La sindrome di Osgood-Schlatter (OSD), detta anche osteocondrosi dell'apofisi tibiale anteriore, è una delle principali cause di dolore alle ginocchia che si manifesta negli adolescenti in fase di crescita.[1] È causata dalla contrazione ripetitiva dei muscoli delle cosce, che porta il tendine della rotula a esercitare una certa trazione sulla tibia in via di sviluppo, provocando infiammazione, dolore e spesso un evidente nodulo gonfio. Questo disturbo si verifica più spesso tra i ragazzi, soprattutto quelli che praticano uno sport che prevede di correre molto o fare salti e cambi improvvisi di direzione, come il calcio e la pallacanestro.[2] Si tratta generalmente di una sindrome autolimitante (tende a risolversi spontaneamente) e solo raramente causa problemi o disabilità permanenti.[3] Esistono tuttavia molti modi per ridurre il dolore e renderlo più sopportabile finché il problema non si risolverà.

Parte 1 di 3:
Usare Rimedi Casalinghi

  1. 1
    Riposa ed evita le attività che provocano dolore. Probabilmente, la cosa più importante da fare per alleviare il dolore è quella di interrompere l'attività sportiva o quella che contribuisce maggiormente al problema.[4] Gli sport che prevedono di saltare molto, come la pallavolo o la pallacanestro, sono particolarmente controindicati per gli individui che soffrono di questa sindrome.
    • La quantità di riposo necessario varia molto e dipende da ogni singola persona, ma in linea generale preparati a un periodo compreso tra poche settimane e alcuni mesi prima di iniziare a notare una riduzione significativa del dolore e gonfiore.
    • Il dolore associato all'OSD può essere sporadico o quasi costante; si verifica di solito in un solo ginocchio, anche se a volte colpisce entrambe.[5]
  2. 2
    Applica del ghiaccio sul ginocchio. Si tratta di un rimedio essenzialmente efficace per tutte le lesioni acute del sistema muscolo-scheletrico, compresa l'osteocondrosi dell'apofisi tibiale anteriore.[6] Dovresti applicare la terapia del freddo sul rigonfiamento infiammato (tuberosità tibiale), appena sotto la rotula, per 20 minuti ogni due o tre ore durante i primi due giorni, in modo da ridurre la frequenza degli episodi dolorosi e il gonfiore.
    • Avvolgi sempre il ghiaccio o l'impacco di ghiaccio in un telo sottile per evitare geloni.
    • Se non hai a disposizione del ghiaccio o un impacco freddo in gel, puoi prendere un sacchetto di verdure congelate dal freezer.
  3. 3
    Indossa un tutore o un immobilizzatore del ginocchio. Oltre al riposo e all'applicazione del ghiaccio, dovresti anche valutare di mettere una ginocchiera speciale o un immobilizzatore dell'articolazione quando cammini, in modo da limitare la tensione sul tendine rotuleo.[7]
    • Puoi trovare questo tipo di dispositivi nei negozi di prodotti ortopedici o nelle principali farmacie; chiedi maggiori informazioni a un fisioterapista, un medico o un chiropratico.
    • In alternativa, puoi provare a indossare una cinghia per il tendine rotuleo da fissare attorno alla gamba appena sotto la rotula. Questo tutore fornisce sostegno al tendine sotto pressione durante l'attività fisica e distribuisce parte del peso, riducendo quello a carico della tuberosità tibiale.[8]
    • Quando soffri della sindrome di Osgood-Schlatter non è necessario restare completamente inattivo, ma puoi decidere di svolgere altre attività divertenti che non prevedano il salto o la corsa, come il nuoto, il canottaggio o il golf.
  4. 4
    Prendi degli antinfiammatori o antidolorifici. I FANS (antinfiammatori non steroidei) come l'ibuprofene, il naprossene o l'aspirina sono delle soluzioni nel breve periodo per gestire il dolore e l'infiammazione.[9] In alternativa, puoi provare degli analgesici da banco, come il paracetamolo (Tachipirina). Sono farmaci piuttosto aggressivi per lo stomaco, i reni e il fegato, non dovresti quindi assumerli per più di due settimane consecutive. Consulta sempre il medico prima di prendere qualunque farmaco.
    • Tieni presente che i FANS non riducono la durata della sindrome.[10]
    • Gli steroidi come il cortisone hanno forti proprietà antinfiammatorie, ma le iniezioni localizzate non vanno somministrate agli adolescenti che soffrono di OSD, a causa degli alti fattori di rischio, in particolare il possibile indebolimento del tendine, l'atrofia del muscolo locale e un calo delle funzioni del sistema immunitario.
  5. 5
    Allunga i quadricipiti. Quando il dolore acuto si è ridotto, dovresti iniziare a fare esercizi di stretching ai quadricipiti. Una delle cause principali dell'OSD è la contrazione ripetitiva di questi muscoli (dovuta per esempio al fatto di saltare troppo) e la loro eccessiva tensione. Per questo motivo, dovresti imparare ad allungare correttamente questo gruppo muscolare per ridurre la tensione e l'infiammazione nella zona dove il tendine rotuleo di unisce alla tibia.[11]
    • Per allungare i quadricipiti stando in posizione eretta, piega la gamba all'indietro all'altezza del ginocchio e porta il tallone vicino al sedere. Afferra la caviglia e tira il piede avvicinandolo al corpo finché non senti un allungamento della coscia inferiore e del ginocchio. Mantieni la posizione per circa 30 secondi e ripeti tre o cinque volte al giorno fino a quando non noterai dei miglioramenti.
    • Puoi anche eseguire degli allungamenti dei bicipiti femorali, che generalmente sono contratti. Un buon esercizio di base consiste nel piegarti in avanti all'altezza dei fianchi e cercare di toccare le punte dei piedi.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Terapie Alternative

  1. 1
    Sottoponiti a un massaggio alle gambe. Un massaggio ai tessuti muscolari profondi è un ottimo rimedio in caso di tensioni leggere o moderate perché riduce la tensione, combatte l'infiammazione e favorisce il rilassamento.[12] Inizia con mezz'ora di massaggio, concentrandoti soprattutto sui muscoli delle cosce e dell'area del ginocchio. Lascia che il terapista vada in profondità fino al limite massimo tollerabile.
    • Se il massaggiatore ritiene che ci sia un accumulo di tessuto cicatriziale, potrebbe usare la tecnica della frizione incrociata sulla zona della rotula.
    • Bevi sempre molti liquidi subito dopo una seduta di massofisioterapia per eliminare tutti i sottoprodotti infiammatori e l'acido lattico. In caso contrario, potresti provare mal di testa o una leggera nausea.
  2. 2
    Prova l'agopuntura. Questa pratica prevede l'inserimento di aghi sottili in punti specifici del corpo per tenere sotto controllo il dolore e l'infiammazione.[13] In genere, non viene raccomandata nei casi di OSD, ma è teoricamente una terapia priva di rischi e vale la pena fare un tentativo, soprattutto non appena si manifestano i primi sintomi. L'agopuntura si basa sui principi della medicina tradizionale cinese e agisce stimolando l'organismo a rilasciare alcune sostanze, incluse le endorfine e la serotonina, che agiscono come antidolorifici naturali.
    • I punti che vengono stimolati durante la seduta alleviano il dolore al ginocchio, ma potrebbero non trovarsi in prossimità di questa articolazione – alcuni sono dislocati in aree lontane.
    • L'agopuntura viene praticata da diversi operatori sanitari, come medici, chiropratici, naturopati, fisioterapisti e massofisioterapisti; tuttavia, devi sempre affidarti a un professionista serio e competente.
  3. 3
    Valuta di indossare delle scarpe ortopediche. Uno dei fattori di rischio per la OSD è una cattiva biomeccanica durante la corsa e il salto; in certi casi, il dolore è innescato dai piedi piatti o da una postura con le ginocchia piegate verso l'interno.[14] I plantari sono dispositivi personalizzati che vengono messi nelle scarpe per supportare l'arco plantare, allineare le gambe e migliorare la biomeccanica quando stai in piedi, cammini, corri o salti.[15]
    • Il medico ortopedico può prescrivere dei plantari specifici per le tue esigenze, mentre il tecnico ortopedico si occuperà di realizzarli in base alle sue indicazioni.
    • In determinate circostanze, il Servizio Sanitario Nazionale copre le spese per i plantari personalizzati; in questo caso, è necessaria la prescrizione medica. Se hai un'assicurazione sanitaria privata, verifica se la polizza prevede il rimborso di questi dispositivi. Se non ti è possibile ottenere un prodotto costruito su misura per questioni economiche, valuta i plantari generici che vengono venduti in farmacia e in alcuni supermercati; sono decisamente meno costosi e possono donare un po' di sollievo.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Trattamenti Medici

  1. 1
    Prova delle terapie a ultrasuoni. Sono trattamenti che vengono eseguiti da alcuni medici, chiropratici e fisioterapisti per ridurre l'infiammazione e stimolare la guarigione a seguito di diversi infortuni, inclusa la sindrome di Osgood-Schlatter.[16] Proprio come suggerisce il nome, la terapia a ultrasuoni sfrutta le frequenze sonore emesse attraverso dei cristalli che non puoi udire, ma che agiscono positivamente sulle cellule e sui tessuti del corpo.
    • Anche se a volte è sufficiente una sola seduta per trovare completo sollievo dal dolore e dall'infiammazione, è probabile che siano necessarie da tre a cinque sessioni per notare dei miglioramenti.
    • I trattamenti a ultrasuoni sono indolori e durano circa 10-20 minuti.
  2. 2
    Fatti visitare da un fisioterapista. Se non trovi benefici dai rimedi casalinghi o dalle terapie alternative, valuta di rivolgerti a un fisioterapista. Ti mostrerà degli esercizi specifici e personalizzati per allungare i quadricipiti e le ginocchia.[17]
    • Solitamente, la fisioterapia deve essere seguita 2-3 volte a settimana per 4-8 settimane affinché sia efficace sui disturbi muscolo-scheletrici cronici.
    • Il fisioterapista può anche trattare il problema con gli ultrasuoni, applicare una fasciatura adesiva alla rotula e consigliarti un paio di plantari su misura.
  3. 3
    Vai da uno specialista. Devi farti visitare da un medico specializzato, come un ortopedico o un reumatologo, per escludere altre patologie più gravi che causano un dolore analogo a quello della OSD – come le fratture da stress della rotula o della tibia, le infezioni ossee, l'artrite infiammatoria, il tumore alle ossa, l'osteocondrite dissecante o la malattia di Legg-Calvé-Perthes.[18]
    • Il medico può avvalersi di strumenti diagnostici come le radiografie, la scintigrafia ossea, l'ecografia, la risonanza magnetica e la tomografia computerizzata per definire l'origine del dolore.
    • Potrebbe anche consigliarti delle analisi del sangue per escludere l'artrite reumatoide o un'infezione ossea.
    Pubblicità

Consigli

  • Non dare retta a chi dice che la malattia scomparirà in due anni; si sbaglia. Molte persone soffrono di questo disturbo anche in età adulta. Tuttavia, la maggior parte dei sintomi scompare quando il bambino termina la fase di sviluppo adolescenziale – verso i 14 anni per le ragazze e i 16 per i ragazzi.[19]
  • La sindrome di Osgood-Schlatter si manifesta sovente durante la fase di sviluppo, quando le ossa, i muscoli e i tendini cambiano e crescono rapidamente.[20]
  • Le ginocchiere possono proteggere le tibie già doloranti da ulteriori danni.[21]

Pubblicità

Avvertenze

  • Cerca immediate cure mediche se il dolore al ginocchio è associato a febbre, blocco dell'articolazione o notevole instabilità.[22]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Gestire e Riprendersi Completamente da un Intervento di Protesi al Ginocchio

Come

Curare l'Onicomicosi

Come

Prevenire la Sindrome delle Gambe Senza Riposo

Come

Liberarsi dall'Onicomicosi

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Verificare la Febbre Senza un Termometro

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi

Come

Controllare se una Ferita è Infetta

Come

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena

Come

Migliorare la Postura

Come

Trattenere la Pipì

Come

Rimuovere una Cisti Sebacea
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Jonas DeMuro, MD
Co-redatto da
Specialista in Chirurgia delle Emergenze e dell'Area Critica
Questo articolo è stato co-redatto da Jonas DeMuro, MD. Il Dottor DeMuro lavora come Chirurgo Specializzato in Chirurgia delle Emergenze e dell’Area Critica Iscritto all’Albo degli Specialisti a New York. Si è laureato in Medicina presso la Stony Brook University School of Medicine nel 1996. Questo articolo è stato visualizzato 19 232 volte
Questa pagina è stata letta 19 232 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità