Se sei interessato a fare yoga, allora hai bisogno di un tappetino. I tappetini da yoga sono reperibili in un'ampia gamma di forme e materiali. Se vuoi comprarne uno, dovresti considerare vari fattori. Pensa alle tue esigenze personali, specialmente per quanto concerne il tipo di yoga che intendi praticare. Dovresti anche esaminare quale tipo di materiale preferisci. Valuta inoltre le caratteristiche del tappetino, come consistenza e spessore.

Parte 1 di 3:
Considerare le proprie Esigenze

  1. 1
    Considera il tuo tipo di corpo. Il tipo di tappetino che ti serve dipende in gran parte dalla forma del tuo corpo. I fisici asciutti potrebbero trarre benefici dai tappetini più spessi o imbottiti, in quanto questo tipo di corpo non ha depositi adiposi tali da garantire una buona ammortizzazione naturale. I tappeti standard sono contraddistinti da uno spessore di circa 3 mm, ma possono arrivare anche ai 6 mm. Se hai un fisico minuto, considera un tappetino più spesso. Se hai una corporatura più robusta, puoi cavartela con un tappeto dallo spessore di 3 mm [1] .
    • Se tendi a soffrire di dolori articolari, potrebbe tornarti utile un tappetino più spesso, pur avendo una corporatura robusta. I tappeti spessi o con un'imbottitura aggiuntiva sono più comodi per le articolazioni.
    • Inoltre, se sei alto, tieni a mente la lunghezza. Un tappetino da yoga standard ha una lunghezza di circa 1,7 m, misura che potrebbe non essere sufficiente per le persone più alte. Se sei alto più di 1,68 m, cerca un tappeto lungo [2] .
    Consiglio dell'Esperto
    Ellen East

    Ellen East

    Proprietaria e Istruttrice Centro Yoga
    Ellen East è un'istruttrice di yoga certificata e proprietaria del centro Studio 4 WholeHealth ad Hartwell, in Georgia. Ha ricevuto la certificazione 200 RYT dallo Yoga Alliance e pratica la disciplina da più di 25 anni.
    Ellen East
    Ellen East
    Proprietaria e Istruttrice Centro Yoga

    Ellen East, insegnante di yoga, afferma: "Un tappetino spesso può essere più comodo quando si è seduti, ma per le posizioni da eseguire in piedi e in particolare per quelle che richiedono equilibrio, è preferibile un tappetino sottile. 4 mm è un buono spessore."

  2. 2
    Considera la tipologia di yoga che intendi praticare. Anche il tipo di yoga a cui ti dedichi può influire sulla scelta del tappetino. Considera il tuo grado di preparazione prima di procedere con l'acquisto.
    • Se sei un principiante, puoi benissimo scegliere un tappetino di qualità inferiore. Opta per un tappetino semplice il cui prezzo sia compreso fra i 10 e i 20 euro. Dato che non conosci lo yoga e potresti giungere alla conclusione che non fa al caso tuo, non ti conviene investire in attrezzature costose. Inoltre, a mano a mano che analizzi il modo in cui il corpo reagisce alla disciplina, potrai determinare con maggiore precisione le tue esigenze personali. Per ora accontentati di un tappetino economico, mentre investi in un prodotto migliore più avanti.
    • Il flow yoga richiede movimenti più complessi, quindi ti servirà un tappetino che offra un maggiore attrito allo scopo di tenere ferme braccia e gambe. Se invece fai yin yoga, rimarrai prevalentemente seduto a terra, quindi l'aderenza gioca un ruolo meno importante. In questo caso opta invece per un tappetino morbido e comodo [3] .
    • Alcune persone provano invece lo hot yoga, la cui pratica avviene in una stanza molto calda. Se opti per questa variante, ti conviene scegliere un tappetino specificamente studiato. I tappetini pensati per lo hot yoga non assorbono il sudore, in modo da non rimanere madidi alla fine della sessione e da non essere danneggiati [4] .
  3. 3
    Considera dove farai yoga. Anche il posto in cui pratichi lo yoga gioca un ruolo imprescindibile nella scelta del tappetino. Per esempio, se hai intenzione di farlo principalmente in casa, non devi preoccuparti del peso del tappetino o della comodità di trasporto. Tuttavia, se segui delle lezioni fuori casa, è bene cercarne uno facile da portarsi dietro.
    • Cerca un tappetino leggero anche qualora viaggiassi spesso e facessi yoga durante i tuoi spostamenti. Potresti peraltro considerare di investire in un secondo tappetino da destinare esclusivamente ai viaggi.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Scegliere un Materiale

  1. 1
    Evita i tappetini in PVC. Il cloruro di polivinile (PVC) è uno dei materiali più usati per fabbricare i tappetini di yoga. Tuttavia, ha una pessima reputazione fra gli appassionati di questa disciplina, in quanto secondo alcuni studi è cancerogeno. Inoltre, è difficile da riciclare. Se dovesse logorarsi e diventare vecchio, non potrai fare altro che buttarlo via. È sconsigliato per le persone particolarmente attente alla propria salute [5] .
  2. 2
    Prova un tappetino di gomma. Molte persone preferiscono i tappetini di gomma naturale a quelli in PVC. Sono altrettanto semplici da trovare, ma godono di una migliore reputazione fra gli appassionati di yoga [6] . Si consigliano anche ai principianti, in quanto sono facili da reperire ed economici.
  3. 3
    Usa un tappetino imbottito. I tappetini imbottiti sono molto più morbidi e comodi rispetto a quelli normali. Si compongono di due parti: una porzione interna in gommapiuma e un rivestimento esterno in tessuto rimovibile [7] .
    • Questi tappetini sono ottimi per le tipologie di yoga che richiedono di stare seduti o sdraiati per periodi prolungati. Offrono generalmente più sostegno rispetto a quelli normali. Tuttavia, non garantiscono un particolare attrito. Se usi un tappetino imbottito, rischi di scivolare e cadere durante l'esecuzione di certe posizioni [8] .
    • Uno svantaggio dei tappetini imbottiti? Possono essere lavati solo parzialmente. Il rivestimento esterno di tessuto è lavabile, mentre la gommapiuma interna non lo è.[9]
  4. 4
    Cerca un tappetino di cotone. Alcuni tappetini vengono fabbricati usando del semplice cotone. Molti lo preferiscono perché è una fibra naturale [10] . Sebbene possa trattenere maggiormente il sudore, è facile da lavare. È anche morbido, ma offre un attrito leggermente superiore rispetto ai tappetini imbottiti. È però bene ricordare che tende a trattenere molto di più l'umidità e che va lavato più spesso.
  5. 5
    Considera un tappetino antiscivolo. Questo tipo di tappetino è appositamente studiato per consentire agli yogi di assumere molte asana differenti, favorendo un'esecuzione più fluida. Offrono infatti più attrito e aderenza. Se hai intenzione di dedicarti a un tipo di yoga particolarmente rigoroso, considera questo tipo di prodotto [11] .
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Considerare altri Aspetti del Tappetino

  1. 1
    Considera la consistenza. La consistenza del tappetino gioca un ruolo importante per quanto concerne la comodità. Esistono vari tipi di consistenze, quindi assicurati di esaminare bene questo fattore prima di prendere una decisione.
    • I tappetini più aderenti, come quelli antiscivolo, tendono a essere più ruvidi. Sebbene possano irritare la pelle, tornano utili per le varianti di yoga che richiedono un gran numero di posizioni impegnative [12] .
    • Se preferisci un tappetino liscio, ti conviene optare per il PVC. Considera però che molte marche vendono tappetini ecologici con una superficie liscia. Prova a cercare un'azienda che abbia una politica ambientalista qualora volessi un tappetino liscio ma non in PVC [13] .
  2. 2
    Scegli un tappetino di uno spessore adatto alle tue esigenze. Come accennato in precedenza, i principianti potrebbero avere bisogno di una maggiore imbottitura. Quasi tutti i tappetini da yoga standard hanno uno spessore di 3 mm, che potrebbe non bastare per chi si è approcciato da poco alla disciplina. Esistono però anche tappetini che hanno uno spessore di 6 mm. Se necessiti di una maggiore imbottitura, prova a comprarne uno più spesso [14] .
    • Un tappetino dallo spessore di 4 mm sarebbe un buon compromesso. Se sei principiante, ma hai una corporatura minuta, questa opzione potrebbe fare al caso tuo. Un tappetino di spessore intermedio può essere indicato anche per chi viaggia molto, in quanto è più facile da arrotolare e trasportare.
  3. 3
    Scegli un tappetino facile da conservare. I tappetini difficili da arrotolare possono essere ingombranti. Scegline uno di un materiale leggero e che si arrotoli con facilità. Provalo in negozio arrotolandolo varie volte. Assicurati che sia semplice da gestire, in modo da non doverti preoccupare in merito alla conservazione.
  4. 4
    Considera gli accessori. Gli accessori per i tappetini da yoga variano a seconda delle proprie esigenze. Se fai yoga in uno studio, ti conviene acquistare una cinghia. Potresti anche comprare una borsa per trasportarlo e una fascia di cotone per fissarlo dopo averlo arrotolato.
    Consiglio dell'Esperto
    Ellen East

    Ellen East

    Proprietaria e Istruttrice Centro Yoga
    Ellen East è un'istruttrice di yoga certificata e proprietaria del centro Studio 4 WholeHealth ad Hartwell, in Georgia. Ha ricevuto la certificazione 200 RYT dallo Yoga Alliance e pratica la disciplina da più di 25 anni.
    Ellen East
    Ellen East
    Proprietaria e Istruttrice Centro Yoga

    Ellen East, insegnante di yoga, consiglia: "È una buona idea pulire il tappetino dopo ogni sessione. Puoi usare un detergente apposito, solo acqua o un detergente fatto in casa, di solito composto da acqua, oli essenziali e amamelide."

  5. 5
    Considera il prezzo. I prezzi dei tappetini di yoga possono variare parecchio. I tappetini in PVC dallo spessore di 3 mm e privi di particolari dotazioni (come imbottitura, aderenza o altro) sono i più economici. Puoi reperirli a circa 10 euro, ma si logoreranno in poco tempo. Se prendi seriamente lo yoga, prova a investire in un tappetino di qualità superiore [15] .
    • Se hai intenzione di fare yoga a lungo termine, opta per un tappetino più costoso. Puoi trovare varie opzioni nei negozi di articoli sportivi più forniti o presso le aziende che vendono prodotti specifici per lo yoga. Per esempio, i tappetini di Lululemon Athletica sono un buon investimento per i veri appassionati.
    • Certe caratteristiche, come imbottitura e aderenza, comportano costi aggiuntivi. Ciononostante, se le ritieni importanti alla luce delle tue esigenze personali, potrebbe valere la pena spendere un po' di più.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Volumizzare Velocemente i Glutei

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Allenarsi a Casa con i Manubri

Come

Ingrandire il Tuo Sedere

Come

Avere un Sedere più Grande in una Settimana

Come

Avere un Punto Vita Stretto

Come

Eliminare il Grasso nell'Interno Coscia

Come

Fare la Spaccata in Un Giorno

Come

Allenare i Muscoli della Schiena a Casa

Come

Aumentare la Massa Muscolare delle Braccia

Come

Costruire un Set di Pesi fatti in Casa

Come

Avere Braccia con Vene Sporgenti

Come

Allargare le Spalle

Come

Avere un Corpo Perfetto
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità.
Categorie: Fitness Personale
Questa pagina è stata letta 853 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità