La malattia emorroidaria (comunemente definita con il solo termine "emorroidi") può interessare chiunque a qualsiasi età. Consiste in un fastidioso ingrossamento delle vene che si trovano all'interno o all'esterno dell'ano, causato dall'aumento della pressione sulle vene stesse dell'area pelvica e rettale. Solitamente è associata a costipazione, diarrea o sforzo durante l'evacuazione; in alcuni casi le emorroidi sono dovute all'obesità, al sollevamento di oggetti pesanti o allo stress durante la gravidanza, che esercita pressione sulle vene del basso addome. Fortunatamente è possibile trattare quelle esterne senza bisogno di rivolgersi al medico; esistono diverse cose che puoi fare per alleviare il dolore, il disagio e il prurito causati da questo disturbo.

Parte 1 di 3:
Alleviare il Dolore

  1. 1
    Fai un bagno caldo. Immergerti nell'acqua calda può lenire il dolore provocato dalle emorroidi. Fai un bagno completo o un semicupio (una vaschetta che puoi appoggiare sul water per tenere in ammollo la zona anale). Usa acqua calda e aggiungi 200 g di sale di Epsom nella vasca oppure 2-3 cucchiaini se usi il semicupio; puoi metterti in ammollo 2 o 3 volte al giorno.
    • Quando soffri di malattia emorroidaria è importante che l'area resti pulita; sii delicato mentre fai il bagno, la doccia o se devi defecare. Non usare saponi, perché possono irritare la zona,[1] e asciugati tamponando con un asciugamano pulito.
  2. 2
    Applica un impacco freddo. Per intorpidire la pelle e ridurre il dolore puoi appoggiare un impacco di ghiaccio o comunque freddo. Prendi un asciugamano di cotone pulito, immergilo in acqua fredda e applicalo sulle emorroidi per circa 10-15 minuti; puoi ripetere il trattamento più volte durante tutto il giorno.[2]
    • Se hai optato per un impacco di ghiaccio, metti un panno tra il ghiaccio e la pelle esposta per evitare il contatto diretto,[3] dato che le basse temperature possono danneggiare i tessuti epiteliali.
  3. 3
    Usa lozioni o gel che alleviano il dolore e il prurito. Una volta tenute in ammollo e asciugate le emorroidi, dovresti applicare una piccola quantità di gel di aloe vera o qualche altra lozione contro il prurito.[4] Scegli quelle che contengono vaselina, olio minerale, olio di fegato di squalo o fenilefrina; quest'ultima agisce come un decongestionante e aiuta a restringere le emorroidi, mentre l'aloe vera può prevenire le infezioni e stimola la guarigione delle ferite di lieve entità.
    • Se le emorroidi sono molto dolorose o creano parecchio disagio, applica un po' di gel per la dentizione dei bambini sulla zona sofferente, dato che questo prodotto contiene un antisettico topico utile a tale scopo.
    • Evita le creme che contengono steroidi, perché possono danneggiare il delicato tessuto che si trova attorno alle emorroidi.
  4. 4
    Riducile con un astringente. Prendi un dischetto di ovatta, bagnalo con amamelide e appoggialo sulle emorroidi dopo aver defecato. Ripeti il trattamento tutte le volte che ne senti il bisogno, almeno 4-5 ogni giorno; in alternativa tieni il dischetto di cotone sulla biancheria intima per ottenere un sollievo più duraturo.[5]
    • L'amamelide è un astringente naturale e può ridurre il gonfiore delle emorroidi.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Migliorare l'Alimentazione e lo Stile di Vita

  1. 1
    Mangia più fibre. Aggiungile lentamente nella tua alimentazione (dato che possono causare gonfiore o gas intestinale); dovresti assumerne 25-30 g al giorno, in quanto hanno la capacità di ammorbidire le feci e facilitarne l'espulsione. Gli integratori di fibre possono ridurre il sanguinamento, l'irritazione e l'infiammazione dovuti a questo disturbo; se però provi gonfiore e formazione di gas, probabilmente ne stai assumendo troppe.[6] Per assimilarle con il cibo, mangia:[7]
    • Cereali integrali (riso, orzo, mais, segale, bulgur, grano saraceno, crusca di cereali e farina d'avena).
    • Frutta, soprattutto con la buccia (prugne, mele, pesche, uva, pesche noci, fichi, datteri, albicocche e susine).
    • Verdure, soprattutto a foglia (bietole, cavoli, spinaci, lattuga e barbabietola); assicurati di mangiarne di colori differenti.
    • Fagioli e legumi.
    • Yogurt con fermenti lattici vivi e probiotici, che aiutano le normali funzioni intestinali.[8]
  2. 2
    Fai pasti piccoli e bevi acqua. Opta per pasti più nutrienti ma ridotti, e mangia più volte nell'arco della giornata. In questo modo aiuti il sistema digestivo a processare i cibi e fornisci all'organismo i nutrienti indispensabili per guarire dalle emorroidi. Bevi anche molta acqua durante tutto il giorno.
  3. 3
    Fai regolarmente attività fisica. Puoi eseguire qualsiasi tipo di esercizio: aerobico, di resistenza, cardiovascolare o anche una semplice passeggiata. L'attività fisica è importante perché i movimenti del corpo aiutano la motilità dell'intestino, massaggiandolo; quando il corpo si muove, si muovono anche gli organi interni, che in questo modo vengono "massaggiati".
  4. 4
    Riduci la pressione quando ti siedi. Vale la pena comprare un'imbottitura di gommapiuma o un cuscino a ciambella su cui sederti, in modo da trovare un po' di sollievo; evita per quanto possibile le superfici dure.
    • La pressione diretta può far aumentare il gonfiore e perfino causare lo sviluppo di nuove protrusioni emorroidarie.[11]
  5. 5
    Usa regolarmente il bagno. Se possibile, cerca di defecare senza interruzioni alla stessa ora ogni giorno; scaricandoti in maniera puntuale puoi ridurre gli sforzi per espellere le feci.[12] L'evacuazione regolare è indizio di buona salute generale.
    • Non sforzarti e non spingere con troppa forza; fatti aiutare dalla forza di gravità, ma lascia che siano gli intestini a svolgere la maggior parte del lavoro. Se non succede nulla, aspetta circa un'ora prima di fare un altro tentativo.
    • Puoi valutare di appoggiare i piedi su un piccolo sgabello, in modo da avvicinare le ginocchia ai fianchi.[13]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Trattare le Emorroidi Esterne

  1. 1
    Scegli il giusto lassativo. È importante garantire un'evacuazione regolare quando si soffre di emorroidi; evita di sforzarti a lungo in bagno, perché potresti indurre maggiormente il disturbo. Opta invece per un emolliente per le feci o un lassativo "di massa" per un breve periodo; quest'ultimo è in grado di ammorbidire le feci, ridurre la pressione che devi esercitare per espellerle e di conseguenza contribuisce a diminuire il volume delle emorroidi. Sebbene sia importante defecare regolarmente grazie all'apporto di fibre attraverso l'alimentazione, puoi scegliere uno dei seguenti prodotti per facilitare i movimenti intestinali:[14]
    • Lassativi di massa: contengono fibre (in genere di piantaggine ramosa) per aumentare il volume o il peso delle feci facilitandone il transito intestinale;
    • Emollienti: ammorbidiscono le feci idratandole per espellerle con minore difficoltà; la maggior parte dei questi prodotti contiene docusato di sodio, che migliora la penetrazione dei fluidi nella materia fecale;
    • Lubrificanti: come è facile intuire, la loro funzione consiste nel lubrificare le pareti dell'intestino e del retto per promuovere l'espulsione delle feci. La maggior parte contiene olio minerale ed è considerata sicura per un uso limitato nel tempo; non è però consigliata per un trattamento nel lungo periodo.
    • Evita gli stimolanti a base di senna, Rhamnus purshiana, aloe o bisacodile, perché agiscono irritando le pareti interne dell'intestino e non sono utili in caso di emorroidi.
  2. 2
    Cerca la presenza di emorroidi esterne. I sintomi più comuni sono il sanguinamento e il dolore durante l'evacuazione; potresti notarle per la prima volta mentre ti pulisci dopo aver defecato. Le emorroidi sono un tessuto interno all'ano gonfio e dolente al tatto, che all'inizio hanno solitamente la dimensione e la forma di un acino d'uva; possono causare dolore e prurito, e la gente nota in genere del sangue sulla carta igienica o nel WC.[15]
    • Se non sai con certezza se soffri di emorroidi interne o esterne, tieni in considerazione quello che percepisci; in genere non puoi sentire la presenza di quelle interne, ma queste possono protrudere attraverso l'apertura anale. Solitamente, sono accompagnate da pochi sintomi oltre al sanguinamento durante l'evacuazione.
  3. 3
    Sappi quando rivolgerti a un medico. La maggior parte dei casi di emorroidi esterne sparisce o almeno si riduce spontaneamente nel giro di 2 o 3 giorni. Se trascorsi 3-5 giorni lamenti ancora dei disturbi, chiama il dottore; non esitare a contattarlo anche nel caso in cui la zona sia dolente e sanguinante. Questi può riconoscere le emorroidi interne da quelle esterne eseguendo un esame rettale.[16]
    • Se l'emorragia non è causata dalla malattia emorroidaria, è probabile che ti vengano consigliati ulteriori accertamenti, come una sigmoidoscopia o una colonscopia, perché si tratta di uno dei sintomi di cancro colorettale.[17]
  4. 4
    Sottoponiti alle cure mediche. Se le emorroidi non rispondono ai trattamenti casalinghi e non regrediscono da sole, il dottore potrebbe consigliarti interventi chirurgici poco invasivi, tra i quali i più comuni sono:[18]
    • Legatura elastica: la base della protrusione viene avvolta con un elastico per interrompere l'irrorazione di sangue.
    • Iniezioni (scleroterapia): viene iniettata una sostanza chimica che fa raggrinzire il tessuto emorroidario.
    • Cauterizzazione: le emorroidi vengono bruciate.
    • Emorroidectomia: la protrusione viene asportata chirurgicamente con una procedura ambulatoriale, anche se è spesso preferibile il ricovero ospedaliero per una notte.
    Pubblicità

Consigli

  • Usa salviettine umidificate al posto della carta igienica per pulirti dopo aver evacuato.
  • Gli impacchi di ghiaccio riducono il gonfiore, ma non utilizzarli troppo a lungo; limitati a trattamenti di 5-10 minuti l'uno.

Pubblicità

Avvertenze

  • I lassativi possono causare dipendenza e indeboliscono i movimenti intestinali provocando potenzialmente una costipazione cronica.[19]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Verificare la Febbre Senza un Termometro

Come

Controllare i Linfonodi

Come

Rimuovere una Cisti Sebacea

Come

Migliorare la Postura

Come

Alleviare il Dolore delle Unghie Incarnite del Piede

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi

Come

Controllare se una Ferita è Infetta

Come

Trattare uno Strappo Inguinale

Come

Trattenere la Pipì

Come

Evitare il Mal di Stomaco quando si Assumono gli Antibiotici
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 14 720 volte
Questa pagina è stata letta 14 720 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità