Come Scrivere un Saggio Informativo

Scritto in collaborazione con: Megan Morgan, PhD

In questo Articolo:Scegliere l'Argomento e Fare RicercheFare uno SchemaScrivere il Saggio8 Riferimenti

Un saggio informativo fornisce informazioni al lettore su un particolare argomento. Dovrai conoscere bene la materia e fornire informazioni in maniera chiara e metodica. Se in un primo momento ti può sembrare un'impresa insormontabile, ricorda di affrontare la stesura un passo alla volta. Lavorare con metodo può aiutarti a creare un testo brillante e potresti addirittura divertirti a scriverlo!

Parte 1
Scegliere l'Argomento e Fare Ricerche

  1. 1
    Innanzitutto, devi comprendere il compito che ti è stato assegnato. Se devi scrivere un saggio per la scuola, accertati della lunghezza richiesta e di eventuali parametri da seguire. Questo ti aiuterà a stabilire quante informazioni dovrai raccogliere e presentare. Prima di tutto, consulta la traccia relativa al compito da svolgere. Se hai bisogno di ulteriori chiarimenti, chiedi al tuo insegnante.[1]
    • Assicurati di aver capito le indicazioni del tuo insegnante su come citare le fonti. In questo modo, saprai quali informazioni relative alle fonti annotare durante le ricerche. Alcune scuole potrebbero mettere a disposizione dei software per la gestione delle citazioni bibliografiche come EndNote o RefWorks, programmi in grado di raccogliere le fonti e tenerne traccia in modo più semplice.
    • Fai attenzione alle indicazioni sulla formattazione. Nella traccia del saggio spesso vengono fornite delle indicazioni specifiche, ad esempio se il saggio deve essere scritto a mano o al computer, quale carattere e dimensione utilizzare. Quando il carattere non viene specificato, per andare sul sicuro è consigliabile utilizzarne uno standard leggibile, come Times New Roman o Arial, dimensione 12. Evita di i caratteri strani o eccentrici in un testo accademico, a meno che tu non l'abbia concordato precedentemente con l'insegnante.
    • Controlla la data di consegna! Inizia subito in modo da avere molto tempo a disposizione per completare il saggio.
  2. 2
    Scegli un argomento. Se l'argomento non viene assegnato, dovrai sceglierlo tu. È facile bloccarsi su questo punto se hai molte possibilità, quindi prenditi il tempo necessario e attieniti ad alcune regole generali:
    • L'argomento non dovrebbe essere né troppo vasto né troppo limitato. Leggi 'Scrivere un Saggio' per ulteriori indicazioni. Dovrebbero esistere molte informazioni sull'argomento per poterlo trattare, ma non così tante da non riuscire a fornire una trattazione chiara e concisa. Ad esempio, “la storia dei parchi nazionali” potrebbe essere un argomento troppo vasto da esplorare, mentre la “storia del Parco Nazionale del Gran Paradiso” potrebbe essere troppo limitata. Una giusta via di mezzo potrebbe essere “la storia dei primi parchi nazionali istituiti in Italia”.
    • L'argomento dovrebbe essere adeguato e interessante per il lettore. Prima di tutto, pensa a chi potrebbe leggere il tuo saggio. Ovviamente, se scrivi un testo per la scuola, sarà l'insegnante il fruitore principale, tuttavia dovresti sempre individuare una categoria di persone a cui rivolgerti. Cosa vogliono sapere? Quali informazioni non hanno già e che potranno ottenere leggendo il tuo saggio?
    • In linea generale, l'argomento dovrebbe interessare te prima di tutto. In questo modo, il processo di scrittura sarà più semplice e potrai trasmettere il tuo entusiasmo al lettore.
  3. 3
    Svolgi delle ricerche efficaci. Si tratta di un'operazione importante, specialmente quando si scrive un saggio informativo il cui scopo è fornire delle informazioni accurate. Cerca di utilizzare fonti affidabili riconducibili a esperti del settore. Un bibliotecario potrebbe essere fondamentale nell'aiutarti a trovare risorse attendibili come enciclopedie, libri, riviste e siti web pertinenti. Stai attento ai dati disponibili su internet, anche nel caso di siti come Wikipedia dove molte pagine contengono notizie inattendibili.
    • Per ottenere i migliori risultati, cerca di reperire le informazioni online attraverso siti di organizzazioni rispettabili, enti governativi e università. Google Scholar può essere un ottimo strumento da cui iniziare.
  4. 4
    Prendi appunti in fase di ricerca. Usa un foglio di carta bianco o un bloc-notes per annotare fatti interessanti che hai letto. In alternativa, puoi prendere appunti direttamente sul tuo computer. In ogni caso, fai in modo di avere tutte le note riguardanti il tuo saggio in un unico posto.
    • Per il tuo saggio informativo, avrai bisogno di un'introduzione, di almeno tre punti principali e di una conclusione. Inserisci le informazioni rilevanti all'interno delle rispettive sezioni.
  5. 5
    Tieni traccia delle fonti. Dovresti sapere in anticipo quali informazioni ti serviranno per citare le fonti. Solitamente, la bibliografia deve includere: autore/i, titolo, casa editrice, data di pubblicazione e l'indirizzo della pagina web, se pertinente.
  6. 6
    Metti a confronto le idee. Una volta raccolto materiale a sufficienza dalle tue ricerche, mettere a confronto le idee ti aiuterà a organizzare le informazioni in gruppi e a vedere le connessioni fra loro.[2]
    • Fai una mappa concettuale. Scrivi il titolo dell'argomento in un cerchio al centro del foglio, quindi annota le informazioni o le idee principali che lo riguardano in piccoli cerchi intorno a quello centrale. Unisci i cerchi più piccoli al più grande con delle linee. Successivamente, aggiungi intorno a ciascuna idea degli esempi che la confermano, cerchiandoli e unendoli fra loro per mostrare i collegamenti. Ci saranno linee che uniscono le idee o gli esempi fra loro.
    • Fai un elenco. Se preferisci la struttura lineare di un elenco, scrivi l'argomento in alto e sotto di esso tutte le idee. Sotto ciascuna idea aggiungi degli esempi che le confermino. Non ti preoccupare di metterle in ordine per il momento: lo farai successivamente.[3]
    • Scrivi di getto. Scrivere di getto può aiutarti a generare contenuti, anche se normalmente non sarà quello il testo definitivo che utilizzerai nella stesura finale. Stabilisci un arco di tempo, ad esempio 15 minuti, e scrivi di getto tutto quello che ti viene in mente sull'argomento. Non fermarti per correggere errori di ortografia o di grammatica, continua a scrivere anche se non credi di avere qualcosa da dire. La cosa più importante è scrivere fino allo scadere dei 15 minuti.

Parte 2
Fare uno Schema

  1. 1
    Pianifica un'introduzione in grado di attirare l'attenzione del lettore. Dovresti avere qualche idea da presentare nell'esposizione della tua tesi, normalmente composta da due o tre frasi che spiegano l'argomento in generale.
    • In questa fase, non preoccuparti di esporre la tesi nel dettaglio: lo farai successivamente. Se non ti senti pronto a esporre la tesi, prendi qualche appunto nella parte introduttiva dello schema. È fondamentale avere almeno una vaga idea di cosa vorrai scrivere nel saggio.
    • Può sembrare strano sintetizzare il saggio ancora prima di iniziare, ma esporre la tesi all'inizio dello schema ti aiuterà a organizzare le idee e selezionare gli esempi più importanti da presentare.
  2. 2
    Usa un solo esempio per ogni paragrafo nel corpo del tuo saggio. Il corpo del saggio è la parte fra l'introduzione e la conclusione. Estrai gli esempi principali dalle tue ricerche in grado di dimostrare la tesi generale (dal Passaggio n. 1).[4]
    • Il numero degli esempi che utilizzi dipende dalla lunghezza del testo: se devi scrivere un saggio di cinque paragrafi vuol dire che il corpo del saggio sarà di tre paragrafi, quindi avrai bisogno di tre idee principali.
    • Assicurati di scegliere gli esempi più importanti e che siano tutti diversi fra loro.
    • Gli esempi utilizzati per confermare la tua tesi sono detti anche “dati”.
  3. 3
    Inserisci i dati in ogni paragrafo del corpo del testo. Ora che hai identificato l'idea principale di ogni paragrafo, inserisci dati sempre più specifici in grado di aiutare il lettore a capire l'idea principale. Potrebbero essere degli esempi, degli avvenimenti, delle citazioni o delle spiegazioni più approfondite.
    • Assicurati di avere dati sufficienti per ogni paragrafo. Se non hai molto da dire sul concetto principale di quel paragrafo, valuta la possibilità di cambiarlo o combinarlo con quello di un altro paragrafo. In alternativa, puoi fare ulteriori ricerche per trovare altri dati da inserire nel paragrafo.
  4. 4
    Ribadisci la tesi nella conclusione. La conclusione riassume quello che hai già detto apportando qualche dettaglio e qualche sfumatura in più alla tesi originaria. Utilizza la conclusione come se fosse la tua ultima opportunità per spiegare al lettore quello che hai da dire.

Parte 3
Scrivere il Saggio

  1. 1
    Redigi una prima bozza. Usando lo schema come guida, trasforma gli appunti in paragrafi.
    • Non preoccuparti degli errori di ortografia. Ricordati che si tratta solo di una bozza, non della copia finale. Concentrati soltanto sullo scrivere, correggerai gli errori in seguito.
    • Scrivi la bozza a mano o al computer, se preferisci.
  2. 2
    Stabilisci una frase chiave per ogni paragrafo. La frase chiave, solitamente quella iniziale, comunica al lettore l'idea principale del paragrafo. Inoltre, essa può favorire la transizione dall'idea principale espressa nel paragrafo precedente a quella del nuovo paragrafo.[5]
    • Ad esempio, una frase chiave di transizione potrebbe essere: “Anche se i primi parchi nazionali in Italia furono istituiti negli anni Venti, l'idea di turismo sostenibile stenta ad affermarsi ancora oggi”. Questa frase dà un'impronta ben precisa al paragrafo (il concetto di turismo sostenibile) e lo collega a quello precedente (in cui probabilmente si parlava dell'istituzione dei primi parchi nazionali e delle prime aree naturali protette).
    • Ricorda: ogni paragrafo ha bisogno di “unità” (un'unica idea centrale), “un chiaro legame con la tesi”, “coerenza” (logica relazione delle idee all'interno del paragrafo) e “sviluppo” (le idee sono spiegate con chiarezza e confermate dai dati).[6]
  3. 3
    Struttura il saggio in diverse parti. Il saggio avrà bisogno almeno di un'introduzione, un corpo e una conclusione. Ogni paragrafo del corpo deve seguire il seguente schema: affermazione, dati, spiegazione. Utilizza degli esempi e i tuoi ragionamenti per ampliare l'argomento o l'idea principale del paragrafo.
    • Assicurati di avere chiara in mente qual è l'idea di ogni paragrafo. Per non perdere il filo, mentre scrivi fai continuamente riferimento allo schema.
  4. 4
    Correggi la prima stesura. Leggi attentamente la bozza più di una volta e poni a te stesso le seguenti domande:
    • Hai comunicato al lettore tutto quello che riguarda l'argomento del saggio?
    • L'esposizione della tesi è chiara e concentrata in due o tre frasi?
    • I paragrafi sono tutti pertinenti rispetto alla tesi?
    • I paragrafi hanno tutti un'idea principale sostenuta da dati accurati e oggettivi?
    • La conclusione riassume i tuoi pensieri sull'argomento senza aggiungere nuove informazioni o opinioni?
    • Il testo scorre? La transizione fra un paragrafo e l'altro avviene in maniera chiara e logica?
    • Hai utilizzato una prosa chiara e concisa evitando uno stile fiorito?
    • Il lettore ha imparato qualcosa di nuovo nella lettura del tuo saggio? L'argomento è presentato in maniera interessante?
    • Hai citato le fonti secondo le indicazione del tuo insegnante?[7]
  5. 5
    Scrivi la versione finale. Dopo aver messo delle note sulla bozza, trasformala nel testo finito. Se hai lavorato in maniera adeguata sulla bozza, trasformarla nel testo finito non dovrebbe essere troppo difficile.[8]
    • Mentre scrivi il testo finale, presta particolare attenzione alla “coerenza”. Spesso le bozze presentano idee sparpagliate e prive di una progressione chiara e logica. La differenza chiave fra una bozza e il testo finito è che quest'ultimo presenta le informazioni in modo che siano lineari, chiare e di facile lettura, in cui ogni concetto sviluppa quello precedente. Ti sarà di aiuto anche fare attenzione allo schema “affermazione, dati, spiegazione”.
  6. 6
    Finalizza il linguaggio. Una volta organizzati tutti i paragrafi in una progressione logica, puoi spostare l'attenzione sulle scelte linguistiche. Leggi il saggio ad alta voce e sistema i passaggi che suonano strani o ingarbugliati.
    • Fai attenzione anche alle ripetizioni di parole nella stessa frase o a quelle parole che compaiono molte volte nello stesso paragrafo. Se utilizzi la parola “esamina” troppe volte nello stesso paragrafo, la tua scrittura sembrerà pesante e grossolana.
  7. 7
    Correggi il testo finito. Può capitare di fare degli errori, quindi assicurati di rileggere attentamente la versione finale del tuo saggio in cerca di errori ortografici e grammaticali.
    • A volte i nostri occhi non si accorgono degli errori mentre leggiamo ed è particolarmente difficile trovarli quando leggiamo a bassa voce. Leggere ad alta voce ti aiuterà a individuare le sviste che a una prima occhiata non avevi notato.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Megan Morgan, PhD. Megan Morgan lavora come Consulente Accademica per il Programma Laureati presso la School of Public & International Affairs all'Università della Georgia. Ha realizzato un Dottorato di Ricerca in Inglese nell'Università della Georgia nel 2015.

Categorie: Scrittura

In altre lingue:

English: Write an Informative Essay, Русский: написать информативное эссе, Bahasa Indonesia: Menulis Sebuah Esai yang Informatif, Français: écrire un essai informatif, Deutsch: Wie man eine Hausarbeit schreibt, Português: Escrever uma Dissertação Informativa, Español: escribir un ensayo informativo, Nederlands: Een informatief essay schrijven, العربية: كتابة مقال إخباري

Questa pagina è stata letta 1 420 volte.
Hai trovato utile questo articolo?