Scarica PDF Scarica PDF

Le piante d'appartamento hanno la capacità di crescere in un'ampia varietà di condizioni e, a differenza di quelle da esterno, non devono affrontare sciami di insetti o condizioni meteorologiche avverse. Tuttavia, anche le piante da appartamento sane possono sviluppare antiestetiche macchie marroni, in particolare sulle punte delle foglie. Tagliare via le punte marroni con le forbici può fornire miglioramenti estetici alla pianta, ma dovresti anche identificare e affrontare ciò che le causa all'origine.

Parte 1 di 3:
Rimuovere le Punte Marroni Preservando la Forma della Foglia

  1. 1
    Usa forbici o cesoie affilate. Per ottenere i risultati migliori dovresti usare un paio di forbici con le lame quanto più affilate possibile, che riducono al minimo i danni alle cellule della pianta diminuendo la quantità di energia che essa deve impiegare per curare la ferita.[1]
    • Va bene qualsiasi paio di forbici affilate e robuste, ma la forma e la forza delle forbici da cucina le rendono un'ottima scelta per questo lavoro.
    • Per ridurre al minimo il rischio di trasferire eventuali malattie, specialmente se stai tagliando più di una pianta, pulisci le forbici con alcol denaturato prima e dopo l'utilizzo.
  2. 2
    Rimuovi l'intera foglia solo se la maggior parte di essa è marrone. Le foglie con piccole aree marroni lungo i bordi o sulla punta producono ancora energia per la pianta attraverso la fotosintesi. Tuttavia, se una foglia è quasi completamente secca e marrone, non serve più a questo scopo e può essere rimossa.[2]
    • Se un foglia ha più di metà della superficie marrone (e ancora di più se lo sono i due terzi), allora è una buona candidata alla rimozione completa.
    • Il modo migliore per rimuovere una foglia intera è tagliare la base del suo gambo con un paio di forbici affilate. In alternativa, puoi strapparla pizzicando la base dello stelo tra le unghie del pollice e dell'indice.
  3. 3
    Taglia in modo da replicare la forma della punta della foglia. Studia la forma che hanno le punte di alcune foglie sane e riproducila il più fedelmente possibile con i tuoi tagli. Ad esempio, se hai a che fare con foglie lunghe, dritte e appuntite, esegui due tagli angolati all'estremità per ricreare una forma triangolare sulla punta.[3]
    • La sagomatura dei tagli è necessaria esclusivamente per fini estetici. Tagliare direttamente la punta della foglia per rimuovere l'area morta non reca più danni alla pianta.
    • Dopo un po' di pratica le foglie sagomate saranno indistinguibili da quelle completamente sane!
  4. 4
    Lascia sulla foglia una piccola quantità di punta marrone, se lo desideri. Alcuni giardinieri che si occupano di piante d'appartamento sostengono che è meglio lasciare un frammento molto piccolo dell'area marrone sulla foglia; in questo modo si evita di aprire una nuova ferita nella parte sana della foglia stessa, che potrebbe arrecare stress alla pianta e provocare ulteriore imbrunimento.[4]
    • Se stai tagliando solo una o due foglie, non curarti di lasciare un po' di marrone. Tuttavia, se ti stai occupando di molte foglie contemporaneamente, potresti voler limitare le ferite che crei nelle loro parti sane.
  5. 5
    A meno che non sospetti la presenza di una malattia, getta le punte marroni nel compost. Se possiedi un cumulo di compost o segui un programma di compostaggio municipale, puoi aggiungervi le punte delle foglie. Se però sospetti che la pianta d'appartamento sia malata, evita la potenziale contaminazione del compost e getta le punte nella spazzatura.
    • Le sole punte marroni raramente indicano la presenza di una malattia. Una pianta malata di solito ha numerose foglie con macchie marroni, fori o completamente brunite.[5]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Migliorare l'Innaffiatura

  1. 1
    Estrai la pianta dal vaso per controllare il terreno e le radici. Le punte marroni spesso sono dovute a un problema di irrigazione, sia eccessiva sia insufficiente. Tieni la pianta sopra il lavandino, afferrane il gambo e muovilo leggermente, quindi estraila dal vaso insieme alla sua zolla. In questo modo sarà più facile verificare l'innaffiatura eccessiva o insufficiente.[6]
    • Se il terreno si sbriciola invece di rimanere compatto, stai innaffiando la pianta troppo poco.
    • Se l'acqua gocciola dal terreno o se le radici sembrano ammuffite alle estremità, stai innaffiando eccessivamente.
  2. 2
    Rinvasa una pianta troppo innaffiata e aggiusta il programma di irrigazione. Se quando estrai la pianta dal vaso trovi il terreno e le radici zuppi d'acqua, puoi provare a lasciarla fuori dal suo contenitore per diverse ore, quindi rimetterla a posto una volta che si è un po' asciugata. Spesso, tuttavia è meglio eliminare parte del terreno inzuppato dalla zolla delle radici, quindi rinvasare la pianta insieme a un po' di terriccio fresco.[7]
    • Se le punte delle radici sembrano marce o morte puoi tagliarle via con le forbici.
    • Invece di dare alla pianta meno acqua seguendo lo stesso programma, innaffiala abbondantemente ma meno spesso. Ad esempio, se le stai dando molta acqua ogni 2 giorni, non passare semplicemente a dargliene di meno con la stessa frequenza: invece, innaffiala abbondantemente ogni 4 giorni.
  3. 3
    Inzuppa per bene il terreno quando innaffi una pianta assetata. Dopo aver compreso che il problema è un'irrigazione insufficiente, rimetti la pianta nel vaso e annaffiala bene. Ogni volta che lo fai dovrai vedere l'acqua fuoriuscire dal fondo del vaso. Se non accade, non stai innaffiando abbastanza.[8]
    • Utilizza un sottovaso per raccogliere l'acqua in eccesso oppure innaffia la pianta sopra il lavandino.
    • Continua a innaffiare la pianta seguendo lo stesso programma (ad esempio a giorni alterni), ma forniscile più acqua ogni volta. Estraila nuovamente dal vaso dopo una settimana (in un giorno in cui non la devi innaffiare) e controlla se il terreno è asciutto. Se è così, inizia a innaffiarla più frequentemente (ad esempio ogni giorno) e in maggiore quantità.
  4. 4
    Aumenta l'umidità dell'ambiente, soprattutto nel caso di piante tropicali. Oltre che dalle frequenti annaffiature, le piante tropicali necessitano di ricevere umidità dall'aria circostante. Posizionare il vaso in un contenitore poco profondo riempito di rocce e acqua può aiutare ad aumentare l'umidità intorno alla pianta. Se nella tua casa c'è l'aria molto secca, potresti anche prendere in considerazione la possibilità di piazzare un umidificatore nelle vicinanze.[9]
    • Potrebbe essere utile spruzzare le foglie una volta al giorno con un flacone spray pieno d'acqua.
    • Tieni la pianta lontana da bocchette di riscaldamento o raffreddamento, che emettono aria secca.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Altre Possibili Cause per l'Imbrunimento delle Foglie

  1. 1
    Non confondere le punte marroni con normali foglie invecchiate. Molte piante, per esempio la maggior parte delle varietà di palma, perdono regolarmente le foglie inferiori come parte della loro crescita naturale. Non c'è modo di impedire che queste foglie diventino gradualmente marroni; possono essere tagliate via una volta che sono completamente secche e scolorite.[10]
    • Una foglia con la punta marrone apparirà verde e sana in tutte le altre aree.
  2. 2
    Spruzza la pianta con acqua distillata per lavare via sale, minerali o fertilizzanti. Se la pianta non viene innaffiata troppo o troppo poco ma presenta comunque punte marroni, facilmente c'è un eccesso di uno o più minerali nel terreno, molto probabilmente il sale. I minerali in eccesso di solito provengono da acqua di rubinetto dura o da un esagerato apporto di fertilizzante. Per sciacquare via il sale o i minerali, posiziona il vaso sul lavandino e usa l'acqua distillata per "lavare" il terreno, ovvero continua a versarne fino a quando una buona quantità non è passata attraverso fori di scarico.[11]
    • Sciacqua il terreno con acqua distillata 2-3 volte nel corso di diversi minuti.
    • Per evitare problemi futuri, innaffia la pianta con acqua distillata e riduci l'uso di fertilizzanti.
  3. 3
    Controlla la presenza di piccoli fori, che indicano un'infestazione di insetti. Piccole macchie marroni o fori nelle foglie delle piante d'appartamento possono essere il segno di un'infestazione di insetti. Controlla la presenza di parassiti nel terreno e sulla faccia inferiore delle foglie così da poter affrontare il problema prima che peggiori.[12]
    • Se hai bisogno di aiuto per identificare probabili parassiti nelle tue piante d'appartamento e desideri consigli su come sbarazzartene, contatta un'impresa di disinfestazioni o visita un vivaio.
    Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Forbici o cesoie affilate

wikiHow Correlati

Piantare un Albero di Avocado
Fare Talee di RosaFare Talee di Rosa
Piantare i Semi di CiliegioPiantare i Semi di Ciliegio
Innaffiare le OrchideeInnaffiare le Orchidee
Raccogliere il BasilicoRaccogliere il Basilico
Ravvivare un'Orchidea che non FiorisceRavvivare un'Orchidea che non Fiorisce
Coltivare un Albero di GiadaColtivare un Albero di Giada
Eliminare le Formiche dalle Piante in VasoEliminare le Formiche dalle Piante in Vaso
Favorire la Fioritura delle OrchideeFavorire la Fioritura delle Orchidee
Rinvigorire una Pianta di Aloe Vera AppassitaRinvigorire una Pianta di Aloe Vera Appassita
Prendersi Cura delle OrchideePrendersi Cura delle Orchidee
Ottenere una Pianta di Aloe da una Foglia
Potare e Raccogliere la LavandaPotare e Raccogliere la Lavanda
Far Rifiorire gli AmarilliFar Rifiorire gli Amarilli
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Chai Saechao
Co-redatto da:
Specialista Piante
Questo articolo è stato co-redatto da Chai Saechao. Chai Saechao è fondatore e titolare di Plant Therapy, un negozio di piante al coperto fondato nel 2018 che si trova a San Francisco, in California. Autodefinitosi “dottore delle piante”, crede nel loro potere terapeutico e spera di continuare a condividere il suo amore per le piante con chiunque voglia ascoltare e imparare. Questo articolo è stato visualizzato 87 258 volte
Categorie: Giardinaggio
Questa pagina è stata letta 87 258 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità