La ghiandola prostatica fa parte del sistema riproduttivo maschile e può ingrandirsi con l'età, premendo in modo sgradevole sull'uretra. Questo può provocare difficoltà a urinare, infezioni del tratto urinario e persino calcoli alla vescica. Cambiando il proprio stile di vita e seguendo una terapia farmacologica, quasi tutti gli uomini possono ridurre i propri problemi di urinazione. Tuttavia, per alcuni la soluzione migliore può essere un intervento chirurgico non invasivo o uno tradizionale.

Parte 1 di 3:
Apportare Cambiamenti al Proprio Stile di Vita

  1. 1
    Assumi meno caffeina, bibite gassate e alcolici. Riduci il numero di caffè, tè, bibite gassate e alcoliche che consumi ogni settimana. L'anidride carbonica e la caffeina possono irritare la vescica, facendo peggiorare i sintomi del tratto urinario.[1]
    • Cerca di non bere più di 200 mg di caffeina al giorno, che corrispondono a circa due tazzine. Si tratta di circa la metà della dose massima per un adulto in salute.[2]
    • Non bere più di quattro drink alcolici al giorno né più di 14 a settimana. Meglio ridurre il consumo di alcol il più possibile.[3]
  2. 2
    Riduci la quantità di liquidi che assumi nelle due ore prima di andare a dormire. Evita di bere troppo in serata, prima di andare a dormire. Andare a letto con la vescica vuota può aiutarti a evitare il disagio e il bisogno di alzarti durante la notte.[4]
    • Aumenta l'apporto di fluidi nelle ore pomeridiane, in modo da assumere abbastanza acqua.
    • Gli uomini dovrebbero cercare di bere 3,7 litri di fluidi al giorno.[5]
    • Se fai attività fisica intensa o se il clima è molto caldo, aumenta di conseguenza l'apporto di liquidi.
  3. 3
    Segui una dieta ricca di fibre per incoraggiare la regolarità intestinale. Mangia più alimenti ricchi di fibre, come frutta con la buccia, verdura, lenticchie, frutta secca e fagioli, in modo da evitare la costipazione. Essere costipati può far peggiorare i sintomi della prostata ipertrofica aumentando la pressione sulla vescica.[6]
    • La frutta e la verdura ricche di fibre includono broccoli, mele, pere, carote, bietole, lamponi e fragole.[7]
    • Gli uomini dovrebbero assumere dai 30 ai 40 grammi di fibre al giorno in base all'età. Gli integratori non sono pericolosi, ma possono provocare costipazione. Cerca di assumere le fibre attraverso l'alimentazione piuttosto che dagli integratori, se ne hai la possibilità.[8]
  4. 4
    Prova la tecnica della doppia evacuazione per svuotare del tutto la vescica. Attendi trenta secondi dopo aver finito di urinare prima di provare a farlo di nuovo. Non sforzarti e non spingere. Questo può aiutarti a svuotare completamente la vescica e a ridurre la frequenza delle infezioni del tratto urinario.[9]
  5. 5
    Consulta il medico in merito agli effetti collaterali dei farmaci che stai assumendo. Parlagli se noti dei problemi al tratto urinario dopo aver iniziato a seguire una terapia farmacologica per un disturbo non correlato. Alcuni decongestionanti e antidepressivi possono aggravare i sintomi del tratto urinario o provocare l'ipertrofia della prostata.[10]
    • Il tuo medico può consigliarti un farmaco diverso da provare, in grado di gestire la tua patologia senza provocare problemi alla prostata.
    • Non smettere di seguire la prescrizione del tuo medico senza prima averlo consultato.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Usare i Farmaci per Ridurre i Sintomi

  1. 1
    Riconosci i sintomi dell'ipertrofia prostatica. Nota se il flusso dell'urina è debole, se al termine dell'urinazione noti uno sgocciolamento o se devi andare in bagno più spesso di notte. Potresti anche avere difficoltà a iniziare a urinare o doverti sforzare per svuotare la vescica. Se noti questi sintomi, fissa una visita dal medico per una diagnosi ufficiale.[11]
  2. 2
    Prova gli alfa bloccanti se hai problemi a urinare. Chiedi informazioni al tuo medico in merito a questi farmaci, che sono in grado di rilassare i muscoli nella zona della vescica e della prostata. Queste medicine aiutano ad aumentare il flusso dell'urina quando vai in bagno, quindi avrai bisogno di urinare con minore frequenza.[12]
    • Anche se gli effetti collaterali sono rari, gli alfa bloccanti possono provocare le vertigini. La buona notizia è che di solito agiscono in poche settimane.
    • Prendi gli alfa bloccanti, come la tamsulosina, seguendo le indicazioni del tuo medico.
    • Quasi tutti gli alfa bloccanti non hanno interazioni pericolose con gli altri farmaci. Chiedi al farmacista se corri dei rischi considerando la tua attuale terapia farmacologica.
  3. 3
    Prova gli inibitori degli enzimi se hai la prostata molto grande. Chiedi al tuo medico se queste medicine, come il finasteride e il dutasteride, sono adatti ai tuoi sintomi. Questi farmaci riducono le dimensioni dei tessuti della prostata, in modo da alleviare i problemi di urinazione e sono spesso le soluzioni più efficaci per le ipertrofie molto gravi.[13]
    • Gli inibitori degli enzimi possono impiegare mesi per migliorare i sintomi, perché i tessuti prostatici si rimpiccioliscono gradualmente con il tempo.
    • Come gli alfa bloccanti, anche questi farmaci provocano comunemente le vertigini.
    • Parla con il tuo farmacista per assicurarti che gli inibitori degli enzimi non interagiscano negativamente con la tua attuale terapia farmacologica.
  4. 4
    Prova il tadalafil se hai una disfunzione erettile. Chiedi informazioni al tuo medico su questo farmaco, che si è dimostrato efficace nell'alleviare i sintomi urinari dovuti all'ipertrofia prostatica. Non è necessario soffrire di disfunzione erettile per provare il tadalafil, ma si tratta di una patologia comune negli uomini in età avanzata, che spesso accompagna l'ipertrofia prostatica. Se soffri di entrambi i problemi, questo farmaco potrebbe essere il trattamento migliore per numerosi sintomi.[14]
    • Non è del tutto chiaro come agisca il tadalafil per alleviare i sintomi del tratto urinario, ma gli effetti collaterali sono rari. I più comuni sono dolori alla schiena e mal di testa.[15]
    • Il tempo richiesto affinché il tadalafil agisca varia da persona a persona. Parla con il tuo medico per capire che cosa aspettarti dalla terapia.
    • Il tadalafil non è consigliato in combinazione con altri farmaci, inclusa la nitroglicerina. Chiedi al tuo farmacista se possono presentarsi interazioni pericolose con le medicine che assumi.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Considerare l'Intervento Chirurgico

  1. 1
    Considera la terapia a microonde transuretrale (TUMT) se hai problemi con la frequenza e l'urgenza dell'urinazione. Chiedi informazioni al tuo medico su questo trattamento se devi sforzarti per urinare, se non riesci a trattenerti o se il flusso d'urina è intermittente. Questa procedura ambulatoriale utilizza le microonde per distruggere sezioni specifiche del tessuto prostatico che provocano ostruzioni al flusso d'urina.[16]
    • La TUMT non è in grado di correggere i problemi di svuotamento della vescica ed è più indicata per le ostruzioni di lieve o media entità dovute alla prostata.
    • Il disagio causato dalla terapia può essere gestito con anestetici topici e antidolorifici per via orale prescritti dal medico.
  2. 2
    Chiedi informazioni sull'ablazione transuretrale con ago (TUNA). Parla con il tuo medico di questa terapia: distrugge i tessuti che creano problemi con onde radio ad alta frequenza, in modo da garantire un flusso migliore dell'urina. Per svolgerla è necessario inserire degli aghi direttamente nella prostata in modo da prendere di mira i tessuti che comprimono l'uretra.[17]
    • Questa procedura viene spesso svolta in ospedale, ma non richiede il ricovero. Viene somministrata l'anestesia locale per gestire il dolore.
    • È possibile che si verifichino alcuni effetti collaterali dopo la procedura, inclusi dolori durante l'urinazione per alcune settimane.
  3. 3
    Chiedi uno stent prostatico se gli interventi chirurgici e i farmaci non fanno al caso tuo. Parla con il tuo medico di questa procedura, che prevede di inserire una piccola bobina all'interno dell'uretra per tenerla aperta. Quasi tutti gli specialisti non sono a favore degli stent, ma se la tua ipertrofia è grave e non vuoi gestire i sintomi con farmaci o altri interventi, si tratta di un trattamento possibile.[18]
    • Gli stent possono spostarsi nel tempo, provocando disagio o infezioni del tratto urinario. Sono anche difficili da rimuovere in caso di problemi.
  4. 4
    Parla con il tuo medico di interventi chirurgici più invasivi, se necessario. Chiedi informazioni sulle possibili soluzioni chirurgiche se i tuoi sintomi non rispondono bene alle terapie farmacologiche o alle procedure non invasive. Questa opzione può spaventarti, ma spesso offre un sollievo totale dai sintomi.
    • Il tuo medico può consigliarti la soluzione chirurgica migliore per te, considerati i sintomi del tuo tratto urinario e i precedenti medici. In base alla tua età e alla fertilità che vuoi avere dopo l'intervento, lo specialista può presentarti varie opzioni per trattare la prostata ipertrofica.
    • Gli interventi chirurgici più comuni includono prostatectomia, chirurgia laser e incisione transuretrale o resezione della prostata.[19]
    Pubblicità

Consigli

  • Fai attenzione ai trattamenti erboristici. Alcune erbe, come il saw palmetto e il pygeum, sono considerate utili nel trattamento dell'ipertrofia prostatica. Tuttavia, queste sostanze non vengono regolate dal Ministero della Sanità e consumarle può essere pericoloso. Discuti le terapie fitoterapiche e alternative con il tuo medico.[20]

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Somministrare un'Iniezione di Vaccino Antinfluenzale

Come

Usare un Preservativo

Come

Crescere In Altezza

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Farsi un Clistere

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Far Durare il Sesso Più a Lungo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Janice Litza, MD
Co-redatto da
Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato co-redatto da Janice Litza, MD. La Dottoressa Litza è un Medico di Medicina Generale Iscritta all'Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Esercita la professione di Medico e ha lavorato come Docente Clinica per 13 anni dopo aver conseguito la Laurea in Medicina presso la University of Wisconsin-Madison School of Medicine and Public Health nel 1998. Questo articolo è stato visualizzato 4 523 volte
Questa pagina è stata letta 4 523 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità