Il dolore alle gambe può presentarsi con intensità variabile da lieve a molto forte e può avere numerose cause differenti. Se stai soffrendo parecchio, la cosa migliore da fare è chiamare subito il medico o andare al pronto soccorso per chiedere aiuto. Se il dolore muscolare è lieve o moderato, esistono alcune cose che puoi fare a casa per alleviarlo; tuttavia, se il malessere peggiora o non migliora, devi farti visitare dal medico.

Metodo 1 di 3:
Alleviare il Dolore

  1. 1
    Riposa quanto più possibile. Il rimedio migliore che puoi mettere in atto quando inizi a provare dolore alle gambe è il riposo; interrompi qualsiasi attività che stai svolgendo e sdraiati per alcune ore.[1]
    • Se svolgi un lavoro fisico, dovresti forse assentarti per un po' dal lavoro; parla con il medico per farti autorizzare qualche giorno di malattia.
    • Valuta di rinunciare per uno o due giorni alla normale routine di attività fisica. Se sei abituato ad allenarti quotidianamente, dovresti evitare l'esercizio per un paio di giorni finché non ti sentirai meglio.
  2. 2
    Solleva le gambe. Elevandole riduci il gonfiore e puoi lenire un po' di dolore; se ti accorgi che sono gonfie, puoi tenerle in alto. Se sei seduto, appoggiale su un paio di cuscini sopra il divano oppure sdraiati sul letto tenendo gambe e piedi sopra due guanciali.[2]
  3. 3
    Applica del ghiaccio. Un impacco di ghiaccio aiuta ad alleviare il dolore; non appoggiarlo però direttamente sulla pelle, ma avvolgilo in un panno sottile e tienilo sull'area sofferente. Lascia l'impacco fino a un massimo di 15 minuti ed evita poi di esporre le gambe nuovamente al freddo per almeno un'ora.[3]
  4. 4
    Scalda gli arti inferiori con del calore lenitivo. Anche il calore aiuta a sbarazzarsi del malessere causato da disturbi come artrite o tensione muscolare.[4] Appoggia uno scaldino elettrico sulle gambe per ottenere sollievo; non lasciarlo però per più di 20 minuti alla volta, altrimenti potresti surriscaldare la pelle.[5]
  5. 5
    Fai uno stretching delicato per alleviare la tensione muscolare. Se pensi che il dolore sia dovuto a crampi o rigidità muscolare, puoi fare un po' di allungamento per sentirti meglio.[6] Prova uno di questi esercizi per sciogliere gli arti contratti.
    • Allungo: stai in posizione eretta con i piedi alla larghezza delle spalle e fai un ampio passo in avanti con un piede, tenendo l'altro dietro di te; entrambi devono essere rivolti in avanti. Il ginocchio della gamba anteriore deve essere piegato a 90°, mentre la gamba posteriore deve essere dritta; mantieni la posizione per circa 10 secondi e poi ripeti l'allungamento con l'altra gamba.
    • Piegamento in avanti: rimani in posizione eretta con i piedi alla larghezza delle spalle e inizia a piegarti lentamente in avanti, tenendo le ginocchia dritte ma non bloccate; se riesci a toccare i polpacci o le dita dei piedi, meglio ancora; mantieni la posizione per 10 secondi. Anche se riesci ad arrivare solo alle ginocchia, dovresti comunque provare una sensazione di allungamento nella parte posteriore delle gambe.
    • Allungamento dei quadricipiti: per questo esercizio, stai vicino a una parete o a una sedia robusta e appoggiaci sopra una mano per mantenere l'equilibrio; piega quindi una gamba portando il piede verso i glutei. Se ci riesci, afferra le dita con una mano e mantieni la posizione; se invece non riesci a raggiungere il piede, prova ad appoggiarne la punta contro il muro per distendere il quadricipite.
  6. 6
    Massaggia i muscoli. Dopo lo stretching, vale la pena massaggiare le gambe;[7] applica un po' d'olio per massaggi sui muscoli, strofinandoli con movimenti lunghi e una pressione decisa per sciogliere la tensione.
    • Se preferisci, puoi affidarti a un massofisioterapista che ti aiuti a lenire il disagio causato dall'eccessiva tensione muscolare.
    • Puoi anche usare un foam roller per frizionare i muscoli; appoggialo sotto l'area dolente e muovi la gamba sopra di esso per 5-10 minuti.[8]
  7. 7
    Trova un agopunturista. In determinate circostanze, anche l'agopuntura può alleviare il dolore alle gambe; se presenti spasmi muscolari o infiammazione, questa tecnica può rappresentare un rimedio efficace.[9] Rivolgiti a un agopunturista professionista per capire se si tratta di una buona soluzione per te.
  8. 8
    Prendi degli antidolorifici da banco. Se provi ancora dolore nonostante tu abbia messo in atto altri metodi per alleviarlo, puoi tentare questa opzione;[10] puoi assumere paracetamolo, ibuprofene o aspirina.
    • Leggi le istruzioni del bugiardino e seguile accuratamente.
    • Se questi farmaci non risolvono il tuo problema, devi chiamare il medico.
    • Se il dolore che provi è associato a una forma di infiammazione, come l'artrite, i FANS (antinfiammatori non steroidei) come l'ibuprofene rappresentano l'opzione migliore, dato che sono in grado di ridurre la flogosi.[11]
  9. 9
    Introduci più magnesio, calcio e potassio nella tua alimentazione. Sono nutrienti essenziali per mantenere un buon equilibrio elettrolitico e per prevenire i crampi muscolari; per aumentarne l'apporto nella dieta, devi mangiare molta frutta, verdura, cereali integrali, latticini magri, carne magra, frutta secca e legumi.
    • Una maniera per assicurarti il giusto apporto di minerali è seguire la dieta DASH, che si concentra sui cibi a basso contenuto di sodio e ricchi invece di calcio, magnesio e potassio.[12]
  10. 10
    Prendi degli integratori multivitaminici. Se vuoi assicurarti una dose adeguata di vitamine e minerali necessaria per mantenerti in salute ed evitare i crampi alle gambe, puoi prendere in considerazione questa opzione. Scegli i prodotti che ti garantiscano il 100% dell'apporto giornaliero raccomandato.[13]
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Riconoscere le Cause del Dolore alle Gambe

  1. 1
    Mantieniti idratato. Se sei disidratato o se hai uno squilibrio elettrolitico, è piuttosto normale che tu possa soffrire di crampi muscolari.[14] Si tratta di un problema piuttosto comune, ma spesso è possibile risolverlo sorseggiando semplicemente più acqua e altre bevande che contengono elettroliti; fai in modo di bere almeno 8 bicchieri da 250 ml d'acqua ogni giorno.
  2. 2
    Fai un allenamento più leggero. Un esercizio fisico intenso e prolungato può provocare dolore muscolare e potresti non accorgertene fino a qualche giorno dopo la sessione d'allenamento;[15] dovresti alleggerire il carico di attività fisica in futuro, per cercare di prevenire tale disagio. Tieni presente che se il corpo non è abituato a molto movimento, potresti provare dolenzia muscolare anche con esercizio fisico moderato; dovresti pertanto iniziare con sessioni a bassa intensità e procedere in maniera graduale, per lasciare all'organismo il tempo sufficiente di abituarsi al nuovo livello di attività.
  3. 3
    Esamina il corpo alla ricerca di lesioni. Anche gli infortuni come strappi muscolari, tendiniti e distorsioni possono provocare dolore muscolare.[16] Se ti sei infortunato, potresti provare un dolore intenso e acuto come conseguenza dell'incidente; tale disagio può durare alcuni giorni, settimane o persino mesi. Assicurati di farti visitare dal medico se temi di aver subito qualche danno fisico.
  4. 4
    Presta attenzione ai problemi circolatori. Possono essere di altro tipo i fattori responsabili del tuo disturbo; patologie come gotta, diabete, aterosclerosi o vene varicose sono tutti fattori potenzialmente riconducibili al dolore alle gambe.[17] Se soffri di una di queste malattie, o temi di averne sviluppata una, fatti visitare quanto prima dal medico per ricevere il giusto trattamento.
    • Se il problema è di natura circolatoria, puoi utilizzare delle calze a compressione graduata; chiedi consiglio al medico per sapere se questa può essere una valida soluzione per il tuo caso specifico.[18]
    • Se ti accorgi di provare spesso dolore e formicolio sia ai piedi sia alle dita, debolezza dei muscoli dei polpacci o presenti delle ulcere alle estremità inferiori, potresti soffrire di arteriopatia periferica (PAD) che causa appunto dolore alle gambe.[19]
  5. 5
    Valuta se può esserci qualche altro motivo meno comune che ti provoca sofferenza. Potrebbero infatti esserci altre cause più rare e, per questo, più difficili da diagnosticare; per esempio, potrebbe trattarsi di tumore alle ossa, cisti, sciatica, tutti disturbi potenzialmente responsabili dei tuoi sintomi.[20] Considera di rivolgerti al medico per stabilire se la causa del tuo disagio è da attribuirsi a uno di questi problemi.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Rivolgersi al Medico

  1. 1
    Fissa un appuntamento con il medico per ottenere una diagnosi. Se le cure casalinghe non hanno portato a risultati soddisfacenti, devi farti visitare da un medico quanto prima; in alcuni casi, il dolore potrebbe essere segno di qualche problema grave. Contattalo immediatamente se:[21]
    • Gli arti sono neri o blu;
    • Sono freddi e pallidi;
    • Il dolore è più intenso quando ti muovi o svolgi attività fisica;
    • Gli arti inferiori appaiono arrossati e gonfi e/o hai la febbre;
    • Sono gonfi e hai anche difficoltà a respirare.[22]
  2. 2
    Descrivi il tipo di dolore, le sue caratteristiche e la zona in cui si presenta. Il medico ti porrà probabilmente molte domande in merito alla tipologia di dolore che provi; pensa alle peculiarità del tuo malessere prima di recarti all'appuntamento, in modo da facilitare la diagnosi. Ecco alcune cose da considerare:[23]
    • In quale area delle gambe provi dolore (superiore, inferiore, anteriore o posteriore);
    • Che tipologia di dolore provi (acuto, sordo, lancinante, intermittente e così via);
    • Cosa può aggravarlo e cosa invece lo riduce;
    • Qualsiasi altro sintomo che manifesti.
  3. 3
    Informati in merito ai possibili trattamenti. Una volta diagnosticato il problema, il medico ti proporrà diverse soluzioni per gestirlo; in alcuni casi, può essere necessario l'intervento di un fisioterapista.[24] Se hai qualche dubbio in merito alle cure che ti ha prescritto, puoi chiedergli maggiori dettagli circa alcuni trattamenti alternativi.
    • Il medico può darti dei farmaci per ridurre i crampi alle gambe, come i calcio-antagonisti, diltiazem, verapamil e altri medicinali diversi come il gabapentin.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non cercare di curarti da solo se hai subito qualche lesione, se il dolore è grave o se temi di avere una trombosi; in queste situazioni devi cercare immediate cure mediche.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Verificare la Febbre Senza un Termometro

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi

Come

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena

Come

Controllare se una Ferita è Infetta

Come

Trattenere la Pipì

Come

Migliorare la Postura

Come

Rimuovere una Cisti Sebacea

Come

Controllare i Linfonodi

Come

Curare l'Infezione di un'Unghia Incarnita

Come

Trattare uno Strappo Inguinale

Come

Riconoscere i Sintomi dell'HIV
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

David Schechter, MD
Co-redatto da
Medico di Famiglia
Questo articolo è stato co-redatto da David Schechter, MD. Il Dottor David Schechter è un medico che lavora a Culver City, in California. Con oltre 25 anni di esperienza come medico di famiglia e nell’ambito della medicina dello sport, è specializzato in medicina mente-corpo, medicina preventiva e dolore cronico. Si è laureato alla New York University e lavora come medico curante presso il Cedars-Sinai Medical Center. È stato nominato Top Doctor dalle riviste Los Angeles Magazine e Men's Health Magazine. Ha anche scritto diversi libri, tra cui "The MindBody Workbook". Questo articolo è stato visualizzato 15 105 volte
Questa pagina è stata letta 15 105 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità