Il dolore alla mandibola può essere causato da molti fattori, fra cui fratture, disallineamento, artriti, ascessi dentali e disturbi dell'articolazione temporo-mandbolare (ATM). Quando hai dei problemi in questa parte del cranio, è molto importante recarsi dal medico per una diagnosi tempestiva. Il dolore potrebbe essere sintomo di una patologia grave, come l'infarto o l'angina pectoris. Inoltre, conoscere le cause del disagio ti permette di trovare il trattamento corretto ed evitare edema, problemi di masticazione e limitazione del movimento.

Metodo 1 di 4:
Trattare il Dolore Mandibolare Causato dal Bruxismo

  1. 1
    Comprendi le cause del bruxismo. Questo disturbo non ha necessariamente una sola causa; i medici hanno identificato diversi fattori scatenanti che inducono alcune persone a digrignare i denti inconsapevolmente di notte o di giorno. Ecco un breve elenco:
    • Otalgia
    • Dentizione nei bambini
    • Emozioni sgradevoli (stress, frustrazione, rabbia, ansia)
    • Alcune personalità (eccessivamente competitive o aggressive)
    • Comportamenti compulsivi che hanno lo scopo di gestire le situazioni stressanti
    • Malocclusione, cioè disallineamento dei denti dell'arcata superiore e inferiore
    • Disturbi legati al sonno, inclusa l'apnea notturna
    • Complicazioni causate da alcuni disturbi degenerativi come il morbo di Parkinson e la malattia di Huntington
  2. 2
    Cura i denti. Se il bruxismo cronico ti crea un grave dolore mandibolare, allora dovresti andare dal dentista e studiare con lui dei metodi per evitare di digrignare i denti o, perlomeno, ridurne gli effetti negativi.
    • Usa un paradenti o bite. Questo è uno strumento particolarmente utile nei casi di bruxismo notturno. Indossare un paradenti specifico per questa situazione ti permette di mantenere l'arcata superiore separata da quella inferiore e ridurre, così, il danno e il dolore correlati.
    • Correggi l'allineamento dentale. Nei casi gravi di bruxismo, l'odontoiatra potrebbe consigliarti l'uso di un apparecchio ortodontico per riallineare i denti di entrambe le arcate oppure di sottoporti a un intervento chirurgico per ridare la giusta forma al contorno dei denti.
    • Sottoponiti con regolarità alle visite di controllo. Permetti al dentista di monitorare e controllare regolarmente la salute dei tuoi denti e gli effetti che il tuo problema di bruxismo ha su di essi; in questo modo puoi ridurre la frequenza con cui digrigni i denti e di conseguenza il dolore mandibolare.
  3. 3
    Cura i fattori scatenanti del bruxismo. Se delle emozioni intense o dei problemi comportamentali ti fanno digrignare i denti fino al punto di provare un intenso dolore mandibolare, allora dovresti sottoporti a una terapia che ti aiuti a superare queste difficoltà psicologiche.
    • Prova delle attività che ti aiutino a gestire lo stress, come la meditazione o un rigoroso allenamento fisico.
    • Affidati a uno psicoterapeuta per affrontare l'ansia, la rabbia o lo stress.
    • In casi estremi si consiglia anche una terapia farmacologica. I medicinali non sono la soluzione di prima scelta per il bruxismo, ma alcuni di questi, come i miorilassanti, possono allentare la contrazione e aiutare a gestire il dolore.
  4. 4
    Apporta dei cambiamenti nel tuo stile di vita. Se la causa del dolore alla mandibola è la tua abitudine di digrignare i denti, che a sua volta è correlata all'ansia o allo stress, allora vale la pena cambiare qualcosa nella tua quotidianità per ridurre gli episodi di bruxismo ed evitare, in futuro, il dolore.
    • Impara a gestire lo stress. Trova qualcosa che riesca a calmarti, che sia della musica rilassante, un allenamento vigoroso o un bagno caldo. Ritagliati ogni giorno un po' di tempo per dedicarti alla tua attività riposante, soprattutto prima di andare a letto.
    • Non bere la caffeina ed evita tutti gli altri stimolanti. Passa a caffè e tè decaffeinati o, ancora meglio, prova a bere delle tisane calmanti durante la sera. Astieniti da tutti i prodotti del tabacco e dall'alcool, soprattutto la sera, in maniera da favorire un sonno profondo, rilassante e con meno probabilità di digrignare i denti.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Trattare il Dolore Mandibolare Causato dall'Ascesso Dentale

  1. 1
    Comprendi le cause di un ascesso dentale. Si tratta di un'infezione batterica localizzata in prossimità del nervo del dente, in genere causata da una carie trascurata per lungo tempo. I sintomi più comuni sono:
    • Dolore pulsante e prolungato nel dente
    • Sensibilità alle fluttuazioni di temperatura — ad esempio quando si bevono bevande calde o fredde
    • Dolore durante la masticazione, quando si mangia o si beve
    • Viso gonfio sul lato interessato dall'ascesso
    • Linfonodi mandibolari gonfi o infiammati
  2. 2
    Cura un ascesso. Se credi di avere questo tipo di infezione, è assolutamente obbligatorio andare dal dentista immediatamente. In base alla gravità dell'ascesso, il medico potrebbe consigliarti diverse soluzioni per curarlo e contenere l'infezione. Tutte le procedure qui descritte devono essere messe in pratica da un medico dentista abilitato.
    • A volte è possibile drenare l'ascesso. Il dentista potrà sottoporti a un intervento per fare uscire il pus dal sito dell'infezione usando degli strumenti sterilizzati in un ambiente controllato. Ricorda di non tentare per nessun motivo di eseguire queste procedure a casa.
    • La cosa migliore resta la terapia canalare radicolare. Ciò significa sottoporti a un intervento per rimuovere il tessuto malato dalle gengive e drenare l'ascesso. In questo modo il dentista tratterà l'infezione e allo stesso tempo cercherà di salvare il dente.
    • Il medico potrebbe consigliarti l'estrazione. Questa viene eseguita quando l'infezione ha rovinato il dente a tal punto che non è più possibile salvarlo. Dopo avere tolto il dente, l'odontoiatra drenerà l'ascesso e curerà l'infezione.
    • Con molta probabilità ti verrà prescritto un ciclo di antibiotici, per evitare che l'infezione si diffonda all'osso mandibolare o agli altri denti. Questa classe di farmaci ti verrà consigliata insieme ad altre terapie.
    • Per evitare recidive è di vitale importanza praticare una buona igiene orale. Questo significa usare ogni giorno il filo interdentale, spazzolare i denti almeno due volte al giorno, limitare il consumo di snack e sottoporsi a regolari visite dal dentista.
  3. 3
    Gestisci il dolore. Una volta che l'odontoiatra ha curato l'infezione, ci sono molti accorgimenti che puoi seguire a casa per controllare il dolore associato all'ascesso.
    • Disciogli un cucchiaino di sale in 240 ml di acqua calda. Usa questa soluzione come collutorio dopo ogni pasto e prima di andare a letto, in modo da controllare l'infiammazione e prevenire un'altra infezione.
    • Prendi degli antidolorifici. L'azione dei farmaci da banco, come il paracetamolo e l'ibuprofene, è quella di ridurre l'infiammazione e controllare il dolore. Prendine solo la dose consigliata nel bugiardino, perché un sovradosaggio potrebbe causare danni epatici e altri problemi di salute.
    • Applica un impacco freddo. Appoggialo sul lato del viso interessato dal dolore per 20 minuti, intervallati da altri 20 minuti di riposo. Questo ti permette di gestire il dolore e la flogosi alla mandibola e bocca. In caso di ascesi si sconsiglia l'uso di impacchi caldi, perché il calore stimola la proliferazione e diffusione dei batteri.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Trattare il Dolore Mandibolare Causato dall'Artrite Temporo-Mandibolare

  1. 1
    Comprendi le cause dell'artrite temporo-mandibolare. I problemi legati a questa articolazione possono essere causati da artrite traumatica, osteoartrite o artrite reumatoide. L'osteoartrite è la patologia più comune negli adulti con più di 50 anni di età, ma tutti questi disturbi, in genere, sono caratterizzati da rigidità articolare, dolore, gonfiore, irritazione e limitazione dei movimenti.
  2. 2
    Conferma la diagnosi dell'artrite temporo-mandibolare. Prima di poterla trattare, devi essere certo che si tratti proprio di questa patologia. Nella maggior parte dei casi il medico ti sottoporrà a delle radiografie o alla tomografia computerizzata per confermare la diagnosi. Durante questi esami si noterà un appiattimento del condilo mandibolare (la protuberanza rotondeggiante all'estremità della mandibola) e lo sviluppo, in questa sede, di un becco osteofitico. L'artrite traumatica fa eccezione, perché non è possibile individuarla ai raggi X, a meno che non sia presente un accumulo di fluidi o un'emorragia che genera una dilatazione dell'articolazione visibile nella radiografia.
    • Diagnosi relative a mal di testa come emicrania, artrite temporale e ictus, devono essere escluse prima di diagnisticare l'artrite temporo-mandibolare, specialmente se manifesti tali sintomatologie.
  3. 3
    Tratta l'artrite temporo-mandibolare traumatica. Sebbene non ci sia una cura definitiva, si possono però seguire alcune terapie per ridurre il dolore.
    • Molti medici consigliano di assumere degli antinfiammatori non steroidei per trattare i sintomi di questa patologia.
    • Attieniti a una dieta di cibi morbidi per evitare un inutile ed eccessivo movimento della mandibola.
    • Applica degli impacchi caldi. Appoggiali per 20 minuti, successivamente esegui alcuni esercizi aprendo e chiudendo la mascella inferiore e spostandola lateralmente. Ripeti questa procedura per 3-5 volte al giorno, in base al bisogno.
    • Prova un paradenti o bite. Alcuni pazienti traggono beneficio da questo dispositivo per alleviare il dolore e il disagio.
  4. 4
    Gestisci il dolore dell'osteoartrite temporo-mandibolare. Sebbene si tratti di una patologia molto dolorosa, soprattutto se l'ampiezza di movimento è limitata, ci sono però alcuni trattamenti che ti aiutano a gestire la sintomatologia e il dolore.
    • Usa un paradenti o un bite palatale. Questi dispositivi si possono indossare sia di giorno sia di notte e riducono il dolore e l'irritazione nei pazienti con osteoartrite temporo-mandibolare.
    • Prova ad appoggiare un impacco caldo per 20 minuti e poi esegui degli esercizi specifici. Apri e chiudi la mandibola e poi spostala da lato a lato.
    • Mangia solo cibi morbidi, evita tutto ciò che è duro e croccante.
    • Fai un tentativo con gli antidolorifici da banco, come il paracetamolo o l'ibuprofene, per mantenere sotto controllo la flogosi e la dolenzia nelle fasi acute.
  5. 5
    Tratta il dolore associato all'artrite reumatoide temporo-mandibolare. La terapia è simile a quella per l'artrite reumatoide che si manifesta in altre zone del corpo e, in genere, prevede:
    • Antinfiammatori non steroidei
    • Esercizi per conservare l'ampiezza di movimento dell'articolazione e ridurre al minimo il dolore
    • Impacchi freddi per ridurre l'infiammazione e la dolenzia. Appoggia l'impacco sulla zona colpita per 20 minuti seguiti da 20 minuti di riposo.
    • Nei casi gravi, il reumatologo potrebbe consigliare un intervento chirurgico per evitare che la malattia limiti la funzionalità mandibolare. Tuttavia, la chirurgia è considerata l'ultimo tentativo (a causa dell'elevato rischio di complicazioni), quando tutte le altre soluzioni non hanno dato alcun esito positivo.
  6. 6
    Assumi la terapia farmacologica in tutti i casi di artrite temporo-mandibolare. Gli antidolorifici sono efficaci per ridurre la dolenzia e la flogosi in tutti i tipi di questa patologia. Chiedi consiglio al medico per trovare il medicinale migliore per la tua sintomatologia.
    • Gli antidolorifici da banco e quelli su prescrizione (più forti) ti aiutano a controllare il dolore associato all'artrite.
    • Il medico potrebbe consigliarti l'uso di miorilassanti per un breve periodo (da pochi giorni a diverse settimane), in modo da gestire il dolore e facilitare il movimento articolare.
    • I sedativi aiutano a dormire nei casi in cui il dolore sia tanto intenso da impedire il sonno.
    • Il medico, infine, potrebbe anche sottoporti a delle iniezioni controllate di cortisone direttamente nell'articolazione per trattare il dolore e l'infiammazione.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Trattare il Dolore Mandibolare con Eziologia Ignota

  1. 1
    Modifica la dieta. Evita i cibi duri, così come quelli che obbligano la mandibola a movimenti molto ampi. Fra questi ricordiamo la frutta a guscio, le caramelle dure, i prodotti da forno croccanti e i frutti e le verdure grandi, come le mele e le carote intere. Dovresti anche evitare di masticare le gomme e tutte le altre caramelle appiccicose, come le mou.
  2. 2
    Cambia la posizione in cui dormi. Se, in genere, riposi su un lato e provi dolore mandibolare, prova una posizione supina per evitare di premere sulla bocca. Puoi anche valutare la possibilità di acquistare un paradenti per evitare di digrignare i denti di notte, cosa che contribuisce al dolore senza che tu te ne renda conto.
  3. 3
    Prendi dei farmaci per curare il dolore. Gli antidolorifici da banco, come il paracetamolo o l'ibuprofene, sono in grado di curare l'infiammazione e altri sintomi del dolore mandibolare.
  4. 4
    Prova un prodotto topico. I gel e i tamponi orali che contengono benzocaina o principi attivi simili sono in grado di fornire un po' di sollievo dal dolore ai denti e alla mandibola. Li puoi trovare nella maggior parte delle farmacie.
  5. 5
    Esegui degli esercizi per la mandibola. Apri e chiudi la bocca e poi muovi la mascella inferiore da destra verso sinistra e viceversa. Cerca di aumentare gradatamente la frequenza di questo "allenamento".
  6. 6
    Applica degli impacchi caldi o freddi. Comincia con il calore ma, se questo si dimostra inefficace contro il dolore e l'infiammazione, prova con il freddo.
    • Metti un asciugamano o un panno sotto il rubinetto dell'acqua calda o molto calda. Strizzalo per eliminare il liquido in eccesso.
    • Quando il panno ha raggiunto una temperatura che puoi tollerare senza scottarti, applicalo sulla mandibola. Tienilo in posizione per 5-10 minuti circa e ripeti il processo per diverse volte al giorno.
    • Se l'impacco caldo non porta ai risultati sperati, prova con la borsa del ghiaccio. Tienila appoggiata per 20 minuti e poi riposa per altri 20 minuti.
    • Puoi anche provare ad alternare la terapia del freddo con quella del calore per massimizzare i benefici di entrambe. Applica l'impacco caldo per 5 minuti e poi quello freddo per altrettanto tempo.
    Pubblicità

Consigli

  • Puoi tenere sotto controllo il dolore facendo regolarmente degli esercizi per la mandibola.
  • Comprimendo leggermente i muscoli della mandibola con le mani puoi attutire temporaneamente il dolore.
  • Per provare un po' di sollievo, tieni in bocca per 40 secondi circa una soluzione di acqua e succo di limone.
  • Prova a spazzolarti i denti con una soluzione salina o con poco dentifricio.
  • Prepara una soluzione con acqua calda e bicarbonato di sodio (in proporzione 3:1). Usala per fare degli sciacqui di 30 o 45 secondi, sputa la soluzione e risciacqua la bocca con acqua fredda e pulita.



Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Rimuovere Calcoli Tonsillari

Come

Raddrizzare i Denti senza Usare l'Apparecchio

Come

Curare un Labbro Gonfio

Come

Togliere un Dente in Maniera Indolore

Come

Riconoscere i Segni del Carcinoma Orale

Come

Sapere se i Denti del Giudizio Stanno per Spuntare

Come

Far Guarire le Gengive dopo l'Estrazione di un Dente

Come

Controllare se hai l'Alito Pesante

Come

Fermare il Dolore dei Denti del Giudizio

Come

Alleviare una Scottatura sulla Lingua

Come

Sbarazzarsi di una Fistola Gengivale

Come

Riprendersi Dopo l'Estrazione del Dente del Giudizio

Come

Riparare lo Smalto dei Denti

Come

Riposizionare una Capsula Dentale
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pradeep Adatrow, DDS, MS
Co-redatto da:
Dentista e Chirurgo Orale Iscritto all’Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Pradeep Adatrow, DDS, MS. Il Dottor Pradeep Adatrow è l'unico dentista, parodontologo e protesista iscritto all’albo nel sud degli Stati Uniti. Con oltre 15 anni di esperienza, è specializzato in impianti dentali, trattamenti di ATM, chirurgia plastica parodontale, parodontologia chirurgica e non chirurgica, rigenerazione ossea, trattamenti laser e procedure di innesto di tessuti molli e gengive. Si è laureato in Epidemiologia e Biostatistica presso la University of Alabama e si è poi specializzato in Chirurgia Dentale alla University of Tennessee College of Dentistry. Ha successivamente completato un programma triennale post-laurea in parodontologia e implantologia alla Indiana University e ha completato un altro programma triennale post-specializzazione in prostodonzia avanzata presso la University of Tennessee. È anche professore a tempo pieno e Direttore di Odontoiatria Protesica Chirurgica alla University of Tennessee. Ha ricevuto i riconoscimenti Dean's Junior Faculty Award e John Diggs Faculty Award, inoltre è stato invitato a essere membro della Deans Odontological Society. È stato abilitato dall'American Board of Periodontology ed è membro del prestigioso International College of Dentistry – un traguardo che solo altri 10.000 professionisti di tutto il mondo possono vantare. Questo articolo è stato visualizzato 90 102 volte
Categorie: Denti & Bocca
Questa pagina è stata letta 90 102 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità