Come Ridurre l'Ansia nei Cani

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

In questo Articolo:Reagire all'Ansia dell'AnimaleDesensibilizzare il CaneUsare Diverse Terapie per Gestire l'Ansia14 Riferimenti

Indipendentemente dalla razza o dall'età, i cani possono diventare ansiosi come reazione a certe situazioni che li spaventano. Sebbene animali diversi esprimano l'ansia in maniera differente, questo stato d'animo porta comunque a un comportamento distruttivo e dannoso, se non riesci a gestirlo correttamente. Se il tuo amico peloso soffre di questo disturbo può iniziare ad ansimare, sbavare, abbaiare eccessivamente o nascondersi sotto i mobili. Fortunatamente ci sono diverse cose che puoi fare per aiutarlo, inclusa la desensibilizzazione fino a mettere in atto delle terapie alternative.

Parte 1
Reagire all'Ansia dell'Animale

  1. 1
    Non rafforzare la sua ansia. È del tutto normale volerlo confortare, accarezzargli la testa e parlargli con tono rassicurante. Se entrambi state vivendo un momento particolarmente teso, come un intervento chirurgico presso l'ambulatorio veterinario, potresti essere preoccupato anche tu. Tieni però presente che i cani percepiscono l'ansia delle persone e potrebbero avere la sensazione che la situazione non sia sotto controllo, diventando di conseguenza ancora più tesi.[1]
    • Non dargli dei bocconcini e non rispondere al suo stato d'animo con abbracci o carezze. Se "ricompensi" questo suo comportamento ansioso, egli impara a ripeterlo ancora.
  2. 2
    Comportati nella maniera più normale possibile. Dato che il cane è molto attento a come reagisci alle situazioni stressanti, devi fargli capire che in realtà va tutto bene; se agisci come se non fosse successo nulla, l'animale non ha motivo di allarmarsi. Quando mostra segni di ansia, come tremori, agitazione o lamenti, devi ignorarli.[2]
    • Parlagli con un tono deciso ma gentile, dicendogli di non comportarsi in maniera sciocca; egli sa riconoscere un tono di disapprovazione nella tua voce, capisce che non sei preoccupato e di conseguenza non si agita neppure lui.
  3. 3
    Mostragli che hai la situazione sotto controllo. Il cane può sentirsi confuso e spaventato; riporta la sua attenzione su di te e distrailo con una semplice sessione di addestramento, anche se vi trovate nella sala d'aspetto del veterinario. Dagli dei normali comandi, come "Seduto", "Giù" o "Fermo"; in questo modo capisce che non sei preoccupato, che non c'è nulla da temere e che va tutto bene.
    • Dirigendo la sua attenzione altrove, gli ormoni che lo rendono ansioso diminuiscono e riesce quindi a rilassarsi.
    • Dandogli questi comandi quando è ansioso lo aiuti a gestire l'ansia da separazione di cui potrebbe soffrire.[3]
  4. 4
    Offrigli un rifugio sicuro o una gabbia. Prepara un luogo che il cane possa associare a qualcosa di sicuro e dove possa rifugiarsi. Decidilo in anticipo e addestra l'animale ad accettare la gabbia come una tana, in cui si sente protetto e al sicuro.[4] Nelle occasioni in cui è particolarmente ansioso, copri parte della gabbia con una coperta, in modo che la viva ancora di più come un nido in cui nascondersi; trovandosi in un ambiente tranquillo, dovrebbe riuscire a stabilizzare lo stato d'ansia.
    • Metti dei giocattoli qualsiasi nella gabbia, ma continua a comportarti normalmente ed evita il contatto visivo; così facendo, non rinforzi la sua condotta timorosa.
  5. 5
    Comprendi la sua ansia. Il cane è teso perché il suo corpo produce degli ormoni, come il cortisolo e l'adrenalina, in una situazione spaventosa o di stress. Questi ormoni preparano il corpo alla reazione di "lotta o fuga" e scatenano reali cambiamenti fisici al cuore (che pompa più intensamente), ai muscoli (fornendo loro più sangue) e ai polmoni (che ricevono più ossigeno). Tali alterazioni fisiche possono portare il cane a sentirsi più agitato del solito; di conseguenza, quando l'animale percepisce degli indizi che lo inducono a credere che dovrebbe essere emotivamente teso, il suo organismo rilascia gli ormoni innescando una crisi ansiosa.
    • Per esempio, se si accorge che reagisci alla sua paura, il suo corpo rilascia gli ormoni e altre sostanze chimiche per rispondere all'ansia; questo è il motivo per cui devi prestare molta attenzione alle tue reazioni di fronte al panico dell'animale.[5]

Parte 2
Desensibilizzare il Cane

  1. 1
    Esponilo a piccole situazioni stressanti. La desensibilizzazione è un processo che consiste nel far vivere all'animale situazioni che scatenano un livello molto basso di paura, in modo che capisca che in realtà non c'è alcun pericolo. Per esempio, se l'animale si spaventa quando è dal veterinario, fai la passeggiata fino all'ambulatorio del medico e fallo sedere vicino all'ingresso. Premia il suo buon comportamento con un dolcetto e molte attenzioni, prima di continuare la passeggiata piacevole; in questo modo il cane riesce a creare un'associazione positiva con un luogo che prima gli creava ansia.[6]
    • Devi procedere in maniera lenta e graduale, esponendolo alle situazioni "paurose" nell'arco di settimane o mesi e aumentando via via il livello di minaccia.
  2. 2
    Inducilo a vivere situazioni sempre più spaventose. Una volta che l'animale comincia a sentirsi sereno in un contesto relativamente poco pericoloso, fagli provare altre esperienze un po' più stressanti. Per esempio, portalo nella sala d'attesa del veterinario; quando non manifesta più disagio neppure in questo ambiente, premialo con un dolcetto. Ripeti questo esercizio alcune volte prima di procedere con un livello maggiore; puoi per esempio farlo entrare in ambulatorio e farlo sedere per un po'; anche in questo caso, ricorda di premiare il suo comportamento tranquillo. Puoi quindi procedere aumentando il tempo che trascorri dal medico, in modo che il cane arrivi a sentirsi sempre più a proprio agio.[7]
    • Queste piccole visite dal veterinario lo espongono alle cose che gli incutono paura; con il tempo riuscirà a sviluppare associazioni positive quando si trova dal medico.
  3. 3
    Fagli vivere esperienze che lo spaventano in maniera diretta. Alcuni cani possono avere più paura dei suoni o delle sorprese; in questi casi devi metterlo di fronte alle cose che lo terrorizzano. Per esempio, se ha paura dei fuochi d'artificio, accendi un registratore che ne riproduca il rumore, impostandolo a un volume basso, e premia il cane per il suo buon comportamento; aumenta quindi gradualmente il volume nell'arco di un po' di tempo. Se il tuo amico fedele si mostra ansioso, riduci un po' il livello di tensione e ricomincia.[8]
    • Lo stesso principio può essere applicato quasi a ogni cosa. Se il tuo amico peloso ha paura degli altri suoi simili, metti un cane di plastica a una certa distanza e premialo quando assume un comportamento calmo. Se ha invece paura di viaggiare in auto, inizia facendolo salire e dandogli da mangiare su una vettura ferma; fai in modo di creare un'associazione positiva con la situazione che gli incute paura.

Parte 3
Usare Diverse Terapie per Gestire l'Ansia

  1. 1
    Valuta di usare i feromoni. Puoi acquistare dei feromoni che calmano il cane (come Adaptil) e che sono la versione sintetica di quelli rilasciati dalla mamma quando allatta i cuccioli. Queste sostanze biochimiche possono essere diffuse o spruzzate in casa, in auto o all'esterno; si ritiene che siano in grado di far sentire il cane più sicuro, rassicurato, rilassato e appagato, potendo così ridurre i livelli d'ansia.[9]
    • Tieni presente che è necessario esporlo ai feromoni per circa due settimane prima che inizi a sentirne gli effetti; per questo motivo puoi usare un collare Adaptil in modo che ne resti costantemente in contatto.
  2. 2
    Mettigli una mascherina sugli occhi. Usa un paraocchi (simile a quello per i cavalli) per coprirgli delicatamente gli occhi; limitare gli stimoli visivi può ridurre l'ansia, dato che può vedere solo le sagome ma non i dettagli. Questo metodo è particolarmente utile per gli esemplari che hanno paura soprattutto dei flash e delle luci brillanti, come i lampi o i fuochi d'artificio. Prova la mascherina prima di esporre l'animale a una situazione stressante, per assicurarti che la accetti e che si senta a proprio agio, prima di considerarla elemento utile per la gestione dei momenti ansiosi.[10]
    • Se il tuo amico scodinzolante tenta freneticamente di toglierla con le zampe, tiene la testa verso il basso in modo sconsolato o la scuote nel tentativo di liberarsene, è meglio togliergliela; a volte questi accessori possono peggiorare il panico in alcuni cani facendoli sentire in trappola.
  3. 3
    Prova terapie alternative. Esistono diversi medicinali senza prescrizione che puoi trovare in farmacia o presso l'ambulatorio del veterinario, tra cui:
    • Fiori di Bach: metti alcune gocce di questi prodotti erboristici (cicoria, erica, castagno rosso e caprifoglio) sulla lingua del cane ogni volta che vive un momento di forte ansia. Si ritiene che questo rimedio abbia effetti calmanti, ma non è dimostrato scientificamente; si tratta perlopiù di un processo per tentativi. Alcuni proprietari di cani hanno riscontrato che sia efficace, altri non hanno notato alcun cambiamento.[11]
    • Scutellaria e valeriana: si ritiene che questi rimedi erboristici abbiano un effetto rilassante e siano in grado di ridurre l'ansia e lo stato di eccitazione.[12] Segui le istruzioni riportate sulla confezione per conoscere il giusto dosaggio, ma assicurati di dare il rimedio al cane prima che inizi a sentirsi teso o agitato; una volta che l'animale ha raggiunto lo stato d'ansia, il prodotto perde ogni efficacia.
    • Zilkene: studi scientifici hanno riscontrato che questo integratore (disponibile in commercio) può aiutare i cani a gestire lo stress. Il principio attivo in esso contenuto è una proteina raffinata presente nel latte, che agisce sui recettori nel cervello. Puoi somministrare il supplemento alimentare prima che si verifichi una situazione che innesca la tensione emotiva o anche nel lungo periodo, dato che non provoca effetti collaterali avversi. Rappresenta quindi una soluzione ideale per quelle situazioni particolari, come quando devi portare l'animale in una pensione per cani, nelle quali lo stress può durare a lungo.[13]
  4. 4
    Evita di dargli dei sedativi. Sebbene possano sembrare una valida soluzione per un animale estremamente ansioso o sensibile, risultano in realtà piuttosto dannosi. Tieni presente quanto segue prima di considerare tale opzione:[14]
    • I sedativi creano spesso dipendenza e il cane può assuefarsi al principio attivo.
    • Gli effetti tendono a ridursi con il passare del tempo, costringendoti ad aumentare le dosi del farmaco che potenzialmente crea dipendenza.
    • Si pensa che nel breve periodo i sedativi intontiscano troppo il cane, al punto da impedirgli di manifestare esteriormente i segni di ansia; in realtà, il suo cuore batte comunque a ritmo accelerato e l'animale vive quindi interiormente la tensione emotiva, anche se non può renderla evidente.
    • Il cervello ha una ridotta capacità di imparare i comportamenti. Questo significa che qualunque miglioramento ottenuto con l'addestramento è spesso dolorosamente lento e viene completamente dimenticato quando interrompi la cura farmacologica.
    • Alcuni sedativi provocano disorientamento e possono in realtà amplificare la sensazione di disagio che può vivere il cane ansioso.

Consigli

  • Prova a usare un dispositivo di addestramento realizzato specificatamente per alleviare la tensione emotiva. Esistono indumenti compressivi in grado di ridurre l'ansia stimolando continuamente i punti di digitopressione, che sono in grado di innescare un comportamento tranquillo.

Avvertenze

  • Non punire mai l'animale quando mostra un comportamento ansioso; in questo modo avrebbe paura di te, aggraveresti la situazione e in tua presenza si sentirebbe più teso e spaventato.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. La Dottoressa Elliott è una veterinaria con oltre trenta anni di esperienza. Si è laureata all'Università di Glasgow nel 1987 e ha lavorato come specialista in chirurgia veterinaria per sette anni. In seguito, ha lavorato per più di dieci anni come veterinaria in una clinica per animali.

Categorie: Cani

In altre lingue:

English: Reduce Anxiety in Dogs, Español: disminuir la ansiedad en tu perro, Português: Diminuir a Ansiedade em Cachorros, Deutsch: Nervosität bei Hunden verringern, Français: faire diminuer l'anxiété chez les chiens, Русский: снизить уровень тревожности собаки, Bahasa Indonesia: Mengurangi Kegelisahan pada Anjing, Nederlands: Angst bij honden verminderen

Questa pagina è stata letta 7 579 volte.
Hai trovato utile questo articolo?