Scarica PDF Scarica PDF

Una scheggia nella pelle può causare dolore, ma può essere peggio toglierla; in certi casi, il dolore è talmente intenso che alcune persone ritengono opportuno rivolgersi al medico. Invece di stuzzicare e tormentare la pelle per estrarre il frammento fastidioso o andare dal medico, con quello che comporta in termini di tempo e costi, puoi usare dei prodotti casalinghi per procedere.

Metodo 1
Metodo 1 di 2:
con Prodotti Casalinghi

  1. 1
    Esamina la scheggia. Usa una lente d'ingrandimento per osservarla; verifica la profondità che ha raggiunto. Fai scorrere dell'acqua corrente e tieni la zona sotto il rubinetto, tamponando poi con un panno pulito per asciugarla.[1]
  2. 2
    Usa il nastro adesivo per toglierla con delicatezza. Questo metodo è più efficace per quelle schegge che protrudono dalla pelle; prendi un pezzetto di nastro adesivo comune o telato e appoggialo sull'epidermide da trattare.
    • Strappa quindi il nastro nella direzione opposta a quella del frammento; per esempio, se questo è inclinato verso destra, devi tirare il nastro verso sinistra.
    • Assicurati che la pelle circostante sia asciutta e che il nastro sia pulito; se quest'ultimo è vecchio e coperto di polvere o sporcizia, potrebbe provocare un'infezione.
  3. 3
    Prova la colla. Applica un po' di colla vinilica sul corpo estraneo e sulla pelle circostante; aspetta che si asciughi e si indurisca. Quando è secca, toglila lentamente; la scheggia dovrebbe restare attaccata all'adesivo e uscire senza bisogno di stuzzicarla in maniera dolorosa.
    • Assicurati di usare una colla atossica e molto leggera, come quella per uso scolastico, e non la supercolla o quella per legno, che potrebbe creare ancora più danni alla pelle quando cerchi di toglierla assieme alla scheggia.
  4. 4
    Applica il bicarbonato di sodio. Mescolalo assieme all'acqua per creare un impasto; inizia con un cucchiaio circa di bicarbonato e 60 ml di acqua o comunque una quantità sufficiente per formare un impasto denso; applica quindi la miscela sulla zona da trattare e coprila con un cerotto. Lascia cerotto e bicarbonato in sede per circa 24 ore; trascorso questo periodo, toglili e cerca il frammento che puoi estrarre con delle pinzette.
    • L'impasto di bicarbonato rende più facile individuare l'elemento estraneo e ne semplifica la rimozione.
  5. 5
    Usa una pomata all'ittiolo. Puoi trovarla in farmacia o in parafarmacia e agisce più o meno come il bicarbonato di sodio; spalmala sulla pelle attorno al frammento, coprila con un cerotto e lasciala agire per 24 ore. Al termine togli il cerotto, dovresti notare che l'elemento è uscito spontaneamente.
    • Quando usi questa pomata, non devi estrarre la scheggia con le pinzette; è l'ittiolo stesso che ne favorisce l'espulsione, facendola risalire verso la superficie.
    • Al posto dell'ittiolo puoi usare il perossido di idrogeno.
  6. 6
    Applica il sale di Epsom. Versane un po' sulla garza di un cerotto e avvolgi quest'ultimo sull'oggetto estraneo; il sale dovrebbe favorirne lentamente l'uscita dalla pelle. Ripeti la procedura ogni giorno finché non te ne liberi.[2]
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 2:
con Prodotti Naturali

  1. 1
    Prova un miscuglio di pane e latte caldo. Puoi tentare di rimuovere la scheggia usando prodotti naturali che trovi in cucina, come appunto questi due alimenti.
    • Per iniziare, metti il latte in un piccolo bollitore e appoggialo sul fornello finché non diventa caldo, assicurandoti però che la temperatura sia adatta per essere applicato sulla pelle; versalo quindi in una ciotola resistente al calore.
    • Metti alcuni pezzi di pane nella ciotola e aspetta che assorbano completamente il latte per alcuni minuti; una volta umidi, appoggiali sulla zona da trattare fissandoli con un cerotto o un pezzo di garza.
    • Lasciali sulla pelle per il maggior tempo possibile e infine rimuovili; si spera che a questo punto il frammento sia fuoriuscito grazie all'azione del latte caldo e del pane.
  2. 2
    Immergi la zona colpita nell'aceto bianco. Si tratta di una sostanza acida che può restringere la pelle attorno alla scheggia, facilitandone in questo modo la fuoriuscita. Per questo metodo puoi usare indifferentemente l'aceto bianco o quello di mele.
    • Versa 120 ml di aceto in una ciotola e tieni in ammollo la zona affetta. Controlla se il frammento esce dopo 10 o 15 minuti; l'aceto potrebbe richiedere anche un po' più di tempo per agire e potrebbe essere necessario aspettare fino a mezz'ora. Se questo rimedio non funziona al primo tentativo, immergi la pelle in acqua calda e prova ancora.
    • Tieni presente che l'aceto può provocare una sensazione pungente se il corpo estraneo ha generato una ferita aperta; procedi con cautela quando usi questo liquido attorno a tagli o ferite cutanee.
  3. 3
    Togli la scheggia con la buccia di banana. Per questo metodo ti serve la parte interna della buccia del frutto; l'umidità presente in essa aiuta a estrarre l'elemento estraneo.[3]
    • Taglia un pezzetto quadrato di buccia di banana e appoggialo sulla zona da trattare, coprendola con un cerotto.
    • Lascia la buccia sulla pelle per tutta la notte; dovrebbe portare il frammento verso la superficie dell'epidermide e il più delle volte si attacca alla buccia stessa.
  4. 4
    Usa un uovo. Puoi eliminare l'oggetto estraneo con la membrana simile alla carta che ricopre l'interno del guscio.[4]
    • Per procedere rompi un uovo e togli il tuorlo, dovresti vedere che il lato interno del guscio ha una membrana simile alla carta.
    • Metti un pezzetto di questa pellicola sulla scheggia bloccandolo con un cerotto e tienilo in posizione tutta la notte; la membrana dell'uovo dovrebbe entrare nel frammento e favorirne l'espulsione dalla pelle. Il mattino successivo puoi togliere il cerotto, al quel punto l'elemento estraneo dovrebbe essere uscito.
  5. 5
    Applica delle fette di patata. Questo metodo sfrutta l'umidità naturale dell'ortaggio per favorire l'espulsione della scheggia. Assicurati che la patata sia fresca e senza muffa, dato che devi appoggiarla direttamente sulla pelle.[5]
    • Tagliala in piccoli pezzi o fette e applicali sulla zona interessata bloccandoli con una garza o un cerotto per tenerli in posizione.
    • Lascia i pezzi della verdura sulla pelle almeno un'ora, controllando regolarmente la situazione. Se il frammento è più profondo e più grande, potrebbe essere necessario aspettare anche tutta la notte per riuscire a toglierlo completamente. Il mattino successivo togli l'ortaggio e a quel punto dovresti riuscire a estrarre facilmente il corpo estraneo.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Se non ottieni risultati soddisfacenti con questi rimedi o manifesti febbre, brividi, arrossamento, gonfiore o essudato dalla ferita, è opportuno che tu ti rivolga al medico per ottenere una valutazione professionale.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Guarire un Labbro SpaccatoGuarire un Labbro Spaccato
Capire se hai la Nocca FratturataCapire se hai la Nocca Fratturata
Rimuovere un Cerotto Senza DoloreRimuovere un Cerotto Senza Dolore
Rimuovere i Residui Adesivi di un Cerotto dalla PelleRimuovere i Residui Adesivi di un Cerotto dalla Pelle
Stabilire se un Dito è FratturatoStabilire se un Dito è Fratturato
Togliere una Scheggia Sotto le UnghieTogliere una Scheggia Sotto le Unghie
Rimarginare la Lingua MorsicataRimarginare la Lingua Morsicata
Diagnosticare un Pollice RottoDiagnosticare un Pollice Rotto
Far Guarire un Taglio sulla LinguaFar Guarire un Taglio sulla Lingua
Capire se un Piede è RottoCapire se un Piede è Rotto
Curare un Taglio nel NasoCurare un Taglio nel Naso
Gestire il Dolore di un Dito Chiuso Nella PortaGestire il Dolore di un Dito Chiuso Nella Porta
Sapere se ti Sei Rotto un Dito del Piede
Fare la Doccia con un Arto IngessatoFare la Doccia con un Arto Ingessato
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Shari Forschen, NP, MA
Co-redatto da:
Infermiera Specialista Clinica
Questo articolo è stato co-redatto da Shari Forschen, NP, MA. Shari Forschen lavora come Infermiera Registrata al centro Sanford Health, nel Dakota del Nord. Ha conseguito la Laurea in Scienze Infermieristiche Generali e Cliniche presso la University of North Dakota e lavora come infermiera dal 2003. Questo articolo è stato visualizzato 6 686 volte
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 6 686 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità