Esistono diversi muscoli nelle cosce che possono provocare dolore: il quadricipite sul lato anteriore, gli adduttori dell'interno coscia e il gruppo degli ischiocrurali che si trovano nella parte posteriore. Gli ischiocrurali e il quadricipite corrono un rischio maggiore di subire degli strappi perché collegano le articolazioni delle anche con quelle delle ginocchia, permettendo la flessione e l'estensione delle gambe, possono quindi lesionarsi durante una corsa, saltando e in varie attività sportive.[1] Se provi dolore alle cosce, ci sono dei metodi per alleviarlo.

Metodo 1 di 3:
Alleviare il Dolore con il Metodo RICE

  1. 1
    Usa il metodo RICE. Quando provi dolore alle cosce, puoi metterlo subito in atto; rappresenta il trattamento di primo soccorso che può aiutarti a ridurre infiammazione e dolore, facilitando la guarigione. Si utilizza in caso di strappi, distorsioni, contusioni e altre lesioni muscolari. Il protocollo RICE (un acronimo inglese che viene descritto in seguito) è utile nei primi due giorni dall'infortunio[2] e prevede:
    • Rest: riposo;
    • Ice: ghiaccio;
    • Compression: compressione;
    • Elevation: elevazione.
  2. 2
    Riposa e proteggi la gamba. La prima cosa da fare quando il muscolo della coscia è stirato è interrompere qualsiasi attività che stavi svolgendo; se continui ad allenarti o usare il muscolo lesionato, puoi aggravare la situazione. Devi invece tenere l'arto a riposo ed evitare qualsiasi attività fisica che richiede l'uso della coscia; cerca di fermarti per almeno uno o due giorni.[3]
    • Evita di appoggiare il peso sulla gamba quanto più possibile; siediti o sdraiati in una posizione comoda, se puoi.
  3. 3
    Applica del ghiaccio. Si tratta del passaggio successivo: appoggia un impacco freddo sulla lesione per rallentare la circolazione del sangue e alleviare così il dolore, oltre a ridurre il gonfiore acuto e l'infiammazione.[4]
    • Tieni il ghiaccio sull'area sofferente per 10-15 minuti ogni ora durante le prime 24 ore dall'infortunio, ma non quando dormi.
    • Trascorso il primo giorno, puoi ripetere il trattamento quattro o cinque volte nell'arco della giornata oppure ogni due o tre ore.
    • Puoi usare indifferentemente un impacco di ghiaccio disponibile in commercio oppure un sacchetto di verdure congelate, per esempio i piselli, che sono abbastanza piccoli da adattarsi facilmente alla forma della coscia; in alternativa, puoi riempire una vecchia calza con del riso, metterla nel freezer e usarla quando è necessario.
    • Non appoggiare mai il ghiaccio direttamente sulla pelle, avvolgilo sempre in un panno (come un asciugamano o una maglietta) per proteggere l'epidermide.
  4. 4
    Comprimi il muscolo lesionato. Avvolgi la zona dolorante con una benda elastica o indossa dei pantaloncini compressivi, che aiutano a ridurre il gonfiore limitando lo spazio disponibile, oltre a fornire sostegno alla zona lesionata.[5]
    • Avvolgi la fascia in maniera abbastanza stretta affinché eserciti una pressione media, ma non troppo da creare un effetto "salsiccia" attorno al bendaggio o da fermare la circolazione del sangue.
    • Inizia avvolgendo la parte superiore della coscia a monte della lesione.
    • Una volta sparito il gonfiore, non serve più avvolgere il muscolo.
    • Se la benda elastica provoca un dolore maggiore, significa che è troppo stretta e devi allentarla un po'.
  5. 5
    Solleva la gamba. Cerca di tenerla a un'altezza superiore del cuore per il maggior tempo possibile, il che contribuisce a ridurre il gonfiore.[6]
    • Se non puoi sollevarla oltre l'altezza del cuore, tienila almeno parallela al pavimento.
    • Dopo il primo o il secondo giorno dall'infortunio, dovresti iniziare a muoverla un po' ogni ora circa; procedi con cautela e lentamente, senza esagerare, altrimenti potresti aggravare la situazione e lesionare ulteriormente il muscolo.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Alleviare il Dolore con Altri Metodi

  1. 1
    Evita i fattori HARM. Durante il periodo di convalescenza, devi evitare questi elementi nelle prime 24-72 ore dall'infortunio. Anche in questo caso, il termine deriva da un acronimo inglese:[7]
    • Heat: calore. È da evitare perché può aumentare il gonfiore e il sanguinamento nell'area lesionata.
    • Alcohol: alcol. Incrementa il sanguinamento, l'edema e ritarda il processo di guarigione.
    • Running: corsa o esercizio fisico. Qualsiasi attività può peggiorare il danno muscolare, oltre ad aumentare gonfiore e sanguinamento nell'area.
    • Massage: massaggio. Può essere molto utile dopo il periodo iniziale di convalescenza, ma dovresti evitarlo nelle 72 ore successive all'infortunio.
    • Tuttavia, una volta trascorse 48 o 72 ore, puoi provare alcuni dei metodi descritti qui di seguito.
  2. 2
    Prendi gli antidolorifici. Durante i primi giorni dall'incidente puoi assumere dei farmaci in libera vendita che aiutano a ridurre l'infiammazione.
    • Assumi degli antidolorifici da banco, come l'ibuprofene (Brufen) o il paracetamolo (Tachipirina), per ridurre dolore e flogosi.
  3. 3
    Usa il calore. Aiuta a rilassare il muscolo indolenzito migliorando la circolazione nell'area; non devi però applicarlo quando la lesione è recente o provi dolore acuto, aspetta almeno 48 o 72 ore dall'infortunio.[8]
    • Una volta trascorso il tempo opportuno, puoi seguire la terapia del calore 15 minuti alla volta, tre o quattro volte al giorno.[9]
    • Puoi usare uno scaldino elettrico, un fagotto caldo di erbe o sali, un impacco, la borsa dell'acqua calda. In alternativa, puoi anche immergerti in un bagno caldo.
    • Il calore è più efficace quando il dolore muscolare è cronico o associato all'artrite.
  4. 4
    Alterna la terapia del freddo con quella del calore. Quando riesci a camminare senza dolore, puoi applicare impacchi caldi e freddi alternandoli; questo permette di ridurre il dolore e il gonfiore.
    • Inizia tenendo un impacco caldo per due minuti, seguito da un minuto di impacco freddo; ripeti la procedura sei volte.
    • Ripeti l'intero ciclo due volte al giorno.
  5. 5
    Usa un rullo di gommapiuma per allungare e massaggiare il muscolo. Quando riesci a camminare senza provare dolore, chiedi a un personal trainer o un fisioterapista di insegnarti a usare questo accessorio per allungare e massaggiare il muscolo lesionato.[10]
    • Si tratta di un tubo di gommapiuma che puoi mettere sotto la gamba infortunata facendolo rotolare avanti e indietro.
    • Una volta appreso a usarlo correttamente, ripeti il massaggio su entrambi i lati; questa tecnica permette di prevenire eventuali lesioni future.
  6. 6
    Fai un bagno con il sale di Epsom. Si ritiene che abbia proprietà antinfiammatorie che aiutano a ridurre il dolore del muscolo indolenzito. Immergerti in un bagno caldo con il sale di Epsom offre un doppio vantaggio: puoi godere degli effetti benefici del sale e del calore dell'acqua.[11]
    • Riempi la vasca con acqua piuttosto calda, ma non al punto da scottare la pelle; versa almeno 200 g di sale, ma puoi aggiungerne anche di più, quindi rimani immerso fino a 20 minuti.
  7. 7
    Fai un massaggio. Una volta superata la fase acuta del dolore, quando il muscolo inizia a guarire puoi massaggiare la gamba; applica una leggera pressione per alleviare la dolenzia.[12]
    • Massaggiala muovendoti verso l'alto, picchietta i muscoli con le mani o premi in profondità per tutta la sua lunghezza.
    • Se la lesione è particolarmente grave o hai qualche timore a massaggiarti da solo, rivolgiti a un fisioterapista
  8. 8
    Esegui degli esercizi di stretching. Possono aiutarti a limitare il danno e riducono il rischio di ulteriori lesioni; sono particolarmente utili se hai strappato i muscoli ischiocrurali o se il dolore è localizzato nell'interno coscia. Solitamente, sarà il medico o il fisioterapista a indicarti se lo stretching è un esercizio adatto per la tua situazione.[13]
    • Prova lo stretching della rana per i muscoli dell'interno coscia. Mettiti in ginocchio e cerca di divaricare le gambe più che puoi, stabilizzando la posizione con le mani; assicurati che gli stinchi siano paralleli tra loro e inarca la schiena, in modo che l'addome si muova verso il pavimento e il sedere venga spinto all'indietro. Se sei abbastanza flessibile, puoi anche abbassare il tronco appoggiandoti sugli avambracci; dovresti percepire l'allungamento nella zona interna delle cosce.[14]
    • Per ottenere un buon allungamento dei muscoli ischiocrurali, siediti sul pavimento con una gamba dritta e l'altra piegata, allungandoti verso la gamba estesa e ruotando il bacino. Dovresti sentire l'allungamento nella parte posteriore della coscia; mantieni la posizione per 30 secondi e poi ripeti con l'altra gamba. In alternativa, puoi anche tenere entrambe le gambe dritte davanti a te e piegarti all'altezza dei fianchi, cercando di raggiungere le dita dei piedi.[15]
    • Per allungare i quadricipiti femorali, mettiti in posizione eretta e appoggiati a una parete o una sedia per mantenere l'equilibrio. Piega un ginocchio e afferra il piede, portandolo quanto più vicino possibile ai glutei; dovresti sentire lo stretching nella parte anteriore della coscia.
  9. 9
    Vai dal medico. Se subito dopo l'infortunio non sei in grado di appoggiare il peso sulla gamba lesionata o non riesci a fare più di quattro passi senza provare un forte dolore, devi andare immediatamente dal dottore.
    • Fatti visitare anche se il dolore o il disagio non si riducono dopo 5-7 giorni di trattamento RICE.
    • Nel caso di lesioni gravi, possono essere necessarie delle sedute di riabilitazione; chiedi al medico di indirizzarti presso un massofisioterapista o un fisioterapista qualificato.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Conoscere il Dolore alla Coscia

  1. 1
    Approfondisci le cause degli strappi muscolari. Un muscolo della coscia stirato può causare molto dolore e la lesione può avvenire soprattutto durante una corsa, calciando, pattinando o sollevando pesi; tuttavia, puoi infortunarti anche semplicemente camminando. Il muscolo può strapparsi in qualsiasi punto ogni volta che viene sottoposto a un allungamento improvviso.[16]
    • È molto importante fare riscaldamento e stretching prima di iniziare qualunque attività; se non esegui correttamente gli esercizi preliminari di allungamento, corri maggiori rischi di lesioni e strappi.
  2. 2
    Riconosci i sintomi di uno stiramento muscolare. Il più comune è un improvviso dolore acuto che può svilupparsi nella zona anteriore, posteriore o interna della coscia oppure all'altezza di anche, ginocchia o inguine, a seconda del muscolo che ha subito lo strappo.[17]
    • Molte persone riferiscono di sentire o percepire un suono simile a uno schiocco.
    • Entro breve tempo, da qualche minuto a qualche ora, si sviluppa in genere gonfiore, ematoma e dolenzia al tatto.
    • Potresti anche provare un certo grado di debolezza o non riuscire a camminare e mettere peso sulla gamba interessata.
  3. 3
    Conosci i fattori di rischio di uno strappo muscolare. Il dolore alla coscia è piuttosto frequente in questo tipo di lesioni e alcune persone corrono maggiori rischi di soffrirne rispetto ad altre. Tra i principali fattori da tenere in considerazione ci sono:[18]
    • Svolgere qualche attività sportiva che prevede la corsa, il calcio, lo scatto, soprattutto se non hai dedicato tempo sufficiente per allungare i muscoli prima di iniziare lo sport; anche la danza e altre attività vigorose comportano un rischio elevato.
    • Avere già subito strappi muscolari in passato; in questo caso, i muscoli sono più deboli, aumentando così le probabilità di nuove lesioni.
    • Iniziare un'attività sportiva quando non sei in piena forma o prima di fare un adeguato stretching preparatorio.
    • Squilibrio muscolare; dato che i quadricipiti, gli ischiocrurali e gli adduttori lavorano insieme, se uno di questi gruppi muscolari è più forte di un altro, può provocare tensione su quello più debole.
  4. 4
    Fatti visitare dal medico. Mettendo in atto i metodi descritti finora, il dolore scompare quasi sempre da solo; tuttavia, in certi casi non è causato da distorsione, strappo, dolenzia o crampo muscolare, ma potrebbe essere il sintomo di una patologia più grave. Se lamenti un dolore cronico che non scompare con il tempo, non riesci ancora a mettere peso sulla gamba lesionata dopo alcuni giorni, noti un gonfiore, un livido insolito o ti accorgi che i rimedi casalinghi non portano benefici, devi recarti dal medico.[19]
    • Se hai una lesione alle cosce che ti provoca dolore e temi che si tratti di una cosa grave, devi andare in ambulatorio.
    • Se non sei certo della causa del dolore, rivolgiti al medico quanto prima per chiarire ogni dubbio.
    Pubblicità

Consigli

  • Ricorda che il modo migliore per prevenire future lesioni ai muscoli delle cosce è fare sempre stretching e riscaldamento prima di intraprendere qualsiasi attività o sport faticosi.

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Curare uno Strappo alla Schiena

Come

Dare Sollievo alle Gambe Dopo uno Sforzo o una Lunga Camminata

Come

Sbarazzarsi dei Crampi alle Dita dei Piedi

Come

Liberarsi dei Crampi alla Coscia

Come

Sconfiggere la Sindrome del Piriforme

Come

Curare un Crampo

Come

Alleviare il Dolore ai Muscoli della Parte Posteriore della Coscia

Come

Affrontare un Crampo al Piede

Come

Riconoscere uno Strappo Muscolare al Ginocchio

Come

Alleviare i Dolori Muscolari

Come

Curare il Torcicollo

Come

Eseguire degli Esercizi di Fisioterapia per i Piedi

Come

Usare il Nastro Kinesiologico per Alleviare il Dolore al Collo

Come

Sciogliere le Tensioni Muscolari
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Troy A. Miles, MD
Co-redatto da
Chirurgo Ortopedico
Questo articolo è stato co-redatto da Troy A. Miles, MD. Il Dottor Miles lavora come Chirurgo Ortopedico specializzato in Ricostruzione Articolare per Adulti in California. Si è laureato in Medicina all'Albert Einstein College of Medicine nel 2010. In seguito ha realizzato un internato alla Oregon Health & Science University e ha ottenuto una borsa di studio all'UC Davis. Questo articolo è stato visualizzato 21 883 volte
Categorie: Disturbi Muscolari
Questa pagina è stata letta 21 883 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità