Come Ridurre i Sintomi della Sindrome del Tunnel Carpale Durante la Gravidanza

La sindrome del tunnel carpale si verifica quando i nervi nella cavità carpale del polso vengono compressi, causando una sensazione di dolore, prurito e intorpidimento nella mano, nel palmo e nelle dita. La gravidanza può provocare questa sindrome, perché la fluttuazione ormonale aumenta drasticamente la circolazione del sangue e la ritenzione di liquidi nel corpo di una donna. Quando si accumulano i liquidi nei polsi e nelle dita durante la gravidanza, possono scatenarsi i sintomi della sindrome del tunnel carpale. Anche se questo disturbo tende a recedere dopo il parto, puoi seguire dei trattamenti medici verificati e rimedi casalinghi non verificati per alleviare i sintomi.

Metodo 1 di 4:
Cambiamenti nella Dieta Verificati

  1. 1
    Bevi acqua per restare idratata. Assumere liquidi è molto importante durante la gravidanza, per garantire una buona salute, l'equilibrio dei fluidi corporei ed evitare la disidratazione.
    • L'acqua può contribuire ad alleviare l'accumulo di liquidi nel corpo, conosciuto come edema.
    • Inoltre, l'acqua è fondamentale per la salute del feto, dei tuoi organi vitali e della salute in generale.
    • Non aspettare di avere sete prima di bere, piuttosto, tieni sempre con te ovunque vai una bottiglia d'acqua e bevine un po' di tanto in tanto.
    • Soprattutto nei giorni più caldi, ricorda che è necessario bere almeno otto bicchieri di acqua al giorno.
  2. 2
    Evita i pasti e gli snack salati e pesanti. I pasti salati contengono elevate quantità di sodio, che possono trattenere i liquidi nell’organismo.
    • Un’eccessiva ritenzione idrica provoca più edema e i liquidi restano in alcune zone del corpo, tra cui le mani e i polsi.
    • Questo può peggiorare la sindrome del tunnel carpale, pertanto devi stare attenta alle fonti nascoste di sodio, come il cibo in scatola o quello trasformato.
  3. 3
    Consuma adeguate quantità di potassio. Il potassio è molto importante per mantenere costanti i livelli di minerali, controllare gli impulsi nervosi e la contrazione dei muscoli.
    • Una donna incinta ha bisogno di quantità maggiori di potassio rispetto alle altre donne, intorno 4.700 mg al giorno.
    • Gli alimenti ricchi di potassio sono le patate, fagioli, latticini, latte, yogurt, carote, soia, salmone, banane, pomodori, spinaci, carne bovina e pollame.
  4. 4
    Assicurati di apportare giusti livelli di vitamina B nella tua alimentazione. Le vitamine del gruppo B sono essenziali per un sistema nervoso sano e aiutano a ridurre il dolore neuropatico.
    • Qualsiasi carenza di vitamina B può causare dolore neurologico, che può manifestarsi come dolore alle mani, intorpidimento, formicolio e peggioramento della sindrome del tunnel carpale.
    • Gli alimenti che ne sono ricchi includono vongole, ostriche, salmone, granchi o tonno, carne di manzo, fegato di tacchino, formaggio svizzero, uova, latte, verdure a foglia verde scuro, spinaci, frutta a guscio e cereali integrali.
    • In alternativa puoi assumere degli integratori di vitamina B, oltre alle fonti di cibo, ma chiedi sempre al medico, per essere certo di prenderli in modo sicuro.
  5. 5
    Consulta il medico per ottenere una diagnosi certa. Informa il tuo curante di qualunque malattia cronica che potrebbe innescare la tua sindrome del tunnel carpale.
    • Se sei diabetica o soffri di artrite reumatoide, hai un'elevata probabilità di sviluppare la sindrome del tunnel carpale.
    • È molto importante collaborare con il medico per trovare il giusto trattamento, al fine di ridurre i sintomi, per quanto possibile, fino al momento del parto.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Cambiamenti nello Stile di Vita Verificati

  1. 1
    Evita le attività che scatenano i sintomi. Assicurati di riposare ed evita di forzare il polso per prevenire l'infiammazione.
    • In particolare evita quelle attività che esercitano pressione diretta e carico sui polsi, per evitare ulteriori danni o l’irritazione al tunnel carpale e al nervo mediano.
    • Se il tuo lavoro prevede movimenti ripetitivi dei polsi, come digitare, scrivere, disegnare o cucire, dovresti prendere una pausa e smettere di eseguire questi movimenti finché il dolore si riduce.
  2. 2
    Metti un tutore o delle stecche per mantenere diritto il polso. Usare delle polsiere o dei tutori rigidi può aiutarti a mantenere il polso nella sua posizione corretta, evitando di fare pressione sul nervo.
    • Dovresti indossare i tutori fino a due settimane per ridurre i sintomi.
    • Puoi tenerli per tutto il giorno, o solo la notte, a seconda della gravità della condizione e del momento in cui si presentano i sintomi.
    • Immobilizzare la mano e il polso aiuta ad accelerare i tempi di guarigione e di recupero.
  3. 3
    Posiziona il computer e la tastiera in modo corretto per evitare di stressare i polsi. Se il tuo lavoro prevede molte ore al computer, sistema la postazione di lavoro in modo da renderla la più confortevole possibile.
    • Puoi provare a metterlo a un’altezza corretta e con una scrivania o un tavolo appropriato.
    • Mantieni una distanza adeguata tra i polsi e il computer per ridurre lo stress o la pressione esercitata su di essi.
    • Tieni i gomiti vicini al corpo ed evita di piegare i polsi quando lavori o digiti, perché questa posizione mette un carico sul nervo mediano.
    • Non piegare i polsi sulla tastiera, regola l'altezza della sedia e usa una tastiera ergonomica progettata specificamente per coloro che soffrono della sindrome del tunnel carpale.
  4. 4
    Fai delle pause dal lavoro per alleviare lo stress sui polsi. È molto importante interrompere ogni tanto le mansioni e fare delle pause a intervalli regolari.
    • Le pause permettono di mantenere la mobilità dei polsi e ridurre la pressione su di loro.
    • Puoi agitare i polsi o allungare i muscoli delle mani e dell’avambraccio.
      • Un semplice esercizio di stretching consiste nell’alzarti, posizionare i palmi delle mani sulla superficie del tavolo e, mantenendo dita e gomiti dritti, spingere delicatamente verso il basso con le braccia e i polsi per allungare i muscoli e rilasciare la pressione dal tunnel carpale.
  5. 5
    Tieni i polsi dritti quando dormi. Durante la notte, cerca di mantenerli in una posizione diritta prima di addormentarti.
    • Questo permette di ridurre il dolore e puoi aiutarti mettendo un tutore al polso.
    • Non dormire con le mani sotto la testa o il cuscino.
    • Metti invece un cuscino per tenere le mani in posizione più elevata durante il sonno e favorire così il drenaggio dei liquidi.
  6. 6
    Usa le braccia, invece dei polsi quando possibile. Cerca di mettere tutte le volte che puoi maggiore peso sulle braccia o sugli avambracci invece che sui polsi, per evitare di stressarli troppo.
    • Con questo si intende afferrare le cose e tenerle con gli avambracci e il corpo, invece che con le mani.
    • Eventualmente chiedi ad altre persone di sollevare carichi pesanti e di fare attività che mettono pressione ai polsi al posto tuo, in particolare in cucina quando bisogna trasportare gli utensili o tagliare le verdure.
    • Tutte le azioni che prevedono movimenti ripetitivi sono stressanti per i polsi e peggiorano la sindrome del tunnel carpale.
    • Se hai un altro bambino che ha bisogno di cure, evita assolutamente di caricare il suo peso sulle mani o sui polsi già sofferenti.
    • Prova quanto più possibile a sorreggerlo sulle braccia o sul corpo.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Trattamenti Casalinghi Verificati

  1. 1
    Fai esercizi di stretching e yoga per alleviare la tensione muscolare. In particolare concentrati sulle posizioni che mirano a distendere i muscoli del polso, della mano o della spalla e che aprono le articolazioni.
    • Questi esercizi possono ridurre molto il dolore e lo stress sul nervo mediano.
    • Inoltre, aiutano a rafforzare i muscoli, permettendo loro di assorbire meglio gli urti e la pressione.
      • Mettiti in posizione seduta, alza le mani di fronte a te con i gomiti dritti, intreccia le dita in modo che i palmi siano rivolti verso l'esterno; tieni la posizione per cinque secondi finché senti l’allungamento nei polsi, quindi allenta e ripeti.
      • Tieni la mano tesa di fronte a te e all’altezza delle spalle. Apri il palmo rivolgendolo verso il pavimento, quindi alza e abbassa la mano piegandola ed estendendola a livello del polso. Ripeti più volte.
      • Metti i due palmi delle mani uno di fronte all'altro con le dita dritte, le spalle aperte e i gomiti in fuori; abbassa delicatamente entrambe le mani, per quanto ti è possibile o finché non scendono sotto il livello del torace. Questo permette di flettere completamente i polsi mettendo una leggera pressione su ognuno, in modo da ampliare l'area all'interno del tunnel carpale e allungare i muscoli.
  2. 2
    Usa l'acqua calda e fredda per stimolare la circolazione. Un altro ottimo modo per combattere la sindrome del tunnel carpale è quello di stimolare la circolazione sanguigna.
    • Stimolare la circolazione aiuta a liberare ed eliminare i fluidi o gli edemi accumulati nei polsi.
    • Prepara due ciotole e riempile rispettivamente una con acqua fredda e l'altra con acqua calda o leggermente bollente.
    • Immergi ogni mano in una ciotola, coprendo l'intera area del polso fino a circa dieci centimetri sopra di esso.
    • Tieni le mani in acqua per trenta secondi, quindi alternale in modo che ogni polso si immerga nella ciotola opposta.
    • Ripeti il processo per circa tre minuti.
    • Questo trattamento aumenta notevolmente il flusso di sangue ai polsi e libera i liquidi accumulati in modo che possano drenare dall’organismo.
    • Si tratta di un rimedio che aiuta a rilasciare gran parte della pressione sui polsi e può ridurre il dolore.
  3. 3
    Massaggia i polsi sofferenti per rilassare i muscoli. Usando i pollici, apri la mano e sciogli le dita con il palmo rivolto verso l'alto.
    • Rilassa i muscoli, quindi usa le dita dell'altra mano, soprattutto il pollice, per massaggiare il polso da un lato all’altro.
    • Massaggia anche i muscoli dell'avambraccio, perché quelli del polso si estendono fino al gomito.
    • Il massaggio aiuta a sciogliere i muscoli e a rilassarli, liberando lo stress e la tensione in queste aree.
  4. 4
    Metti delle imbottiture al reggiseno per ridurre la pressione sul nervo mediano. Queste possono aiutarti a sostenere il seno e a ridurre la pressione dei liquidi in eccesso sulla cassa toracica.
    • La pressione sul petto e sullo sterno può esercitare un maggior carico sulla radice del nervo mediano.
    • Usare queste imbottiture evita che la muscolatura del petto sopporti un peso eccessivo e dona sollievo dall’irritazione del nervo mediano.
  5. 5
    Eleva le gambe per facilitare un corretto drenaggio. Non tenere le gambe sul pavimento tutto il tempo, cerca invece di sollevarle il più possibile su una sedia o un cuscino.
    • Se trascorri quasi tutta la giornata al lavoro alla scrivania, metti uno sgabello sotto i piedi per riposarli e sollevarli un po’ da terra. Questo aiuta a ridurre l'edema presente in quell’area.
    • Per quanto riguarda i polsi, cerca sempre di elevarli sopra il livello del petto, mettendo un cuscino sotto i gomiti, avambracci o polsi.
  6. 6
    Immergi i polsi in acqua fredda per ridurre l'edema localizzato. La sensazione di freddo trasmessa dall'acqua facilita la costrizione dei piccoli capillari sanguigni e impedisce ai liquidi di filtrare verso i tessuti molli.
    • Puoi usare un panno di cotone pulito immerso in acqua fredda.
    • Avvolgilo intorno alla mano e al polso per cinque minuti, ripeti molte volte al giorno.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Rimedi Alternativi non Verificati

  1. 1
    Prendi il tarassaco per ridurre l'accumulo di liquidi. Questa pianta è nota per le sue naturali proprietà diuretiche, grazie al suo alto contenuto di potassio.
    • Questo può aiutarti a liberarti dei liquidi ed edemi in eccesso nel corpo.
    • Puoi prepararti un tè di tarassaco usando un cucchiaino di foglie essiccate e facendole bollire in una tazza di acqua.
    • Lascia riposare l’infusione per cinque-dieci minuti prima di berla.
    • Non assumere però il tarassaco se hai un disturbo della cistifellea o se stai prendendo dei farmaci anticoagulanti.
    • Consulta sempre il medico prima di iniziare a bere qualsiasi tipo di erba.
  2. 2
    Prova le foglie di cavolo per ridurre la ritenzione dei liquidi. Queste possono essere un rimedio naturale contro il gonfiore.
    • Tieni sempre un paio di foglie di cavolo in frigorifero, in modo da poterle utilizzare quando sono fredde.
    • Avvolgile intorno ai polsi e lasciale a contatto con la pelle per un'ora o due.
    • Se preferisci puoi metterle prima di andare a letto e toglierle la mattina.
    • Inoltre, per sbarazzarti dei liquidi in eccesso, puoi sempre mangiare il cavolo, in quanto agisce come un forte diuretico.
  3. 3
    Informati sull’aromaterapia per ridurre il gonfiore. Anche questo tipo di cura può risultare utile con i suoi oli essenziali, come limone e cipresso, che possono aiutarti a ridurre il gonfiore.
    • Aggiungi una goccia di ogni olio essenziale in acqua fredda o tiepida.
    • Immergi un panno nella soluzione e avvolgilo intorno al polso interessato.
    Pubblicità

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità