Ognuno ha le proprie preferenze in fatto di cibo, ma avere sempre una scorta di alcuni prodotti di base è una buona idea. Una dispensa ben fornita può evitare problemi a cena: non importa quello che c'è nel frigorifero, la dispensa conterrà tutto ciò che serve per trasformare il pasto in qualcosa di regale. Una dispensa ben rifornita va pensata come la colonna portante di un pasto: avere tutto ciò che ti serve a portata di mano renderà la tua preparazione più semplice e veloce.

Passaggi

  1. 1
    Scegli uno spazio per la dispensa. Se non ne hai uno apposta, ricorda che uno qualsiasi andrà bene, l'importante è che sia fresco a asciutto. Meglio se è vicino alla cucina. Sii creativa. Puoi utilizzare un mobile della cucina, nel garage (purché non si riscaldi o raffreddi troppo), della cantina o anche un armadio, o simili. Se non c'è spazio dedicato, usa la fantasia e ricavalo tu.
  2. 2
    Considera quali alimenti usi regolarmente. Fai una lista di tutto ciò che mangi almeno una volta alla settimana. Includi gli ingredienti principali di ciò che prepari. Diciamo che per esempio prepari spaghetti due sere a settimana e polpettone nei week-end. Gli ingredienti sono solitamente gli stessi: pasta, macinato di manzo, pane secco, salsa di pomodoro, Parmigiano, pane fresco, uova, ecc. Scrivili sulla lista.
  3. 3
    Pensa alla "piramide alimentare". I tuoi alimenti di base devono appartenere un po' a tutti i gruppi alimentari ma la dispensa è solo per quelli che non vanno al fresco, come ad esempio cibi in scatola, olio e aceto, riso o legumi. (Come riempire un frigo è un'altra storia).
  4. 4
    Includi ingredienti universali. La maggior parte delle dispense dovrebbe avere farina, zucchero, sale, le tue specie preferite e olio. (Non esagerare con le spezie, ma se ne usi molte cerca di comprarne in modo che ti durino almeno due anni se ben conservate).
  5. 5
    Riempi la dispensa con ciò che ti serve normalmente. Non dovresti mai farti mancare quegli alimenti che mangi solitamente come riso, pasta, cereali, legumi e patate. Per mantenerli freschi ed evitare che si sviluppino camole e insetti, usa vasi a chiusura ermetica per riso, lenticchie e fagioli e scrivi sul coperchio la data. Oltre alla comodità, i legumi in vaso sono carini da vedere.
  6. 6
    Tieni gli ingredienti più utilizzati a portata di mano anche se non vanno in dispensa. Ti serviranno sempre. Ci sono alimenti che insaporiscono molte preparazioni come ad esempio: cipolla fresca, aglio, pomodoro in scatola, dadi da brodo vegetali e classici, olio d'oliva di buona qualità (per i piatti finiti, non per cucinare), aceto balsamico, sciroppo alla cioccolata e tortillas.
  7. 7
    Cucinare. Puoi usare la lista seguente per delle idee con le quali partire, ma il modo migliore per rifornire la dispensa è comprare un extra di ciò che usi quando lo usi. In questo modo la tua dispensa rispecchierà lo stile della tua cucina.
  8. 8
    Organizzati a seconda dei tipi di cibi in modo da trovare le cose.
    • Granaglie: Riso, pasta, pane, fagioli, avena, ecc. Sigillali per evitare contaminazioni. Ricorda che per quanto le granaglie si conservino a lungo, alla fine comunque si irrancidiranno.
    • Verdure a tubero: cipolle e patate, patate dolci e similari possono stare in dispensa. Assicurati solo di usarli velocemente.
    • Oli e salse: olio d'oliva, vegetale, salsa Worcester, aceto, ecc. Molte vanno in frigorifero perciò leggi prima l'etichetta.
    • Prodotti per cuocere al forno: bicarbonato, gocce di cioccolato, sale, olio antiaderente.
    • Alimenti in scatola.
    • Cibi preparati e snack: cracker, biscotti, frutta essiccata, patatine e tutto quello che si sgranocchia.
  9. 9
    Considera il freezer come un'estensione della tua dispensa. Puoi cucinare usando carni e verdura congelate e qualche prodotto di base preso dalla dispensa.
  10. 10
    Pulisci la dispensa di tanto in tanto. Se trovi qualcosa di vecchio o rovinato, buttalo. Se non utilizzi più un prodotto come pensavi ed è ancora buono, donalo a qualche raccolta di alimenti.
    Pubblicità

Lista esemplificativa di Alimenti e Prodotti per Dispensa

  • Dadi per brodo vegetali e classici
  • Riso, fagioli, lenticchie in scatola e pasta
  • Pomodori (a pezzi, passata, ecc)
  • Salse in barattolo come la Hollandaise o la marinara
  • Verdure in scatola come piselli, fagioli borlotti, bianchi di Spagna, cannellini, neri, castagne d'acqua, cuori di carciofo
  • Frutta in scatola come ananas, pesche a pezzi, pere, macedonia, salsa di mele
  • Sale e pepe, altre spezie essiccate (comprare in quantità modica perché dopo pochi mesi perdono di sapore e forza).
  • Estratti come vaniglia, mandorla e acero.
  • Olio per cuocere, aceto classico e balsamico
  • Salse piccanti assortite (marchi diversi hanno sapori diversi)
  • Gelatine e marmellate, crema al limone, chutney
  • Frutta essiccata, gocce di cioccolata, avena o crema di farina di grano
  • Prodotti per forno: farina, zucchero, bicarbonato, lievito, amido di mais, latte condensato, zucchero di canna e scuro, melassa. (Il bicarbonato va sempre bene perché serve anche per le pulizia)
  • Burro di arachidi. Ottimo anche questo ma sarebbe meglio congelarlo perché l'olio contenuto dopo un po' di tempo si irrancidisce.
  • Couscous, uvetta, espresso istantaneo, pan grattato (surgelato o in scatola), acciughe

Consigli

  • Alcune spezie adatte anche ai principianti includono pepe, basilico, paprica, cannella, vaniglia, aneto.
  • Una volta che la tua dispensa è piena, avanti così. Quando qualcosa diminuisce, mettila in lista.
  • Non comprare troppa roba che non usi spesso, anche se un grosso acquisto ti costa meno. Non conviene rischiare di mandare a male la roba e buttarla: alla fine avresti sprecato i soldi.
  • Tieni ben chiusi prodotti a base di grano (come la farina) o potrebbero sviluppare le camole.
  • Cerca di renderti conto di cosa utilizzi personalmente. Rifornisci la tua dispensa a seconda delle tue liste (ma usa pure quelle che ti abbiamo fornito come esempio). Se nessuna delle ricette che fai richiede i semi di finocchio, non tenerli.
  • Se non usi il forno, evita di comprare troppa farina ma ricorda che ti serve anche friggere ad esempio o per addensare le salse.
  • Le patate vanno in al buio e al fresco e consumate entro circa un mese. Se diventano morbide o fanno i germogli buttale.

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Capire se un Ananas è Maturo

Come

Conservare il Tè Sfuso

Come

Essere Organizzati

Come

Pulire una Cucina

Come

Organizzare la Cucina

Come

Scongelare i Gamberi Surgelati

Come

Cuocere le Lenticchie Rosse Decorticate

Come

Accelerare la Lievitazione dell'Impasto

Come

Utilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in Forno

Come

Servire il Foie Gras

Come

Usare una Pietra Refrattaria

Come

Mangiare il Burro di Arachidi

Come

Congelare i Gamberi

Come

Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 17 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 16 647 volte
Categorie: Cucina
Questa pagina è stata letta 16 647 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità