Come Rimuovere un Lavello

In questo Articolo:Scollegare il LavandinoRimuovere il Lavello5 Riferimenti

Sono pochi gli elementi della casa che vengono usati tanto quanto i lavelli della cucina; sono chiaramente indispensabili per lavorare bene, ma dopo alcuni anni di usura possono diventare obsoleti, macchiati o avere delle perdite. Un lavandino nuovo è spesso in grado di risolvere tali problemi, migliorando l'aspetto estetico e la funzionalità della cucina. Tuttavia, per prima cosa devi capire come sbarazzarti di quello attuale. Segui le istruzioni di questo articolo per imparare a rimuovere un vecchio lavello dalla cucina.

Parte 1
Scollegare il Lavandino

  1. 1
    Valuta il tipo di lavandino che possiedi. Quelli che vengono installati in cucina sono generalmente di due modelli: quelli da incasso, fissati sotto il ripiano della cucina, e quelli che vengono semplicemente appoggiati sopra l'apertura del ripiano stesso. Ci sono solo alcune piccole differenze nel metodo di smontaggio di queste tipologie e verranno descritte nel corso dell'articolo.
  2. 2
    Apri il mobiletto sotto il lavello. La maggior parte del lavoro deve essere svolta proprio qui; togli quindi tutto il materiale presente, in modo da avere più spazio per muoverti, per collocare un secchio e gli attrezzi.
  3. 3
    Indossa gli occhiali di protezione e i guanti. Lo spazio sotto il lavandino è piccolo e ristretto, con parecchi tubi e altri pericoli per gli occhi. Il lavoro è piuttosto impegnativo per le mani che si possono anche sporcare, vale quindi la pena indossare dei guanti. Ricorda che usare i dispositivi individuali di protezione può sembrare a volte una seccatura, ma potrebbero risparmiarti dolore e ferite nel lungo periodo.
  4. 4
    Stacca il tritarifiuti dall'impianto elettrico, se lo possiedi. L'elettricità e l'acqua non vanno d'accordo, è quindi una buona idea scollegare questo elettrodomestico quanto prima. Dovresti inoltre spegnere il circuito che lo alimenta; avvicinati alla scatola dei fusibili dell'abitazione e abbassa l'interruttore che controlla la presa del tritarifiuti.
  5. 5
    Chiudi la fornitura d'acqua al lavello. Sotto di esso dovrebbero esserci due valvole separate, una per l'acqua calda e una per quella fredda. In certi casi, la valvola dell'acqua calda è di colore rosso, mentre quella per l'acqua fredda è blu, ma non è una regola sempre valida. A prescindere da questo, ruota entrambe le manopole in senso orario finché non sono completamente serrate. Controlla ancora una volta che siano ben chiuse aprendo il rubinetto del lavello: all'inizio potrebbe uscire un po' d'acqua, ma alla fine il flusso dovrebbe interrompersi.
    • Se l'acqua continua a uscire dal rubinetto, dovresti chiamare un idraulico per cambiare le valvole, oppure puoi farlo tu stesso, se hai una buona esperienza in questo campo.
    • Se non vedi le valvole sotto il lavello, devi cercarle lungo l'impianto idraulico. Segui il percorso dei tubi per quanto possibile, cercando i rubinetti che permettono di interrompere la fornitura d'acqua. Se non ci sono altre possibilità, chiudi la valvola generale dell'impianto di tutta l'abitazione o quella che si trova nell'alloggiamento del contatore.[1]
  6. 6
    Scollega da sotto il rubinetto i tubi che portano l'acqua. Questi elementi sono in genere flessibili, in plastica e collegano le valvole al lavandino grazie a dadi di metallo. Poiché l'attacco si trova sotto e dietro il lavello, può essere piuttosto scomodo o complicato raggiungerlo. Usa una chiave inglese regolabile, una pinza a pappagallo o una chiave a forchetta per allentare il dado presente, in base all'attrezzo che riesci a inserire con maggiore facilità. Tieni il tubo fermo con una mano mentre sviti il dado con l'altra: in questo modo puoi mantenerlo verticale quando è completamente staccato. Nel condotto è presente un po' di acqua, tieni quindi un secchio a portata di mano per travasare il liquido.
    • È una buona idea appoggiare degli asciugamani sulla base del mobiletto del lavello, per assorbire immediatamente ogni schizzo e ridurre i tempi della successiva fase di pulizia.
    • Se il punto di collegamento tra il lavello e i tubi è completamente inaccessibile, puoi staccare questi ultimi in prossimità delle valvole generali. Ricorda però di procedere con cautela: se rompi le connessioni con questi rubinetti, allaghi la cucina.
  7. 7
    Smonta lo scarico dal lavello. Questo tubo di plastica è collegato alla base del filtro metallico del lavandino grazie a una ghiera di serraggio o a un dado tubolare. Per prima cosa devi allentare il dado che fissa il filtro allo scarico usando una pinza a pappagallo o una chiave inglese regolabile; si tratta in genere di un dado di plastica che può essere allentato a mano, applicando ovviamente un po' di forza. Una volta svitato parzialmente, non separare subito i vari elementi! Devi allentare la ghiera di serraggio il più possibile, facendola avvicinare al sifone, la parte del tubo di scarico che ha un'evidente forma a "J" o a "U". Svitando anche questa ghiera puoi staccare l'intero condotto, dal filtro all'estremità del sifone, senza causare alcun danno. Ricorda di tenere il secchio a portata di mano per catturare ogni fuoriuscita d'acqua.
    • Se il lavello è fissato alla parte inferiore del ripiano della cucina, devi smontare più elementi dello scarico per avere lo spazio necessario per sfilare il lavandino stesso. Togli il condotto di scarico che si estende oltre il sifone, in modo da poter inclinare ed estrarre il lavandino dal mobile. Tutto quello che smonti può essere riposizionato senza difficoltà, fintanto che lasci un tubo che spunta per un paio di centimetri dalla parte inferiore del lavello.
    • La connessione con ghiera è costruita per essere smontata a mano, ma se non ci riesci, puoi avvolgerla con uno straccio e ruotarla delicatamente con una pinza a pappagallo per evitare di danneggiarla.
  8. 8
    Scollega il tritarifiuti, se ne hai uno. Per prima cosa, devi staccare il tubo di scarico dall'elettrodomestico. Svita il collegamento principale che si trova fra il tritarifiuti e il tubo di scarico usando un cacciavite.
    • Potrebbe essere necessario rimuovere anche lo scarico della lavastoviglie, se questo è stato fatto passare attraverso il tritarifiuti. Si tratta di una connessione semplice che dovresti riuscire a smontare senza problemi usando un cacciavite o una chiave inglese, in base al tipo di giunto.
  9. 9
    Rimuovi il tritarifiuti, se ne possiedi uno. Alcuni modelli sono dotati di una speciale chiave a brugola che sblocca l'elemento dalla struttura di montaggio e che dovrebbe essere inclusa nella confezione al momento dell'acquisto. Ruota la chiave speciale in senso antiorario con una mano, mentre con l'altra sorreggi il tritarifiuti. Altri modelli sono invece fissati alla base del lavello attraverso degli anelli d'arresto. In tal caso, un anello è attaccato al lavandino, l'altro al tritarifiuti e sono collegati fra loro attraverso diverse viti, che puoi allentare e togliere facilmente quando stacchi il dispositivo. In entrambi i casi, il tritarifiuti si stacca rapidamente e devi mantenere una presa salda per non farlo cadere.
    • In genere, nei lavelli dotati di due scompartimenti, il primo è direttamente collegato allo scarico, mentre l'altro al tritarifiuti; se questo è il tuo caso, devi smontare entrambe le connessioni.

Parte 2
Rimuovere il Lavello

  1. 1
    Taglia il silicone che si trova lungo il perimetro del lavandino. Usa una taglierina e incidi con cautela il sigillante lungo il bordo del lavello. Fai attenzione a non tagliare il ripiano di lavoro, se hai intenzione di riutilizzarlo.
  2. 2
    Separa il lavello dal piano di lavoro della cucina. Se possiedi un modello che è fissato sotto il ripiano, prima di tutto hai bisogno dell'aiuto di un'altra persona che lo sorregga mentre tu lo stacchi, in modo da evitare che il lavello ti cada addosso. I lavandini montati dall'alto possono invece essere staccati da una sola persona. Svita le clip di metallo che fissano il lavello al ripiano della cucina; usa un cacciavite e stacca i piccoli gancetti facendo attenzione. Non è facile accedere a queste viti che potrebbero essere anche arrugginite, prenditi quindi tutto il tempo necessario e abbi pazienza.
    • Affinché chi ti aiuta possa sostenere il lavello, smonta il filtro dallo scarico, in modo che possa afferrarlo attraverso il foro. Il filtro è fissato grazie a un dado di sicurezza che si trova proprio sotto il lavandino. Per svitarlo hai bisogno di una grossa pinza a pappagallo, quindi ruotalo in senso orario finché non è completamente staccato. Successivamente, puoi semplicemente picchiettare la base del filtro verso l'alto per separarlo dalla base del lavandino.
  3. 3
    Vai sotto il lavello e spingilo verso l'alto per allentarlo. Se non si muove facilmente, fallo oscillare lateralmente e spingilo in alto finché non inizia a cedere lungo tutto il perimetro. Se incontri delle difficoltà e temi di staccare dei pezzi di laminato dal ripiano della cucina, chiedi a un aiutante di tagliare gradualmente il silicone, mentre tu spingi un lato del lavello verso l'alto. Questa tecnica dovrebbe consentirti di rimuovere il pezzo senza danneggiare accidentalmente la rifinitura del bancone.
  4. 4
    Stacca il lavandino dal ripiano della cucina. I modelli in acciaio inox che si inseriscono dall'alto sono sufficientemente leggeri da poter essere sollevati da una persona sola; diversamente, quelli vecchi in ceramica sono molto pesanti ed è necessario l'intervento di qualcun altro. Staccare un lavello montato sotto il ripiano è un lavoro un po' più complesso. Devi inclinarlo mentre lo sfili dall'apertura del mobiletto, prestando attenzione a non rovinare alcuna superficie o i tubi rimanenti.
  5. 5
    Pulisci le superfici ed elimina ogni schizzo. Usa una lama di rasoio o una spatola metallica per raschiare via i residui del vecchio silicone o del mastice idraulico che sono rimasti sul ripiano della cucina. Verifica che tutto sia pulito prima di installare il nuovo lavello; ricorda inoltre di asciugare tutta l'acqua che è fuoriuscita durante i lavori di rimozione.

Consigli

  • Per montare un nuovo lavandino potrebbe essere necessario modificare la lunghezza dei tubi che si trovano sotto di esso; se stai usando quelli in PVC, puoi farlo senza troppe difficoltà. Dovresti anche considerare l'ipotesi di cambiare tutte le tubature sotto il lavello ogni volta che monti un nuovo elemento, dato che ci sono parecchie probabilità che quelle vecchie abbiano delle perdite.
  • Se stai sostituendo il lavello, valuta di cambiare anche i rubinetti e i tubi. Questi lavori sono più semplici da svolgere quando il lavandino è stato rimosso.
  • Se necessario, procurati una torcia o una lampada da lavoro da appendere nel mobiletto sotto il lavandino. Non puoi tenere la luce in mano mentre lavori, quindi fai in modo di illuminare bene lo spazio senza che sia necessario il tuo intervento.

Cose che ti Serviranno

  • Chiave giratubi o pinza a pappagallo
  • Cacciavite
  • Taglierina
  • Secchio
  • Asciugamani
  • Lampada da lavoro
  • Guanti da lavoro
  • Occhiali di protezione

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 9 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Manutenzione Domestica

In altre lingue:

English: Remove a Kitchen Sink, Español: retirar el fregadero de la cocina, Русский: снять кухонную раковину, Português: Remover uma Pia de Cozinha, Deutsch: Eine Küchenspüle abbauen, Français: démonter un évier de cuisine

Questa pagina è stata letta 11 776 volte.
Hai trovato utile questo articolo?