Come Sconfiggere la Pigrizia

4 Parti:Entrare nella Mentalità GiustaProcurarsi gli Strumenti GiustiPassare all'AzioneRimanere Motivato

Chiamala come vuoi: pigrizia, accidia, poltroneria... fatto sta che la voglia di non fare nulla, quando in realtà siamo sommersi dagli impegni, è spesso considerata un segno di debolezza o di immaturità. A volte ci sentiamo pigri quando non vogliamo affrontare qualcosa, come un incarico noioso o un confronto con qualcuno, a volte perché le nostre incombenze sono talmente grandi che sentiamo il bisogno di avere un vero e proprio team per portarle a termine. Altre volte invece, siamo semplicemente svogliati. In ogni caso, si tratta sempre di un tratto non proprio gradevole del nostro carattere.

Parte 1
Entrare nella Mentalità Giusta

  1. 1
    Cerca di capire il vero problema. Ogni volta che cominci a sentirti svogliato, fermati a riflettere su che cosa sta succedendo. La pigrizia è generalmente un sintomo e non il problema in sé. Qual è la causa della tua mancanza di motivazione? Sei stanco, sopraffatto, hai paura, stai male o sei semplicemente privo di stimoli e bloccato? Molto probabilmente potresti accorgerti che la problematica latente è un'inezia facilmente superabile.
    • Qualunque sia il motivo che ti sta trattenendo, fai del tuo meglio per farlo emergere. Nella maggior parte dei casi sarà un singolo dettaglio o problema specifico. Trovare la causa è, in effetti, l'unico modo possibile per affrontarlo. Una volta individuato, potrai gestirlo in modo efficace.
  2. 2
    Focalizzati sul problema reale. Ora che stai pensando alla causa della tua pigrizia, inizia concentrandoti su di essa. Potrebbe non essere la soluzione rapida che stavi cercando, ma sarà permanente. Tieni presente che:
    • Se sei stanco, inizia a dedicare qualche momento al relax. Tutti hanno bisogno di riposare. Se il tuo programma di impegni non te lo permette, potrebbe essere necessario fare qualche sacrificio. Ma il risultato sarà ancora migliore.
    • Se ti senti sopraffatto, fermati un momento. Come puoi semplificare ciò che hai di fronte? Puoi analizzarlo in sezioni e renderlo più piccolo? Puoi fare una lista di priorità e affrontarle una alla volta?
    • Se hai paura, chieditene il motivo. Ovviamente c'è qualcosa che vorresti fare. Hai paura che il tuo potenziale non sia sufficiente? O raggiungere finalmente i tuoi obiettivi e non esserne soddisfatto? Come puoi vedere che la tua paura è irrazionale?
    • Se stai male, forse l'unica risposta è il tempo. Dolore, tristezza, tutte quelle emozioni negative non andranno via su richiesta. Le nostre ferite hanno bisogno di tempo per guarire. Metterti meno pressione per fermare la sofferenza può essere il catalizzatore per il cambiamento che cerchi.
    • Se sei privo d'ispirazione, che cosa può cambiare la tua routine? Puoi inserirti in un ambiente diverso o è un demone mentale che devi conquistare? Come puoi rinnovare la tua vita di tutti i giorni? Pensa in termini sensoriali. Musica, cibo, luoghi, suoni, e così via.
  3. 3
    Impara a essere più organizzato. Essere circondati dal disordine – anche quando è solo visivo – può rappresentare un handicap enorme per le nostre capacità motivazionali. Qualunque cosa tu possa fare per mettere ordine, attivati. Che sia la tua scrivania, l'auto, tutta la tua casa o le tue abitudini, fai pulizia.
    • Succedono molte cose nel nostro subconscio di cui non ci rendiamo conto. Che si tratti di una sgradevole combinazione di colori o di una quantità inadeguata di luce o di una mancanza di equilibrio in qualche modo o forma, sappiamo che da qualche parte c'è qualcosa che crea un fastidio. Sbarazzati di quel piccolo ma potente deterrente, diventando più ordinato.
  4. 4
    Monitora il tuo chiacchierio interiore. A volte i comportamenti causano pensieri e a volte i pensieri provocano comportamenti. Affronta tutte le eventualità e sbarazzati del dialogo interno negativo. Pensare "Oh, Dio, sono così pigro. Ugh. È inutile!" non ti porta da nessuna parte. Quindi smettila. Solo tu hai il controllo di quel film proiettato interiormente.
    • Ogni volta che ti ritrovi a non essere all'altezza, ruota la questione al positivo. "È stata una mattinata lenta, ma ora è tempo di fare il pieno di energia. Ora che è pomeriggio, mi ci sto mettendo d'impegno!". Sarai sorpreso di quanto l'ondata di positività mentale potrebbe effettivamente cambiare il tuo atteggiamento.
  5. 5
    Pratica la consapevolezza. Molti non si prendono il tempo di fermarsi a odorare le rose. Mangiamo in fretta un pasto eccezionale solo per arrivare al dolce, solo per arrivare al vino, solo per arrivare a letto con uno stomaco troppo pieno. Pensiamo sempre al prossimo grande evento, invece di vivere in questo meraviglioso momento che è proprio ora. Quando cominciamo a vivere il momento, riusciamo a trarne vantaggio.
    • La prossima volta che ti ritrovi a pensare al passato o al futuro, riporta te stesso al presente. Che si tratti della scena intorno a te, il cibo sulla forchetta o la musica nelle orecchie, lascia che ti mostri quanto è bello essere al mondo e vivere. A volte fermandoci e rallentando possiamo ottenere l'energia per approfittare di ciò che abbiamo a nostra disposizione.
  6. 6
    Pensa ai benefici. Va bene, siamo quindi riusciti a farti concentrare sul presente. Ora concentriamoci su un presente migliore. Che cosa accadrebbe se approfittassi di questo momento? Che cosa accadrebbe se, invece di sprecare la mattina a letto, ti alzassi a fare yoga, a finire il tuo lavoro o a prepararti una colazione fantastica? Che cosa accadrebbe se lo facessi praticamente ogni giorno per i prossimi sei mesi?
    • Sarebbe meraviglioso, ecco! Lascia che queste idee positive sostituiscano la tua fila di pensieri. E renditi conto che, una volta riuscito a farne un'abitudine, tutto diventerà molto più facile.

Parte 2
Procurarsi gli Strumenti Giusti

  1. 1
    Salta giù dal letto. La ricerca ci dice che sonnecchiare non fa bene[1]. Pensi che startene disteso a goderti il calore delle coperte possa renderti più attivo in seguito, ma accade l'opposto. Siamo effettivamente più stanchi tutto il giorno. E allora salta fuori dal letto! La tua mente seguirà le imbeccate che le darà il corpo. Se salti fuori dal letto, devi essere pronto e impaziente di andare.
    • Prova a mettere la sveglia fisicamente dall'altro lato della stanza, in maniera che tu debba necessariamente alzarti per spegnerla. Questo rende più difficile premere il pulsante dello snooze e riaddormentarsi.
    • Salta letteralmente, se riesci ad averne il coraggio. Fai circolare il tuo sangue. Potrebbe essere l'ultima cosa che vuoi fare, ma, se riesci a farlo, sarai molto più attivo dopo.
  2. 2
    Imposta alcuni obiettivi realizzabili. Decidendo da solo alcuni obiettivi sostanziosi e raggiungibili, avrai qualcosa per guardare al futuro. Stabilisci obiettivi raggiungibili e che t'ispirino veramente, permettendoti di mettere in gioco i tuoi talenti e le tue abilità. Stabilisci una lista di cose da fare, grandi e piccole, e dai a ciascuna delle priorità in base al tempo necessario e all'importanza che hanno per te personalmente.
    • Può risultare utile tenere un diario personale per le tue attività quotidiane, con una traccia di che cosa esattamente può averti aiutato oppure ostacolato in merito al raggiungimento del tuo obiettivo come parte della tua pratica per l'autosviluppo.
    • Prendi in considerazione l'acquisto di una lavagnetta per annotare tutti i tuoi obiettivi e sogni. Sii creativo e usa immagini, articoli di riviste, ecc. Una tale bacheca può essere utilizzata per mappare completamente i tuoi sogni. Ogni giorno, al risveglio, guarda la lavagnetta e concentrati su dove vuoi essere. Ciò ti fornirà un ispirato inizio di giornata e ti spingerà verso i tuoi sogni.
      • Non a tutti piace l'approccio con la bacheca, ma esistono altri modi: le mappe mentali, le riviste, creare un'affermazione visiva e raccontarla agli altri, prendersi un impegno pubblicamente online per impegnarsi a fare qualcosa, eccetera.
  3. 3
    Fai un elenco dei desideri, degli scopi e delle motivazioni che vuoi raggiungere: quando ti muovi velocemente tra loro, fai un segno! A dire il vero, mantenere gli obiettivi impressi davanti alla mente richiede una totale concentrazione su di essi e un elenco ti mantiene totalmente motivato: potrai facilmente mettere una spunta e ogni volta ti sentirai benissimo e più vicino alla meta. Fai delle copie del tuo foglio degli obiettivi o delle tue prassi e sistemale ovunque: sul frigorifero, sul comodino, vicino al computer, sullo specchio del bagno e persino sulla porta della stanza da letto. Metti i fogli dove guardi o vai spesso.
    • Una volta che le spunte inizieranno ad accumularsi, non vorrai smettere. Vedrai letteralmente ciò per cui stai lavorando e di che cosa sei capace: quello slancio ti farà sentire così bene che dovrai continuare. Saresti deluso e ti sentiresti peggio se non lo facessi.
  4. 4
    Rivedi regolarmente l'importanza e il valore del problema o dell'obiettivo. Aver optato per un obiettivo o affrontato il problema da risolvere non ti metterà miracolosamente sulla buona strada senza sforzo da parte tua. Parte del successo che sta dietro all'avere un obiettivo o al trovare una soluzione dipende dal ricordare a te stesso perché è importante. Se perdi di vista l'obiettivo o la soluzione, cadi facilmente in distrazioni e vicoli ciechi che fanno sì che continuare sembri troppo difficile, permettendo alla pigrizia di instaurarsi. Ricalibrando regolarmente l'importanza e il valore del problema o obiettivo contribuirà a tenerti concentrato e ricaricato. Farai bene a chiederti:
    • Posso permettermi davvero di continuare a ignorare la questione o di lasciarla irrisolta per più tempo?
    • È qualcosa che potrebbe essere migliorato se avessi qualcuno ad aiutarmi o che condividesse con me le opinioni in merito?
    • Sto utilizzando il giusto approccio per risolvere questo problema o perseguire quest'obiettivo? A volte è il momento di seguire un approccio nuovo piuttosto che continuare a perseguire lo stesso vecchio percorso.
    • Sono perfezionista nei confronti delle mie aspettative? Il perfezionismo può condurre alla procrastinazione, giacché credi che tutto quello che fai non valga. Il risultato finale? La pigrizia s'impone, perché è "tutto troppo difficile". Non cadere in questo circolo vizioso: fai sempre del tuo meglio, piuttosto che aspirare a ideali inesistenti.
  5. 5
    Ripeti a te stesso che puoi fare qualcosa. L'azione cambia tutto. In un certo momento sei passivo e bloccato, in un altro stai scavando e cambiando le cose semplicemente perché ti sei mosso, hai deciso qualcosa. Non sei definito da ciò che è successo prima: sei sempre in grado di reinventare te stesso e fare in modo che il cambiamento abbia luogo. Devi solo pensarlo e crederci.
    • Se in effetti ti senti bloccato, prova a darti una mossa facendo il compito e ripetendoti "Nonostante la vecchia abitudine di fermarmi, adesso sono attivo e sono produttivo!". Usa i verbi al presente indicativo – nessun condizionale, futuro o passato dovrebbe esser parte delle tue affermazioni che indicano un'azione. E sicuramente nessuna dichiarazione del tipo "se solo": vale per le persone che non vogliono essere davvero soddisfatte nella vita.
  6. 6
    Stira i vestiti. Supponiamo che tu sia seduto sul divano, a fissare il computer e tutti quei documenti che vorresti che si creassero da soli immediatamente. Lascia perdere. Fai invece qualcosa d'insignificante, come stirare i vestiti. Tira fuori il ferro e l'asse da stiro, prendi la camicia e dopo 5 minuti penserai: "Perché sto perdendo tempo a stirare i miei vestiti?". Metterai giù tutto, sarai un po' più sveglio per l'attività e continuerai con quello che volevi veramente fare.
    • E l'altro vantaggio? Avrai una camicia stirata.
      • Non deve necessariamente trattarsi di stirare, ovviamente. Potrebbe anche essere una doccia. Già l'alzarsi a fare qualcosa è a volte l'ostacolo più difficile; quando si tratta di una cosa piccola, ci preparerà la strada, rendendo le attività più semplici.
  7. 7
    Fai un po' di esercizio. I benefici dell'esercizio fisico sono davvero innumerevoli, ma uno tra quelli principali è sentirsi più entusiasta 24 ore al giorno e 7 giorni su 7[2]. Stimola la circolazione, accelera il metabolismo e pone il corpo in uno stato d'energia che dura praticamente tutto il giorno. Se metterti in movimento al mattino è per te un problema, fai ginnastica anche per soli 15 minuti. Ti sentirai più attivo per tutto il pomeriggio.
    • Abbiamo già detto che gioca un ruolo fondamentale nel mantenersi sani? Quando siamo sani, ci sentiamo meglio in tutto. Se attualmente non ti stai esercitando (soprattutto esercizi aerobici, ma anche anaerobici), fai qualche sforzo per inserire la ginnastica nella tua routine. L'obiettivo dovrebbe essere attorno ai 150 minuti alla settimana, ma va bene qualunque spazio di tempo tu riesca a ritagliarti.[3]
    • Già che ci siamo, ricordati anche di mangiare sano. Il cibo spazzatura non dà al tuo corpo i nutrienti che gli servono per essere attivo. Un corpo privo di energia può facilmente farti sentire pigro e apatico; è una buona idea fare un check-up medico se sei preoccupato per la tua assunzione di nutrienti o per i tuoi livelli di energia.
  8. 8
    Calati nel personaggio. A volte manca semplicemente la motivazione per vivere. Diventiamo compiacenti nel nostro lavoro, nella nostra situazione di vita, nei nostri rapporti e in qualche modo deterioriamo nel nostro piccolo mondo, sapendo che dovremmo impegnarci più intensamente a espandere i nostri orizzonti. Il modo più semplice per avviare quel percorso di cambiamento? Vestirsi in modo diverso.
    • Che tu sia un fattorino che sogna di essere un agente di borsa o un teledipendente che vorrebbe correre la maratona di Boston, cambiare i vestiti potrebbe cambiare anche il tuo comportamento. Se non ci credi, vedila in questo modo: come ti rivolgeresti a una una persona che indossa un completo elegante? Dopo un po', quel tizio così vestito inizia a vivere in un mondo che si rivolge a lui come a "un ragazzo nel completo". Quindi indossa pure quei pantaloni da jogging. Prima o poi finirai per chiederti perché non stai facendo jogging.

Parte 3
Passare all'Azione

  1. 1
    Inizia. Tutto comincia da qualche parte, che si tratti di togliere le spille da quel documento per poterlo continuare a leggere o spalare la neve dal viottolo in maniera che tu possa tirare fuori la macchina dal garage. Vincere l'attrito iniziale da cui siamo affetti per natura quando dobbiamo affrontare delle situazioni difficili allevierà la sofferenza che avremmo altrimenti. Affrontare le difficoltà un passo alla volta creerà il momentum necessario per riuscire a superarle e ti darà la sicurezza per esserne meno intimidito e restare motivato.
    • Aspettarsi che la vita sia sempre facile non è realistico: la vita è spesso difficile e, a volte, difficilissima. Ma la vita è anche meravigliosa, sorprendente, emozionante e piena di speranza. La pigrizia ci allontana dalle possibilità e ci fa incamminare sul viale dell'autodistruzione. Migliorando la tua attitudine verso le difficoltà quotidiane e imparando a tollerare le cose che hanno un determinato impatto su di te, ti permetterà di aumentare la tua resilienza e di diventare più costruttivo. Ogni volta che qualcosa sembra insuperabile, arduo e indesiderabile, dai semplicemente l'avvio. Non discutere, non cercare scuse, non combatterlo: affrontalo semplicemente un piccolo passo alla volta.
    • Per aiutarti a restare motivato, prova a usare la regola dei 5 secondi. Quando lo stress comincia a farsi sentire e ti viene voglia di rimandare, datti 5 secondi prima di cominciare qualcosa. Questo metodo ti aiuterà a razionalizzare quei pensieri e a continuare imperterrito.
  2. 2
    Non avere fretta. È assolutamente importante affrontare le cose un passo alla volta. Più le cose sono piccole, più sembrano fattibili. Suddividere l'obiettivo in vari passaggi ti permetterà di sconfiggere la pigrizia e la paura di non farcela. Il fardello mentale non ti sembrerà più così grande. Spesso la pigrizia ha a che fare con il sentirsi sopraffatti da tutto e con la rinuncia, perché l'ostacolo mentale che hai di fronte ti sembra troppo grande. La risposta è aver fiducia nel potere delle piccole cose.
    • Questo non significa che tu non possa occuparti di più cose: certo che puoi, e la varietà è importante per mantenerti interessato. Quello che significa, tuttavia, è che è necessario concentrarsi su una sola attività alla volta, facendo una pausa tra un impegno e l'altro invece di cercare di fare tutto contemporaneamente. Inoltre, tra un'attività e l'altra, individua dei chiari momenti d'interruzione in modo da sapere con facilità da dove ripartire quando la riprendi.
    • In effetti, la gente che tende a lamentarsi di non avere tempo lo distribuisce inefficacemente, magari cercando di essere multi-tasking. Il cervello umano lavora male se è costantemente sotto pressione. Liberati da questo cappio facendo con criterio quello che è importante per te, senza sentirti in colpa.
  3. 3
    Mantieniti motivato con frasi positive e ripetendoti che puoi farcela. Devi dire queste cose ad alta voce, se necessario. Ti sentirai motivato dando voce alle tue azioni.
    • Dedicati un mantra di rinforzo e recitalo regolarmente durante il giorno. Visualizza il raggiungimento della meta e anticipa il senso di soddisfazione che proverai.
  4. 4
    Chiedi aiuto quando ne hai bisogno. Molte persone vivono la paura ingiustificata che sia sbagliato chiedere il supporto degli altri. Se hai sviluppato questo timore a seguito di un precedente incontro scortese, un'esperienza educativa soffocante o un posto di lavoro ferocemente competitivo, è un malsano atteggiamento verso la vita. Siamo esseri sociali e parte della nostra esistenza si basa sulla condivisione e sull'aiuto reciproco. Passare "dal me al noi" richiede un po' di pratica, ma è una parte importante della crescita e si smette di affrontare le difficoltà da soli.
    • A volte, avere un'altra persona su cui poter contare è l'impulso all'azione di cui abbiamo bisogno. Se stai lottando con la perdita di peso, procurati un compagno con cui allenarti! Questa persona fa su di noi quella pressione che noi non riusciamo a esercitare su noi stessi (in senso buono).
    • Assicurati di circondarti di persone che ti siano di supporto e di guida. Quando tutte le relazioni che viviamo non fanno altro che esaurire la nostra energia, è facile capire perché la pigrizia è un problema. Trova la tua cerchia di persone che ti fanno stare bene e usa questa energia come guida.
  5. 5
    Sii realista con te stesso. Siediti sul divano solo quando arriva il momento di fare una pausa. Anche quanto ti fermi, decidi quando ritornare al lavoro o dedicarti ad altre attività, come la lettura di un libro di testo, un carico di biancheria, scrivere a un amico, ecc. L'autodisciplina richiede di fare qualcosa quando dovresti, che tu ne abbia voglia o meno. Non importa quanto presto inizia il tuo allenamento: questa rimane la lezione più difficile da padroneggiare. Sviluppa un sano equilibrio tra indulgenza e severità con te stesso e dai priorità al dovere rispetto al piacere.
    • Le ricompense sono più dolci quando devi aspettare per averle e quando sono meritate. Nuoci a te stesso se guardi la TV per due ore dopo soli 10 minuti di lavoro. Resisti. Ti sentirai meglio nel lungo percorso.
  6. 6
    Complimentati con te stesso per ogni passo che compi. Prima di stupirti della possibile arroganza di questo processo, ricorda che non è una festa delle vanità: si tratta di mantenere alta la tua motivazione. Ogni volta che fai un passo in avanti, raggiungi un piccolo obiettivo, una pietra miliare lungo la strada, trova dei modi per complimentarti con te stesso. Il completamento di un compito o di uno sforzo ti farà sentire straordinariamente bene ogni volta.
    • Festeggia il raggiungimento ripetendoti che sei stato bravo. Dovrai dire a te stesso qualcosa del tipo: "Bene! Continua così e arriverai alla fine!". I grandi successi sono una serie continua di tanti piccoli successi (ogni piccolo traguardo è un atto eroico), comportati di conseguenza.

Parte 4
Rimanere Motivato

  1. 1
    Impara a premiare te stesso per ogni piccola cosa che provi o che porti a termine. Ricompense occasionali renderanno i compiti meno onerosi e ti aiuteranno a stare sulla retta via. Se riesci a fare qualcosa che non riuscivi a fare il giorno prima o che ti terrorizzava, ti meriti proprio un bel regalo. Ricompensandoti per aver completato delle piccole mete lungo la strada verso l'obiettivo finale, rinforzerai automaticamente la tua convinzione di fare la cosa giusta. Mantieniti su premi molto semplici ma efficaci, come per esempio pause più lunghe, un film, uno spuntino più calorico (una volta tanto!) o cose simili.
    • Le pause sono ricompense e necessità. Non confondere la pigrizia con il bisogno di prenderti regolarmente delle brevi pause per ripristinare creatività e freschezza.
    • Il lato opposto delle ricompense è la punizione. La gente risponde meglio al rinforzo positivo ed è meglio attenersi alle ricompense. Punirti perché non raggiungi degli obiettivi ti si ritorcerà semplicemente contro, confermando delle pessime convinzioni su te stesso e cioè che sei pigro e un buono a nulla. E questo è del tutto inutile.
  2. 2
    Prendi nota dei tuoi obiettivi ogni settimana. Una lista di obiettivi settimanali ti aiuterà a rimanere focalizzato e motivato. Andando avanti, è inevitabile che i tuoi obiettivi cambino. Individuerai anche i modi più efficaci per raggiungerli. Evolvendo, cambierà anche la tua lista.
    • Aggiungi il tuo elenco ovunque. Prova a inserirlo come schermata di blocco del tuo tablet, computer o telefono cellulare. Per farlo, segnali semplicemente nei tuoi appunti, prendi una foto alla schermata e mettila come sfondo. Crea obiettivi quotidiani, mensili e persino annuali per continuare a guardare ogni giornata in modo diverso.
  3. 3
    Renditi conto che la vita è un trading tra costi e benefici. Per ogni sorta di beneficio, c'è solitamente un prezzo da pagare. Il costo dolore/sofferenza è solitamente emotivo, spesso fisico e qualche volta psichico. Spesso quel dolore implica la sensazione di essere lasciato solo o abbandonato mentre gli altri non sembrano doversela vedere con le stesse sfide (però, di solito, ciascuno ha le proprie sfide, anche se non si vedono). E quel dolore può indurti a cercare la sicurezza in una zona di conforto. Per spingerti oltre dovrai affrontare il dolore, prima di poter raggiungere le possibilità.[4]
    • Valuta se vale la pena di sostenere il costo per raggiungere un potenziale beneficio. Se ne vale la pena (e spesso sarà così), dovrai lavorare sulla tua maturità in continua evoluzione per generare il coraggio, la resistenza e la disciplina necessari per darti la forza di ottenere dei risultati brillanti. Nessuno realizza nulla senza sforzo e difficoltà.
  4. 4
    Sappi che vale la pena impegnarsi. Molti esperti, professionisti e perfino geni sono pronti ad ammettere che il loro talento influisce per l'1% sul loro successo, il restante 99% è duro lavoro. Solo il talento non è sufficiente a raggiungere i tuoi obiettivi se non è sorretto dalla disciplina — l'eccellenza in ambito accademico, l'autonomia finanziaria, il successo nello sport, le arti dello spettacolo e le relazioni esigono lavoro costante e impegno che mette a dura prova anche i migliori di noi, emotivamente e fisicamente. La tua volontà di sopravvivere e prosperare deve essere tradotta in lavoro e sopportazione quando sono entrambi utili e necessari.
    • Non diventerai un grande imprenditore, un grande corridore, un grande cuoco o anche un grande nel tuo lavoro da un giorno all'altro. Dovrai affrontare fallimenti, il che è normale e fa bene. Questo significa che sei pronto a metterti sempre alla prova.
  5. 5
    Programma la tua giornata. Avere troppe cose da fare durante la giornata potrebbe tentarti di evitare le cose che devi necessariamente fare. Prova ad alleggerire la tua giornata delegando i compiti importanti o magari eliminando quelli che non sono necessari. Evita le distrazioni e concentrati sui tuoi traguardi.
    • Per esempio, se stai cercando di scrivere mille parole ogni weekend ma ti accorgi di non riuscirci in quanto sei già impegnato con le tue attività extracurricolari, prendi in considerazione di eliminarne qualcuna. Tagliando anche uno tra gli incontri che hai ogni settimana, ti darà più tempo libero per raggiungere il tuo obiettivo.
  6. 6
    Resta in pista. Ci saranno momenti in cui sarà più difficile e dopo la ricompensa ti potrai sentire un po' fiacco nel tornare al compito precedente. In tali periodi dovrai attingere alle tue riserve interiori per ricordarti di rimanere concentrato sull'obiettivo prefissato. Cerca di sentirti come se fossi sulla scia del successo; quando sei in quello stato (spesso detto "lo stato di flusso"), usalo per passare a un altro obiettivo appena avrai finito di gratificarti.
    • Più a lungo rimandi la ripresa dopo aver portato a termine un elemento dei tuoi obiettivi, più difficile diventerà ripartire. Ricorda le sensazioni dell'essere profondamente coinvolto nel terminare le cose e di quanto è bello realizzarle. E inoltre, prima riparti, più fiducioso ti sentirai e prima ripristinerai questi buoni sentimenti.
    • Prendi in considerazione l'idea di avere una persona a cui dover rendere conto. Se per esempio hai l'obiettivo di andare in palestra ogni giorno, chiedi a un amico di ritenerti responsabile. Mandagli un messaggio quotidianamente, dopo la palestra. Se non vai, fai in modo che sia a lui a mandarti un messaggio per ricordarti del tuo obiettivo.
  7. 7
    Non arrenderti. Ti serve trovare la tua motivazione, anche per andare avanti quando il gioco si fa duro, soprattutto a fronte di problemi imprevisti. Renditi conto le interruzioni possono arrivare in qualsiasi momento, spesso per nessun motivo, e sconvolgeranno i tuoi sforzi. Piuttosto che lasciare che questi contrattempi influiscano negativamente sulla tua motivazione, cerca di vederli per quello che sono e reagisci di conseguenza. Non sei solo e rimanere concentrato sul superare le sfide è uno dei modi migliori per affrontare le difficoltà e tornare in carreggiata.
    • Ricorda a te stesso quanto vuoi raggiungere il tuo obiettivo; cerca aiuto se ti serve; fai un bilancio di quello che hai già raggiunto e infine rifiutati di rinunciare.

Consigli

  • Circondati di persone che ti elevano, che sia attraverso media, tecnologia o altro. L'amore, il sostegno e l'incoraggiamento degli altri possono aumentare la tua forza interiore.
  • Prova a utilizzare la tecnica del 20/10. 20/10 significa usare 20 minuti per portare a termine un compito (pulizia, studio, incombenza) seguiti da una pausa di 10 minuti. 45/15 significa lo stesso, cambia solo il rapporto, 45 a 15. Inizia lentamente, con una proporzione 10/5, se è necessario.
  • Se non lavori o non devi lasciare la casa come prima cosa al mattino, imposta comunque la tua sveglia per alzarti a un'ora decente, diciamo alle sette. Fai una doccia, vestiti e renditi presentabile prima di lasciare la tua stanza. Vestiti sempre come se dovessi uscire da casa; togliti il pigiama prima di lasciare la stanza da letto. Rifai il letto in modo da scoraggiarti dal ritornare a dormire e da evitare di aggiungere del disordine alla tua camera.
  • Fare meditazione può aiutare a ridurre la pigrizia migliorando il tuo livello di vigilanza e la consapevolezza del momento presente se presti attenzione alla respirazione, alla postura e ai cinque sensi, così come ad aumentare la tua capacità di controllare e concentrare i tuoi pensieri, le tue emozioni e il tuo livello di energia positiva.
  • Evita zucchero e soprattutto gli alimenti con "sciroppo di mais ad alto fruttosio" o "sciroppo di mais" tra gli ingredienti, perché possono portare il tuo corpo a metabolizzare gli zuccheri invece dei grassi. Gli zuccheri innaturali (senza fibra) possono fornirti un po' di energia a breve, ma poi gli zuccheri nel sangue caleranno e ti sentirai stanco e affamato. Il cibo cattivo può indurre dei comportamenti pigri.
  • Quando cambi canale per vedere lo spettacolo successivo invece di finire i tuoi progetti o un lavoro di routine, pensa semplicemente: "È mio intento perseguire una gratificazione immediata che non mi porta da nessuna parte o voglio invece evitare semplicemente un'esperienza dolorosa?". Per superare la pigrizia o la tendenza a procrastinare, prova semplicemente a porti questa domanda e poi passa gentilmente oltre.
  • Prendi in considerazione di sbarazzarti del televisore. La sofferenza vale il guadagno: improvvisamente, avrai molto tempo libero per perseguire ogni sorta di cose interessanti… senza contare il fatto di non avere la tentazione di guardarla.

Avvertenze

  • Se i suggerimenti di cui sopra non aumentano il tuo livello di attività o non migliorano il tuo cattivo umore, la sensazione di essere sopraffatto o la tua bassa autostima, allora potrebbe trattarsi di depressione, problema più grave. Cerca immediatamente assistenza medica.
  • Tutti si demotivano a un certo punto della loro vita, di solito a causa di una situazione deprimente (come una morte, una perdita di lavoro, ecc.) e la maggior parte delle persone ne viene fuori entro un ragionevole periodo di tempo. Ma, se non sembra esserci un problema sostanziale e il tuo stato non migliora, cerca consulenza professionale per controllare che non ci sia un serio problema medico che richiede un intervento appropriato.
  • Assicurati di non essere anemico o di non soffrire di una condizione di salute che stia sabotando il tuo piano di miglioramento. "Conosci te stesso". Imposta obiettivi realistici per la tua condizione fisica e poi insisti.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Sviluppo Personale

In altre lingue:

English: Overcome Laziness, Español: vencer la pereza, Deutsch: Aktiver werden, Português: Superar a Preguiça, Français: vaincre la paresse, Русский: справиться с ленью, Nederlands: Luiheid overwinnen, 中文: 克服惰性, Čeština: Jak překonat lenost, 日本語: やる気をだす, Bahasa Indonesia: Melawan Rasa Malas, ไทย: เอาชนะความขี้เกียจ, العربية: علاج الكسل, हिन्दी: पाएँ आलस्य पर विजय, 한국어: 게으름을 극복하는 방법, Tiếng Việt: Khắc phục thói Lười biếng, Türkçe: Tembellikten Nasıl Kurtulunur

Questa pagina è stata letta 140 351 volte.

Hai trovato utile questo articolo?