Ristuccare le piastrelle è un compito semplice che può richiedere poco tempo. L'unico passaggio che richiede un po' di tempo in tutto questo processo è l'essiccazione dello stucco. Tutto ciò di cui hai bisogno è un po' di stucco e un paio di attrezzi di uso molto semplice.

Parte 1 di 4:
Prepariamoci a Stuccare

  1. 1
    Scegli il tipo di stucco che vuoi usare. Dipende dalla dimensione delle vie di fuga (la spaziatura tra le piastrelle dove si stende lo stucco). Per ristuccare le piastrelle esistono due tipi di stucco: a sabbia e senza sabbia. Se le vie di fuga sono ampie più di 3 mm è consigliabile l'uso di uno stucco a sabbia per riempirle; se sono inferiori ai 3 mm è meglio usare uno stucco senza sabbia dal momento che risulta più compatto.
  2. 2
    Rimuovi lo stucco preesistente. Se necessario, prima di preparare il necessario per stendere lo stucco fresco, rimuovi quello vecchio. Deve apparire pulito e uniforme per prevenire la formazione di muffe.
  3. 3
    Applica un sigillante per piastrelle. Se le piastrelle sono diventate porose, applica sulla loro superficie un sigillante per evitare che lo stucco penetri mentre le ristucchi. Per stenderlo usa una spugna per piastrellisti, un rullo, o semplicemente passale con una mano di sigillante e lascialo asciugare per 24 ore.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Stendi lo Stucco

  1. 1
    Mescola lo stucco. In uno dei secchi da 20 litri mescola lo stucco usando la cazzuola.
    • La cazzuola è un piccolo attrezzo che si tiene in mano usato in edilizia per stendere materiali viscosi su piastrelle, mattonelle, piani cucina o lavoro e su pavimentazioni.
  2. 2
    Applica lo stucco. Stendi una quantità generosa di stucco sulle vie di fuga su tutte le piastrelle del pavimento usando un frattazzo di gomma. Fai attenzione a stendere una quantità abbondante di stucco sulle vie di fuga per riempirle completamente. Stucca tutto il pavimento fatta eccezione delle giunture di espansione; si tratta delle zone tra le mattonelle e la vasca da bagno, le pareti, le porte, il gabinetto o gli scarichi.
    • Il frattazzo di gomma è un attrezzo piatto e rettangolare con una impugnatura in metallo e una superficie rivestita di gomma che si usa per stendere lo stucco. Tieni il frattazzo inclinato di circa 30 gradi e stendi lo stucco sulla superficie delle mattonelle.
  3. 3
    Rimuovi gli eccessi. Togli lo stucco in eccesso dalle mattonelle dopo che le vie di fuga siano state riempite. Gli eccessi si rimuovono passando il frattazzo sulle mattonelle, solo in questo caso usandolo con un'angolazione più inclinata e muovendolo diagonalmente sulla superficie del pavimento allo scopo di portar via gli eccessi della stuccatura.
    • Il movimento in diagonale permette di evitare l'asportazione dello stucco fresco appena steso nelle vie di fuga.
  4. 4
    Lascia asciugare e prepara il secchio. Lascia che lo stucco si asciughi per una decina di minuti. Mentre aspetti, riempi il secondo secchio da 20 litri con acqua e prendi la spugna da piastrellista per pulire le mattonelle.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Ripulitura

  1. 1
    Prepara la spugna. Immergi la spugna da piastrellista nel secchio d'acqua, e strizza quella in eccesso per lasciare la spugna umida.
  2. 2
    Pulisci le superfici. Muovendo la spugna umida in diagonale, togli tutti i residui di stucco dalle mattonelle. Dalle zone di espansione pulisci gli eccessi di stucco usando la cazzuola, per lasciare queste zone completamente pulite per la coibentazione.
  3. 3
    Risciacqua e ripeti. Risciacqua la spugna da piastrellista e ripeti il passaggio precedente finché tutti i residui di stucco non siano stati rimossi e le mattonelle non risultino completamente pulite e prive di aloni.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Completamento

  1. 1
    Fai asciugare lo stucco. Lascia che lo stucco si asciughi completamente per 24 o 48 ore prima di calpestarlo, per assicurarne la stabilità.
  2. 2
    Rifinisci le vie di fuga. Sigilla le vie di fuga con un sigillante che abbia un colore che si abbina con lo stucco. Riempi completamente le vie di fuga, poi lisciale usando un dito.
  3. 3
    Applica un sigillante finale. Applica un sigillante penetrante alle vie di fuga usando o una spugna o un vaporizzatore una volta che lo stucco si è completamente seccato. Togli il sigillante in eccesso dalle mattonelle altrimenti rischia di macchiarle.
    Pubblicità

Consigli

  • Non preparare più stucco di quello che riesci a stendere in una trentina di minuti, poiché lo stucco tira e diventerebbe inutilizzabile.
  • Fai attenzione a non aggiungere troppa acqua per preparare lo stucco; altrimenti non riusciresti a prenderlo con la cazzuola per stenderlo sulle mattonelle, e gocciolerebbe dalle vie di fuga. Se la sua consistenza è troppo liquida, aggiungi un po' di polvere di stucco per renderlo più denso.
  • Per rendere lo stucco particolarmente resistente, fallo tirare umido spruzzando una leggera nebbiolina d'acqua sulle vie di fuga un paio di volte al giorno per tre giorni. Si tratta di un sistema particolarmente utile nei mesi estivi o se abiti a ovest o sud-ovest a causa della natura secca dell'ambiente.
  • Se non riesci a liberarti degli aloni lasciati dallo stucco, lucida il pavimento con un panno asciutto o una calza.

Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Sigillante per piastrelle
  • Impasto per stucco
  • Due secchi da 20 litri
  • Una cazzuola
  • Un frattazzo di gomme
  • Una spugna da piastrellista

wikiHow Correlati

Come

Liberare lo Scarico della Doccia

Come

Usare il Sale per Lavastoviglie

Come

Forzare una Porta Chiusa

Come

Togliere i Graffi dal Vetro

Come

Rimuovere una Vite con la Testa Spanata

Come

Identificare i Problemi del Frigorifero

Come

Impostare un Termostato

Come

Scaricare l'Acqua di una Lavastoviglie

Come

Stare Caldi in Casa Senza Caloriferi

Come

Aggiustare un Water con Scarico Lento

Come

Chiudere l'Impianto Idraulico Facilmente e Velocemente

Come

Calcolare i Kilowattora

Come

Testare un Condensatore

Come

Risolvere Problemi di Bassa Pressione dell'Acqua
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 10 147 volte
Questa pagina è stata letta 10 147 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità