Come Salvare un Uccellino Caduto dal Nido

3 Parti:Aiutare un Uccellino Ferito o MalatoAiutare un Uccellino SanoTrovare un Centro di Recupero per la Fauna Selvatica

Quando vedi un uccellino a terra, il tuo primo istinto è quello di aiutarlo. Tuttavia, nonostante le buone intenzioni, è molto facile creare spesso più danni che benefici quando si cerca di salvare gli uccellini. Devi essere sicuro di fare la cosa migliore per l'esserino che hai davanti e prenderti il tempo necessario per valutare la situazione. Puoi seguire le semplici istruzioni descritte in questo articolo per essere certo di fare tutto il possibile per riunirlo alla sua famigliola prima di allontanarlo dal suo habitat naturale.

Parte 1
Aiutare un Uccellino Ferito o Malato

  1. 1
    Valuta se l'animale ha bisogno di aiuto. Se hai l'impressione che sia malato o ferito, allora ha bisogno di assistenza immediata. Ci sono molti segnali che ti fanno capire che è in difficoltà; controlla se non riesce a muoversi, a sbattere le ali, se ci sono ferite aperte o sangue, se presenta tremori o le ali cadono in maniera innaturale.
    • Se l'uccellino mostra tutti o alcuni tra questi segnali, ha bisogno di aiuto.
  2. 2
    Sappi quali sono gli uccelli che non dovresti toccare. Se l'animale che ha bisogno di essere soccorso ha un becco lungo e affilato oppure sai riconoscerne la specie e capisci che si tratta di un gufo, aquila, falco, airone o un altro rapace, allora non toccarlo. Questo tipo di animale potrebbe ferirti. Prendi nota di che animale si tratta, il luogo in cui si trova e chiama aiuto.
    • In queste situazioni, dovresti chiamare la guardia forestale, un centro per il recupero della fauna selvatica o, al limite, l'ASL veterinaria di competenza. Fai una ricerca online per trovare i recapiti e contattare le organizzazioni presenti nella tua zona.
  3. 3
    Prepara un contenitore. Se l'uccellino ferito non è un rapace e non appartiene ad altre specie di predatori, hai bisogno di trasportarlo in maniera sicura. Trova una scatola per le scarpe o un altro piccolo contenitore simile e pratica dei fori per garantire il ricircolo dell'aria al suo interno. Fodera la base con un panno pulito o della carta da cucina. Lavati le mani e indossa dei guanti, se sono a disposizione. Solleva con delicatezza l'uccellino ferito e mettilo nella scatola.
    • Una volta al sicuro nella scatola, dovresti portarlo presso una struttura in grado di prendersene cura, come un centro di recupero per la fauna selvatica.
  4. 4
    Mantieni l'uccellino al caldo. Se percepisci il suo corpo freddo al tatto, allora puoi aiutarlo a riscaldarsi mettendo nella scatola anche uno scaldino impostato al minimo. Verifica che l'elettrodomestico non occupi tutto lo spazio della scatola, dato che l'animale deve avere la possibilità di spostarsi in un'area più fresca, se inizia a surriscaldarsi.
    • Se non possiedi uno scaldino, ma vuoi tenere al caldo l'animale mentre lo trasporti, allora puoi riempire una bottiglietta o un sacchetto di plastica sigillabile con acqua calda e poi avvolgere questa "borsa dell'acqua" artigianale in un panno o asciugamano. Appoggiala vicino all'animale, ma verifica che non ci siano perdite di liquido.
    • Una bottiglia di acqua calda che perde potrebbe creare molti danni, dato che un uccellino bagnato si raffredda molto più velocemente.
  5. 5
    Cerca di non maneggiare troppo l'animale. Una volta che l'hai riposto in un luogo sicuro e caldo, lascialo tranquillo. Mentre ti prendi cura di lui, è molto importante che non lo alimenti o lo prendi eccessivamente in mano senza che ce ne sia la necessità. Quando un volatile è in stato di shock, soprattutto se ha freddo ed è disidratato, non è in grado di digerire correttamente il cibo. Non cercare di reidratarlo o di nutrirlo, a meno che non te lo abbia indicato il veterinario o l'esperto di fauna selvatica.
    • Per gli uccelli selvatici, gli esseri umani sono dei predatori, quindi le tue attenzioni, anche se spinte dalle migliori intenzioni, in verità terrorizzano l'animale; inoltre, è molto semplice ferire un uccellino malato quando si cerca di nutrirlo o reidratarlo.

Parte 2
Aiutare un Uccellino Sano

  1. 1
    Valuta l'età dell'animale. Se l'uccellino non ti sembra ferito, allora puoi provare ad aiutarlo senza portarlo via dal suo habitat. Per farlo, devi prima determinare l'età approssimativa dell'animale e poi decidere come agire. Gli esemplari molto giovani, detti pulcini, non dovrebbero restare fuori dal nido. Questi uccellini hanno pochissime piume e i più piccoli potrebbero avere ancora gli occhi chiusi. Gli esemplari un po' più grandicelli hanno le piume e spesso puoi imbatterti in loro mentre saltellano a terra.
    • Gli uccellini più grandi stanno imparando a volare, quindi è abbastanza normale trovarli fuori dal nido.
  2. 2
    Avvicinati all'animale. Se pensi che si tratti di un pulcino o hai dei dubbi, allora potrebbe avere bisogno di aiuto. Se sembra un piccolo canarino o un tipo di passero, allora avvicinati con cautela. Sollevalo con una mano, allunga un dito per toccargli le zampe e stai a vedere se l'animale reagisce aggrappandosi e appollaiandosi al dito, ma presta attenzione che non cada. Se non lo fa, potrebbe essere un pulcino che deve stare nel nido.
    • Se si tratta di un rapace, chiama la guardia forestale o un centro per il recupero della fauna selvatica e non toccare l'animale.
  3. 3
    Riporta l'uccellino nel nido. Se sei giunto alla conclusione che si tratti di un pulcino sano a terra, cerca il nido nelle vicinanze. Se riesci a trovarlo e puoi raggiungerlo, allora dovrai rimettere l'uccellino a "casa sua". Indossa un paio di guanti e, con delicatezza, riponi l'animale nel nido.
    • Se i suoi genitori sono nei paraggi, torneranno dal pulcino. Non è affatto vero che gli uccelli rifiutano un pulcino toccato dagli umani. In realtà i volatili hanno un senso dell'olfatto piuttosto scarso, ma un forte istinto genitoriale, quindi continueranno a occuparsi del loro cucciolo anche dopo che è stato toccato da un uomo.
  4. 4
    Realizza un sostituto per il nido. Se non riesci a trovare quello originale o questo è inaccessibile, allora devi costruire un nido alternativo per proteggere il pulcino finché i genitori lo ritroveranno. Puoi prendere una scatola di margarina, un cestino di frutti di bosco o un contenitore analogo. Pratica dei fori sul fondo per garantire un buon drenaggio dei liquidi e fodera l'interno con della carta da cucina asciutta. Con l'aiuto di un laccio o del filo di ferro, appendi il nido di fortuna a un albero o un cespuglio, il più vicino possibile al vecchio nido o dove credi che questo si trovi.
    • Assicurati che il rifugio non sia facilmente raggiungibile dai predatori, cani e gatti inclusi.
  5. 5
    Osserva il nido con l'uccellino. Devi essere certo che i genitori lo trovino. Una volta che hai rimesso l'animale nella sua casa o nel nido di fortuna, osservalo da distante. I genitori dovrebbero tornare nel giro di breve.
    • Se dovessero fare ritorno, allora il pulcino sarebbe in salvo e il tuo lavoro compiuto.
    • Se, dopo un'ora o due, uno o entrambi i genitori non fossero tornati, allora devi contattare il centro di recupero per gli animali selvatici e farti dare istruzioni in merito.
  6. 6
    Occupati di un uccellino già cresciuto. Se hai trovato un animale più grande rispetto a un pulcino, con le piume formate che saltella qua e là e si appollaia su un tuo dito, allora hai trovato un esemplare "quasi adolescente". È abbastanza normale che questi uccelli passino un po' di tempo a terra quando iniziano a imparare a volare. Se la zona in cui si trova è relativamente sicura, lascialo solo. Tuttavia, se corre un pericolo imminente, spostalo vicino a un cespuglio o a un ramo e osservalo da una certa distanza.
    • Il pericolo può presentarsi sotto diverse forme: sono presenti dei predatori (cani e gatti inclusi) oppure l'uccellino potrebbe trovarsi in mezzo alla strada o in un altro punto poco sicuro.
    • Se i genitori fanno ritorno entro un'ora o due, allora il piccolo sarà in salvo. Se uno o entrambi i genitori non rientrano al nido, allora dovrai chiamare un centro per il recupero degli animali selvatici.

Parte 3
Trovare un Centro di Recupero per la Fauna Selvatica

  1. 1
    Sappi quando rivolgerti a un professionista. Se non sei in grado di riportare l'uccellino alla sua famiglia, hai bisogno che un esperto per la riabilitazione degli animali selvatici venga a recuperare l'animale e se ne prenda cura. Dovresti chiamare questo incaricato anche nel caso in cui l'uccello fosse un rapace. È molto meglio che sia un esperto a occuparsene, non solo per l'uccello, ma anche per te, dato che è illegale crescere o possedere uccelli di specie protette senza avere una specifica licenza.
    • Se sei riuscito a riunire la famigliola di uccelli, allora non è necessario chiamare l'esperto.
  2. 2
    Fai qualche ricerca online per trovare il centro di recupero specializzato più vicino. Ci sono molti modi per trovarne uno. Se hai deciso di usare internet, puoi navigare nel sito della centri-recupero LIPU e trovare il numero di telefono del centro più vicino a casa tua.
    • Ci sono molti altri siti internet che ti possono aiutare. Puoi anche semplicemente digitare le parole "centro di recupero fauna selvatica" sul tuo motore di ricerca preferito, seguite dal nome della tua città o provincia per ottenere così ulteriori suggerimenti.
  3. 3
    Chiama aiuto. Se non hai la possibilità di consultare una pagina online o preferisci parlare direttamente con una persona, allora puoi telefonare all'ASL veterinaria di competenza oppure chiamare il 1515, il numero nazionale della Guardia Forestale. Se non riesci a metterti in contatto con queste organizzazioni specifiche, allora puoi anche chiamare il numero di emergenza della polizia (113) o dei carabinieri (112).

Consigli

  • Se hai dei dubbi, lascia l'uccellino da solo e aspetta. Un uccello selvatico ha molte più possibilità di diventare un esemplare adulto sano, se resta con i propri genitori.
  • Non dargli cibo per uccellini o acqua, a meno che non ti sia stato espressamente indicato dal veterinario o dall'esperto di fauna selvatica. Potresti fare più danni che apportare benefici, se alimenti l'uccellino con il cibo sbagliato; la dieta giusta varia in base alla specie.
  • Dopo aver toccato l'uccellino lavati le mani con grande cura, potrebbe veicolare virus che sono pericolosi per l'essere umano.


Informazioni sull'Articolo

Categorie: Uccelli

In altre lingue:

English: Help a Baby Bird That Has Fallen Out of a Nest, Français: aider un oisillon qui est tombé du nid, Español: ayudar a un pajarito que ha caído de su nido, Português: Ajudar um Passarinho que Caiu do Ninho, Русский: помочь птенцу, выпавшему из гнезда, Deutsch: Einem Küken helfen, das aus dem Nest gefallen ist, Bahasa Indonesia: Menolong Anak Burung yang Terjatuh dari Sarangnya, Nederlands: Een jong vogeltje helpen dat uit een nest gevallen is, العربية: مساعدة طائر صغير سقط من عشه, Tiếng Việt: Giúp đỡ chim non bị rơi khỏi tổ, 日本語: 巣から落ちたひなを助ける

Questa pagina è stata letta 92 351 volte.

Hai trovato utile questo articolo?