Come Riconoscere una Cisti sulla Palpebra

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 19 Riferimenti

In questo Articolo:Riconoscere i Sintomi delle Diverse CistiTrattare una Cisti PalpebraleComprendere i Fattori di Rischio

Le palpebre sono delle pieghe sottili costituite da pelle, muscolo e tessuto fibroso che proteggono gli occhi e limitano la quantità di luce che può entrarvi. Le cisti e i rigonfiamenti comuni che possono formarsi in questa parte del corpo sono i calazi, gli orzaioli e le cisti dermoidi. Raramente si possono definire dei problemi seri, tuttavia possono causare dolore, prurito, arrossamento e gonfiore. È fondamentale riconoscere le cisti oculari per poterle trattare correttamente e per sapere quando è necessario rivolgersi a un oftalmologo.

Parte 1
Riconoscere i Sintomi delle Diverse Cisti

  1. 1
    Osserva i sintomi di orzaiolo. Questo rigonfiamento è il risultato dell'infezione delle ghiandole sebacee causata dai batteri stafilococchi.[1][2] La maggior parte delle cisti palpebrali in realtà è proprio un orzaiolo. Ecco le sue caratteristiche:
    • Rigonfiamento che in genere si forma sulla parte esterna della palpebra, anche se a volte può svilupparsi internamente;
    • Il rigonfiamento assomiglia a un brufolo o un foruncolo;
    • Nella parte interna del rigonfiamento può esserci un punto rotondo, biancastro e rilevato pieno di pus;
    • L'orzaiolo può causare lacrimazione abbondante;
    • In genere tutta la palpebra è gonfia e dolente.
  2. 2
    Cerca i segni di calazio. È un tipo di cisti causato dall'ostruzione delle ghiandole sebacee che si trovano sulla rima palpebrale.[3][4] In genere aumenta di dimensione, partendo da un piccolo puntino difficile da vedere fino a diventare una cisti grande come un pisello.
    • Il calazio all'inizio può causare dolenzia e arrossamento, ma diventa indolore man mano che cresce.
    • Nella maggior parte dei casi si forma all'interno della palpebra superiore, ma puoi notare il gonfiore anche sulla parte esterna o sulla palpebra inferiore.
    • La sua presenza causa lacrimazione abbondante e visione sfocata quando preme contro il bulbo oculare.
  3. 3
    Valuta se hai una cisti dermoide.[5] Questa neoformazione non cancerosa si può sviluppare in qualunque punto del corpo, palpebre incluse; di per sé si tratta di un disturbo benigno, ma in certi casi porta a perdita della vista, lacerazioni e infiammazione. Per queste ragioni, l'oculista ti consiglierà di asportarla.
    • Una cisti dermoide orbitale ha l'aspetto di una massa liscia, soda come un uovo, che si localizza vicino alle ossa dell'orbita.
    • Una cisti dermoide epibulbare posteriore si trova di solito sotto la palpebra superiore, nel punto in cui entra in contatto con il bulbo oculare. Si tratta di una massa molle e gialla che segue la forma dell'occhio. Potrebbero esserci alcuni peli che fuoriescono dalla massa.
    • Una cisti dermoide limbare è un piccolo punto o massa che non cresce sulla palpebra, bensì sull'occhio stesso, in genere sulla cornea o sul confine che la separa dalla sclera (la parte bianca dell'occhio). Questo tipo di cisti va sempre rimosso, perché causa problemi di vista.

Parte 2
Trattare una Cisti Palpebrale

  1. 1
    Lascia che l'orzaiolo faccia il proprio decorso. Questo "brufolo" in genere sparisce da solo nel giro di pochi giorni.[6] Nella maggioranza dei casi, puoi trattare i sintomi e lasciare che l'infezione si risolva spontaneamente.
    • Non cercare di schiacciare o spremere l'orzaiolo perché peggioreresti l'infezione.[7]
    • Usa un sapone neutro e acqua per lavare la palpebra.
    • Non applicare il make-up finché l'orzaiolo non sarà sparito.
    • Se possibile, non inserire le lenti a contatto finché l'occhio non sarà guarito.
    • Puoi appoggiare un panno umido e caldo sull'occhio interessato per 5-10 minuti diverse volte al giorno per pulire l'orzaiolo e alleviare un po' il disagio.
    • Se non noti dei miglioramenti entro 48 ore, chiama l'oculista. Se l'arrossamento, il gonfiore e il dolore si estendono ad altre parti del viso, vai al pronto soccorso.[8][9]
  2. 2
    Prendi degli antibiotici, se il gonfiore non sparisce. Se l'orzaiolo non si risolve spontaneamente entro una settimana (o se il dolore peggiora oppure si estende anche al bulbo oculare), chiama il tuo oculista.[10] Egli ti consiglierà di prendere degli antibiotici per curare l'infezione. Generalmente si preferiscono medicinali topici invece di quelli assunti per via orale; alcuni sono in libera vendita, ma altri necessitano di prescrizione medica.[11]
    • Assumi o usa gli antibiotici esattamente come prescritto dal medico e per tutto il tempo che ti è stato indicato (anche se l'orzaiolo sembra migliorare o è scomparso).
  3. 3
    In rari casi è necessario sottoporsi a un intervento chirurgico. Se l'orzaiolo non migliora con le altre tecniche, l'oculista dovrà aprirlo per drenare il pus.[12] In questo modo l'infezione guarisce più in fretta e puoi trovare un po' di sollievo dalla pressione e dal dolore.
    • Non cercare mai di drenare da solo un orzaiolo, dato che potresti soffrire di gravi complicazioni.
  4. 4
    Usa un impacco per trattare il calazio. In genere questo tipo di rigonfiamento sparisce da solo.[13][14] Per accelerare il processo di guarigione, pulire la zona e trovare un po' di sollievo dal disagio, applica un asciugamano umido e caldo per 5-10 minuti, diverse volte al giorno.
    • Massaggia delicatamente l'area interessata per alcuni minuti al giorno per stimolare il riassorbimento del rigonfiamento.
  5. 5
    Chiama l'oculista se il calazio non drena e non guarisce da solo entro un mese. Quando il rigonfiamento non si risolve spontaneamente, deve essere rimosso con un piccolo intervento.[15] Si pratica una piccola incisione sul sito del calazio (in genere sulla parte interna della palpebra) e il tessuto infiammato viene rimosso. Alla fine si chiude la ferita con dei punti di sutura riassorbibili.
  6. 6
    Chiedi all'oculista come trattare la cisti dermoide. Alcune di queste possono essere del tutto asintomatiche e non interferire neppure con la visione; altre invece devono essere rimosse chirurgicamente. Il medico controllerà la neoformazione e ti consiglierà come agire.
    • Descrivi dettagliatamente i sintomi all'oculista, inclusi il dolore o i problemi di vista di cui stai soffrendo.

Parte 3
Comprendere i Fattori di Rischio

  1. 1
    Sappi che le malattie croniche possono causare gli orzaioli. Il rischio di sviluppare questo disturbo è maggiore nei pazienti che soffrono di patologie di base come la blefarite e la rosacea.[16] Questi problemi di salute causano infiammazione, che a sua volta è correlata all'orzaiolo.
  2. 2
    Riconosci i fattori di rischio connessi ai calazi. Diversamente dall'orzaiolo, il calazio non è un'infezione, tuttavia può svilupparsi come effetto successivo alla formazione di un orzaiolo. I pazienti che soffrono delle seguenti patologie di base sono più propensi a manifestare tale disturbo:[17]
    • Blefarite;
    • Rosacea;
    • Dermatite seborroica;
    • Tubercolosi;
    • Infezioni virale.
  3. 3
    Mantieni una buona igiene delle palpebre. Gli orzaioli spesso sono il risultato di un'infezione da stafilococchi, dei batteri che si trovano sulla pelle. Per questo motivo, tutte le situazioni qui elencate aumentano il rischio di svilupparne uno:[18]
    • Toccarsi gli occhi senza prima lavarsi le mani;
    • Usare lenti a contatto sporche o inserirle senza avere prima lavato le mani;
    • Non struccare gli occhi prima di andare a letto;
    • Usare dei cosmetici vecchi o condividerli con qualcun altro (il mascara, l'eyeliner liquido e l'ombretto andrebbero gettati dopo tre mesi dal primo utilizzo).[19]

Avvertenze

  • Se hai una cisti sulla palpebra o un problema oculare che non mostra gli stessi sintomi di un calazio, orzaiolo, cisti dermoide o di qualunque altro disturbo comune, devi andare dall'oculista per una visita, soprattutto se non noti segni di miglioramento – o addirittura se la situazione peggiora.

Riferimenti

  1. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sty/basics/symptoms/con-20022698
  2. http://www.aoa.org/patients-and-public/eye-and-vision-problems/glossary-of-eye-and-vision-conditions/chalazion?sso=y
  3. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sty/basics/symptoms/con-20022698
  4. http://www.aoa.org/patients-and-public/eye-and-vision-problems/glossary-of-eye-and-vision-conditions/chalazion?sso=y
  5. http://www.aapos.org/terms/conditions/41
  6. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sty/basics/definition/con-20022698
  7. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sty/basics/lifestyle-home-remedies/con-20022698
  8. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sty/basics/treatment/con-20022698
  9. http://www1.umgcc.org/health/medical/ency/articles/eyelid-bump
Mostra altro ... (10)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Disturbi della Pelle

In altre lingue:

English: Recognize an Eyelid Cyst, Português: Identificar um Cisto Ocular, Español: identificar un quiste en el párpado, Русский: распознать халязион, Deutsch: Eine Zyste am Lid erkennen, Français: reconnaître un kyste oculaire, Bahasa Indonesia: Mengenali Kista Kelopak Mata, Nederlands: Een cyste op je ooglid herkennen

Questa pagina è stata letta 77 972 volte.
Hai trovato utile questo articolo?