Il piriforme è un piccolo muscolo piatto e triangolare che si trova in profondità nei glutei. La sindrome che porta il suo nome fa riferimento a un disturbo neuromuscolare che colpisce il nervo sciatico e provoca dolore alle anche e ai glutei; la causa di questa patologia non è ancora del tutto chiara, ma sembra derivare da un'irritazione o lesione.[1] Per combatterla è necessario prendere alcune iniziative per gestire dolore e disagio, seguire i consigli del medico per quanto riguarda i trattamenti e fare tutto il possibile per evitare future irritazioni.

Metodo 1 di 3:
Alleviare Dolore e Disagio

  1. 1
    Tieni i muscoli a riposo. Se hai provato dolore e disagio a causa della sindrome del piriforme, una delle cose migliori da fare è riposare. Questo malessere può essere la conseguenza di un'irritazione o lesione a seguito dell'esercizio o di altre attività faticose.[2]
    • Se svolgi un lavoro fisico o ti alleni ogni giorno, può essere difficile rimanere a riposo, ma è importante non affaticarti per evitare ulteriori danni o irritazioni al muscolo piriforme e concedergli il tempo di guarire.
  2. 2
    Usa la terapia del calore. Si tratta di una maniera efficace per alleviare il disagio causato dalla sindrome, oltre a una tecnica utile per scaldare i muscoli prima di allungarli.[3]
    • Applica uno scaldino sull'area interessata o fai un bagno caldo per trattare una zona del corpo più ampia in una volta sola.
  3. 3
    Esegui degli esercizi di allungamento del muscolo. Si è riscontrato che un po' di stretching del piriforme è efficace per alleviare in parte il dolore e il disagio dovuti alla sindrome; per ottenere i risultati migliori, dovresti procedere tre volte al giorno.[4]
    • Per eseguire gli esercizi, devi restare sdraiato sul pavimento con le ginocchia piegate ed entrambi i piedi appoggiati a terra.
    • Successivamente, solleva la gamba destra verso il petto e con la mano sinistra tirala verso il lato sinistro del corpo.
    • Mantieni l'allungamento per 5-30 secondi, a seconda del tuo grado di abilità.
    • Ripeti poi con l'altra gamba.
  4. 4
    Applica il ghiaccio. Dopo l'allungamento, la terapia del freddo riduce efficacemente il dolore e il gonfiore; per procedere, avvolgi un impacco di ghiaccio o un sacchetto di verdure surgelate in un panno sottile o nella carta da cucina e appoggialo sull'area più dolorante. Lascialo in posizione per circa 20 minuti e poi toglilo; aspetta almeno due ore prima di riapplicarlo.[5]
  5. 5
    Mettiti comodo. Questa sindrome può peggiorare quando ti siedi o assumi determinate posizioni, devi quindi evitare di trovarti in tali situazioni di maggior disagio. Fai quanto è necessario per trovare delle posizioni comode quando ti siedi o rimani in piedi.[6]
    • Prova a usare un cuscino o una sedia da ufficio reclinabile se provi dolore quando sei seduto; se hai difficoltà a trovare una postura confortevole quando sei in posizione eretta, valuta di usare le stampelle o un bastone per aiutarti a sostenere il peso.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Valutare Soluzioni Mediche

  1. 1
    Ottieni una diagnosi. Si tratta dell'aspetto fondamentale da cui partire per trattare qualsiasi disturbo di salute. Non esistono degli esami specifici per confermare o meno tale sindrome, il medico deve quindi farti una visita e porti alcune domande per conoscere i sintomi; può anche decidere di sottoporti a una risonanza magnetica per escludere altre possibili cause del tuo malessere.[7]
  2. 2
    Sottoponiti alla fisioterapia. Il fisioterapista può sviluppare un trattamento per soddisfare le tue specifiche necessità e guidarti attraverso una serie di esercizi che allungano sufficientemente i muscoli e alleviano il dolore.[8] Per ottenere i migliori benefici devi iniziare presto con la fisioterapia.
  3. 3
    Valuta delle terapie alternative. Il massaggio e la terapia dei trigger point aiutano ad alleviare i sintomi; in alcuni casi, i disagi possono in realtà essere causati dai trigger point, o nodi muscolari, che si trovano sul piriforme o sui glutei. La pressione su questi punti innesca un dolore localizzato o riflesso in altre parti del corpo. Rivolgiti a un medico abilitato in questa terapia (può essere un medico generico, un massofisioterapista o un fisioterapista) per capire se i nodi muscolari sono l'origine del tuo problema.[9]
  4. 4
    Parla con il medico in merito ai farmaci. Questi può consigliarti dei medicinali da banco o su prescrizione per gestire il dolore; per esempio, alcuni professionisti della salute propongono dei miorilassanti per lenire il disagio.[10]
    • Chiedigli anche maggiori dettagli in merito all'opportunità di assumere l'ibuprofene o il naprossene per gestire la dolenzia occasionale del muscolo.
  5. 5
    Informati sulle iniezioni. Alcuni trattamenti iniettabili si sono dimostrati utili nel trattamento di questa sindrome; chiedi al medico se possono essere efficaci nel tuo caso specifico. Le due iniezioni principali per gestire la patologia sono quella di anestetico e quella di tossina botulinica.
    • Anestetico: è possibile iniettare nel muscolo una sostanza che allevia il dolore, come la lidocaina e la bupivacaina;[11]
    • Botox: si è riscontrato che è efficace nel ridurre il dolore e il disagio causati dalla sindrome.[12]
  6. 6
    Valuta l'elettroterapia. Si è dimostrata una tecnica efficace per trattare alcuni casi di questa sindrome. Chiedi al medico o al fisioterapista se puoi sottoporti alla TENS (stimolazione elettrica nervosa transcutanea) o all'elettroterapia interferenziale.[13][14]
  7. 7
    Valuta la possibilità di un intervento chirurgico come ultima risorsa. Questa procedura si è dimostrata utile per ridurre il dolore nel lungo periodo nelle persone affette da tale sindrome, ma tieni presente che comporta una serie di potenziali effetti collaterali; dovresti quindi tentare tutte le altre tecniche e cure prima di prenderla in considerazione.[15]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Prevenzione

  1. 1
    Fai riscaldamento prima di allenarti. Prenditi cinque minuti per riscaldare i muscoli in modo da evitare possibili lesioni e ridurre anche il rischio di soffrire di questa sindrome; concedi al corpo un po' di tempo per riscaldarsi prima di iniziare qualsiasi attività fisica troppo impegnativa.[16]
    • Per fare riscaldamento è sufficiente svolgere una versione più leggera dell'esercizio che vuoi eseguire; per esempio, se vuoi correre, fai prima cinque minuti di camminata veloce.
  2. 2
    Resta su una superficie piana quando corri o cammini. Un fondo stradale irregolare può causare più contratture muscolari di quanto possa fare una superficie liscia. Per evitare questo potenziale fattore di rischio, fai esercizio fisico su superfici piatte; per esempio, se vivi in una zona collinare, scegli una pista per correre o camminare.[17]
  3. 3
    Fai stretching al termine dell'allenamento. I muscoli si contraggono durante l'esercizio, è quindi necessario allungarli dopo una sessione di attività fisica per riportarli al loro stato originale. Una volta concluso l'esercizio, prenditi cinque minuti per fare un po' di stretching di tutti i principali gruppi muscolari; allunga collo, braccia, gambe e schiena.[18]
  4. 4
    Assumi una posizione ben eretta quando sei in piedi. Se non è corretta, potresti sviluppare la sindrome del piriforme, soprattutto durante l'attività fisica. Fai particolare attenzione per restare ben dritto quando cammini o corri, ma controlla la postura anche in tutte le altre circostanze.[19]
  5. 5
    Interrompi l'attività fisica se ti causa dolore o disagio. Se esageri, potresti sviluppare questa sindrome, devi pertanto sapere quando è il momento di fermarti; se inizi a provare dolore e/o disagio durante l'allenamento, interrompilo e fai una pausa. Se il dolore continua quando riprendi l'esercizio, non devi più continuare, riposa e aspetta che il malessere sparisca; se non si riduce neppure con il riposo, devi contattare il medico.[20]
    Pubblicità

Consigli

  • Segui tutte le indicazioni del medico per trattare la sindrome del piriforme; non interrompere alcun trattamento o terapia farmacologica senza prima averlo consultato.
  • Se tendi a portare il portafoglio o il cellulare nella tasca posteriore, prova a metterlo in un altro posto; sedendoti su questi oggetti puoi esercitare pressione sul muscolo piriforme e aggravare la situazione.

Pubblicità

Avvertenze

  • La sindrome può provocare continuo dolore e disagio se non viene trattata correttamente; vai subito dal medico se i sintomi non migliorano o se ti sembrano peggiorare.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Curare uno Strappo alla Schiena

Come

Dare Sollievo alle Gambe Dopo uno Sforzo o una Lunga Camminata

Come

Sbarazzarsi dei Crampi alle Dita dei Piedi

Come

Liberarsi dei Crampi alla Coscia

Come

Curare un Crampo

Come

Alleviare il Dolore ai Muscoli della Parte Posteriore della Coscia

Come

Affrontare un Crampo al Piede

Come

Alleviare i Dolori Muscolari

Come

Riconoscere uno Strappo Muscolare al Ginocchio

Come

Eseguire degli Esercizi di Fisioterapia per i Piedi

Come

Sciogliere le Tensioni Muscolari

Come

Sbarazzarsi del Dolore alle Cosce

Come

Curare il Torcicollo

Come

Usare il Nastro Kinesiologico per Alleviare il Dolore al Collo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Jasper Sidhu, DC
Co-redatto da
Chiroterapeuta
Questo articolo è stato co-redatto da Jasper Sidhu, DC. Vantando oltre 20 anni di esperienza, il Dottor Sidhu lavora come Chiroterapeuta a Toronto. Ha conseguito il titolo di chiroterapeuta al Canadian Memorial Chiropractic College nel 1994 e ha poi completato un corso di 3 anni per ottenere una Certificazione in Riabilitazione. Questo articolo è stato visualizzato 55 675 volte
Categorie: Disturbi Muscolari
Questa pagina è stata letta 55 675 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità