Scarica PDF Scarica PDF

Gas intestinali e gonfiore sono effetti naturali della digestione. Quando l'aria non viene espulsa dal corpo attraverso l'eruttazione e le emissioni gassose, si accumula nell'apparato digerente causando gonfiore. Continua a leggere l'articolo per imparare ad alleviare questi effetti modificando le tue abitudini alimentari e trattando i sintomi.

Parte 1 di 3:
Ottenere un Sollievo Immediato

  1. 1
    Evita di trattenere l'aria all'interno. Molte persone trattengono i gas intestinali per imbarazzo, ma è necessario espellerli. Si tratta di una funzione fisiologica che favorisce il rilascio dei sottoprodotti della digestione. Se ne ostacoli l'emissione, dolore e disagio aumentano. Invece di trattenerli, trova un posto adatto per liberartene.
    • Se ti trovi in pubblico quando ti senti gonfio o devi far uscire l'aria dall'intestino, trova un bagno in cui puoi stare finché il dolore non si sarà calmato.
    • Se hai difficoltà, prova a posizionare il corpo in modo da favorire l'espulsione dei gas intestinali. Stenditi e rilassa completamente i muscoli fino ad alleviare la pressione sullo stomaco e sull'intestino.
    • Anche un po' di moto può essere utile. Cammina a passo svelto intorno al quartiere o sali e scendi le scale per favorire l'emissione dell'aria dalla pancia.[1]
  2. 2
    Usa una borsa dell'acqua calda o un impacco caldo. Per calmare la pressione addominale provocata dai gas intestinali e dal gonfiore, stenditi e metti una compressa o una borsa dell'acqua calda sull'addome. In questo modo, permetterai al calore e al peso di spingere l'aria fuori dal corpo e alleviare la tensione.
  3. 3
    Bevi una camomilla o una tisana alla menta. Le loro proprietà favoriscono la digestione e alleviano i dolori di stomaco.[2] Acquistale in bustine oppure usa le foglie di menta fresca o i fiori secchi di camomilla. Qualunque opzione tu scelga, metti il prodotto in infusione nell'acqua calda e goditi la tua tisana in modo da ottenere un sollievo immediato dai gas e dal gonfiore.
  4. 4
    Prendi il carbone attivo. È in grado di ridurre il meteorismo e il gonfiore in alcuni individui. Può anche aiutare ad alleviare i crampi causati da questi sintomi.[3]
    • Segui le istruzioni contenute nella confezione, comprese quelle relative alla posologia.
    • Consulta il medico prima di assumere qualsiasi integratore, specialmente se sei sotto cure farmacologiche.
  5. 5
    Mangia l'aglio. L'aglio possiede proprietà che stimolano l'apparato digerente e aiutano ad alleviare il meteorismo e il gonfiore. In farmacia puoi trovare integratori a base di aglio, ma quello fresco garantisce un sollievo più rapido.
    • Prova una zuppa di aglio perché l'acqua calda accelera il suo assorbimento a livello sistemico. Trita qualche spicchio e saltalo in padella con l'olio d'oliva. Aggiungi il brodo di pollo o quello vegetale, cuoci a fuoco lento per pochi minuti e consumalo caldo.
    • Evita di mangiare l'aglio con altri alimenti che possono aumentare i gas e il gonfiore. Per ottenere risultati migliori, consumalo da solo o in una zuppa.
  6. 6
    Prendi un farmaco da banco per alleviare il meteorismo. Se già avverti una certa pressione all'addome, i medicinali che prevengono l'eccesso di gas non fanno alcun effetto. Scegli un farmaco formulato appositamente per disgregare le bolle di gas e ridurre la tensione a carico dello stomaco e dell'intestino.
    • I farmaci a base di simeticone aiutano a ridurre l'accumulo di gas.[4]
    • Sembra che anche il carbone attivo favorisca la diminuzione dell'aria all'interno dell'intestino. Puoi trovarlo in farmacia e nei negozi di erboristeria.[5]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Adottare Cambiamenti nello Stile di Vita

  1. 1
    Evita i cibi che inducono l'organismo ad aumentare la produzione di gas. I gas intestinali si formano quando i carboidrati che non vengono digeriti nell'intestino tenue fermentano a causa dei batteri presenti nel colon.[6] Alcuni soggetti sono più sensibili di altri agli alimenti che causano questo inconveniente. Se soffri di meteorismo, potresti limitare o evitare del tutto di consumare le seguenti pietanze:
    • Fagioli e altri legumi. I fagioli neri, i fagioli rossi, i fagioli di Lima, i piselli e altri legumi favoriscono tutti l'eccesso di gas nell'intestino. Contengono uno zucchero chiamato oligosaccarosio che il corpo non riesce a metabolizzare. Non scomposto, resta intatto per tutta la digestione provocando un aumento dei meteorismo.
    • Frutta e verdure ricche di fibre. Le fibre fanno molto bene alla salute, ma non vengono digerite completamente, perciò sono tra i principali responsabili dell'accumulo di gas e del gonfiore. Cerca di capire quali frutti e verdure ti creano più problemi. Il cavolo, i broccoli e le verdure crucifere provocano più gas di un'insalata.
    • Derivati del latte vaccino. Il latte di mucca contiene lattosio, che non viene tollerato da molte persone. Quindi, evita latte, formaggio, gelati e altri prodotti che contengono questo zucchero. Il latte di capra è più digeribile, perciò provalo come alternativa.
    • Additivi artificiali. Il sorbitolo, il mannitolo e altri dolcificanti artificiali possono provocare gonfiore in molte persone.
    • Bibite gassate. Le bollicine contenute nelle bevande effervescenti possono favorire il gonfiore perché l'aria resta intrappolata nello stomaco.
  2. 2
    Non mangiare latticini se hai un'intolleranza al lattosio. In alcuni individui i derivati del latte possono causare forti dolori addominali dovuti al gonfiore e all'accumulo di gas. Quindi, opta per le alternative senza lattosio.[7]
    • Ad esempio, puoi consumare il latte di soia o di mandorle.
  3. 3
    Limita l'assunzione di carboidrati e zuccheri semplici. Dopo aver assunto carboidrati e zuccheri semplici, potresti avvertire un forte gonfiore perché il corpo non è in grado di digerirli correttamente. In questo caso, segui una dieta senza zucchero per alleviare i sintomi.[8]
    • Non sostituire lo zucchero con i dolcificanti artificiali perché anche queste sostanze possono favorire il gonfiore intestinale.
  4. 4
    Evita il glutine se sei allergico o intollerante. Il glutine è una proteina presente in alcuni alimenti composti con cereali. Se sei intollerante a questa sostanza, potresti sentirti gonfio dopo averla ingerita. Il modo migliore per prevenire il meteorismo consiste nell'eliminare i prodotti a base di glutine.[9]
    • In genere, si trova nel pane, nei dolci, nella pasta, nei condimenti e in pietanze simili. Leggi sempre sulla confezione per individuare i prodotti senza glutine.
  5. 5
    Cambia l'ordine delle portate. L'organismo produce naturalmente l'acido cloridrico per disgregare le proteine non appena cominci a mangiare. Se inizi il pasto consumando un piatto contenente carboidrati, l'acido cloridrico verrà utilizzato prima che le proteine (che assumerai in seguito) raggiungano lo stomaco. Se non vengono digerite correttamente, possono fermentare e comportare meteorismo e flatulenza.
    • Invece di iniziare il pasto con la pasta, mangia qualche boccone di carne, pesce o altri alimenti proteici.
    • Se noti una difficoltà ricorrente nel digerire le proteine, considera di prendere un integratore a base di acido cloridrico, che puoi trovare in farmacia. Prendilo dopo i pasti quando la digestione è ancora in atto.
  6. 6
    Mastica bene. La masticazione è la prima fase del processo digestivo, quando i denti e la saliva cominciano a disgregare il cibo. Quindi, assicurati di masticare bene ogni boccone prima di ingoiarlo, in modo da agevolare il lavoro dello stomaco e dell'intestino. Inoltre, il rischio che gli alimenti fermentino e favoriscano l'accumulo di gas sarà più basso.
    • Prova a masticare ogni boccone 20 volte prima di ingoiarlo. Poggia la forchetta sul tavolo tra un morso e l'altro per avere il tempo necessario.
    • Mangiando più lentamente, ingerirai meno aria rispetto a quando ingurgiti il piatto che hai davanti. In questo modo, anche il meteorismo e l'eruttazione saranno meno frequenti.
  7. 7
    Opta per gli alimenti fermentati. Una buona digestione necessita di una flora batterica intestinale in salute. Da secoli l'uomo integra la sua nutrizione con cibi che contengono batteri buoni.
    • Gli yogurt che contengono probiotici sono fonti ricche di batteri che favoriscono la digestione. Il kefir è un altro derivato del latte fermentato ad alta digeribilità.
    • Anche i crauti, il kimchi e altre verdure fermentate sono ottime alternative.
  8. 8
    Usa gli enzimi digestivi. Gli integratori a base di enzimi digestivi possono aiutare il corpo a metabolizzare le sostanze non digeribili che si trovano nei fagioli, nelle fibre e nei grassi e che sono responsabili del gonfiore e dell'accumulo di gas intestinali. Prova a individuare quale tipo di alimento provoca questo problema e scegli l'integratore adatto.
    • Se hai difficoltà a digerire i fagioli, prova Beano. Contiene gli enzimi necessari per digerire gli oligosaccaridi.
    • Dovresti prendere gli enzimi digestivi prima dei pasti, non dopo, in modo che il corpo sia pronto a metabolizzare il cibo appena entra nell'apparato digerente.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Trattare i Problemi di Digestione

  1. 1
    Fai attenzione alla frequenza e alla gravità dei sintomi. È normale che gas e gonfiore si presentino di tanto in tanto, soprattutto dopo aver mangiato fagioli o gelato. Tuttavia, se tutti i giorni soffri di gonfiore o meteorismo, probabilmente il problema è troppo grave per essere risolto solo con alcuni cambiamenti nell'alimentazione.
    • La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) colpisce il colon e provoca crampi e diarrea quando si consumano determinati alimenti.[10]
    • La celiachia è un'infiammazione scatenata dall'assunzione di glutine, una proteina presente nel pane e in altri alimenti che contengono grano, orzo o segale.[11]
    • La malattia di Chron è una malattia infiammatoria intestinale che può peggiorare se non viene trattata in modo efficace.
  2. 2
    Consulta il medico. Se il gonfiore e l'accumulo di gas sono così forti da causare dolore o interferire con la tua vita quotidiana, chiama il medico per conoscere le cause e le soluzioni. Dato che, in genere, il meteorismo e la flatulenza sono direttamente collegati a quello che mangi, preparati a spiegargli le tue abitudini alimentari e il tuo stile di vita.
    Pubblicità

Consigli

  • Un regolare esercizio fisico aiuta ad alleviare il gonfiore e l'eccesso di gas intestinali, ma previene anche la comparsa di altri episodi di meteorismo e flatulenza. Passeggia, corri o nuota tutti i giorni per dare al corpo la possibilità di espellere l'aria.
  • Prova a mangiare le banane, il melone cantalupo e il mango. Evita le bibite gassate.
  • Prova a stare steso tenendo le gambe sollevate.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non eliminare alcun gruppo alimentare dalla tua dieta senza aver prima consultato il medico.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Vomitare nella Maniera Meno Scomoda PossibileVomitare nella Maniera Meno Scomoda Possibile
Evitare di VomitareEvitare di Vomitare
Ammorbidire le FeciAmmorbidire le Feci
Mettere una SuppostaMettere una Supposta
Sapere se Hai Vermi IntestinaliSapere se Hai Vermi Intestinali
Preparare un ClisterePreparare un Clistere
Smettere di VomitareSmettere di Vomitare
Alleviare la Costipazione dopo un Intervento ChirurgicoAlleviare la Costipazione dopo un Intervento Chirurgico
Indurre il VomitoIndurre il Vomito
Abbassare i Livelli di Ammonio nel SangueAbbassare i Livelli di Ammonio nel Sangue
Simulare il Mal di StomacoSimulare il Mal di Stomaco
Riconoscere l'Intolleranza al GlutineRiconoscere l'Intolleranza al Glutine
Liberarti Velocemente della DiarreaLiberarti Velocemente della Diarrea
Fermare i Conati di VomitoFermare i Conati di Vomito
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Dale Prokupek, MD
Co-redatto da:
Internista e Gastroenterologo Iscritto all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Dale Prokupek, MD. Il Dottor Dale Prokupek è un internista e gastroenterologo iscritto all'albo che gestisce uno studio privato a Los Angeles. Lavora anche nello staff del Cedars-Sinai Medical Center e come professore clinico associato di medicina presso la Geffen School of Medicine della University of California, Los Angeles (UCLA). Ha oltre 25 anni di esperienza medica ed è specializzato nella diagnosi e nel trattamento di malattie del fegato, dello stomaco e del colon, tra cui epatite cronica C, cancro al colon, emorroidi, condiloma anale e patologie digestive associate all'immunodeficienza cronica. Ha conseguito una laurea in Zoologia presso l'Università del Wisconsin - Madison e si è poi laureato in Medicina al Medical College of Wisconsin. Si è specializzato in medicina interna presso il Cedars-Sinai Medical Center e ha conseguito una fellowship in gastroenterologia presso la UCLA Geffen School of Medicine. Questo articolo è stato visualizzato 38 845 volte
Categorie: Apparato Digerente
Questa pagina è stata letta 38 845 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità