Scarica PDF Scarica PDF

Le lenti a contatto sono molto semplici da usare, ma possono creare diversi problemi qualora non si scegliesse la tipologia più adatta alle proprie esigenze. Oggigiorno è possibile trovare in commercio un gran numero di opzioni e la scelta può mettere in difficoltà. Conoscere i pro, i contro e gli utilizzi più indicati per ogni tipo di lente può facilitare il processo di decisione e consentirti di scegliere il prodotto migliore per i tuoi occhi.

Parte 1 di 4:
Valutare le Lenti a Contatto Morbide

  1. 1
    Impara a distinguere fra le diverse tipologie di lenti a contatto morbide. Esistono numerosi tipi di lenti morbide in grado di soddisfare le esigenze dei portatori. In linea di massima, una lente morbida tende ad adattarsi con maggiore facilità rispetto a una lente rigida gas permeabile. Le lenti morbide solitamente sono anche più confortevoli, soprattutto quando vengono indossate per periodi prolungati [1] .
    • Lenti a uso prolungato. Queste lenti possono essere indossate durante la notte e possono essere portate in maniera continuativa per sette giorni, senza rimuoverle [2] . Inoltre, le Air Optix Night and Day sono state approvate dalle autorità competenti in materia affinché possano essere portate giorno e notte fino a 30 giorni [3] ;
    • Lenti a sostituzione programmata. Queste lenti non vanno portate durante la notte. Devono essere sostituite regolarmente, in genere ogni due, quattro o 12 settimane;
    • Lenti dalla base siliconica. Queste lenti sono altamente traspiranti e prevengono l'accumulo di depositi. Tali caratteristiche possono renderle più confortevoli, senza il rischio di irritare gli occhi, soprattutto se soffri di secchezza [4] ;
    • Lenti a contatto colorate. Queste lenti morbide presentano un anello colorato. Esso può essere funzionale (aiutando a trovare con maggiore facilità una lente perduta) e quindi non alterare il colore dell'iride o cosmetico, cioè mirato ad alterare il colore naturale dell'iride [5] .
  2. 2
    Decidi qual è la durata più adeguata per le tue esigenze. Sebbene le lenti a contatto morbide siano generalmente preferibili per un uso prolungato, non hanno la stessa durata di quelle rigide gas permeabili. In ogni caso, esistono varie opzioni per quanto riguarda la durata del prodotto e i tempi di sostituzione [6] .
    • Lenti usa e getta giornaliere. Queste lenti sono più costose, in quanto vanno sostituite con maggiore frequenza. Tuttavia, cambiare le lentine quotidianamente comporta un rischio di infezione minimo. Sono una buona opzione per chi ha gli occhi secchi o una maggiore predisposizione a soffrire di allergie. Infatti, dal momento che usi un nuovo paio di lenti al giorno, i depositi e gli allergeni hanno meno tempo per accumularsi;
    • Lenti usa e getta a ricambio quindicinale o mensile. Sono leggermente meno costose rispetto a quelle giornaliere e, usandone un nuovo paio ogni due-quattro settimane, aiutano a ridurre il rischio di contrarre infezioni. Alcune lenti morbide usa e getta possono essere sostituite ogni tre mesi, anche se bisogna sempre rimettersi al giudizio del proprio oculista [7] .
  3. 3
    Determina se la protezione dai raggi UV è importante nel tuo caso specifico. Molte persone scelgono le lenti a contatto perché possono essere indossate per fare sport senza correre i rischi comportati dall'uso degli occhiali. Se pratichi sport all'aria aperta o hai l'abitudine di trascorrere molto tempo al sole, ti conviene discutere con il tuo oculista in merito alla possibilità di usare lenti morbide con protezione dai raggi UV [8] .
    • È importante considerare che non tutte le lenti morbide proteggono dai raggi UV, ma molte hanno anche questa funzione. Se si tratta di un fattore importante da considerare per prendere una decisione, discuti delle varie opzioni con il tuo oculista.
    • Considera che è importante coprire l'intero occhio e che la protezione dai raggi UV è delimitata a una sola parte. Anche il resto dell'occhio va protetto, quindi dovresti comunque portare gli occhiali da sole all'aperto, per quanto le lenti a contatto siano dotate di protezione dai raggi UV.
  4. 4
    Conosci gli svantaggi delle lenti morbide. Per molte persone le lenti morbide sono più confortevoli rispetto a quelle rigide gas permeabili e soddisfano meglio le loro esigenze. Tuttavia, in generale le lenti morbide non correggono la vista con la stessa efficacia di quelle rigide [9] . Ecco altri svantaggi che vale la pena di considerare [10] :
    • Le lenti morbide tendono ad assorbire le sostanze inquinanti che si trovano nell'ambiente con maggiore facilità rispetto a quelle rigide. Se ti esponi regolarmente a fumo o particelle che circolano nell'aria, ti conviene parlarne con il tuo oculista per determinare se le lenti morbide costituirebbero un problema.
    • Oltre alle sostanze contaminanti che circolano nell'ambiente, le lenti morbide tendono anche ad assorbire sostanze irritanti dalle mani, fra cui creme e saponi. Lavarsi le mani prima di maneggiarle può ridurre questo rischio, anche se non eliminerà completamente le probabilità che vengano assorbite sostanze dannose.
    • Avendo una consistenza morbida e porosa, queste lentine sono molto più fragili rispetto a quelle rigide. Di conseguenza, potrebbero rompersi o lacerarsi con maggiore facilità (anche se sono studiate per essere sostituite più frequentemente).
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Considerare le Lenti a Contatto Rigide Gas Permeabili (RGP)

  1. 1
    Scopri i vantaggi delle lenti RGP. Le lenti RGP tendono a essere leggermente meno diffuse rispetto a quelle morbide per varie ragioni. Tuttavia, questo tipo di lente è ottimo per numerosi aspetti. Comporta i seguenti benefici per la maggior parte dei portatori di lenti a contatto [11] [12] :
    • Visione più nitida rispetto a quella offerta dalle lenti morbide;
    • Maggiore chiarezza visiva per alcuni soggetti astigmatici;
    • Prestazioni migliori per alcuni soggetti presbiti che richiedono lenti bifocali o multifocali;
    • Migliore tenuta e nitidezza per i portatori con cheratocono (disturbo che induce la cornea ad assumere una forma conica);
    • Preferibili per le persone che hanno bisogno di portare le lenti a contatto in seguito a una chirurgia refrattiva;
    • Possono essere usate per le procedure ortocheratologiche, che prevedono di portare le lenti durante la notte allo scopo di rimodellare la cornea.
  2. 2
    Conosci gli svantaggi delle lenti RGP. Sebbene siano preferibili per i portatori che hanno esigenze particolari, queste lenti presentano anche svantaggi. Alcune persone sostengono che abbiano i seguenti contro [13] [14] :
    • Richiedono più tempo di adattamento e potrebbero risultare meno confortevoli;
    • Vanno portate regolarmente affinché diventino comode (possono addirittura risultare fastidiose dopo averne interrotto l'utilizzo per una settimana);
    • Essendo più piccole, si corre maggiormente il rischio che si spostino facendo attività fisica;
    • Aumentano il rischio di avere fastidi o abrasioni cornee, in quanto sono maggiori le probabilità che sotto le lenti rimangano intrappolati polvere e residui di sporco;
    • Richiedono una maggiore manutenzione rispetto a quelle morbide. Tuttavia, durando più a lungo, nel tempo potresti risparmiare.
  3. 3
    Considera le lenti a contatto ibride. Se sei indeciso fra lenti morbide e RGP, potresti considerare la possibilità di provare quelle ibride. La parte centrale è di un materiale rigido gas permeabile, intorno al quale si trova un anello morbido. Questo offre la comodità di una lente morbida, ma va anche incontro alle particolari esigenze dei portatori che necessitano di lenti rigide [15] .
    • Le lenti ibride possono essere usate per correggere miopia, ipermetropia, astigmatismo, presbiopia e cheratocono.
    • Molti portatori che hanno bisogno di lenti rigide credono che quelle ibride siano molto più confortevoli e facili da usare.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Valutare le proprie Esigenze

  1. 1
    Sottoponiti a una visita oculistica e a una prova. Prima di scegliere un tipo di lente a contatto o qualsiasi altro dispositivo, è importante rivolgersi a uno specialista per fare un esame accurato e conoscere le caratteristiche dei propri occhi. La visita oculistica è obbligatoria per determinare quali lenti usare e farsele prescrivere. È necessario provare le lenti negli occhi per garantire che si adattino alla loro forma e possano soddisfare le esigenze del portatore senza arrecare alcun fastidio [16] .
    • Ricevute le lenti, è probabile che tu debba fare una o più visite di controllo. Vengono solitamente programmate una settimana dopo averle ricevute. Successivamente bisognerà andare dall'oculista uno o sei mesi dopo, per poi fare soltanto una visita all'anno.
  2. 2
    Considera la frequenza con cui indosserai le lenti a contatto. Se hai intenzione di portarle tutti i giorni, allora avrai maggiori libertà nelle scelta fra morbide o rigide. Invece, se intendi usarle solo nei weekend o nelle occasioni speciali, ti conviene optare per quelle morbide [17] .
    • Se da un lato le lenti morbide possono essere portate confortevolmente sia solo ogni tanto sia quotidianamente, quelle rigide vanno portate a tempo pieno affinché venga mantenuto un comfort adeguato a livello oculare.
  3. 3
    Determina se per te è importante avere una particolare nitidezza visiva. Tutte le lenti a contatto correggono la vista, offrendo una maggiore chiarezza rispetto al mancato utilizzo di questo dispositivo medico. Ciononostante, in linea di massima si considera che fra tutte le lenti a contatto quelle rigide offrano la visione più nitida in assoluto, soprattutto per i portatori astigmatici [18] .
    • Se hai bisogno di una vista nitida e quasi perfetta per lavorare, prova a parlare con un oculista per determinare se nel tuo caso siano preferibili le lenti rigide.
  4. 4
    Decidi quante cure/sforzi puoi dedicare alle lenti. Una manutenzione scorretta può causare numerosi problemi alla vista, fra cui infezioni micotiche, infezioni batteriche e ulcere alla cornea. La pulizia quotidiana è necessaria sia per le lenti morbide sia per quelle rigide. Questo non vale per le lenti giornaliere, che vanno buttate via a fine giornata [19] .
    • Dal momento che le lenti morbide vanno solitamente sostituite una volta al giorno, alla settimana o al mese, il rischio di contrarre irritazioni o infezioni causate dall'accumulo di residui è minore.
    • Se non ti pesa fare qualche passo in più per prenderti cura delle lenti e mantenerle in buone condizioni, quelle rigide potrebbero andare bene. Tuttavia, se temi di non riuscirci (e hai anche paura di perderle), ti conviene prendere in considerazione quelle morbide.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Prendersi Cura delle Lenti a Contatto

  1. 1
    Pulisci/disinfetta le lenti. Dirlo è superfluo, ma bisogna pulire e prendersi cura delle lentine, indipendentemente dalla tipologia scelta. Questo è importante, in quanto pulirle e disinfettarle aiuta a rimuovere residui di sporco e sostanze irritanti, fra cui batteri e funghi che potrebbero infettare gli occhi [20] .
    • Pulisci e disinfetta le lenti ogni volta che te le togli risciacquandole e conservandole in una soluzione approvata dal tuo oculista.
    • Per lavare le lenti, versa della soluzione pulita sul palmo della mano. Sfrega delicatamente la lente all'interno del liquido usando l'indice.
    • Mai riutilizzare la soluzione per lenti a contatto. Pulisci l'astuccio quotidianamente e usa sempre del prodotto pulito ogni volta che te le togli.
    • Non usare soluzioni detergenti casalinghe. Dovresti anche evitare di inumidire o pulire le lenti con la saliva prima dell'uso, altrimenti introdurrai batteri negli occhi.
    • Non lavare le lenti con l'acqua del rubinetto. Nell'acqua del rubinetto (e persino in quella distillata) possono vivere microrganismi. Sebbene sia potabile, potrebbe comunque essere pericoloso introdurla e lasciarla negli occhi insieme alle lenti a contatto [21] .
  2. 2
    Pulisci e sostituisci l'astuccio. Prendersi adeguatamente cura del portalenti è tanto importante quanto pulire le lenti. Nell'astuccio possono accumularsi sporco, batteri e funghi, quindi è necessario imparare a pulirlo e sapere con quale frequenza cambiarlo [22] .
    • Pulisci l'astuccio tutti i giorni. Evita di usare il sapone: basta risciacquarlo con acqua tiepida e spruzzarci della soluzione per lenti a contatto.
    • Fallo sempre asciugare all'aria. Lasciarlo bagnato per tutto il giorno può favorire la proliferazione micotica, con il rischio di causare infezioni e danni agli occhi.
    • Sostituisci il portalenti ogni tre mesi [23] .
  3. 3
    Indossa correttamente le lenti a contatto. Sebbene siano sicure da portare, il modo in cui vengono impiegate e conservate è un fattore che incide sulla loro sicurezza e sulla continuità del loro utilizzo. Tutte le sostanze con cui entrano a contatto prima o poi finiranno negli occhi, con il rischio di causare irritazioni, dolore o persino infezioni [24] .
    • Prima di maneggiare le lenti a contatto, lavati sempre le mani con un sapone neutro, privo di fragranze e non cosmetico;
    • Asciuga le mani con un asciugamano pulito e che non lasci pelucchi prima di toccare le lenti;
    • Tieni le unghie corte e levigate per ridurre il rischio di danneggiare le lenti o graffiare gli occhi;
    • Se usi una lacca per capelli, assicurati di applicarla prima di metterti le lenti. Lavati le mani dopo averla usata o toccata per evitare che finisca sulle lentine;
    • Se ti trucchi, mettiti le lenti prima di applicare qualsiasi cosmetico. Analogamente, assicurati di rimuoverle prima di struccarti a fine giornata;
    • Usa le lenti solo per le ore raccomandate dal tuo oculista e sostituiscile in base alle indicazioni che ti vengono date [25] ;
    • Non andare a dormire con le lenti, a meno che il tuo oculista non ti dica che è sicuro farlo. Non indossarle per nuotare in alcun tipo di acqua, piscine incluse [26] .
  4. 4
    Rivolgiti a un medico se dovessi avere problemi. Le lenti a contatto in genere non danno alcuna difficoltà ai portatori, se non qualche piccolo fastidio durante il periodo di adattamento. Tuttavia, alcune persone osservano sintomi avversi, solitamente associati a un'infezione o a un disturbo soggiacente. Vai immediatamente dal tuo oculista se dovessi notare almeno uno dei seguenti sintomi:
    • Perdita improvvisa della vista;
    • Vista costantemente offuscata;
    • Lampi di luce;
    • Dolore intenso o prolungato;
    • Segnali di infezione, fra cui gonfiore, rossore o irritazione [27] .
    Pubblicità

Consigli

  • Per inserire e rimuovere le lenti a contatto è necessario impratichirsi, quindi non preoccuparti se all'inizio non dovessi riuscirci. Sii paziente e segui le istruzioni del tuo oculista.
Pubblicità

Avvertenze

  • Gli occhi si irriteranno e/o ti faranno male se dovessi portare le lenti troppo a lungo. Segui sempre le istruzioni del tuo medico per sapere quando toglierle e con quale frequenza sostituirle.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Oculista/optometrista
  • Soluzione per lenti a contatto
  • Astuccio per lenti a contatto

wikiHow Correlati

Rimuovere le Lenti a Contatto BloccateRimuovere le Lenti a Contatto Bloccate
Rimuovere Qualcosa da un OcchioRimuovere Qualcosa da un Occhio
Eliminare un OrzaioloEliminare un Orzaiolo
Sbloccare i Dotti Lacrimali ChiusiSbloccare i Dotti Lacrimali Chiusi
Togliere un Corpo Estraneo dall'OcchioTogliere un Corpo Estraneo dall'Occhio
Rimuovere una Lente a Contatto RottaRimuovere una Lente a Contatto Rotta
Curare un'Abrasione CornealeCurare un'Abrasione Corneale
Ridurre le MiodesopsieRidurre le Miodesopsie
Mettere le Lenti a Contatto
Applicare una Pomata OftalmicaApplicare una Pomata Oftalmica
Correggere gli Occhi AsimmetriciCorreggere gli Occhi Asimmetrici
Sbarazzarsi dei Corpi Mobili VitrealiSbarazzarsi dei Corpi Mobili Vitreali
Liberarsi degli Occhi Arrossati dal PiantoLiberarsi degli Occhi Arrossati dal Pianto
Migliorare la VistaMigliorare la Vista
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Shaune Wallace, OD
Co-redatto da:
Optometrista
Questo articolo è stato co-redatto da Shaune Wallace, OD. Il Dottor Wallace lavora come Optometrista nel Nevada. Ha conseguito la Laurea in Optometria presso il Southern California College of Optometry nel 2012.
Categorie: Cura degli Occhi
Questa pagina è stata letta 885 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità