Scarica PDF Scarica PDF

Potresti avere la sensazione di aver completato il ciclo di trattamento e di essere riuscito a gestire correttamente il disturbo ossessivo-compulsivo, ma un fattore scatenante rovina tutto e ti riporta al punto di partenza. Potresti pensare che è impossibile riprendersi da una ricaduta, ma ci sono invece delle speranze. Sebbene non sempre i pensieri ossessivi scompaiano, è importante avere un piano per affrontarli quando si ripresentano.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Gestire le Ricadute e i "Passi Falsi"

  1. 1
    Affronta i sentimenti di dubbio e colpa. Entrambi sono considerati i principali aspetti del disturbo. I primi si manifestano praticamente in qualsiasi situazione, per qualunque argomento, evento, persona e sono spesso futili; il senso di colpa svolge un ruolo importante, ti senti personalmente responsabile per cose che non hanno a che fare con te e continui a pensare: "Se solo...". Ricordati sempre che sei responsabile solo di te stesso e che in linea generale fai del tuo meglio. Potresti provare delle emozioni negative, soprattutto dopo una recidiva; non devi ignorarle, ma neppure continuare a rimuginare, altrimenti non fai altro che alimentare il disturbo.[1]
    • Se ti accorgi di provare incertezza (ti chiedi se hai fatto tutto quello che potevi, se sei davvero sano di mente, se diventerai un criminale o se mai riuscirai a superare il tuo problema mentale), affronta queste emozioni. Cerca di analizzare se tali sentimenti nascono per una ragione legittima o sono innescati dal disturbo ossessivo-compulsivo e fai la stessa cosa con il senso di colpa.
  2. 2
    Comprendi la differenza fra ricaduta e "passo falso". Potresti godere di un periodo in cui il disturbo non si manifesta e poi vivere ancora i pensieri ossessivi in maniera improvvisa. Una volta che questi ultimi sono riemersi, potresti sentire la necessità di assumere i comportamenti compulsivi; tale meccanismo viene considerato come uno "sbandamento momentaneo". Una recidiva, invece, prevede che al riemergere delle ossessioni si instauri un pensiero rigido o assoluto, per esempio potresti credere di aver sprecato tutta la terapia e di essere ricaduto completamente nel circolo vizioso del disturbo; questo genere di riflessioni è correlato a una ricaduta.[2]
    • Per esempio, l'uso di un bagno pubblico sporco potrebbe innescare la reazione ossessivo-compulsiva in una persona con la paura del contagio, costringendola a lavarsi ripetutamente; in questo caso si parla di "passo falso".
  3. 3
    Organizzati per gestire tali avvenimenti. Anticipa le situazioni che potrebbero causare una riacutizzazione dei sintomi o farti cadere in un circolo di paure o pensieri ossessivi. Se sai che dovrai affrontare un momento di grande disagio (per esempio soffri di paura del contagio e sarai circondato da molte persone), sii pronto a questi pensieri inopportuni. Riconosci che la loro presenza è causata dallo stress che stai vivendo, dovuto in parte al disturbo mentale e che non si tratta di un fallimento.
    • Ripeti a te stesso che sei consapevole di vivere una situazione difficile, che le paure o le ossessioni possono presentarsi, ma che questo non implica necessariamente un fallimento della terapia.
  4. 4
    Gestisci i passi falsi. Se ne hai identificato uno, valuta cosa lo ha scatenato e come puoi prevenirlo in futuro; potresti accorgerti che ci sono molte situazioni responsabili di questi fenomeni, è quindi vitale avere un piano d'azione per gestirli. Rifletti sugli aspetti che hai affrontato durante la terapia e cerca di ripetere il processo da solo. Quando senti che i sintomi stanno per ripresentarsi, esponiti all'oggetto della paura, imponiti di interrompere i rituali compulsivi, affronta l'ansia e ripeti il processo.[3]
    • Ricorda a te stesso che sei perfettamente consapevole di vivere una situazione stressante, ma che sei in grado di gestirla; l'esposizione alla paura ti aiuta a lavorare sulle ansie passate e non hai bisogno di ricorrere ai rituali compulsivi.
  5. 5
    Accetta il fatto che il recupero non è perfetto. Nessuno lo è, non devi quindi importi degli standard troppo elevati. A volte, potresti dimenticare i farmaci o essere trascinato da pensieri ossessivi; invece di abbatterti per essere "uscito dal tracciato", concentrati sugli sforzi che hai fatto e riparti.[4]
    • Non c'è bisogno di sentirsi in colpa o di vergognarsi, perdonati e riprendi da dove sei caduto.
    • Se mantieni un approccio rigido in merito al trattamento e ai successi, tale comportamento potrebbe ritorcersi contro di te; sii consapevole che le ossessioni non spariranno mai completamente e che potresti essere esposto a paure e fattori scatenanti.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Gestire Efficacemente i Sintomi

  1. 1
    Affronta immediatamente le ossessioni. Queste si manifestano in genere perché vuoi evitare una situazione che ti fa paura e da questo tentativo di elusione nascono i comportamenti compulsivi. Le recidive sono il risultato di tale meccanismo di cui perdi il controllo e che ti spinge a cadere nei rituali per resistere alla paura; è invece fondamentale affrontare le paure nel momento in cui si manifestano e gestirle correttamente quanto prima.[5]
    • Per esempio, è possibile provare paura per i germi; se però non la combatti immediatamente, questa emozione potrebbe costringerti a lavarti le mani o a pulire la casa ripetutamente nel tentativo di calmare l'ansia. Per affrontare tale paura devi riconoscere che la stai provando, che i germi esistono e che a volte le persone si ammalano, ma che hai fatto del tuo meglio per pulire la casa e te stesso riducendo il rischio di contagio.
  2. 2
    Esponiti alle cause dell'ansia. Più affronti le cose che ti fanno sentire ansioso e meglio le gestisci. Resisti o ritarda le reazioni compulsive che vengono scatenate da questi fattori; una maggiore esposizione ti permette di ridurre gradualmente l'intensità delle emozioni negative che provi fino alla loro completa scomparsa. Ti accorgi così che hai meno paura e maggior controllo rispetto al passato.[6]
    • Per esempio, se senti il bisogno che gli oggetti siano disposti in maniera simmetrica, prova a lasciare una cosa fuori posto di proposito e aspetta 30 secondi prima di riordinarla. Ripeti questo esercizio riconoscendo ogni volta che la mancanza di simmetria genera un disagio sempre minore.
  3. 3
    Anticipa i pensieri ossessivi e la necessità di comportamenti compulsivi. Se hai delle compulsioni o delle ossessioni che si manifestano spesso, inizia ad anticiparle e a combattere i "rituali" che scatenano. Se continui a controllare le azioni che hai svolto (per esempio aver chiuso le porte, le finestre e aver spento il fornello), crei un'immagine mentale del compito portato a termine; puoi anche pronunciare ad alta voce "Ho chiuso le finestre".[7]
    • Se le idee ossessive o i timori si fanno vivi, prendine nota e ricordati che si tratta di un pensiero ossessivo e che sai di avere svolto quella determinata azione.
  4. 4
    Cerca di distrarti. Le ossessioni sono normali e devi aspettarti di viverle quando gestisci un disturbo mentale di questo genere; non agitarti per la loro presenza, trova invece un piano per allontanarle quando si presentano. Ad esempio, trova un'attività che ti distragga finché il pensiero non svanisce e il bisogno di impegnarti in un rituale compulsivo non passa; puoi fare una passeggiata, leggere un libro o ascoltare la musica.[8]
    • Ammetti che avere questo tipo di pensieri non è motivo di vergogna, ma che è importante avere un piano d'azione per gestirlo.
  5. 5
    Cerca di vivere un'esistenza equilibrata. Impegnati per dormire a sufficienza, segui un'alimentazione sana e svolgi regolarmente attività fisica; trascorri del tempo con gli amici, instaura relazioni sociali e trova un equilibrio per evitare lo stress eccessivo. Bilanciare i vari aspetti elementari della vita ti permette di riprenderti e minimizzare i momenti difficili.[9]
    • L'equilibrio esteriore ti aiuta a mantenere quello interiore e a rendere ogni giorno prevedibile.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Recuperare Attraverso la Terapia e il Supporto Sociale

  1. 1
    Parla con uno psicologo. Se hai interrotto le sedute o non ti sei mai rivolto a questo specialista, è giunto il tempo di farlo; informalo che incontri delle difficoltà con la malattia e che recentemente hai avuto una ricaduta. Impegnati per prevenire recidive future e per apprendere delle tecniche di gestione dei sintomi. Collabora con lo psicologo per identificare le specifiche cause scatenanti per poterle evitare. [10]
    • L'approccio terapeutico migliore è quello definito "cognitivo-comportamentale" (TCC), ma si rivela utile anche la terapia di esposizione e prevenzione ai fattori scatenanti (un tipo di TCC). In questo secondo caso, il paziente è progressivamente esposto a oggetti o situazioni che potrebbero innescare una recidiva e gli viene insegnato come gestire al meglio l'ansia e l'ossessione.
  2. 2
    Trova un supporto sociale. Va benissimo chiedere aiuto e sostegno agli amici e ai familiari; condividi la tua esperienza con qualcuno che ti vuole bene, che vuole ascoltarti e supportarti. Fai uno sforzo per passare del tempo con gli amici, con la famiglia e per mantenere una vita sociale attiva anche quando preferiresti isolarti.[11]
    • Se ti ritiri in te stesso, aumenti il rischio di soffrire d'ansia a causa del disturbo ossessivo-compulsivo; circondati invece di persone che ti vogliono bene.
  3. 3
    Entra a far parte di un gruppo di supporto. È il modo migliore per incontrare gente che sta faticosamente affrontando l'ansia e i sintomi della malattia. Puoi condividere le tue esperienze, dare e ricevere consigli, condividere dei suggerimenti e percepire la sensazione di appartenere a una comunità, oltre a stringere nuove amicizie.[12] Valuta di unirti a un gruppo di mutuo-aiuto, di sostegno o a delle sedute di psicoterapia di gruppo per pazienti che hanno difficoltà a gestire l'ansia e il disturbo.
    • Se non c'è un'iniziativa di questo tipo nelle vicinanze, cerca un gruppo online.
    • Puoi avere maggiori informazioni rivolgendoti al medico di famiglia o allo psicologo.
  4. 4
    Continua il trattamento. Se decidi di interrompere la cura farmacologica perché ti senti meglio, potresti causare una recidiva. Potresti credere di essere "guarito" o che il disturbo ossessivo-compulsivo fosse solo una "fase". Sfortunatamente, questa è una patologia cronica che deve essere trattata e prevenuta; si può gestire in maniera efficace, ma non esiste una "cura" definitiva.[13] Il trattamento prevede solitamente una combinazione di farmaci e psicoterapia;[14] non devi mai sospendere alcuna terapia, in modo da mantenere i sintomi in fase silente e avere il controllo della vita.
    • La terapia farmacologica è a base di antidepressivi fra cui: clomipramina, fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina e sertralina.[15]
    • Non interrompere mai la cura con gli antidepressivi senza il parere favorevole del medico, perché si possono scatenare gravi effetti collaterali che a volte vengono definiti sindrome da sospensione.
    • I soli farmaci raramente sono efficaci, in genere la loro azione è migliore quando vengono utilizzati in combinazione con la psicoterapia.[16]
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Superare un'OssessioneSuperare un'Ossessione
Smettere di PiangereSmettere di Piangere
Gestire il Comportamento Passivo AggressivoGestire il Comportamento Passivo Aggressivo
Proteggerti da uno PsicopaticoProteggerti da uno Psicopatico
Controllare gli Impulsi SessualiControllare gli Impulsi Sessuali
Riconoscere uno Psicopatico ProsocialeRiconoscere uno Psicopatico Prosociale
Nascondere le Cicatrici Causate dall'AutolesionismoNascondere le Cicatrici Causate dall'Autolesionismo
Stare Bene con Se StessiStare Bene con Se Stessi
Superare un Periodo DifficileSuperare un Periodo Difficile
Superare un Momento ImbarazzanteSuperare un Momento Imbarazzante
Aiutare Qualcuno con una Bassa AutostimaAiutare Qualcuno con una Bassa Autostima
Smettere di Essere AutolesionistaSmettere di Essere Autolesionista
Vivere con una Persona Eccessivamente CriticaVivere con una Persona Eccessivamente Critica
Smettere di Essere GelosoSmettere di Essere Geloso
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Padam Bhatia, MD
Co-redatto da:
Psichiatra Iscritto all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Padam Bhatia, MD. Il Dottor Padam Bhatia è uno psichiatra iscritto all'albo che dirige la clinica Elevate Psychiatry, con sede a Miami. È specializzato in trattamenti che si fondano su una combinazione di medicina tradizionale e terapie olistiche basate sull'evidenza. È anche specializzato in terapia elettroconvulsivante (TEC), stimolazione magnetica transcranica (TMS), cura compassionevole e medicina complementare e alternativa (MCA). È iscritto all'American Board of Psychiatry and Neurology ed è membro dell'American Psychiatric Association (FAPA). Si è laureato in Medicina al Sidney Kimmel Medical College ed è stato il capo degli specializzandi nell'area di psichiatria per adulti presso lo Zucker Hillside Hospital di New York. Questo articolo è stato visualizzato 10 131 volte
Categorie: Salute Mentale
Questa pagina è stata letta 10 131 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità