Ristabilirsi e recuperare può significare cose diverse per ognuno di noi. Il corpo umano è capace di farlo in tanti modi, dal guarire da un trauma al riprendersi da un duro allenamento. É anche possibile rimettersi da dispiaceri o dalla perdita di una persona cara. Ristabilirsi e recuperare può richiedere tempo e può non essere semplice, ma è quasi sempre possibile e in questo articolo trovi qualche consiglio su come fare.

Parte 1 di 4:
Ristabilirsi dopo un Incidente o un Intervento Chirurgico

  1. 1
    Segui i consigli del medico alla lettera. Il medico o il fisioterapista ha trascorso anni a curare persone che hanno subito ferite o altri traumi e può darti consigli specifici per aiutarti a migliorare.
  2. 2
    Assumi i farmaci per il periodo suggerito. Anche se ti senti meglio, devi completare le cure prescritte ed evitare il rischio di nuove infezioni. Molti "batteri resistenti agli antibiotici", come lo stafilococco resistente alla meticillina (MRSA), sono il risultato di trattamenti farmacologici incompleti. Trascurare l'assunzione di farmaci negli ultimi giorni prescritti rende i batteri immuni e più difficili da combattere in seguito.
  3. 3
    Riposa. La cosa più importante per ristabilirti è non fare assolutamente niente. Devi dare al corpo il tempo di stare meglio senza andare incontro ad altri problemi di salute.
    • Dopo ferite gravi il sonno è il migliore amico. Stai a letto, esci una volta o due al giorno per sgranchirti e muoverti.
  4. 4
    Inizia con piccole cose. Non puoi pretendere di riprendere la tua usuale routine il giorno dopo aver subito un trauma importante. Devi accettare la tua condizione e lavorare su piccole cose prima di svolgere attività più complesse e impegnative. Concentrati per fare bene le piccole cose e le grandi verranno dopo.
    • Vai a fare una breve passeggiata ogni mattina e ogni giorno prolungala di qualche minuto.
    • Leggi il giornale o fai i cruciverba per mantenere la mente attiva e sintonizzata con ciò che succede nel mondo.
    • Chiedi a una persona cara di accompagnarti a fare piccole commissioni o di aiutarti in alcune attività ed evita nuovi incidenti.
  5. 5
    Stabilisci con un medico gli obiettivi per ristabilirti. Se sei impaziente di riprendere l'attività sportiva, chiedi al medico i passaggi necessari per poterlo fare. Avere un obiettivo concreto per il recupero rende molto più facile impegnarsi per migliorare.
    • Sii realistico — inizia con obiettivi semplici prima di mirare a quelli più importanti.
    • Festeggiare ogni tappa che hai raggiunto ti darà più entusiasmo per continuare.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Ristabilirsi da un Trauma Emotivo o Mentale

  1. 1
    Provare dispiacere è un fatto naturale. Non sentirti arrabbiato con te stesso se sei triste o in collera. Il dispiacere è la reazione naturale ai traumi emotivi che solo il tempo riesce a sanare facendoti sentire di nuovo "normale". [1] Emozioni, sintomi e manifestazioni comuni di dispiacere comprendono:
    • Turbamento o insensibilità emotiva
    • Rammarico
    • Depressione
    • Collera[2]
  2. 2
    Non trattenere i tuoi sentimenti. Non sentirti "debole" perché hai voglia di piangere. Per regolare le proprie emozioni, bisogna intanto riconoscerle. Trova un amico o un parente con cui parlare, scrivi ciò che provi o vai a trovare uno psicoterapista che ti aiuti a progredire nel percorso di "fronteggiamento", cioè di reazione per superare lo stress.
    • Non sentirti strano se hai bisogno di provare dispiacere in modo insolito. Si tratta di un percorso personale e dovresti accettare i sentimenti e le esternazioni che senti giuste.
  3. 3
    Trova i lati positivi della vita e concentrati su di essi. È facile lasciare che le emozioni negative ci travolgano e offuschino le cose meravigliose della vita. Trova le cose che ti piace fare e falle — riprendi un vecchio hobby, chatta con gli amici, cucina il tuo piatto preferito —trovare il positivo rende più facile affrontare i sentimenti feriti o le emozioni.
    • Molti studi dimostrano che la mente quando fa fronte ai traumi emotivi agisce in profondità con un ritardo di uno o due anni, di conseguenza i sentimenti positivi di oggi avranno conseguenze in futuro.[3]
  4. 4
    Esprimi le tue emozioni con l'arte o la scrittura. Soltanto annotare i tuoi pensieri in un diario e cercare un modo per esprimerli aiuta ad affrontarli in modo diretto. Scrivere o dare forma ai pensieri attraverso l'arte li rende concreti e più facili da gestire.[4]
    • La musicoterapia, cioè ascoltare musica rilassante o suonare uno strumento a scopo terapeutico, è riconosciuta capace di aiutare a superare la sofferenza emotiva e a far fronte con successo agli stimoli portatori di stress.
  5. 5
    Prenditi cura del corpo. C'è una stretta correlazione fra la salute fisica e quella mentale[5] e prendersi cura dell'una crea beneficio all'altra. Mangia bene, fai attività e soprattutto dormi a sufficienza, se ti senti pigro o poco disposto a muoverti.[6]
  6. 6
    Trova un gruppo di supporto per il tuo trauma emotivo. Parlare con persone che capiscono le tue sofferenze è uno strumento prezioso per conoscere i propri sentimenti e per affrontare questioni specifiche. Sappi di non essere solo nel dolore. Una semplice ricerca su internet sui "Gruppi di sostegno" può aiutarti a trovarne uno nella tua zona.
    • Trova il modo di procurarti un elenco dei gruppi di sostegno e informazioni sulle attività che svolgono e i loro metodi. Inoltre, potresti trovare indicazioni e referenze anche attraverso il Servizio Sanitario Nazionale.
  7. 7
    Gestisci il dolore emotivo con i tuoi tempi. Non c'è nessuna tempistica da considerare "corretta" per riprenderti da un trauma, quindi non sentirti in dovere di fare in fretta. Col tempo imparerai a fronteggiare il trauma emotivo a modo tuo.[7]
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Riprendersi dopo un Allenamento

  1. 1
    Fai stretching. Fare stretching dopo un allenamento duro scioglie i muscoli e avvia il processo di recupero. Questo è realmente utile se hai intenzione di allenarti anche il giorno dopo, quindi prenditela con calma e fai stretching su ogni muscolo per 2-3 minuti.
  2. 2
    Bevi molta acqua. Devi reidratarti subito per evitare i crampi e dare al corpo il tempo per recuperare. Bevi 2 o 3 bicchieri d'acqua nell'ora successiva a un allenamento e continua con un bicchiere ogni ora.
  3. 3
    Mangia proteine. I muscoli sono costituiti da proteine e si rigenerano grazie a loro. Fornire al corpo proteine magre e di qualità è la condizione indispensabile per il recupero. Ecco un elenco di alcuni cibi da provare:
    • Frullati a base di proteine
    • Uova
    • Pollo
    • Tonno
    • Burro d'arachidi.
  4. 4
    Applica del ghiaccio per 20 minuti ogni ora sui muscoli doloranti. Il ghiaccio riduce il gonfiore e in questo modo puoi accorciare drasticamente i tempi di recupero tra un allenamento e l'altro. Tieni sempre un asciugamano tra la pelle e il ghiaccio per evitare l'eccesso di freddo.
    • Applica il ghiaccio per 20 minuti, quindi interrompi per quaranta minuti e poi ricomincia.
  5. 5
    Non allenare lo stesso muscolo per 2 giorni di seguito. Dai a un gruppo di muscoli, soprattutto durante gli esercizi di sollevamento, il tempo necessario per evitare stiramenti e strappi. Il corpo ha bisogno di tempo per recuperare e costruire nuovo tessuto muscolare prima di un nuovo allenamento. Se ieri hai fatto esercizi per il torace, oggi prendi in considerazione di lavorare sulle gambe.
  6. 6
    Riposa. La cosa migliore che puoi fare è smettere di muoverti. Questo dà al corpo il tempo di cui ha bisogno per rigenerarsi e per recuperare, così non sentirti a disagio se fai zapping su Netflix dopo un allenamento pesante. Se hai bisogno di allenarti di nuovo a breve scadenza, limita l'attività all'essenziale e concediti il tempo per recuperare.
    • Andare a fare una passeggiata o una corsa leggera è molto salutare per la circolazione del sangue e non crea eccessivo affaticamento.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Riprendersi dopo un Errore

  1. 1
    Scrivi un elenco di tutti i tuoi errori. Assicurati di includere tutto. Se pensi di aver fatto qualcosa di sbagliato, rifletti e approfondisci le tue valutazioni. Assicurati di elencare tutte le bugie, le disaffezioni e gli insuccessi. L'idea è di mettere a nudo tutte le tue ferite.
  2. 2
    Chiedi scusa a te stesso e alle persone che hanno subito conseguenze dalla tue azioni o comportamenti.
  3. 3
    Rifletti a fondo su ciò che hai fatto e correggi per prima cosa i piccoli errori. Parte del processo di guarigione è capire che cosa hai sbagliato e qui è importante l'elenco che hai preparato. Questo passaggio può essere più o meno difficile secondo i problemi che uno ha.
  4. 4
    Sii paziente. Non ci sono scorciatoie. Bisogna attendere che il tempo guarisca le ferite, ma abbi fiducia in te stesso e continua a lavorare per riprenderti anche se questo può sembrare un obiettivo lontano. Il tempo guarirà tutte le ferite, ma solo se perseveri dandoti da fare per il tuo recupero.
    Pubblicità

Consigli

  • Non esiste alcun modo "giusto" per ristabilirsi dopo un trauma mentale o emotivo. Prendi il tempo che ti occorre e fai ciò che senti giusto per te mentre segui i consigli dell'articolo.

Pubblicità

Avvertenze

  • Affronta sempre le cose con calma. Se provi sofferenza o intensa tristezza, rallenta e fai le cose con comodo.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Usare un Preservativo

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Crescere In Altezza

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Farsi un Clistere

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Far Durare il Sesso Più a Lungo

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Eseguire la Manovra di Epley

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 1 121 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 1 121 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità