Come Ridurre Naturalmente i Fibromi

I fibromi uterini, o leiomiomi, sono tumori benigni che si formano nell'utero [1]. Secondo alcuni studi, ne soffre il 30% delle donne dopo i 35 anni, mentre tra quelle che hanno superato i 50 anni la percentuale è pari al 70-80% [2]. In molti casi, i fibromi sono asintomatici, ma in qualche caso possono causare dolore, sanguinamento abbondante e altri sintomi. Se questo disturbo ti risulta doloroso o arreca altri effetti collaterali, consulta il ginecologo prima di provare un trattamento.

Metodo 1 di 3:
Provare Rimedi Naturali

  1. 1
    Prova a osservare e aspettare. In passato, i medici erano soliti mettere in atto un approccio proattivo per trattare i fibromi, spesso con procedure invasive non effettivamente necessarie. Oggigiorno, molti consigliano di tenere semplicemente sotto controllo i leiomiomi che non sono abbastanza grandi da causare problemi significativi, come sanguinamento anomalo, infertilità o mestruazioni dolorose. Molti fibromi finiscono con il restringersi da soli nel tempo [3].
    • I fibromi tendono a formarsi in età fertile, aumentano durante la gravidanza e si restringono dopo la menopausa. Aspettare diversi anni spesso è preferibile a un intervento chirurgico o all'assunzione di medicinali che potrebbero avere effetti collaterali.
    • Dal momento che i fibromi quasi mai diventano maligni, puoi lasciarli nell'organismo, a condizione che non provochino altri problemi. Pur avendo un fibroma nella zona addominale che puoi effettivamente sentire quando lo premi o addirittura vedere se osservi da vicino, non è il caso di rimuoverlo, a meno che non sia assolutamente necessario.
    • Se vuoi provare questo metodo, prima consulta un ginecologo e assicurati che in realtà tu abbia dei fibromi. Altri tipi di protuberanze richiedono un intervento medico immediato.
  2. 2
    Bevi tè verde o usa l'estratto di tè verde. L'estratto di tè verde (gallato di epigallocatechina, o EGCG) si è dimostrato promettente durante alcuni studi clinici, in quanto sembra ridurre i sintomi dei fibromi. Le donne che hanno assunto estratto di tè verde hanno osservato sintomi meno pesanti, senza contare che i leiomiomi si sono ristretti con una media del 32,6% [4][5].
    • È importante osservare che questi studi sono stati condotti su piccola scala. Inoltre, non esistono studi clinici controllati randomizzati che abbiano analizzato l'efficacia del trattamento.
    • Le donne che hanno assunto l'estratto di tè verde per trattare i fibromi non hanno assistito ad alcun effetto collaterale grave. In ogni caso, se sei sensibile alla caffeina, tieni sotto controllo il consumo di tè verde. Esso, infatti, contiene questa sostanza, quindi può causare sensazioni come irritabilità, nervosismo e nausea in alcune donne [6].
    • Secondo alcuni studi, il tè verde aiuta a ridurre la crescita dei fibromi nelle cavie di laboratorio. Potrebbe essere utile per prevenire lo sviluppo di nuovi leiomiomi, anche se le ricerche ancora non sono conclusive [7][8].
  3. 3
    Chiedi al tuo ginecologo informazioni sulla medicina cinese. Secondo alcuni studi, la medicina erboristica cinese può aiutare a restringere i fibromi e/o ad alleviarne i sintomi. Dal momento che alcune piante potrebbero interagire con i medicinali o altri disturbi, consulta il medico prima di assumere rimedi erboristici [9].
    • Ricorda che l'approccio della medicina cinese spesso non è stato oggetto di studi controllati randomizzati, a cui vengono sottoposti i medicinali approvati dalle autorità. Potrebbero anche esserci delle incongruenze per quanto riguarda il dosaggio, il che può alterare significativamente l'efficacia e i rischi.
    • Durante uno studio, il rimedio erboristico chiamato kuei-chih-fu-ling-wan ha ridotto le dimensioni dei fibromi di circa il 60% delle partecipanti all'esperimento [10].
    • Diversi studi clinici hanno dimostrato che l'estratto di tripterygium wilfordii, o léi gōng téng 雷公藤, può restringere i fibromi nella stessa misura (o con maggiore efficacia) del mifepristone [11].
    • Una combinazione di guizhi fuling 桂枝茯苓丸 (ramulus cinnamomi, poria, semen persicae, radix paeoniae rubra o radix paeoniae alba e cortex moutan) e mifepristone è altrettanto efficace per ridurre le dimensioni dei fibromi [12]. Pare quindi che mescolare guizhi fuling e mifepristone sia più efficace che prenderli separatamente [13].
  4. 4
    Rivolgiti a un fisioterapista. Secondo uno studio, la fisioterapia può essere efficace per restringere i fibromi e alleviare i sintomi che causano, almeno per alcune donne. Parla con il tuo ginecologo per determinare se questo approccio potrebbe fare al caso tuo [14][15].
    • Ricorda che la fisioterapia può attenuare il dolore o i sintomi, ma non la causa sottostante dei fibromi in sé.
  5. 5
    Considera l'agopuntura. Secondo uno studio, per alcune donne questo metodo può essere efficace allo scopo di diminuire i sintomi dei fibromi. Dal momento che la tecnica solitamente ha pochi effetti collaterali, potrebbe valerne la pena qualora altri trattamenti non avessero funzionato [16][17].
    • Assicurati di rivolgerti a un agopunturista qualificato. Chiedi al medico di base di consigliartene uno, e informalo dei trattamenti complementari che stai facendo.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Scoprire Altre Forme di Trattamento

  1. 1
    Considera i medicinali. La maggior parte dei farmaci usati per trattare i fibromi sono concepiti per modificare i livelli ormonali. La loro funzione è quella di agire sugli ormoni che causano la crescita dei leiomiomi, favorendone la riduzione nel tempo.
    • Gli antagonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) sono i medicinali che vengono prescritti più spesso per restringere i fibromi. Il farmaco induce il corpo ad andare temporaneamente in post-menopausa, bloccando la produzione di estrogeni. Ha molti effetti collaterali a breve e a lungo termine [18].
    • Il letrozolo è un medicinale che abbassa i livelli di estrogeni. Durante uno studio, ha ridotto i fibromi del 46% [19].
    • Informati sugli altri medicinali che potrebbero trattare i fibromi.
  2. 2
    Informati sui contraccettivi per ridurre il sanguinamento. Gli anticoncezionali ormonali possono aiutare a ridurre il flusso mestruale, anche se difficilmente cambieranno le dimensioni dei fibromi. Quelli più usati per alleviare un ciclo abbondante sono i contraccettivi orali o un dispositivo intrauterino a rilascio di progestinico (IUD) [20].
  3. 3
    Informati sulla chirurgia a ultrasuoni concentrati guidati in risonanza magnetica. È una procedura non invasiva, infatti non richiede alcuna incisione. Vengono usate le onde sonore per individuare, riscaldare e distruggere i fibromi mentre ti trovi in una macchina per la risonanza magnetica [21].
    • Questo approccio è piuttosto innovativo e non è molto diffuso. Non esistono molte informazioni sulla sua efficacia a lungo termine proprio perché è nuovo.
    • Dal momento che la chirurgia a ultrasuoni concentrati guidati in risonanza magnetica e l'embolizzazione selettiva sono metodi innovativi, non ci sono studi a lungo termine sulla sicurezza di queste procedure in vista di gravidanze future. Secondo alcuni casi clinici, se dopo questi trattamenti una donna rimane incinta, le probabilità che si verifichino complicanze aumentano. Per le donne che hanno fibromi sintomatici e che sperano di concepire in futuro, l'operazione chirurgica per rimuoverli ed evitare l'asportazione dell'utero (miomectomia) rimane la terapia ottimale.
  4. 4
    Chiedi al ginecologo di indicarti procedure minimamente invasive. Si tratta di trattamenti ambulatoriali che potrebbero implicare un intervento diretto sul corpo, ma distruggono i fibromi senza che sia necessario asportarli chirurgicamente. Questi metodi spesso sono piuttosto efficaci e rendono inutile un'operazione più invasiva.
    • I fibromi possono essere trattati o distrutti dall'embolizzazione arteriosa uterina (vengono iniettate delle particelle embolizzanti che arrestano l'afflusso di sangue diretto ai fibromi) o dalla miolisi (che si basa sull'utilizzo della corrente elettrica o del laser per attaccare i fibromi) [22].
    • La miomectomia laparoscopica o robotica è una procedura che implica la rimozione dei fibromi, lasciando l'utero intatto [23].
    • L'embolizzazione uterina comporta l'iniezione di sostanze nelle arterie dell'utero che servono ad arrestare l'afflusso di sangue diretto ai fibromi.
  5. 5
    Cerca di capire se ti conviene sottoporti a un intervento chirurgico. Nei casi estremi, un'operazione invasiva può essere il modo migliore per rimuovere i fibromi e stare meglio. Può essere eseguita una miomectomia addominale o un'isterectomia per assicurarsi che vengano eliminati permanentemente [24].
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Capire i Fibromi

  1. 1
    Comprendi che cosa sono i fibromi. Si tratta di protuberanze gommose che si formano sulle pareti dell'utero. Si verificano con maggiore frequenza tra le donne in età fertile, specialmente superati i 35 anni. Nella maggior parte dei casi, queste escrescenze benigne mantengono dimensioni di poco conto, e quasi mai portano al cancro. Tuttavia, per alcune donne possono influire pesantemente sulla qualità della vita [25].
    • I fibromi solitamente vengono categorizzati in tre gruppi. I fibromi submucosi crescono nella cavità uterina. I fibromi intramurali crescono nella parete dell'utero. I fibromi sottosierosi crescono nella parte esterna dell'utero [26].
  2. 2
    Riconosci i sintomi dei fibromi. Tante donne li hanno senza esserne nemmeno a conoscenza. Per molte, i fibromi non causano sintomi, fastidio o altri problemi di salute. Tuttavia, possono provocare alcune manifestazioni dolorose o addirittura debilitanti. Se accusi uno di seguenti sintomi, recati dal tuo ginecologo [27][28][29]:
    • Flusso mestruale pesante e/o prolungato. I fibromi fanno in modo che la parete uterina diventi più spessa del normale durante il ciclo mestruale, di conseguenza provocano un sanguinamento più abbondante del consueto. In alcuni casi, è abbastanza grave da causare anemia [30].
    • Cambiamento significativo che interessa le mestruazioni (per esempio, dolore nettamente più intenso, o flusso molto più abbondante).
    • Dolore pelvico o sensazione di pesantezza o pienezza nella zona pubica. I fibromi possono avere dimensioni variabili; possono essere molto piccoli (più piccoli di un seme) o molto grandi (dalla grandezza di un pompelmo). I fibromi più consistenti possono anche far ingrossare l'addome, come se fossi incinta.
    • Dolore durante i rapporti sessuali.
    • Minzione frequente e/o difficile.
    • Stitichezza. I fibromi possono ingrandirsi e far premere l'utero contro la vescica o l'intestino, causando stipsi.
    • Mal di schiena.
    • Infertilità. Sebbene sia molto raro, in alcuni casi i fibromi possono ridurre i tassi di impianto, causando infertilità [31].
  3. 3
    Scopri le cause dei fibromi. Gli scienziati non ne sono del tutto sicuri, ma sembra che alcuni fattori incidano sullo sviluppo dei leiomiomi. Conoscerli meglio può aiutarti a capire qual è trattamento giusto per te [32].
    • È possibile che le anomalie dei vasi sanguigni uterini causino lo sviluppo di fibromi.
    • Potrebbero anche essere causati dai geni che fanno crescere le cellule muscolari uterine a un tasso accelerato.
    • I fibromi sembrano essere collegati al ciclo riproduttivo femminile, quindi si manifestano raramente prima del menarca e spesso lo sviluppo si accelera durante la gravidanza. Secondo alcuni scienziati potrebbero essere implicati gli estrogeni e il progesterone.
  4. 4
    Comprendi i limiti della ricerca attuale. Purtroppo, ci sono pochissime prove scientifiche che sostengano l'efficacia dei trattamenti naturali per i fibromi [33]. Anche nei casi in cui gli studi sembrano promettenti, spesso sono ridotti o a rischio di errore clinico. Non sono state condotte sufficienti ricerche su questi metodi, che si tratti di raccomandazioni alimentari, trattamenti omeopatici, esercizio e così via.
    • Questo significa che dovresti discutere delle alternative standard con il tuo medico, qualora avessi fibromi che ti causano grandi fastidi o problemi di salute. Tuttavia, se sono indolori e non interferiscono con la tua vita in alcun modo grave, non è dannoso provare alcuni metodi naturali che secondo molti fanno la differenza.
    • Per andare sul sicuro, parla con il medico dei trattamenti che vuoi provare per essere certa che non abbiano alcun effetto collaterale.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Secondo fonti poco attendibili, puoi "curare" o trattare i fibromi con l'alimentazione. Ciò non è sostenuto da alcuna prova scientifica. Mangiare bene, evitare di esagerare con la carne rossa, consumare verdure e cibi ricchi di vitamina D può aiutarti a gestire i fibromi, tuttavia non è stato dimostrato che le fibre, certi alimenti o l'omeopatia siano efficaci per trattarli [34].


Pubblicità
  1. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1471615
  2. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23633329
  3. http://www.biomedcentral.com/1472-6882/14/2
  4. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23633329
  5. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25445104
  6. http://www.sciencedirect.com.proxy-remote.galib.uga.edu/science/article/pii/S0301211514004722
  7. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25445104
  8. http://www.sciencedirect.com.proxy-remote.galib.uga.edu/science/article/pii/S0301211514004722
  9. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/treatment/con-20037901
  10. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24151065
  11. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/treatment/con-20037901
  12. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/treatment/con-20037901
  13. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/treatment/con-20037901
  14. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/treatment/con-20037901
  15. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/treatment/con-20037901
  16. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/uterine-fibroids.html?from=AtoZ# k
  17. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/uterine-fibroids.html?from=AtoZ#k
  18. http://www.emedicinehealth.com/uterine_fibroids-health/page5_em.htm# What Increases Your Risk
  19. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/symptoms/con-20037901
  20. http://my.clevelandclinic.org/health/diseases_conditions/hic_Uterine_Fibroids
  21. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/uterine-fibroids.html?from=AtoZ#e
  22. http://obgyn.ucla.edu/body.cfm?id=326
  23. http://www.medicinenet.com/uterine_fibroids/page2.htm# what_causes_uterine_fibroids_and_how_common_are_they
  24. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/uterine-fibroids/basics/alternative-medicine/con-20037901
  25. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25826470

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 17 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 100 623 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità