Come Rimuovere la Muffa

In questo Articolo:Combattere le Cause della MuffaUsare Soluzioni Detergenti DiversePulire Materiali e Superfici meno Comuni

Le muffe sono un vero problema quando appaiono in casa tua. A volte riesci a vederle, in altri casi no; a volte sono nere, altre volte sono bianche. Anche se puoi acquistare dei prodotti specifici per combattere le muffe, esistono delle sostanze, che tutti abbiamo in casa, e che possono essere efficaci per fare un buon lavoro, se non addirittura migliore.

1
Combattere le Cause della Muffa

  1. 1
    La muffa è essenzialmente causata dall’umidità. Se pulisci la muffa ma non risolvi il problema dell’umidità, la inviti a tornare in un secondo tempo. Pulisci e asciuga le zone bagnate e ripara i danni a tubi e scarichi entro 24 ore dalla pulizia della muffa, per evitare che ricresca.
    • La muffa spesso affiora in bagno (a causa della doccia) e in cucina (per il lavello). Assicurati di asciugare sempre bene il secchiaio e di aprire la finestra in bagno dopo le docce.
  2. 2
    Chiama un professionista, se la muffa si estende oltre i 300 mq. Se stai trattando un problema serio, è meglio affidarsi ad una azienda specializzata per la rimozione e la pulizia. I professionisti useranno dei prodotti molto potenti e sapranno proteggersi dall’inalazione delle spore.
  3. 3
    Valuta di buttare via i materiali assorbenti e porosi. Il cartongesso o i pannelli del controsoffitto dovrebbero essere buttati se il problema della muffa è molto esteso. Poiché le muffe riempiono ogni poro ed ogni fessura di questi materiali, potrebbe essere molto difficile liberarsene completamente. La pulizia può limitare temporaneamente la crescita, ma se non ti sbarazzi di queste superfici, presto o tardi la muffa tornerà.
  4. 4
    Non imbiancare e non stuccare una superficie con la muffa. Si tratta di un rimedio che nasconde solo temporaneamente il problema, ma non lo risolve. Le superfici con la muffa non trattengono bene la vernice e lo stucco, che con il tempo tendono a spelarsi perché non hanno una superficie pulita a cui aderire.
    • Assicurati di avere pulito e disinfettato le zone colpite dalla muffa, prima di dipingere o stuccare. Asciuga ogni residuo di acqua e umidità, ed aspetta un giorno o due per sicurezza.
  5. 5
    Indossa sempre un abbigliamento adatto per questa operazione. Le muffe contengono le spore che sono particelle volatili, è molto importante proteggersi. La maggior parte delle muffe non è pericolosa, ma alcune possono causare danni alla salute, soprattutto se sono presenti in grandi quantità. Assicurati di indossare:
    • Un respiratore ad alta efficienza N-95. E’ disponibile nei negozi di fai da te ad un costo accessibile.
    • Occhiali di protezione.
    • Guanti.

2
Usare Soluzioni Detergenti Diverse

  1. 1
    Prova una miscela di acqua calda e candeggina. Aggiungi 220 ml di candeggina a 4 lt di acqua. Immergi nella soluzione una spazzola a setole medie e strofina le macchie di muffa. Assicurati di asciugare il più possibile la superficie poiché l’umidità favorisce la ricomparsa della muffa.
    • Per i punti più difficili da raggiungere, metti la soluzione in un flacone spray e applica direttamente sulla muffa. Poi spazzola come al solito.
    • Questa miscela viene usata soprattutto nei bagni, nelle cucine e nelle stanze con le piastrelle senza superfici porose.
    • La candeggina è un killer molto efficace contro la muffa. Il principio attivo, l’ipoclorito di sodio, viene usato anche in molti prodotti specifici anti-muffa.
  2. 2
    Usa l’aceto. Metti dell’aceto puro (anche di sidro di mele) in una bottiglia spray. Spruzza la superficie colpita dalla muffa e pulisci con una spazzola. Asciuga completamente la zona.
    • Usa l’aceto solo su superfici non porose, come le piastrelle, e non sul legno.
    • A differenza della candeggina, l’aceto non è tossico e non produce vapori pericolosi. Dato che è un acido di media potenza, è efficace all’80% sulle muffe e sui loro residui.
  3. 3
    Prova una soluzione a base di borace per uccidere o prevenire la crescita delle muffe. Ogni 4 lt di acqua calda aggiungi 200 gr di borace. Immergi una spazzola nella miscela e pulisci con forza la superficie interessata. Risciacqua con un panno pulito e acqua.
    • Usa il borace solo su superficie non porose. I rivestimenti del bagno e della cucina vanno bene, ma non quelli in legno.
    • Il borace è tossico se ingerito, ma è un prodotto naturale che non rilascia vapori e non contiene altri additivi chimici. E’ efficace sia nella rimozione che nella prevenzione delle muffe.
  4. 4
    Fai buon uso dell’ammoniaca. Prima di tutto accertati che il prodotto sia "ammoniaca pura". Poi unisci una parte di ammoniaca ad una di acqua e versala in un flacone spray. Spruzza le superfici colpite dalla muffa e strofina con vigore. Alla fine, elimina ogni residuo con un panno pulito.
    • Assicurati di non miscelare mai l’ammoniaca con la candeggina. Questa miscela crea un gas tossico di cloro. Il cloro è tossico per ingestione ed inalazione.
    • In caso di muffe particolarmente ostinate, spruzza la superficie con l’ammoniaca e lasciala agire per diverse ore prima di strofinare e ripulire.
  5. 5
    Usa il bicarbonato di sodio, sia puro che in pasta. E’ una sostanza delicata, sicura per tutta la famiglia e gli animali domestici, ma allo stesso tempo efficace. E’ riconosciuto come detergente per tutta la casa e come deodorante. Si può utilizzare in due modi:
    • Mischialo con acqua ed aceto. Metti due cucchiai di bicarbonato in 220 ml di acqua e mescola bene. Versalo in una bottiglia spray e cospargi le superfici non porose, come le piastrelle in bagno. Prendi un altro flacone con l’aceto e spruzza la stessa superficie (si creerà una reazione chimica che rilascia anidride carbonica). La combinazione di aceto e bicarbonato è molto usata, perché uccide molte specie di muffe.
    • Metti il bicarbonato direttamente sulla muffa. Usato in questo modo è indicato sulle superfici porose, come i mobili in legno e il cartongesso. Lascia che il bicarbonato penetri la superficie e poi eliminalo con un panno.
  6. 6
    Prova l’acqua ossigenata. Acquista quella al 3% e versala in una bottiglia spray. Spruzzala direttamente sulla muffa e lasciala agire per 10 minuti, alla fine strofina con vigore. Quando hai finito usa un panno per asciugare ed evitare che l’umidità favorisca il ritorno delle muffe.
    • L’acqua ossigenata è una valida alternativa alla candeggina ed ai detergenti più aggressivi che rilasciano fumi e possono essere tossici. Inoltre, elimina anche le macchie che le infestazioni da muffe possono lasciare.
    • Puoi usare il perossido di idrogeno su molte superfici. E’ sicuro anche sugli abiti, sui pavimenti, i muri, gli infissi e anche gli elettrodomestici. Assicurati solo di fare un piccolo test in una zona poco visibile della superficie, poiché l’acqua ossigenata potrebbe sbiancarla.

3
Pulire Materiali e Superfici meno Comuni

  1. 1
    Pulisci gli abiti. Usa una spazzola e cerca di eliminare più muffa possibile dai vestiti. Esegui questa operazione all'aperto, per evitare di spargere le spore della muffa in altre zone della casa. Successivamente lava il capo di abbigliamento (se lo desideri, prima mettilo in ammollo in candeggina o con uno smacchiatore.) Fallo asciugare al sole.
    • Se hai dei capi d'abbigliamento che non possono essere lavati con acqua, portali in una lavanderia a secco e fai presente il tuo problema.
  2. 2
    Elimina le muffe dal cuoio. Usa una spazzola per rimuovere più muffa possibile. E' preferibile eseguire questa operazione all'aperto. Bagna un panno pulito con una miscela di acqua ed alcool denaturato, pulisci con cura l'area intaccata dalla muffa e fai asciugare completamente.
    • In alternativa, usa un sapone specifico per pulire le pelli.
  3. 3
    Toglila dai libri e dalla carta. Assicurati che il libro, o la carta, che vuoi ripulire dalla muffa siano completamente asciutti. In caso contrario, sistemali in un luogo ventilato e asciutto. Spostati all'aperto e con uno straccio rimuovi più muffa possibile dalla carta. Bagna uno straccio con una soluzione a base di sapone (un sapone normale va benissimo). Strizzalo il più possibile e passalo sulla carta per eliminare il resto delle macchie. Risciacqua il sapone con acqua.
    • Se questo metodo non funziona, prova ad utilizzare una miscela di acqua e candeggina o di acqua e aceto.
    • Se stai trattando un libro, e se le pagine che hai pulito sono più di una, cerca di farle asciugare ben separate, per evitare che si attacchino l'una con l'altra. Può essere utile in questo caso un ventilatore per accelerare il processo di asciugatura. Per essere sicuro che le pagine non si attacchino, puoi spolverarle con un po' di farina di mais mentre si stanno asciugando; spazzolala via una volta terminato il processo di asciugatura.

Consigli

  • Usa l'aceto invece della candeggina, è altrettanto efficace e danneggia meno te e le superfici con cui entra in contatto. Puoi usare l'aceto con un dosaggio superiore rispetto a quello della candeggina, perché non è tossico e non crea problemi alla salute né per te, né per i bambini, né per i tuoi animali. Stai solo attento a non usare candeggina e aceto contemporaneamente (vedi la sezione Avvertenze).
  • Per limitare l'odore di muffa in bagno puoi chiudere gli scarichi con gli appositi tappi.
  • Puoi anche utilizzare prodotti già pronti dotati di spruzzatore. Spruzza la superficie da trattare, lascia asciugare e poi rimuovi eventuali residui con uno straccio pulito.
  • Nelle isole Hawaii, dove c’è un serio problema di muffa, la maggior parte delle persone usa un prodotto specifico a base di candeggina per pulire la casa, i vialetti ecc…
  • Se la muffa risulta difficile da eliminare, rinforza la tua miscela aggiungendo ulteriore candeggina o aceto.

Avvertenze

  • Assicurati di spostare, o di coprire, qualsiasi oggetto che non vuoi che entri in contatto con la candeggina.
  • NON mescolare mai candeggina e aceto insieme! La reazione chimica generata sprigiona dei gas tossici. Usa una soluzione a base di aceto o di candeggina.

Cose che ti Serviranno

  • Detergente per la casa che usi normalmente
  • Acqua
  • Guanti
  • Mascherina
  • Occhiali protettivi

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Pulizia

In altre lingue:

English: Remove Mold and Mildew, Español: quitar moho y hongos, Français: enlever la moisissure, Português: Remover Mofo e Bolor, 中文: 去除霉菌, Nederlands: Schimmel verwijderen, Русский: удалить плесень, Čeština: Jak se zbavit plísní, Deutsch: Schimmel und Mehltau beseitigen, Bahasa Indonesia: Menyingkirkan Jamur dan Lumut, Tiếng Việt: Loại trừ nấm mốc, العربية: إزالة العفن الفطري, 한국어: 곰팡이와 흰곰팡이 제거하는 법, ไทย: กำจัดคราบเชื้อรา

Questa pagina è stata letta 36 177 volte.
Hai trovato utile questo articolo?