nhs.uk/conditions/atrial-fibrillation/diagnosis/
  5. https://www.nhs.uk/conditions/atrial-fibrillation/diagnosis/
  6. https://www.nhs.uk/common-health-questions/accidents-first-aid-and-treatments/how-do-i-check-my-pulse/
  7. https://www.nhs.uk/conditions/atrial-fibrillation/diagnosis/
  8. https://www.nhs.uk/conditions/atrial-fibrillation/diagnosis/
  9. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/atrial-fibrillation/symptoms-causes/syc-20350624
Mostra altro ... (12)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Luba Lee, FNP-BC. Luba Lee lavora come Infermiera di Famiglia Iscritta all’Albo in Tennessee. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Tennessee nel 2006.

Categorie: Disturbi & Trattamenti

In altre lingue:

English: Identify Atrial Fibrillation, Русский: распознать фибрилляцию предсердий, Español: identificar una fibrilación auricular, Português: Identificar Fibrilação Atrial, Deutsch: Vorhofflimmern erkennen

Questa pagina è stata letta 43 691 volte.
Hai trovato utile questo articolo?