Scarica PDF Scarica PDF

Allattare al seno può essere un'esperienza che crea un profondo legame con il neonato[1] e che non richiede grossi cambiamenti nell'alimentazione. Quindi, puoi continuare a consumare la gran parte delle pietanze che sei abituata a mangiare[2] , anche se è meglio evitare o limitare alcuni tipi di cibi. Se segui un sano regime alimentare, potrai garantire anche a tuo figlio un apporto nutritivo equilibrato.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Evitare il Consumo di Determinati Alimenti

  1. 1
    Non consumare alcool se devi allattare. Per il benessere del neonato non è accettabile né sicuro consumare sostanze alcoliche in nessuna quantità. Infatti, una volta ingerite, il latte prodotto dalle ghiandole mammarie potrebbe trasmetterle al bambino e comportare un certo rischio. Aspetta sempre che il corpo le assimili e le espella completamente prima di allattare.[3] [4]
    • In genere, è necessario attendere circa due ore per ogni drink prima di poter allattare tranquillamente di nuovo.
    • Per drink si intende 340 ml di birra, 140 ml di vino o 45 ml di un superalcolico.
    • Non espellere il latte per rimuovere l'alcol presente all'interno. Solo aspettando il tempo necessario è possibile eliminare l'alcool dall'organismo.
    • Non bere mentre ti occupi di un neonato.
  2. 2
    Elimina l'assunzione di eventuali allergeni. Se consumi determinati cibi e successivamente allatti al seno, c'è il rischio che insorgano reazioni allergiche nel bambino. Pertanto, osserva con attenzione tuo figlio per individuare eventuali segni di reazioni allergiche dopo l'allattamento. Se li noti, ripensa a tutto ciò che hai mangiato di recente o alle nuove pietanze che eventualmente hai introdotto nella tua alimentazione in modo da eliminarne il consumo.[5] [6]
    • Il sintomo più frequente di una reazione allergica si presenta nelle feci del neonato. Se hanno un aspetto simile a muco, sono verdi e cosparse di sangue, probabilmente è in corso una reazione allergica.
    • Le reazioni allergiche possono indurre il bambino a innervosirsi, manifestarsi con irritazioni cutanee, comportare diarrea, stitichezza o, in casi estremi, difficoltà di respirazione.
    • Se noti segni di qualche reazione allergica, porta il bambino dal pediatra il prima possibile.[7]
    • Gli alimenti che solitamente possono procurare reazioni allergiche sono le arachidi, la soia, il grano, il latte vaccino, il mais o le uova.
    • Tieni un diario alimentare in modo da elencare accuratamente tutto quello che hai mangiato di recente. Ti permetterà di scoprire quali alimenti potrebbero essere all'origine dell'allergia.
  3. 3
    Impara a conoscere che cosa preferisce il neonato. Probabilmente tuo figlio non gradisce alcuni cibi che alterano il sapore del latte materno. Il cibo e le bevande dal gusto di per sé piuttosto intenso possono trasmettere al latte materno le loro proprietà organolettiche, dissuadendo il bambino dal mangiarlo. Tieni quindi traccia di quello che consumi e quando il bambino sembra reagire in questo modo, così riuscirai a capire quali sono gli alimenti che non preferisce.[8]
    • Prova a tenere un diario alimentare in modo da avere meno difficoltà a ricordare quello che hai mangiato, quando lo hai mangiato e quali cibi sarebbe il caso di smettere di consumare.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Limitare il Consumo di Determinati Alimenti

  1. 1
    Stai attenta alla quantità di spezie che usi in cucina. I cibi aromatizzati non sono assolutamente nocivi per il neonato durante l'allattamento. Tuttavia, è probabile che alcuni alimenti conditi con le spezie conferiscano al latte materno lo stesso sapore e che il bambino non li gradisca quanto la madre. Se noti che tuo figlio fa i capricci o rifiuta di prendere il latte dopo che hai mangiato qualcosa di speziato, prova a eliminare quegli aromi dalla tua alimentazione.[9] [10]
  2. 2
    Consuma le giuste specie di pesce. Anche se questa tipologia di alimenti costituisce una saggia scelta nutrizionale, in quanto forniscono all'organismo acidi grassi omega-3 e proteine, alcuni tipi di pesce possono contenere anche elementi tossici. Pertanto, mangiando prodotti ittici, c'è il rischio che le sostanze presenti nelle loro carni, tra cui il mercurio, penetrino nel latte materno. Dal momento che il bambino è estremamente sensibile a questi agenti inquinanti, è meglio evitare di consumare grosse quantità di determinati tipi di pesce.[11]
    • Le specie di pesce da evitare assolutamente sono lo sgombro reale e il pesce spada.
    • Non mangiare più di 170 g di pesce a settimana.
    • I metalli pesanti e dannosi per la salute, come il mercurio, possono incidere sullo sviluppo del sistema nervoso del bambino.
  3. 3
    Limita il consumo della caffeina. Anche se le quantità reperibili nel latte materno non sono considerate dannose per il neonato, possono comunque ripercuotersi sul benessere del neonato. I bambini che assumono caffeina attraverso il latte materno potrebbero avere problemi a dormire oppure essere più inclini ad agitarsi. Pertanto, limita la quantità di caffeina che consumi ogni giorno in modo che non penetri nel latte prodotto dalle ghiandole mammarie [12]
    • Non bere più di 2 o 3 tazze di caffè al giorno.
  4. 4
    Tieni sotto controllo il consumo di certe verdure. Alcune verdure possono causare meteorismo negli adulti. Se le mangi e successivamente allatti tuo figlio al seno, anche il bambino potrebbe soffrire di flatulenza. Stai attenta se tuo figlio presenta sintomi di accumulo di gas intestinale e cerca di non mangiare i cibi che possono causare meteorismo. Fai attenzione ad alcuni alimenti noti per il rischio di provocare un'eccessiva produzione di aria all'interno dell'intestino:[13] [14]
    • Broccoli
    • Fagioli
    • Cavoli
    • Cavolfiori
    • Gomme da masticare
    • Cipolle
    • Cibi integrali
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Sapere che cosa Mangiare

  1. 1
    Nutriti di quantità adeguate di frutta e verdura. Introdurre nell'alimentazione tanta frutta e verdura può essere un ottimo modo per migliorare la propria salute, ma anche la qualità del latte materno. Il consumo di determinati tipi di frutta e verdura può garantire un ottimo apporto di ferro, proteine e calcio.[15] [16]
    • Mangia 2-4 porzioni di frutta al giorno.
    • Inserisci nel tuo regime alimentare circa 3-5 porzioni di verdura al giorno.
  2. 2
    Assicurati che le proteine facciano parte della tua alimentazione. È importante assumere abbastanza proteine durante l'allattamento al seno. Pertanto, devi essere certa di ricevere ogni giorno un giusto apporto proteico affinché anche il nutrimento del tuo bambino sia sano ed equilibrato.[17]
    • I prodotti lattiero-caseari, come latte, yogurt e formaggio, possono fornirti proteine, ma anche calcio.
    • La carne magra, il pollo e il pesce sono fonti eccellenti di proteine.
    • Anche i legumi, le lenticchie, i semi e la frutta a guscio sono ottime fonti vegetali di proteine.
  3. 3
    Mantieniti idratata. L'allattamento al seno può portare le donne a sentirsi disidratate o ad avvertire la sete, quindi è importante che reintegrino ogni giorno i liquidi persi per mantenersi idratate. Pertanto, bevi tutta l'acqua che occorre per dissetarti, senza forzarti a un consumo eccessivo.[18]
    • In media le donne dovrebbero bere circa 2 litri di acqua al giorno. Quando allattano, il fabbisogno potrebbe aumentare.
    • L'acqua, i succhi di frutta, le zuppe e il latte scremato sono ottime scelte per mantenersi idratati.
    • Prova a bere circa 8 bicchieri di acqua al giorno.
    • Evita le bevande zuccherate, tra cui le bibite gassate o i succhi di frutta con zuccheri aggiunti.
  4. 4
    Mangia nelle giuste quantità. Dovrai nutrirti consumando le giuste porzioni di cibo durante il periodo dell'allattamento. Oltre a mangiare quantità che ti permettano di mantenere il peso nella norma, avrai bisogno di aumentare le calorie per conservare le energie, mentre allatti al seno.[19]
    • Durante i primi 6 mesi di vita del bambino, avrai bisogno di circa 500-600 calorie in più al giorno.
  5. 5
    Prova ad aggiungere qualche integratore nella tua alimentazione. Generalmente, si consiglia alle donne che allattano di aggiungere integratori alimentari al loro regime alimentare quotidiano, in quanto possono garantire un adeguato apporto nutrizionale durante questo periodo e favorire la produzione di un latte più sano per il neonato.[20]
    • La vitamina B-12 è importante per lo sviluppo cerebrale del bambino.
    • La vitamina D è fondamentale per la formazione di ossa robuste e scongiura il pericolo che il bambino possa soffrire di rachitismo.
    Pubblicità

Consigli

  • Segui una dieta sana ed equilibrata in modo da allattare tuo figlio nel modo migliore.
  • Evita alcolici e alcuni tipi di pesce che potrebbero contenere mercurio.
  • Osserva le reazioni di tuo figlio quando lo allatti e modifica la tua alimentazione se noti che manifesta qualche repulsione.
  • Tieni un diario alimentare per capire in modo facile e veloce che cosa dovresti cambiare nel tuo regime alimentare.
  • Consulta il medico per ricevere maggiori informazioni sull'alimentazione e l'allattamento al seno.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non bere alcool prima di allattare al seno, in quanto c'è il rischio che, penetrando nel latte, venga assunto dal bambino.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Rompere le AcqueFar Rompere le Acque
Riconoscere la Posizione del Bambino nell'UteroRiconoscere la Posizione del Bambino nell'Utero
Insegnare a un Bambino a GattonareInsegnare a un Bambino a Gattonare
Mettere Incinta la tua RagazzaMettere Incinta la tua Ragazza
Riconoscere i Segni di un Aborto SpontaneoRiconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Fingere una GravidanzaFingere una Gravidanza
Far Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy HoggFar Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy Hogg
Girare un Bambino PodalicoGirare un Bambino Podalico
Bloccare la Produzione di Latte MaternoBloccare la Produzione di Latte Materno
Gestire un Bambino che Non Vuole Andare a ScuolaGestire un Bambino che Non Vuole Andare a Scuola
Tenere un NeonatoTenere un Neonato
Ascoltare il Battito Cardiaco FetaleAscoltare il Battito Cardiaco Fetale
Aumentare le Possibilità di Concepire un MaschiettoAumentare le Possibilità di Concepire un Maschietto
Fare in modo che un Neonato faccia il RuttinoFare in modo che un Neonato faccia il Ruttino
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lacy Windham, MD
Co-redatto da:
Ostetrica e Ginecologa
Questo articolo è stato co-redatto da Lacy Windham, MD. La Dottoressa Windham lavora come Ostetrica e Ginecologa Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Tennessee. Ha completato l’internato alla Eastern Virginia Medical School nel 2010, dove ha ricevuto un premio per il suo eccezionale operato come medico interno. Questo articolo è stato visualizzato 84 571 volte
Categorie: Genitori
Questa pagina è stata letta 84 571 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità