La ricotta è straordinariamente semplice da preparare ed è un formaggio versatile che viene scolato dal caglio subito dopo la cottura, quando ha una consistenza variabile dai granuli all’impasto molle. Che tu stia producendo la ricotta in casa oppure voglia asciugare quella acquistata in negozio perché è troppo umida per i tuoi gusti, sappi che il procedimento è lo stesso.

Metodo 1 di 2:
Scolare Accuratamente la Ricotta

  1. 1
    Usa questo metodo per eliminare il liquido dal formaggio fresco, appena preparato, oppure quando devi incorporare la ricotta in qualche ricetta. Devi scolarla quando è calda ed è stata salata da 15 minuti.[1] Puoi utilizzare questa tecnica anche per trasformarla da formaggio cremoso e umido a una cagliata solida.
  2. 2
    Fodera un setaccio o un colino con della garza per formaggio o della carta da cucina. Un setaccio a rete fine è lo strumento ideale per questa operazione, ma può andare bene anche un colino.[2] Ricopri tutta la superficie con della garza o con un'altra maglia fine; alcune persone hanno ottenuto dei buoni risultati anche utilizzando due strati di carta da cucina robusta.[3]
  3. 3
    Metti il setaccio sopra una ciotola. Questa ti servirà per raccogliere il liquido eliminato dalla ricotta. Scegli un contenitore su cui sia possibile appoggiare il setaccio.
    • Evita che la maglia del setaccio tocchi il fondo del contenitore, altrimenti la ricotta rimarrà immersa nel suo stesso liquido.
  4. 4
    Trasferisci la ricotta nel setaccio con l’aiuto di un cucchiaio. Resisti alla tentazione di travasarla direttamente dal suo contenitore perché questo contiene molto liquido. Al contrario, aggiungine poca per volta con l’aiuto di un cucchiaio lasciando l’eccesso sul fondo del primo contenitore.
  5. 5
    Copri la ricotta. Usa un qualunque panno pulito o della carta da cucina per coprire la ricotta che si trova nel setaccio. Non usare un piatto appoggiato sopra i bordi della ciotola perché la ricotta deve essere compressa, come verrà spiegato in seguito.
  6. 6
    Aggiungi un oggetto pesante. La compressione della ricotta consente un buon drenaggio del siero e si può ottenere con un oggetto pesante posto sopra il panno pulito o la carta da cucina che ricopre il formaggio. Puoi usare un grosso barattolo di cibo, un sacchetto di sassi o un altro oggetto ovviamente pulito.
    • Se non trovi nulla di adatto, schiaccia la ricotta con un cucchiaio per un minuto o due.
  7. 7
    In base a come vorrai consumare la ricotta, il tempo di “drenaggio” varia. Invece di usare, ogni volta, le istruzioni di una singola ricetta, segui questi suggerimenti, che ti consentiranno di avere una ricotta di diversa consistenza in base alle tue preferenze e all’utilizzo che ne devi fare.[4] Ricorda: ciò che segue sono delle semplici linee guida, devi adattarle alla quantità di ricotta che hai a disposizione e alla grana della garza.
    • Se prevedi di mangiare la ricotta al naturale, aspetta che scoli per 5 minuti così da ottenere un formaggio spalmabile e umido oppure aspetta fino a quando non raggiunge la consistenza che ti piace di più.
    • Se devi aggiungerla a piatti salati e umidi, dovresti aspettare circa 20 minuti, in modo che si formino piccoli granuli di cagliata. Questa consistenza, approssimativamente, è quella necessaria per la lasagna, il ripieno dei ravioli o per le salse. Se devi preparare dei cannoli devi aspettare 30 minuti o anche di più, per evitare che la pasta del dolce diventi molle.
    • Per la maggior parte delle altre preparazioni, la cosa migliore è lasciare drenare il liquido dalle 2 alle 8 ore in frigorifero. Quando la ricotta viene usata in pasticceria e per i prodotti da forno è necessario che sia asciutta e granulosa, altrimenti rovinerebbe la consistenza del dessert.
  8. 8
    Se il liquido fuoriesce lentamente, mescola il formaggio. Alcuni lotti di ricotta trattengono maggiormente l’umidità e questo dipende solo dal modo in cui è stata preparata. Per accelerare il processo, puoi mescolare e raschiare il formaggio dai bordi del setaccio e della garza per far scendere il siero.[5]
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Scolare la Ricotta Rapidamente

  1. 1
    Usa questo metodo quando prevedi di mangiare la ricotta al naturale o quando hai poco tempo a disposizione. Ci vogliono 5 minuti, ma sappi che non rimuoverai tutto il siero dal formaggio.[6] Non si tratta della tecnica migliore per le ricotte calde appena preparate, ma si adatta perfettamente per quelle commerciali che sono vendute nella loro acqua e che sgocciolano abbondantemente, così da migliorarne la consistenza e il sapore.[7]
    • Si tratta di un metodo accettabile, per quanto non perfetto, in previsione di aggiungere la ricotta alla lasagna o ad altri piatti salati che non necessitano di un formaggio molto asciutto, come invece accade per i prodotti di pasticceria.[8]
  2. 2
    Sopra una ciotola distendi due grandi pezzi di garza per formaggi o un tessuto simile. Tradizionalmente, la ricotta viene scolata in una sottile, ma resistente, garza per formaggio. Vanno bene anche dei sacchetti di nylon a maglia molto fine oppure dei fazzoletti da uomo di alta qualità.[9] Se non hai nulla a disposizione, usa della mussola, una federa o un lenzuolo purché freschi di bucato.
  3. 3
    Travasa la ricotta a cucchiaiate nel tessuto. Questo metodo è molto più efficace perché se trasferisci direttamente la ricotta versandola dal contenitore originale, aggiungi inevitabilmente anche del liquido.
  4. 4
    Avvolgi il panno attorno alla ricotta. Solleva i quattro angoli del panno e legali insieme come un fagotto. In alternativa puoi semplicemente torcerli insieme e tenerli ben fermi.
  5. 5
    Schiaccia il formaggio con delicatezza. Spremilo in maniera decisa ma lenta, lavorando dall’alto verso il basso per evitare che il formaggio esca dalla parte alta del fagotto. Continua a schiacciare e ad agitare il tutto per eliminare la maggior quantità possibile di acqua.
  6. 6
    Portala in tavola e mangiala. La ricotta ancora umida, con una consistenza spalmabile, è piuttosto difficile da incorporare nelle ricette, anche se alcuni piatti come i cannelloni e le lasagne ben si sposano con il suo sapore e cremosità. Quindi puoi servire la ricotta al naturale o con qualche piccola aggiunta.[10][11]
    • Spalmala sui crostini o sui toast.
    • Rendila cremosa e mescolala con pomodoro a pezzetti e basilico, origano, timo o altre erbe aromatiche di tuo gusto. Può trasformarsi in un ottimo intingolo per crostini di pane, cracker e patatine.
    • Condiscila con un filo di olio di oliva e un pizzico di sale.
    • Cospargila di miele o noci e servila come dessert.
    Pubblicità

Consigli

  • Conserva la ricotta in frigorifero o in un altro luogo freddo.

Pubblicità

Avvertenze

  • Più la ricotta è umida e prima si degraderà.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 16 511 volte
Categorie: Latticini
Questa pagina è stata letta 16 511 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità