Scarica PDF Scarica PDF

I neonati subiscono rapidi cambiamenti nel corso dei primi giorni e delle prime settimane di vita. La pelle va incontro a varie modificazioni di colore, cambia consistenza e può manifestare lesioni di diverso tipo, molte delle quali compaiono e scompaiono spontaneamente. Tuttavia, alcuni problemi possono indicare qualcosa di più serio. Se hai partorito da poco, impara a riconoscere le varie manifestazioni cutanee di tuo figlio e sapere quando contattare il pediatra.

Parte 1 di 4:
Valutare il Colore della Pelle

  1. 1
    Nota la carnagione. Alla nascita, la pelle del neonato può apparire rosata o rossastra.[1] Tuttavia, le mani e i piedi possono essere bluastri (acrocianosi) perché il sangue e, di conseguenza, l'ossigeno non circolano ancora bene alle estremità.[2] [3] [4] Man mano che l'apparato circolatorio comincia a funzionare a pieno regime, il colorito bluastro tende a diminuire.
    • Tuttavia, se la pelle del bambino è completamente bluastra (cianosi), portalo immediatamente dal pediatra.[5]
    • Se hai la carnagione scura, tieni presente che quella di tuo figlio sarà più chiara della tua all'inizio.[6]
    • I neonati chiari di pelle possono presentare chiazze rossastre e biancastre.[7]
  2. 2
    Cerca le discromie più comuni. Tuo figlio potrebbe presentare macchie rosa sulle palpebre o al centro della fronte.[8] In passato queste manifestazioni prendevano vari nomi ("nevo flammeo", "bacio dell'angelo" e "morso della cicogna"), ma oggi sono note come "nevus simplex". Di solito, spariscono nel giro di pochi mesi anche se possono persistere debolmente in età adulta.
    • A volte, può comparire una macchia sulla nuca del neonato. In questo caso, viene chiamata "morso della cicogna" e col tempo scompare o diventa meno evidente.
  3. 3
    Non allarmarti se vedi dei lividi. Poiché il parto è un'esperienza fisicamente dura sia per la madre sia per il bambino, quest'ultimo può presentare dei lividi in vari punti del corpo, che tendono al bluastro e altri colori. Tuttavia, non preoccuparti. Il pediatra visiterà tuo figlio, osservando anche l'eventuale presenza di ecchimosi, per assicurarsi che stia bene.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Fare Attenzione ai Problemi Cutanei

  1. 1
    Nota il gonfiore. Alla nascita, la pelle del neonato appare liscia e leggermente paffuta. Potrebbe anche presentare un notevole gonfiore.[9] Entro certi limiti, specialmente sulla testa o nella zona oculare, è un fenomeno (edema) non infrequente e scompare spontaneamente.[10] [11] Tuttavia, informa il pediatra se noti che aumenta col passare dei giorni, soprattutto in zone particolari, come piedi o mani.[12]
  2. 2
    Tieni conto che la pelle può screpolarsi e desquamarsi. A 24-36 ore dal parto, può essere ancora rosata, ma anche apparire screpolata.[13] [14] Inoltre, potrebbe essere soggetta a desquamazione (più comune alle mani e ai piedi). Normalmente, questo fenomeno è temporaneo e non ha effetti negativi.
    • Quando il bambino piange, la pelle può arrossarsi e, man mano che si raffredda, diventare leggermente bluastra o a chiazze.[15]
  3. 3
    Vedi se è coperta da una patina naturale. La pelle del neonato può essere coperta dalla cosiddetta vernice caseosa, uno strato di materia grassa biancastra, presente solo nelle pieghe, ad esempio sulle gambe.[16] Si tratta di una sostanza che ha il compito di proteggere la cute dal liquido amniotico durante la vita intrauterina, ma si toglie col primo bagnetto.[17] Poiché è destinata ad andare via, è visibile per poco tempo, o per niente.
  4. 4
    Preparati alla comparsa dell'"acne infantile". Nelle prime settimane di vita il neonato può sviluppare una forma lieve di acne. È causata dagli ormoni della madre trasmessi al bambino. È innocua e si risolve da sola.[18]
  5. 5
    Cura la "crosta lattea", se presente. In molti bambini può comparire la cosiddetta "crosta lattea", una forma di dermatite seborroica caratterizzata da pelle secca, squamosa e talvolta grassa sulla sommità della testa.[19] [20] Si tratta di un'eruzione cutanea innocua e normalmente scompare attorno al primo anno di età. Puoi trattarla nei seguenti modi:[21]
    • Un'ora prima di fare lo shampoo, applica sulla testa di tuo figlio l'olio per bambini, l'olio minerale o la vaselina. In questo modo, sarà più semplice staccare i residui di pelle secca e morta.
    • Bagna il cuoio capelluto prima dello shampoo e usa una spazzola a setole morbide. Passala delicatamente. Ti aiuterà a rimuovere le squame della crosta lattea.
    • Lava e risciacqua il cuoio capelluto, quindi asciuga delicatamente la testa con un asciugamano.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Riconoscere le Differenti Caratteristiche della Pelle

  1. 1
    Preparati alla peluria. Il corpo del neonato può essere ricoperto da una sottile peluria chiamata lanugine. Si manifesta più comunemente su spalle, schiena e zona sacrale (la parte inferiore della colonna vertebrale).[22] Di solito è più ricorrente nei bambini nati prematuramente, ma può presentarsi in qualunque neonato.[23] [24] La lanugine scompare nelle prime settimane di vita.
  2. 2
    Considera la milia. Con il termine milia (o anche milio sebaceo neonatale) si intende un gruppo di eruzioni biancastre o giallastre che compaiono sul viso del neonato, di solito nella zona di naso, mento e guance.[25] [26] Queste pustoline somigliano a piccoli punti bianchi, ma non vanno confusi con la comune "acne infantile". La milia è una condizione della pelle piuttosto comune, che compare in circa il 40% dei neonati e si risolve spontaneamente.
  3. 3
    Osserva l'eventuale presenza delle macchie mongoliche. Si tratta di macchie dalle tonalità viola-nerastro o blu-nerastro che possono comparire (spesso nella parte bassa della schiena) nei bambini di origine afro-americana o asiatica.[27] Sono formazioni di natura benigna che scompaiono nel tempo, in genere nel giro di un anno, anche se in alcuni casi durano di più.[28] [29]
  4. 4
    Fai attenzione all'eritema tossico. È una transitoria eruzione cutanea che può comparire 1-2 giorni dopo la nascita. Si manifesta con chiazze rosse sormontate da piccole pustole puntiformi. Sebbene possa sembrare allarmante, l'eritema tossico è innocuo.[30] [31] Dovrebbe risolversi nel giro di una settimana.[32]
  5. 5
    Nota il fenomeno di Arlecchino. Si tratta di una condizione per cui una metà del corpo si arrossa e l'altra si sbianca.[33] Può verificarsi quando il neonato giace steso su un fianco ed è dovuta all'immaturità dei centri ipotalamici che controllano il tono vascolare.[34] L'arrossamento può svilupparsi all'improvviso, ma di solito scompare nell'arco di venti minuti, una volta che il neonato si muove o piange.
    • Il fenomeno di Arlecchino è più comune nelle prime tre settimane di vita.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Fare Attenzione alle Possibili Complicazioni

  1. 1
    Cura la dermatite da pannolino.[35] Se il bambino indossa per troppo tempo un pannolino bagnato o se l'urina e/o le feci irritano la pelle, può sviluppare la dermatite da pannolino. Il sedere e i genitali tendono ad arrossarsi, causando dolore e irritabilità. Tuttavia, è possibile curare in casa questa infiammazione, ma anche prevenirla o farla scomparire nel giro di ventiquattro ore nei seguenti modi:[36]
    • Cambiando frequentemente i pannolini;
    • Lavando accuratamente la pelle del bambino;
    • Applicando un apposito unguento al momento di cambiare il pannolino.
  2. 2
    Informa il pediatra se la pelle di tuo figlio è giallastra. Questa condizione, chiamata ittero, è una manifestazione fisiologica nel neonato e di solito non è associata a una malattia o un problema di salute. È caratterizzata dalla pigmentazione giallastra della cute, tendente in alcuni casi a diventare anche arancione o verdastra.[37] [38] Può presentarsi 24 ore dopo il parto e raggiungere il picco dopo circa 72 ore. Si verifica a seguito di un aumento della bilirubina nel sangue e dipende una serie di cause che vanno dalla mancanza di latte materno a un'immaturità delle vie metaboliche deputate allo smaltimento di questa sostanza.[39] Di solito, l'ittero scompare spontaneamente nell'arco di pochi giorni, ma si raccomanda un allattamento frequente (ogni 2-3 ore) e la fototerapia:
    • La fototerapia è un trattamento basato sull'esposizione del bambino alla luce per indurlo a eliminare la bilirubina. Se il pediatra la ritiene necessaria, ti spiegherà a quale genere di fototerapia devi sottoporre tuo figlio.
  3. 3
    Individua macchie di colore marrone chiaro. Chiamate macchie caffelatte, possono comparire alla nascita o svilupparsi nei primi anni di vita.[40] Se sono numerose (o soprattutto grandi), porta il bambino dal pediatra perché potrebbero indicare una condizione chiamata neurofibromatosi.
  4. 4
    Controlla i nei. Sul corpo del neonato potrebbero essere presenti dei nei, chiamati nevi congeniti.[41] Hanno dimensioni variabili: piccoli come piselli o abbastanza grandi da coprire un intero arto. Il pediatra provvederà a ispezionarli e monitorarli perché, se sono estesi, il rischio che degenerino in melanomi è più alto.
  5. 5
    Consulta il pediatra se vedi macchie violacee piuttosto grandi. Il nevo vinoso (caratterizzato da una macchia color porpora) è spesso innocuo, ma può essere associato ad alcune patologie congenite come la sindrome di Sturge-Weber o la sindrome di Klippel-Trenaunay-Weber.[42]
  6. 6
    Consulta il pediatra in caso di grumi sottopelle. La necrosi adiposa è una condizione caratterizzata dalla presenza di noduli sottocutanei fluttuanti. Anche questa malattia è benigna e scompare spontaneamente nell'arco di qualche settimana. Il pediatra vorrà esaminare queste manifestazioni per assicurarsi che non siano associate ad altri problemi di salute (come insufficienza renale o ipercalcemia).[43]
  7. 7
    Tieni d'occhio il colorito della pelle. Se è completamente bluastra (cianosi), informa immediatamente il pediatra.[44] Potrebbe indicare una cattiva circolazione sanguigna o un problema cardiaco.[45]
  8. 8
    Contatta il pediatra quando sei preoccupato.[46] Se hai l'impressione che tuo figlio si stia comportando in modo insolito o presenta sintomi cutanei inspiegabili, consulta il pediatra soprattutto in caso di:
    • Dolore, gonfiore o calore in un'area del corpo;
    • Striature rossastre che partono da una zona del corpo;
    • Pus;
    • Linfonodi ingrossati;
    • Febbre (38° C o superiore);
    • Capricci anomali.
    Pubblicità

Consigli

  • I neonati possono manifestare altre malattie cutanee, ma più raramente.[47] Il pediatra esaminerà tuo figlio dopo il parto e ti aiuterà a tenere tutto sotto controllo man mano che cresce. Informalo sempre se noti sintomi anomali.
  • Fare il bagno è un modo semplice per prendersi cura del neonato e controllare eventuali problemi che interessano la salute della pelle.[48]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Fare in modo che un Neonato faccia il RuttinoFare in modo che un Neonato faccia il Ruttino
Pulire un Pene dopo una CirconcisionePulire un Pene dopo una Circoncisione
Capire se il Piccolo sta Mettendo i DentiCapire se il Piccolo sta Mettendo i Denti
Aumentare il Peso dei BambiniAumentare il Peso dei Bambini
Limitare i Comportamenti Aggressivi nei Bambini Affetti da AutismoLimitare i Comportamenti Aggressivi nei Bambini Affetti da Autismo
Far Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy HoggFar Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy Hogg
Dare una Routine al tuo NeonatoDare una Routine al tuo Neonato
Preparare un Omogeneizzato di Pollo per un NeonatoPreparare un Omogeneizzato di Pollo per un Neonato
Calmare un Bambino AutisticoCalmare un Bambino Autistico
Sbarazzarsi del Mughetto nei NeonatiSbarazzarsi del Mughetto nei Neonati
Capire se un Bambino ha Subito un TraumaCapire se un Bambino ha Subito un Trauma
Rendere il Latte Materno più NutrienteRendere il Latte Materno più Nutriente
Incoraggiare la LallazioneIncoraggiare la Lallazione
Riconoscere il Disturbo Ossessivo Compulsivo nei BambiniRiconoscere il Disturbo Ossessivo Compulsivo nei Bambini
Pubblicità
  1. http://www.womenandinfants.org/havingababy/yourbabyshealth/normal-newborn-appearance.cfm
  2. http://www.allinahealth.org/mdex/ND0343G.HTM
  3. https://myhealth.alberta.ca/health/pages/conditions.aspx?hwid=zx1747
  4. http://www.duq.edu/academics/schools/nursing/newborn-assessment/skin
  5. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/Peeling1.html
  6. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  7. http://www.duq.edu/academics/schools/nursing/newborn-assessment/skin
  8. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  9. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  10. https://myhealth.alberta.ca/health/pages/conditions.aspx?hwid=zx1747
  11. http://www.aafp.org/afp/2008/0101/p47.html
  12. https://myhealth.alberta.ca/health/pages/conditions.aspx?hwid=tm6352spec&#tp21114
  13. http://www.duq.edu/academics/schools/nursing/newborn-assessment/skin
  14. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/Lanugo1.html
  15. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  16. http://www.duq.edu/academics/schools/nursing/newborn-assessment/skin
  17. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/Milia1.html
  18. http://www.duq.edu/academics/schools/nursing/newborn-assessment/skin
  19. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/SlateGrey1.html
  20. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  21. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/ETox1.html
  22. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/Etox2.html
  23. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  24. http://www.duq.edu/academics/schools/nursing/newborn-assessment/skin
  25. http://www.aafp.org/afp/2008/0101/p47.html
  26. https://myhealth.alberta.ca/health/pages/conditions.aspx?hwid=zx1747
  27. https://myhealth.alberta.ca/health/pages/conditions.aspx?hwid=diras&#hw250399
  28. http://www.duq.edu/academics/schools/nursing/newborn-assessment/skin
  29. http://www.uofmchildrenshospital.org/healthlibrary/Article/88221
  30. http://www.med.umich.edu/1libr/pa/umphototherapy.htm
  31. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  32. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002301.htm
  33. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/PortWine1.html
  34. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/SubQ1.html
  35. http://www.uofmchildrenshospital.org/healthlibrary/Article/88221
  36. http://www.chop.edu/conditions-diseases/skin-color-changes-newborns#.Vd0p0c7fgQV
  37. https://myhealth.alberta.ca/health/pages/conditions.aspx?hwid=zx1747
  38. http://newborns.stanford.edu/PhotoGallery/Skin.html
  39. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P02628

Informazioni su questo wikiHow

Laura Marusinec, MD
Co-redatto da:
Dottoressa in Medicina
Questo articolo è stato co-redatto da Laura Marusinec, MD. La Dottoressa Marusinec è una Pediatra Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea in Medicina al Medical College of Wisconsin School of Medicine nel 1995. Questo articolo è stato visualizzato 5 556 volte
Questa pagina è stata letta 5 556 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità