Se possiedi un pesce rosso e ami averlo come animale da compagnia, può essere angosciante se mostra segnali che sta morendo. Sono molte le cause che possono portarlo a questo stato, dalle malattie alla depressione, ma prendendo alcune misure tempestive, puoi salvarlo dalla morte e godere della sua compagnia per 10-20 anni.[1]

Parte 1 di 3:
Analizzare il Problema

  1. 1
    Separa il pesce malato dagli altri. Se hai un esemplare che non sta bene, è importante tenerlo lontano dagli altri pesci rossi affinché non vengano contagiati; se hai invece un solo pesciolino, puoi lasciarlo nell'acquario.
    • Se lo trasferisci in una vasca "ospedale", utilizza un sacchetto di plastica all'interno di uno di carta, in modo che l'animale non si stressi.
    • Potresti decidere di riempire il nuovo contenitore con la stessa acqua dell'acquario; tieni però presente che potrebbe essere la responsabile delle precarie condizioni di salute del pesce e potrebbe quindi aggravare la situazione.[2] Se decidi di trasferirlo in una vasca con acqua nuova, metti semplicemente il sacchetto all'interno del recipiente per 15-20 minuti per bilanciare la temperatura e non provocare uno shock all'animale.[3]
  2. 2
    Controlla la qualità dell'acqua. La maggior parte dei pesci morenti può essere recuperata facilmente cambiando l'acqua; garantirne la qualità è un aspetto essenziale per mantenere il tuo pesciolino sano e felice, oltre che vivo![4]
    • Puoi acquistare un kit per l'analisi dell'acqua presso i principali negozi per animali.[5]
    • Si tratta di uno strumento in grado di rilevare eventuali fattori problematici dell'acqua, come un livello eccessivo di ammoniaca.
    • Misura la temperatura per assicurarti che sia compresa tra 10 e 25 °C.[6]
    • Testa l'acidità dell'acqua; la maggior parte dei pesci predilige un pH neutro, intorno a 7.[7]
    • Se l'ambiente è troppo acido, puoi acquistare un prodotto chimico neutralizzante che trovi in quasi tutti i negozi per animali.[8]
    • Misura anche l'ossigenazione per assicurarti che il livello di saturazione sia superiore al 70%.[9]
  3. 3
    Pulisci l'acquario e cambia l'acqua. Il pesce rosso produce molte feci e l'acqua si sporca facilmente, riempiendosi di ammoniaca, batteri e alghe. Una semplice pulizia e il cambio dell'acqua possono far recuperare rapidamente la salute al tuo piccolo amico.
    • Tieni il pesce in una seconda vasca mentre pulisci la prima e sostituisci l'acqua.
    • Dovresti provvedere alla pulizia una volta a settimana per evitare che si sviluppino colonie di batteri.
    • Togli il 15% dell'acqua, tutta la ghiaia ed eventuali alghe.
    • Non usare alcuna sostanza chimica; è sufficiente risciacquare la ghiaia ed eliminare i prodotti chimici che evaporando si sono depositati sulle pareti dell'acquario;[10] anche una minima quantità di prodotto chimico o detersivi può uccidere il pesce.
    • Riempi la vasca con nuova acqua fresca di rubinetto, aggiungendo un prodotto abbattitore di cloro per eliminare quello in eccesso.
  4. 4
    Controlla il pesce. Una volta pulito l'acquario e cambiata l'acqua, monitoralo per alcuni giorni per capire se queste misure lo aiutano a stare meglio; così facendo, puoi capire qual era o qual è la causa del suo malessere.
    • Potresti notare dei risultati immediati, per esempio se la vasca non conteneva abbastanza ossigeno, oppure potrebbero volerci alcuni giorni prima che il pesce si adatti all'acqua e all'acquario rinnovati.
    • Aspetta un giorno o due prima di tentare altri rimedi per assicurarti di non trattare il pesce per delle malattie che non ha, peggiorando potenzialmente la situazione.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Rianimare il Pesce

  1. 1
    Individua i sintomi. Ci sono molti segnali differenti di malattia, ma identificandoli precocemente e correttamente puoi salvare il pesce dalla morte.[11]
    • Il momento migliore per controllare eventuali segni di malattia o sintomi che possono far pensare a una morte imminente è prima dei pasti.[12]
    • Disturbi respiratori: controlla se si comporta come se avesse "fame d'aria", se respira rapidamente, rimane sulla superficie dell'acqua o si distende sul fondo dell'acquario, sono tutti segni che possono indicare malattie o scarsa qualità dell'acqua;[13]
    • Parassiti interni: questo pesce è per natura molto affamato e se noti che non mangia o dimagrisce, potrebbe soffrire di una parassitosi interna;[14]
    • Malattia della vescica natatoria: controlla se nuota in modo irregolare, capovolto o se si strofina contro le superfici; questo comportamento potrebbe indicare diversi disturbi, dalla vescica natatoria a un'alimentazione inadatta;[15]
    • Malattie micotiche: se il pesce rosso mostra segni come pinne rotte e piegate, zone del corpo macchiate, bozzi o noduli, protrusione oculare, branchie pallide o gonfiore, potrebbe soffrire di qualche infezione fungina;[16]
    • Corrosione delle pinne: si tratta di una delle malattie micotiche più diffuse nei pesci e si manifesta con delle aree bianche-lattiginose sulle pinne o sulla coda, le pinne sembrano inoltre sfilacciate.[17]
  2. 2
    Controlla i sintomi negli altri pesci. Una volta identificati i segni di malessere nel pesce morente, verifica se anche gli altri animali presenti nell'acquario manifestano caratteristiche simili; in questo modo, puoi capire meglio la causa di fondo della malattia.
  3. 3
    Togli il filtro e tratta l'acqua. Puoi curare malattie come le infezioni micotiche e la corrosione della coda rimuovendo il filtro correttamente e facendo un trattamento dell'acqua; questa accortezza può salvare il pesce dalla morte.[18]
    • Togli il filtro a carboni attivi e usa un prodotto commerciale, come la minociclina per la corrosione delle pinne o il blu di metilene se soffre di infezioni micotiche.[19]
    • Se non conosci con certezza la malattia di cui soffre il pesce, non usare queste sostanze; se versi nell'acqua un prodotto per un problema che in realtà non esiste, puoi provocare gravi danni all'animale.[20]
  4. 4
    Tratta l'acqua con il metodo del calore e del sale. Se ti accorgi che il pesce ha delle macchie bianche sul corpo, probabilmente soffre della malattia dei puntini bianchi (ictioftiriasi) causata dai parassiti Ichthyophthirius multifiliis; con il calore e il sale puoi però curarla e salvare l'animale.[21]
    • Aumenta lentamente la temperatura dell'acqua fino a 30 °C per più di 48 ore per fermare la riproduzione dei parassiti[22] e mantienila tale per 10 giorni;[23]
    • Aggiungi un cucchiaio di sale per ogni 20 litri d'acqua;[24]
    • Cambia l'acqua della vasca ogni paio di giorni;[25]
    • Riduci gradualmente la temperatura riportandola a 18 °C;[26]
    • Puoi usare tale metodo se all'interno dell'acquario ci sono dei pesci sani; questa procedura aiuta inoltre a eliminare i singoli parassiti che possono aver infettato gli esemplari in buona salute.[27]
  5. 5
    Nutri il pesce con alimenti vegetali e poveri di proteine. Alcuni pesci potrebbero soffrire della malattia della vescica natatoria che non è possibile curare con il cambio dell'acqua; se questo è anche il tuo caso, puoi nutrire il tuo piccolo amico con verdure come piselli congelati e altro cibo povero di proteine per alleviare il malessere.[28]
    • I piselli congelati rappresentano un'ottima scelta, perché sono ricchi di fibre e cadono sul fondo dell'acquario, così il pesce non deve cercarli sulla superficie.[29]
    • Non alimentare troppo un esemplare malato; dagli del nuovo mangime solo quando ha finito il pasto precedente. Se non rispetti questa regola, la quantità di ammoniaca può aumentare a livelli pericolosi e farlo ammalare.[30]
  6. 6
    Recidi i parassiti con delle pinzette. Se noti dei parassiti sul corpo del pesce, come la Lernea (verme ancora), puoi rimuoverli con questo strumento; fai attenzione e procedi con estrema cautela per non ferire o uccidere il tuo piccolo amico.
    • Alcuni parassiti scavano in profondità nella pelle del pesce rosso; in questo caso, devi intervenire associando all'escissione l'uso di prodotti chimici per uccidere gli agenti patogeni.
    • Assicurati di afferrare i parassiti quanto più vicino possibile alle ferite del pesce, in modo da rimuoverli completamente.
    • Rimetti il pesce nell'acqua ogni minuto circa per permettergli di respirare.
    • Possono essere necessarie alcune settimane prima di debellare completamente l'infestazione parassitaria dalla vasca.
    • Segui questo metodo solo se sai con certezza che il pesce ha i vermi o i parassiti e se sei in grado di maneggiarlo delicatamente per non ucciderlo.
  7. 7
    Usa un medicamento commerciale per pesci. Se non hai individuato la malattia che affligge l'animale, puoi tentare un rimedio che trovi in commercio; questo potrebbe curarlo da possibili malattie o da infestazioni parassitarie.[31]
    • Puoi acquistare tale tipo di prodotti presso i principali negozi per animali o grandi supermercati.
    • Tieni presente che non sempre si tratta di prodotti regolamentati o riconosciuti come farmaci per uso veterinario e potrebbero quindi essere inutili o addirittura pericolosi per l'animale.[32]
  8. 8
    Porta il pesce dal veterinario. Se con i rimedi casalinghi non hai riscontrato risultati positivi, devi farlo visitare dal medico, il quale può diagnosticare l'origine della sintomatologia e impostare una terapia.
    • Assicurati di portare il pesce in un sacchetto di plastica avvolto in un altro di carta, in modo da non causargli stress.
    • Sappi che il veterinario potrebbe non essere in grado di aiutare il tuo piccolo amico che potrebbe morire nonostante le cure.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prevenire le Malattie del Pesce Rosso

  1. 1
    Ricorda che la prevenzione è la migliore medicina. Prevenire possibili malattie del pesce è il modo migliore di salvarlo dalla morte; prendendotene adeguatamente cura, occupandoti della pulizia regolare dell'acquario fino a un'alimentazione varia, puoi ridurre notevolmente il rischio di morte.[33]
  2. 2
    Garantisci la qualità dell'acqua. Per mantenere vivo il pesce, è estremamente importante che l'ambiente in cui nuota rimanga pulito; non devi assicurarti solo che l'acqua abbia la temperatura ottimale, ma che ci sia anche una quantità di ossigeno sufficiente.[34]
    • Il pesce rosso predilige un ambiente con una temperatura compresa tra 10 e 25 °C;[35] più l'acqua è fredda e più alto è il contenuto di ossigeno.
    • Questo pesce produce molti rifiuti che a loro volta innalzano i livelli di ammoniaca nell'acquario, incrementando di conseguenza il rischio di malattie e morte.[36]
    • Analizza l'acqua ogni settimana per assicurarti che soddisfi i requisiti di qualità.[37]
  3. 3
    Pulisci regolarmente l'acquario. Rispettando correttamente questo impegno, non solo mantieni una buona qualità dell'acqua, ma rimuovi i batteri o le alghe che possono mettere a rischio la vita del pesce.[38] Una pulizia settimanale può essere di grande aiuto per prevenire possibili malattie.[39]
    • Cambia diversi litri d'acqua ogni settimana per eliminare le sostanze chimiche in eccesso;[40]
    • Pulisci la ghiaia e le pareti dell'acquario per rimuovere le alghe o la sporcizia che si sono accumulate;[41]
    • Pota eventuali piante che sono cresciute troppo;[42]
    • Pulisci o sostituisci il filtro a carbone una volta al mese;[43]
    • Ricorda di non usare alcun prodotto chimico o detergente, perché potresti uccidere il pesce.
  4. 4
    Offrigli un'alimentazione varia. Una delle maniere migliori per evitare che muoia consiste nel garantirgli una dieta variegata e ben bilanciata. Un altro aspetto altrettanto importante è non eccedere con le porzioni, altrimenti non solo potrebbe ammalarsi, ma la qualità dell'acqua verrebbe compromessa.[44]
    • Puoi dargli del mangime specifico commerciale che viene venduto in forma di fiocchi essiccati e che gli assicurano un'alimentazione equilibrata.[45]
    • Puoi offrirgli diversi cibi, come piselli, gamberetti in salamoia, vermi americani (Glycera) e vermi dei fanghi (Tubifex).[46]
    • Puoi anche garantirgli degli spuntini a base di alghe lasciandole crescere in un angolo della vasca, in modo che possa rosicchiarle quando vuole.[47]
    • Non sovralimentarlo, ha bisogno di mangiare solo una volta al giorno; tutto il cibo che avanza cade sul fondo sporcando l'acqua.[48]
  5. 5
    Separa il pesce malato dagli esemplari sani. Se solo uno o pochi animali sono malati o morenti, allontanali da quelli in buona salute per prevenire la possibilità di contagio.[49]
    • È una buona idea tenere un acquario "ospedale" in cui mettere i pesci malati.[50]
    • Rimetti il pesce nell'acquario solo quando è perfettamente sano.[51]
    Pubblicità

Consigli

  • Sii preparato al fatto che potresti anche non riuscire a salvare il pesce rosso.
  • Se non sai con certezza che cosa fare, contatta immediatamente il veterinario e descrivigli il problema.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non mettere un pesce malato con altri esemplari, altrimenti i virus potrebbero diffondersi.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Curare un'Affezione alla Vescica Natatoria nel Pesce Rosso

Come

Stabilire se il tuo Pesce Rosso è Maschio o Femmina

Come

Prendersi Cura di un Pesce Rosso

Come

Capire se il Tuo Pesce Avrà i Piccoli

Come

Scoprire se la Tua Guppy è Incinta

Come

Cambiare l'Acqua della Boccia dei Pesci

Come

Curare la Malattia dei Puntini Bianchi (Ictioftiriasi) nei Pesci Rossi

Come

Allestire un Acquario di Acqua Dolce

Come

Individuare dei Buoni Compagni d'Acquario per i Guppy

Come

Sapere se il tuo Pesce Betta è Malato

Come

Capire se il Pesciolino è Morto

Come

Pulire un Acquario

Come

Curare i Pesci Tropicali Affetti dalla Malattia dei Puntini Bianchi

Come

Creare un Acquario Sano e Accogliente per i Pesci Rossi
Pubblicità
  1. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  2. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  3. http://www.savemysickfish.com/diagnosis/
  4. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  5. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  6. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  7. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  8. http://aquadaily.com/2009/01/26/fin-rot-symptoms-and-treatment/
  9. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  10. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  11. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  12. http://www.peteducation.com/article.cfm?c=16+2160&aid=2421
  13. http://www.peteducation.com/article.cfm?c=16+2160&aid=2421
  14. http://www.peteducation.com/article.cfm?c=16+2160&aid=2421
  15. http://www.peteducation.com/article.cfm?c=16+2160&aid=2421
  16. http://www.peteducation.com/article.cfm?c=16+2160&aid=2421
  17. http://www.peteducation.com/article.cfm?c=16+2160&aid=2421
  18. http://www.cichlid-forum.com/articles/ich.php
  19. http://www.aquahobby.com/articles/e_constipated_fish.php
  20. http://www.aquahobby.com/articles/e_constipated_fish.php
  21. http://www.savemysickfish.com/diseases/
  22. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  23. http://fish.mongabay.com/disease.htm
  24. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  25. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  26. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  27. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  28. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  29. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  30. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  31. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  32. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  33. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  34. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  35. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  36. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  37. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  38. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  39. http://www.aspca.org/pet-care/small-pet-care/fish-care
  40. http://www.fishlore.com/Articles/SickFish.htm
  41. http://www.fishlore.com/Articles/SickFish.htm
  42. http://www.fishlore.com/Articles/SickFish.htm

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 70 172 volte
Categorie: Pesci
Questa pagina è stata letta 70 172 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità