Come Riprendersi dalla Sindrome del Nido Vuoto

Il nido familiare è come il nido degli uccelli. Quando i piccoli imparano a volare, volano via perché così è la vita. Quindi, i genitori devono fare i conti con il vuoto creato dall'assenza dei figli quando volano via per costruirsi il loro nido. Tuttavia, per alcuni, specialmente per i genitori più affettuosi, può essere un periodo difficile di grande tristezza, che può portare facilmente alla depressione se non si prendono le precauzioni giuste. Questo articolo esamina sia i metodi che aiutano i figli ad allontanarsi da casa senza preoccupazioni, sapendo di lasciarsi alle spalle un punto d'appoggio solido, sia i metodi per aiutare i genitori a superare meglio il dolore della separazione.

Passaggi

  1. 1
    Innanzitutto, bisogna prepararsi alla partenza. Se i tuoi figli hanno intenzione di partire il prossimo anno, assicurati che sappiano bene come avere cura di sé. Assicurati che sappiano come lavarsi i vestiti, cucinare, gestire le liti con il vicinato, usare il libretto degli assegni, negoziare per avere delle buone offerte nei negozi e come apprezzare il valore dei soldi. Mentre alcune di queste cose miglioreranno con la pratica, è bene mostrare loro come agire in certe situazioni per evitare di lasciarli alla deriva. Se necessario, puoi anche consigliare dei siti internet, come wikiHow, per approfondire determinati argomenti e scoprire come fare le faccende di casa o affrontare vari aspetti della vita.
    • Se i tuoi figli decidono di partire all'improvviso, non andare in panico. Accetta la realtà e sii entusiasta per loro, offrendo il supporto necessario quando ne hanno bisogno. È meglio che sappiano che li supporti e li ami sempre, che sei pronto ad aiutarli in ogni momento, anziché farti vedere preoccupato e agitato.
  2. 2
    Metti da parte i pensieri terrificanti. Meglio trattare questa situazione come un'avventura. I tuoi figli saranno pieni di emozioni, fuori di sé e terrificati allo stesso tempo per l'esperienza che stanno per fare. Se i tuoi figli sono preoccupati, rassicurali dicendo loro che è normale sentirsi così perché le cose che non conosciamo fanno paura. Però, aiutali spiegando loro che quando saranno immersi nella loro nuova routine, tutto diventerà familiare, divertente e avranno successo.
    • I tuoi "uccellini" devono sapere che la tua casa resterà sempre il loro rifugio dove potranno tornare in caso di bisogno. Tutto ciò servirà a rafforzare il vostro legame, a sviluppare un senso di appartenenza familiare e rendere tutti più tranquilli.
    • Se durante il primo periodo i tuoi figli sono a disagio, non esserne felice. Dovranno lavorare sodo e affrontare un turbine di forti emozioni mentre si abituano alla loro nuova sistemazione, quindi avranno bisogno del tuo supporto attivo invece che del tuo desiderio di farli ritornare a casa. Ciò non vuol dire proporre in continuazione che tornino a casa o di sistemare le cose al posto loro; lascia che imparino a fare le cose da soli, incluse le commissioni amministrative o nei negozi. Commetteranno sicuramente degli errori, ma impareranno la lezione.
  3. 3
    Considera tutti i modi in cui puoi tenerti in contatto con i tuoi figli. Quando partiranno, ti sentirai solo e vuoto perché non potrai più chiacchierare con loro in qualsiasi momento, come hai sempre fatto. Tenersi in contatto regolarmente è vitale per continuare ad avere quel senso di appartenenza familiare e per essere aggiornati sulle novità. Ecco alcuni dei metodi da tenere in considerazione:
    • Assicurati che abbiano un buon telefono cellulare con una buona ricezione e che duri almeno un anno. Se hanno già un cellulare da tempo, dovresti almeno cambiare la batteria. Compra una SIM prepagata così potrai ricaricare il loro credito senza che si preoccupino del costo della chiamata.
    • Concordate un giorno in cui chiamarvi. Anche se potresti avere la tentazione di chiamare spesso, prima o poi diventerebbe un peso per loro, a meno che non lo vogliano, quindi non aspettarti troppo. Rispetta il loro bisogno di diventare adulti e crescere.
    • Scrivi delle e-mail o messaggi di testo per condividere le cose occasionalmente. Questi sono dei mezzi di comunicazione eccellenti con i quali puoi esprimerti senza essere eccessivamente emotivi.[1] Sii consapevole che, col passare del tempo, i tuoi figli potrebbero non risponderti con la stessa frequenza dell'inizio. Ciò è anche una conseguenza del loro ambientamento in un nuovo mondo nel quale hanno altre relazioni e tanti impegni, ma non vuol dire che hanno smesso di amare i loro genitori.
  4. 4
    Capisci cos'è la sindrome del nido vuoto in modo da riconoscere i sintomi della situazione in cui ti trovi. La sindrome del nido vuoto è una condizione psicologia che colpisce principalmente le donne, provocando dolore quando uno o più figli lasciano casa.[2] Succede spesso quando i figli vanno in una scuola o un'università lontana (di solito alla fine del periodo estivo o in autunno), o quando si sposano e vanno a vivere altrove. Spesso la sindrome del nido vuoto coincide anche con altri eventi della vita, come la menopausa, una malattia o la pensione.[3] In particolare colpisce le donne perché la maternità è sempre considerato come il proprio ruolo primario anche da quelle che lavorano; si tratta di un ruolo che la mamma ricopre con grande responsabilità per circa 20 anni. La partenza di un figlio provoca un sentimento di ridondanza, di smarrimento, di disprezzo e insicurezza futura.[4] È normale che i genitori siano tristi e piangano un po', dopotutto è un grande cambiamento. Tuttavia diventa un problema quando sperimenti emozioni incontrollabili che ti spingono a pensare che la tua vita sia inutile, quando ti ritrovi a piangere in continuazione e non riesci più a frequentare gli amici, a uscire, a continuare le attività di un tempo.[5]
    • Gli psicologi sostengono che la transizione da mamma a donna indipendente può durare da 18 mesi a 2 anni.[6] Quindi è normale ed essenziale all'inizio stare male, abituarsi alla mancanza e risorgere nuovamente. Sii gentile con te stessa e con le tue aspettative.
  5. 5
    Accetta l'aiuto di qualcuno. Se ti accorgi che non riesci a riprenderti e ti senti svuotata, triste o incapace di tornare alla tua vita dopo che i tuoi figli hanno lasciato casa, è importante chiedere aiuto. Potresti soffrire di depressione o di un disturbo simile che ti impedisce di goderti la vita. Parla con uno specialista. Una terapia cognitiva o altri tipi di terapie nelle quali parli dei tuoi problemi potrebbero aiutarti. O magari hai semplicemente bisogno di sentirti dire da qualcuno che stai attraversando un periodo difficile e importante, ma con il tempo passerà.
    • Accetta il dolore. Non importa quello che la gente dice. Se non lo fai, ti consumerà lentamente, quindi meglio affrontarlo anche se starai male per un po'. Abbraccia il dolore e vivilo.
    • Trattati bene. Non trascurarti mentre stai male. Vai in un centro benessere, al cinema, compra la tua cioccolata preferita, ecc. Senza un po' di piacere la tristezza non cesserà mai.
    • Può essere utile creare un rituale in cui affronti la situazione e "lasci andare" i tuoi figli per farli crescere. "Lascia andare" il tuo ruolo di genitore attivo; può essere importante e catartico per farti voltare pagina. Ecco alcuni suggerimenti: prendi una lanterna con una candela dentro e lasciala scorrere in un fiume; pianta un albero; ricopri in bronzo qualche oggetto che apparteneva a tuo figlio e così via.
    • Parla al tuo coniuge dei tuoi sentimenti. Potreste avere le stesse sensazioni e quindi sarebbe un'occasione per parlarne. Potrebbe ascoltarti dandoti forza, che è importante per farti sentire meglio.
    • Tieni un diario per documentare la tua avventura. Anche pregare o meditare può servire.
  6. 6
    Determina i tuoi bisogni. Se sei soddisfatta di aver supportato tuo figlio verso la giusta strada, il problema si allevierà e comincerai a notare il grande cambiamento nella tua vita. Il modo in cui percepisci questo cambiamento influenzerà i tuoi sentimenti e il tuo approccio; se invece lo vedi come un vuoto, sarà molto peggio che cercare di considerare questo cambiamento come un'opportunità per iniziare una nuova attività e seguire le tue passioni.
    • Non fare un tempio della stanza dei tuoi bambini. Se prima di andarsene i tuoi figli non hanno svuotato la stanza, scarica le tue emozioni buttando via tutte le cose superflue! Elimina il disordine, ma conserva comunque i ricordi di tuo figlio.
    • Scrivi tutte le cose che ti sei ripromessa di fare un giorno. Adesso è il momento di agire. Comincia partendo dalla cima della lista.
    • Fai nuove amicizie o coltiva quelle trascurate. Gli amici sono importanti durante questa transizione in cui da genitore a tempo pieno ti ritrovi a casa senza figli. Esci e fai nuovi incontri. Ci saranno altri nella tua stessa situazione che staranno cercando a loro volta degli amici. Gli amici sono molto utili per fare insieme attività, dedicarsi a qualche hobby e per informazioni su opportunità lavorative.
    • Coltiva un nuovo hobby. Intraprendine uno vecchio che hai tralasciato mentre ti occupavi dei tuoi bambini. Andrà bene qualsiasi cosa, come la pittura, la fotografia, la lavorazione del legno, il paracadutismo e potresti persino fare qualche viaggio!
    • Vai a scuola o all'università. Scegli un facoltà che ti si addice a questo punto della vita. Determina se si tratta di un percorso nuovo o preferisci continuare quello che hai tralasciato quando eri giovane. Entrambi vanno bene.
    • Riavvia la tua carriera. Continua da dove ti eri fermata o cominciane una nuova. Anche se sei un po' "arrugginita", hai tanta esperienza quindi dopo aver rinfrescato i concetti iniziali, sarai più in forma di quando sei uscita da scuola.
    • Tieni in considerazione il volontariato. Se non sei pronta per lavorare, il volontariato è un ottimo modo di ricominciare per riprendere il ritmo lavorativo. Ti dà anche la possibilità di provare se qualcosa ti piace o no.
    • Partecipa alle raccolte di beneficenza. Può essere molto appagante fare qualcosa nel tempo libero.
  7. 7
    Riscopri l'amore. Se non sei single, avrai un coniuge o un partner. Potrebbe essere un problema se la tua relazione era in crisi e andava avanti solo perché c'erano i tuoi figli intorno. Oppure, dopo essere stati genitori per così tanto tempo, potreste aver dimenticato di essere anche amanti. È un buon momento per parlare onestamente e decidere la prossima mossa.
    • Nel caso in cui i tuoi figli fossero l'unica ragione per cui sei rimasto insieme al tuo coniuge, potreste adesso avere entrambi bisogno di ristorare la vostra relazione trascurata, specialmente se pensi che ormai sia ridondante. Consulta un assistente sociale affinché vi assista in questa transizione e vi aiuti a essere "soli" nuovamente.
    • Accettare che si tratti di un periodo difficile potrebbe aiutarvi a curare la vostra relazione, dimenticando certe incertezze e problemi di coppia.
    • Può anche essere d'aiuto cambiare un po' mentalità nei confronti del tuo partner o coniuge. Dopotutto, avete vissuto molto insieme, avete fatto tante esperienze da quando vi siete conosciuti e mentre avete cresciuto i bambini, esperienze che nessuno dei due si aspettava quando vi siete innamorati. Man mano che il tempo passa, ti renderai conto di quello che ti piace, di quello in cui credi e queste scoperte potrebbero essere più evidenti di quando ti sei sposata. Queste scoperte potrebbero essere un'opportunità per recuperare una relazione trascurata.
    • Trascorri del tempo insieme al tuo partner e conoscetevi nuovamente. Andate insieme in vacanza per riacquistare sentimenti importanti, come l'affetto e la complicità, offrendovi vicendevolmente un supporto emotivo.
    • Dai tempo alla tua relazione di sbocciare. Può essere un periodo eccitante e rinvigorente per entrambi.
    • A volte, nessuna di queste soluzioni funziona. Se pensi che la tua relazione sia irrecuperabile, parlane onestamente con il tuo partner e prendete insieme una decisione per vivere meglio in futuro.
  8. 8
    Concentrati sulle cose positive che accadranno a tuo figlio lasciando casa. Pensare ai vantaggi che tuo figlio avrà lontano dal nido, ti aiuterà ad accettare il senso di smarrimento quando valuterai la situazione. Anche se non c'è da sminuire la tua tristezza e la transizione che tu e tuo figlio state attraversando, può comunque servire a vedere il lato positivo delle cose. Ecco alcune considerazioni da fare:
    • Non avrai bisogno di riempire il frigo così spesso. Quindi meno viaggi al supermercato e meno bisogno di cucinare!
    • Ne gioverà il romanticismo di coppia. Adesso, avrai con il tuo coniuge il tempo di essere amanti e complici; approfittane.
    • Se facevi il bucato per i tuoi figli, ci sarà meno da lavare e stirare adesso. Non farlo al posto loro quando tornano a casa per le vacanze. È un passo importante per lasciarli crescere e maturare.
    • Adesso hai nuovamente il bagno tutto per te!
    • Le bollette ridotte aiuteranno a economizzare un po'. E i soldi risparmiati possono essere usati per fare una vacanza!
    • Devi essere fiera di aver cresciuto dei figli che adesso sono capaci di vivere e crescere da soli. Congratulazioni!

Consigli

  • La relazione con i tuoi figli sarà diversa quando cresceranno e vivranno da soli.
  • All'inizio sarà più traumatizzante per i figli – non avranno più la figura dei genitori a coccolarli. Potrebbero sentirsi insicuri, quindi passa del tempo insieme a loro e parla di quello che succede nelle loro vite. Digli che vi rincontrerete presto.
  • I genitori soggetti alla sindrome del nido vuoto sono quelli che loro stessi hanno avuto difficoltà ad andare via di casa, quelli che hanno una relazione infelice o un matrimonio instabile, quelli che hanno fondato la propria identità solo sul ruolo genitoriale, quelli che sono stressati dai cambiamenti, quelli che hanno svolto il ruolo materno o paterno senza lavorare e quelli che pensano che i loro figli non sono ancora pronti per assumersi le loro responsabilità.[7]
  • È una buona idea prepararsi al "nido vuoto" prima che i figli vadano via. Così la transizione non sarà molto dolorosa e mostrerà loro che sei pronto ad accettare la vita così come dovranno farlo loro.
  • Se vuoi e ti è permesso, compra un animale domestico. Un animale domestico diminuisce il bisogno di avere intorno i tuoi bambini.

Avvertenze

  • In alcuni casi, non è la tua relazione a essere in pericolo. Spesso, i figli che hanno avuto una madre troppo premurosa, sono molto ansiosi durante la separazione. Alcuni casi sono gravi, in base al comportamento dei genitori. Potrai quindi avere dei problemi seri e dovrai capire come affrontarli per risolverli. Ma potete farlo insieme. Il tempo sistema le cose, alleviando il dolore. Le mamme sanno che i figli "voleranno" via. È solo difficile lasciarli andare. Fondamentalmente, le mamme hanno paura di non rivedere più i loro bambini.
  • È importante che i figli capiscano che andare via da casa è come una pugnalata al cuore per la madre. Quindi devono essere pazienti con la propria mamma. Starà bene. Le mamme rivedranno sempre i figli. Sì, fa male. Ma devi lasciarli crescere. Vogliono fare le loro esperienze. Tutto quello che puoi fare è essere presente per loro, ascoltarli ed amarli.
  • Non prendere delle decisioni importanti fino a che non hai superato il dolore causato dalla sindrome del nido vuoto. Potresti pentirti di aver venduto casa tua o di esserti trasferita mentre eri triste. Aspetta di stare meglio prima di decidere.
  • Non far venire i sensi di colpa ai figli che ritornano per una visita. Non chiedere a luglio quando torneranno a Natale.
  • Se lavori fuori casa, non lasciare che la sindrome del nido vuoto influenzi il tuo lavoro. Potrebbe infastidire i tuoi colleghi.
  • Abbi un piano di riserva se i tuoi figli non ritornano a casa per le vacanze. Non sentirti triste se scelgono di trascorrere del tempo con gli amici.
  • È importante essere comprensivi perché si tratta di un evento normale nella vita di tutti noi. Consulta uno specialista perché la sindrome del nido vuoto è considerata la causa di problemi e preoccupazioni.[8]

Cose che ti Serviranno

  • Hobby e interessi
  • Gente e amici per aiutarti


Riferimenti

  1. Christine Webber e Dr David Delvin, La Sindrome del Nido Vuoto, http://www.netdoctor.co.uk/womenshealth/features/ens.htm
  2. Christine Webber e Dr David Delvin, La Sindrome del Nido Vuoto, http://www.netdoctor.co.uk/womenshealth/features/ens.htm
  3. Better Health Channel, Sindrome del Nido Vuoto, http://www.betterhealth.vic.gov.au/bhcv2/bhcarticles.nsf/pages/Empty_nest_syndrome
  4. Better Health Channel, La Sindrome del Nido Vuoto, http://www.betterhealth.vic.gov.au/bhcv2/bhcarticles.nsf/pages/Empty_nest_syndrome
  5. Christine Webber e Dr David Delvin, La Sindrome del Nido Vuoto, http://www.netdoctor.co.uk/womenshealth/features/ens.htm
  6. Better Health Channel, La Sindrome del Nido Vuoto, http://www.betterhealth.vic.gov.au/bhcv2/bhcarticles.nsf/pages/Empty_nest_syndrome
  7. Better Health Channel, La Sindrome del Nido Vuoto, http://www.betterhealth.vic.gov.au/bhcv2/bhcarticles.nsf/pages/Empty_nest_syndrome
  8. Better Health Channel, La Sindrome del Nido Vuoto, http://www.betterhealth.vic.gov.au/bhcv2/bhcarticles.nsf/pages/Empty_nest_syndrome
  9. VideoJug, How to Deal with Empty Nest Syndrome, http://www.videojug.com/film/how-to-deal-with-empty-nest-syndrome (in inglese)

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 17 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Genitori

In altre lingue:

English: Recover From Empty Nest Syndrome, Español: recuperarse del síndrome del nido vacío, Português: se Recuperar da Síndrome do Ninho Vazio, Русский: пережить синдром опустевшего гнезда, Français: se remettre d'un syndrome du nid vide, Deutsch: Mittel gegen das Empty Nest Syndrom, Bahasa Indonesia: Memulihkan Diri dari Sindrom Sarang Kosong (Empty Nest Syndrome), العربية: التغلب على متلازمة العش الفارغ, Nederlands: Het lege nest syndroom overleven

Questa pagina è stata letta 27 298 volte.
Hai trovato utile questo articolo?