Scarica PDF Scarica PDF

Se decidi di adottare un gattino, dovrai anche pensare a quando sterilizzarlo o castrarlo. Farlo troppo presto può portare ripercussioni negative sulla sua salute; tuttavia, se fatto in età adulta, l'intervento non avrà alcun beneficio dal punto di vista della prevenzione. Per sapere se è il momento adatto per sottoporre il tuo micio all'operazione, devi conoscere la sua età, sapere a quanti mesi si ottengono più benefici nell'effettuarla e consultare un veterinario. Con queste informazioni potrai farlo sterilizzare o castrare al momento corretto.

Metodo 1
Metodo 1 di 3:
Decidere Quando Sterilizzare o Castrare il Gattino

  1. 1
    Aspetta che il cucciolo abbia qualche mese. È tutt'ora argomento di discussione quando sia il periodo ottimale per eseguire l'intervento. Secondo alcuni esperti, si dovrebbe effettuare a due mesi di vita. Altri sostengono che sia necessario aspettare di più prima di rimuovere gli organi sessuali, affinché si sviluppino completamente, quindi l'operazione dovrebbe avvenire intorno ai quattro mesi.[1]
    • In generale, per tenere sotto controllo la popolazione felina, viene incoraggiata la sterilizzazione o castrazione precoce. Molti veterinari concordano sul fatto che sia meglio effettuarla leggermente in anticipo, piuttosto che rischiare che le femmine vadano in calore e rimangano incinte accidentalmente.[2]
  2. 2
    Sterilizza la femmina prima che vada incontro al primo ciclo estrale.[3] Il fatto che una gatta debba avere almeno un calore, per poi sottoporla all'intervento, è solamente una diceria. Farlo prima che si verifichi, invece, dà benefici a lungo termine alla sua salute.
    • Sterilizzare un cucciolo prima del primo calore diminuisce il rischio di alcune patologie che potrebbero insorgere in futuro, come il tumore mammario.
  3. 3
    Consulta il veterinario. Sicuramente sa quand'è il momento migliore per effettuare l'operazione. Discuti con lui riguardo al periodo più adatto e sui motivi per cui crede che lo sia.[4]
    • Sentiti libero di porre al medico qualsiasi quesito riguardo l'intervento. Devi informarti abbastanza da essere sicuro di aver preso la decisione giusta.
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 3:
Scegliere di Sterilizzare o Castrare il Gattino

  1. 1
    Considera i benefici per il gatto. Quelli che riguardano la salute e che dipendono dalla sterilizzazione o castrazione sono molteplici. Nonostante la difficoltà dell'intervento chirurgico, questo proteggerà l'animale da possibili problematiche future.[5]
    • Per esempio, una gatta sterilizzata non contrarrà mai il cancro alle ovaie o all'utero, e non soffrirà di infezioni uterine.
  2. 2
    Considera i benefici per la tua famiglia. Sterilizzare o castrare un gatto non influisce positivamente solo su di lui, ma anche su di te e la tua famiglia. Per esempio, eliminerà la possibilità di una gravidanza indesiderata e, quindi, di avere una cucciolata da gestire.[6]
    • I gatti che hanno subito questo tipo di intervento tendono a essere più remissivi: una gatta sterilizzata ha più probabilità di andare d'accordo con altri esemplari della sua specie, mentre un maschio castrato è meno territoriale e aggressivo. Inoltre, questi ultimi non marcano il territorio spruzzando urina sui muri di casa.
  3. 3
    Considera i benefici per la società. Evitare che il tuo gatto si riproduca aiuta a limitare il randagismo. Meno gatti possono riprodursi, meno sovrappopolazione si genera.[7]
    • Inoltre, se sei indeciso su cosa fare, rifletti sul fatto che i cuccioli che potrebbero nascere se non fai sterilizzare o castrare il gatto, dovranno trovare una casa e questo toglierà la possibilità a un micio in gattile di essere adottato. In molti casi, i randagi provengono proprio da abbandoni di cucciolate di gravidanze indesiderate.
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 3:
Determinare l'Età del Gattino

  1. 1
    Pesa il gatto. Se vuoi sterilizzarlo o castrarlo a due mesi, devi sapere quando ha raggiunto questa età. In generale, i gattini a due mesi pesano circa 900 grammi, se sono stati nutriti in modo corretto.[8]
    • 900 grammi è il peso richiesto per sottoporlo all'intervento. Se il veterinario lo effettua e il gattino pesa di meno, potrebbe non sopravvivere.
  2. 2
    Cerca indizi fisici per risalire all'età. Se non sei sicuro dell'età del gatto puoi stabilirla basandoti su alcune caratteristiche fisiche. I gattini appena nati hanno gli occhi chiusi e le orecchie tappate; se il tuo si presenta così, vuol dire che ha solo poche settimane di vita.[9]
    • Invece, se il cucciolo ha già aperto occhi e orecchie, ma ha ancora i dentini da latte, allora può avere da uno a tre mesi.
    • Un gatto a cui stanno spuntando – o ha già – i denti permanenti, ha almeno quattro mesi.
  3. 3
    Valuta il suo sviluppo. Un gattino a due mesi dovrebbe essere completamente svezzato. Se la madre lo sta ancora allattando, probabilmente è più piccolo. Se noti, invece, che sta cercando di svezzarlo, per esempio non lasciandolo ciucciare il latte, allora potrebbe avere tra un mese e un mese e mezzo di vita.[10]
    • I cuccioli a due mesi sviluppano anche la coordinazione dei movimenti e degli occhi. Se un gattino inizia a giocare molto e diventa più curioso, allora probabilmente ha raggiunto questa età.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 11 620 volte
Categorie: Animali
Questa pagina è stata letta 11 620 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità