Come Riprodurre le Piante per Talea

Duplica le piante del tuo giardino per talea! È facile ed è un ottimo modo per moltiplicarle, specialmente se sono rare o costose.

Passaggi

  1. 1
    Scegli le piante che desideri duplicare per talea. Per esempio rosmarino, lavanda, le rosaio o qualsiasi altra pianta. Tieni presente che non tutte le piante si possono riprodurre per talea; consulta una guida di giardinaggio per sapere esattamente quali sono, altrimenti rischi di lavorare inutilmente, andando avanti a tentativi ed errori.
  2. 2
    Utilizza delle cesoie da giardino o un coltellino ben affilato per recidere un ramo. Scegli un ramo giovane e tenero e taglialo della lunghezza di circa 8/10 cm per le piante perenni e di circa cm 15/30 cm nel caso tu voglia duplicare gli arbusti. Il taglio, salvo diversamente consigliato in base al tipo di pianta, va effettuato con un angolo di 30 gradi. Poiché la dimensione varia a seconda della pianta e, non essendo garantito il successo, è meglio realizzare più di un rametto per ogni pianta che vuoi moltiplicare.
    • Realizza talee piccole per piante e arbusti, mentre per piante più grandi come fico o gelso, talee di circa 60 cm e spessore di 5-10 cm.
    • Se hai dubbi, fai le talee di circa 10-20 cm di lunghezza.
  3. 3
    Togli le foglie per 2/3 della lunghezza della talea, partendo dal basso. Assicurati di rimuovere le foglie in basso sopra il taglio. Elimina i boccioli dei fiori, che assorbono gli elementi nutritivi della pianta e che in questo momento sono indispensabili per la produzione di nuove radici.
    • La cosa migliore è quella di tagliare la talea a 1/2 cm -1 cm al di sotto dell’attaccatura di una foglia. Normalmente le radici si producono dal picciolo.
  4. 4
    Curale per avere risultati migliori. Tratta le talee con un prodotto fertilizzante per facilitare la formazione di nuove radici. Metti i rametti in una miscela di acqua e fertilizzante liquido a base di alghe per un periodo di circa 3-4 ore, magari sotto una luce fluorescente. Dopo questo primo trattamento, cospargi la parte che andrà interrata con degli ormoni radicanti.
  5. 5
    Prepara il vaso. Puoi realizzare la talea ponendola nella sabbia, nella terra o anche solamente in acqua, dipende dal tipo di pianta/arbusto che vuoi moltiplicare. Alcune piante producono radici più facilmente se immerse in acqua piuttosto che direttamente nella terra; consulta una guida di giardinaggio se non vuoi rischiare. Tieni presente che la sabbia è una specie di compromesso e, così come per la moltiplicazione in acqua, dovrai aggiungere il fertilizzante.
    • Utilizza una matita o un bastoncino per creare il foro dove inserire la talea. Questa andrà posizionata ad una profondità di circa 2,5-5 cm, in base anche alla lunghezza del rametto.
    • Non posizionare le talee direttamente al sole.
    • Se viene utilizzata acqua quale mezzo di moltiplicazione, crea una soluzione di acqua e fertilizzante molto diluito. Poni particolare attenzione a collocare il contenitore in luogo caldo e luminoso, ma non direttamente sotto la luce del sole. Questo sistema, oltre al fatto che è molto veloce e sicuro, è stimolante perché puoi vedere ciò che sta accadendo e, oltre a permetterti di coinvolgere i bambini nel magico mondo della natura, puoi sapere quando le nuove piantine sono pronte, osservando le radici crescere di giorno in giorno.
    • Se moltiplichi le talee con la terra del giardino, verifica che questa abbia un ph del 5.5-6.0, sia soffice e friabile, sufficientemente umida e ricca di materiale organico. Disponi le talee nel vaso, lasciando uno spazio adeguato fra di loro, così da consentire alle radici di espandersi.
      • Se utilizzi talee di legno tenero, piantale direttamente in giardino, nel terreno umido. Innaffiale costantemente e in un anno o due avrai delle belle piantine.
  6. 6
    Innaffia bene. Le talee andranno mantenute umide (utilizza un nebulizzatore), ma non bagnate eccessivamente. Le percentuali di successo possono andare da zero (alcune piante non possono essere duplicate per talea) al 90 per cento. Non scoraggiarti se inizialmente appaiono avvizzite: è normale.
    • Copri le talee con una borsa di plastica trasparente, senza stringere troppo così da consentire il ricambio d’aria; aiuterà a mantenere costante l’umidità.
    • Gli alberi sono i più difficili da ottenere per talea a differenza dei cactus e delle succulente che sono facilmente moltiplicabili. Con piante quali lavanda, rosmarino e geranio, che hanno foglie che trattengono l’acqua, la percentuale di successo è quasi sempre del 100%.
  7. 7
    Quando sei sicuro che abbiano messo radici, trapianta le nuove piantine in un vaso o direttamente in piena terra. Con salici, pioppi e gelsi taglia un punto nell'estremità inferiore e pianta la talea nel terreno per 3/4 della sua lunghezza, in modo che fuoriesca solo una piccola estremità. Questo sistema va usato proprio sul luogo dove desideri che cresca l'albero; nessun'altra operazione è necessaria, oltre a tenere lontani erbacce e animali erbivori (conigli, cervi, ecc.)
    • Per verificare la presenza delle radici, tira leggermente la talea: se si avverte resistenza significa che le radici hanno iniziato a formarsi e che stanno crescendo. Tirare troppo bruscamente può rovinare la talea.

Consigli

  • Arbusti che radicano facilmente:
    • Berberis
    • Ginestra
    • Albero delle farfalle
    • Abutilon
    • Forsythia
    • Fucsia
    • Erica
    • Lonicera
    • Ortensia
    • Iperico
    • Philadelphus
    • Potentilla
    • Pyracantha
    • Rose
    • Ibisco
    • Spiraea
    • Campsis radicans
    • Viburno
    • Weigela
  • Piante perenni riproducibili per talea:
    • Artemisia
    • Cuore di Maria
    • Nepeta
    • Crisantemo
    • Dalia
    • Garofano
    • Phlox
    • Aubrezia - Aubrieta
    • Saponaria
    • Chelone obliqua
    • Veronica
    • Vinca, Pervinca
  • Puoi usare del miele al posto degli ormoni radicanti: immergi il taglio nel miele prima di metterlo a dimora.
  • Per aumentare le probabilità di riuscita, metti una borsa di plastica trasparente intorno al vaso e chiudilo in alto, sopra le talee. Funzionerà come una serra, mantenendo costanti umidità e temperatura. Nebulizza acqua a temperatura ambiente direttamente sulle foglie, per annaffiarle; gran parte dell’idratazione viene assorbita attraverso le foglie.
  • Alberi che si moltiplicano facilmente per talea:
    • Liquidambar
    • Betulla
    • Catalpa
    • Acero
    • Ciliegio
    • Gingko
    • Koelreuteria paniculata
    • Cotinus
    • Salice - Salix
  • Piante rampicanti che radicano facilmente:
    • Solanum dulcamara
    • Parthenocissus tricuspidata
    • Citrinus di Callistemon
    • Lonicera
    • Vite Americana - Parthenocissus quinquefolia
    • Glicine - Wisteria
  • Le talee crescono meglio all’ombra (evita il sole diretto specialmente al pomeriggio) ed al riparo dal vento.
  • Dopo due o 4 settimane, elimina le talee che non hanno radicato. Le riconosci facilmente in quanto saranno secche e senza foglie. Se noti qualche pezzettino ancora verde, lasciala, è probabile che stia mettendo radici.
  • I periodi dell’anno migliori per propagare le piante per talea sono all’inizio della primavera ed all’inizio dell’autunno. Le talee messe a dimora in questi periodi avranno tempo per crescere e rinforzarsi prima dell’arrivo del freddo o del caldo oppure prima di periodi di siccità.
  • Compra del terriccio (lo trovi in sacchetti presso i negozi specializzati) e un buon fertilizzate, aumenterai le possibilità di riuscita!
  • In commercio ci sono diversi tipi di ormoni radicanti, liquidi o in polvere, che favoriscono la riproduzione di radici da talea.
  • Alcune talee sono molto difficili da moltiplicare in casa, senza l’attrezzatura adatta e riescono meglio in serra, con riscaldamento a pavimento e nebulizzazione costante.
  • Le piante crescono diversamente in base al tipo, per cui è difficile dire esattamente quando è il momento di trapiantarle. Normalmente puoi farlo dopo due o tre mesi (se hai piantato le talee in primavera) oppure lascia passare tutto l’inverno prima di piantarle, se hai fatto le talee in autunno.

Avvertenze

  • Poni particolare attenzione a non moltiplicare piante infestanti, evitando di riprodurle per talea nel tuo territorio.
  • Sii prudente nel maneggiare le sostanze chimiche, il fertilizzante o il terriccio, in quanto gli agenti patogeni possono essere respirati o trasferiti dalle mani alla bocca. Dopo, lavati accuratamente le mani e, se sei soggetto a problemi respiratori, indossa una maschera.
  • Alcune piante non si possono moltiplicare per talea. Dopo aver provato alcune volte, saprai quali funzionano e quali no.
  • Non bagnare eccessivamente le talee, per evitare che marciscano. Il miele aiuta ad evitare che marciscano, basta immergervi la talea prima di piantarla ma stai sempre attento che il terreno sia umido ma non bagnato.

Cose che ti Serviranno

  • Cesoie da giardino, un coltellino ben affilato, potatori o simili (assicurarsi che siano puliti)
  • Ormone radicante
  • Fertilizzante a base di alghe
  • Acqua
  • Vasi o un’area del giardino
  • Sostanza da impiegare per mettere a dimora le talee (terreno, sabbia, acqua, etc.)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Grow Cuttings from Established Plants, Español: sembrar esquejes, Русский: вырастить растение из черенков, Deutsch: Stecklinge aus vorhandenen Pflanzen gewinnen, Português: Criar Mudas de Plantas Maduras, Français: bouturer une plante, Nederlands: Planten stekken, العربية: زراعة فسائل من نباتات مزروعة بالفعل, Bahasa Indonesia: Menanam Tanaman dengan Metode Setek

Questa pagina è stata letta 120 837 volte.

Hai trovato utile questo articolo?