Come Scrivere un Testo Fantascientifico

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

In questo Articolo:Trovare l'IspirazioneCostruire il tuo MondoSviluppare la StoriaRiferimenti

La fantascienza ha fatto molta strada dai tempi di Jules Verne. È rapidamente diventata più complessa e popolare che mai. Può essere una sfida scrivere un testo di questo genere, ma tenendo a mente alcuni elementi, sarai più che pronto per scrivere una storia eccellente.

Parte 1
Trovare l'Ispirazione

  1. 1
    Inizia aggiornandoti sugli sviluppi scientifici. La fantascienza si basa spesso sui progressi scientifici che hanno già catturato l'immaginazione pubblica. Se stai facendo fatica a trovare una buona storia da raccontare, un ottimo punto di partenza è rivolgersi alle nuove scoperte scientifiche. Basandoti sulla scienza recente, puoi evitare molti vecchi luoghi comuni e scrivere qualcosa d'entusiasmante per il pubblico.
    • Per esempio, puoi seguire “r/Futurology” su Reddit. È un forum online che segue gli sviluppi scientifici recenti. I contenuti dovrebbero darti molte idee su come potrebbe apparire il futuro.
  2. 2
    Leggi buoni esempi di fantascienza. Trarre ispirazione dai classici può anche aiutarti a scrivere la tua opera. Non temere che possa spingerti a essere meno originale: leggere dagli altri può insegnarti moltissimo rispetto a cosa funziona e cosa non funziona in un romanzo. Puoi anche imparare come dovrebbe suonare un libro di fantascienza, permettendoti di scegliere se rispettare l'estetica comune o stravolgerla.
    • Bei libri da leggere includono "Dune", "Gli androidi sognano pecore elettriche?" (da cui è stato adattato il film "Blade Runner"), "Guida galattica per autostoppisti" e "Il meglio di Isaac Asimov".
    • Prova anche altri generi di fantascienza. Si tratta di un genere molto complesso, che include vari sottogeneri. Potresti provare a leggere la fantascienza più spinta, quella più leggera, steampunk, space opera, cyberpunk, e post-apocalittica.
  3. 3
    Osserva l'attualità. La miglior fantascienza c'insegna qualcosa del mondo in cui viviamo. A volte quando gli eventi sono troppo vicini, ci si lega emotivamente e si fatica a vedere le cose in modo razionale. Quando inserisci l'attualità nelle storie d'alieni ambientate su altri pianeti, le idee diventano più semplici da assimilare e comprendere. Trai ispirazione dai fatti d'attualità che reputi più importanti o interessanti e racconta la storia privandola dei pregiudizi che la gente potrebbe avere.
    • Per esempio, il classico "Dune" parla in realtà del conflitto in medioriente nel secondo dopoguerra, raccontato in modo da far capire meglio ai lettori moderni il punto di vista degli abitanti del deserto.
  4. 4
    Cerca un messaggio da comunicare. Puoi anche costruire la tua storia intorno a un messaggio che vuoi recapitare al pubblico. Può essere un ottimo modo per scrivere un libro, perché ti fornisce una strada e un obiettivo. Quando la tua storia va effettivamente in una direzione e ha un significato finale, qualcosa che il lettore può ricavare, è molto più facile che abbia un impatto.
    • Per esempio, potresti volere che i tuoi lettori capiscano quanto il lutto sia un sentimento tossico. Potresti quindi scrivere la storia di un ammiraglio spaziale che mette a rischio la propria carriera per salvare la reputazione della moglie, morta tradendo l'Impero, finendo invece per morire anche lui.

Parte 2
Costruire il tuo Mondo

  1. 1
    Traccia il tuo mondo in modo che ci si possa relazionare. La fantascienza spesso può avere un aspetto completamente diverso rispetto al nostro mondo. Per molte persone, è difficile seguire e comprendere un mondo tanto diverso dal proprio. Se vuoi che la tua storia sia fruibile per molte persone, scrivi qualcosa di ben radicato nel mondo che conosciamo.
    • Per esempio, il tuo protagonista potrebbe appartenere a una razza aliena di persone-albero. Tuttavia, potrebbe comunque essere tormentato dall'impossibilità di trovare l'anima gemella.
  2. 2
    Segui con attenzione la scienza reale. La fantascienza, ovviamente, include molta finzione. Non c'è niente di male. Tuttavia, se la scienza della tua fantascienza sarà troppo lontana dalle conoscenze del pubblico, non sarà credibile[1]. Potrebbe persino essere percepita come pessima scrittura, poiché talvolta la finta scienza dei romanzi viene usata per risolvere problemi narrativi. Non dare ai tuoi lettori un pretesto per trovare difetti nel tuo stile: non scartare completamente la scienza.
    • Il miglior esempio di questo è il morso di un ragno radioattivo. Quando Spiderman fu concepito, si sapeva molto poco sulle radiazioni. Gli scienziati parevano conseguire ogni tipo di risultato e non si sapeva cosa sarebbe potuto succedere in seguito. Tuttavia, ora è risaputo che una massiccia dose di radiazioni ha più possibilità di ucciderti secondo varie velocità. Nessun super potere o rapida evoluzione. Non scrivere di un morso di ragno radioattivo.
  3. 3
    Datti delle regole linguistiche fondamentali. Se stai usando un linguaggio alieno o fittizio nella tua storia, può essere utile stabilire delle regole sui suoni e sul funzionamento di quella lingua. Non significa che tu debba creare una lingua ad hoc come Tolkien con l'Elfico, ma semplicemente che la sospensione della credibilità del lettore è facilitata dalla coerenza del linguaggio nel romanzo.
    • Per esempio, non vuoi avere una frase come "br'ack drack kagash met eerk" e poi "lae kalai O'oro siita ai" nella stessa lingua. Sebbene siano finte, sono chiaramente troppo diverse per appartenere allo stesso linguaggio (una ha molte consonanti, l'altra molte vocali). Può anche rovinare la caratterizzazione del tuo linguaggio. Immagina se Klingon ed Elfico fossero mischiati.
  4. 4
    Costruisci la cultura. Se la tua storia è ambientata su un mondo alieno o persino una Terra molto diversa da questa, potresti voler pensare allo sviluppo di una cultura di quel popolo o pianeta. Quando la tua storia somiglia molto alla contemporaneità, è facile che il lettore dia per scontato che anche la cultura sia simile. Tuttavia, se i tuoi alieni parlano di Lady Gaga, il lettore farà molta fatica a immergersi completamente in quel mondo.
    • Le cose da considerare sono le solite: musica, arte, svaghi e religioni. Potresti anche pensare a storia e politica, e come i cambiamenti in quelle zone potrebbero aver influito su razze, parità fra i sessi e altri fattori sociali di cui è ricca la vita quotidiana.
  5. 5
    Crea le ambientazioni. Uno degli elementi principali della fantascienza è la percezione del lettore, come se lasciasse il proprio mondo verso uno più interessante. Significa che dovrai impegnarti per creare un mondo coinvolgente e con spessore sufficiente da catturare l'attenzione del lettore.
    • Pensa a cose come geologia, ecologia, climi, città, zone rurali e ovviamente anche luoghi non-terrestri, navi e stazioni. Qualsiasi cosa aiuti a migliorare la storia. Pensa a ciò che fa funzionare quei luoghi e ai tipi di problemi riscontrabili in ambienti simili.
    • Per esempio, "Dune" di Fran Herbert riesce perfettamente ad attirare i lettori con l'immagine di un pianeta deserto. Le distese di sabbia, le montagne rocciose, i vermi giganti e gli oceani sotterranei creano una sensazione magica che rende la trama ancora più coinvolgente.
    • La coerenza con l'ambientazione della tua storia renderà inoltre la trama più coinvolgente e credibile. Non metteresti mai il Paese delle Meraviglie di Alice di fianco alla giungla di Apocalypse Now, e se lo facessi dovresti fare in modo che sia perfettamente in linea con la trama.

Parte 3
Sviluppare la Storia

  1. 1
    Scegli il tuo conflitto. Il conflitto è uno dei motori più importanti di una storia e ci sono vari tipi di conflitto tra cui scegliere, a seconda del genere di storia che vuoi raccontare. Il tipo di conflitto indica molto al lettore rispetto a ciò che reputi importante nel tuo testo e a quali messaggi vuoi che siano recepiti.
    • Un esempio della tipologia di conflitto è "Uomo vs. Natura". Questo genere di storia, che potrebbe riguardare una donna abbandonata su un pianeta alieno, tratta solitamente i nostri sforzi contro tutte le classiche sfide della vita.
  2. 2
    Affina il suono della tua narrazione. Scrivere un libro non significa semplicemente scrivere frasi tecnicamente corrette e raccontare una storia.
    • Scegliere un punto di vista (pdv) narrativo. Il pdv narrativo è il personaggio che racconta la storia. Puoi scegliere tra prima, seconda e terza persona. Determinerà una differenza sostanziale nella fruizione della tua storia. Inoltre, giocherà un ruolo dominante in ciò che condividi e tieni nascosto ai tuoi lettori. Per esempio, un narratore in prima persona non conoscerà i pensieri di un altro personaggio. Puoi usare questa tecnica per nascondere informazioni al lettore, in modo da rivelare solo il necessario.
    • Scegli un tempo narrativo. La tua storia può essere ambientata nel passato, nel presente o nel futuro. Possono anche convivere nello stesso libro, con qualche capitolo in un tempo e altri in un altro (l'esagerazione, tuttavia, non è consigliabile). Ogni scelta determina dei pro e dei contro.
    • Scegli una voce narrativa. È il modo in cui la storia è raccontata. È raccontata secondo il pensiero del narratore? È epistolare (e-mail, più che lettere)? Il narratore è affidabile o inaffidabile?
  3. 3
    Attieniti a uno stile. Uno stile narrativo riguarda le parole che scegli per raccontare la tua storia. Ora, molti già lo fanno, ma è il caso di controllare che lo stile sia coerente in tutto il libro. Accade soprattutto quando scrivi in un lasso di tempo esteso, poiché passi attraverso varie emozioni e diverse esperienze. A prescindere da come racconti la storia, lo stile dovrebbe essere costante, o al massimo subire leggere modifiche che adatte al contesto.
    • Leggi la tua storia e confronta le varie sezioni. È raccontata in modo divertente, come la "Guida galattica per autostoppisti"? O seriamente, come in "Dune"? I personaggi parlano in stile shakespeariano o come adolescenti in un film degli anni '80?
  4. 4
    Scegli una struttura. La struttura di una storia determina come viene raccontata, da una visuale più ampia. Il modo più semplice per vederla è immaginarla come gli atti di uno spettacolo, poiché molti romanzieri ancora usano questo formato nelle proprie storie. Avrai la prima sezione (introduzione), la seconda (sviluppo) e la terza (conclusione). Ora, le opzioni sono molte più di questa struttura in particolare, ovviamente, ma questa è la più diffusa.
    • Quella descritta è chiamata "struttura in 3 atti". Ne esistono anche in 2 o 4 atti, cicliche (monomito o "viaggio dell'eroe"), o non-lineari.
    • Perciò poniamo ad esempio che tu voglia provare la struttura in 4 atti. Sarà molto simile a quella in 3, ma tra l'introduzione e la conclusione avrai un atto per stabilire gli interessi in questione e un altro per sviluppare il conflitto.
  5. 5
    Mantieni un buon ritmo. Il ritmo rappresenta la velocità con la quale avvengono gli eventi importanti della storia. Il ritmo è essenziale per qualsiasi opera di finzione, e lo ancor di più per la fantascienza (solitamente più lunga degli altri generi, con in media 100000 parole[2]). Se il ritmo è lento, il lettore può far fatica a concentrarsi: lentezza o intensità eccessive possono impedire l'immedesimazione del lettore ai personaggi.
    • Se hai difficoltà col ritmo, prepara una scaletta. Scomponi la tua storia in 3 atti, poi scomponi ogni atto in 3 archi. Ogni arco è poi scomposto in 3 azioni o eventi significativi. Per esempio, in "Star Wars" un arco potrebbe essere "I druidi vengono catturati dal Jawa, Luke trova il messaggio di Leia, Luke incontra Obi Wan" o "Luke s'introduce nella Morte Nera, Luke salva Leia, Obi Wan muore".
  6. 6
    Usare il "Viaggio dell'Eroe". Un ultimo strumento di cui puoi servirti è il Viaggio dell'Eroe (chiamato talvolta Monomito). È la teoria, concepita dal noto mitologo Joseph Campbell, per cui tutte le storie siano sostanzialmente la stessa storia. Molte ottime storie non rientrano in un formato di base, e puoi usare questa teoria come scheletro da cui partire quando la tua trama sembra in difficoltà.
    • Le basi del monomito dovrebbero esserti familiari. L'eroe vive una vita normale, quando improvvisamente qualcosa cambia ed è costretto ad avventurarsi verso l'ignoto. L'eroe incontra una serie di personaggi, deve superare delle prove, ma alla fine apprende qualcosa che può usare per vincere una grande sfida. Una volta completato il viaggio, può tornare alla propria vita quotidiana con un rinnovato bagaglio d'esperienza.

Consigli

  • Puoi unire idee diverse, attorno alle quali costruirai il tuo libro; non sei costretto a usarne una sola.
  • Non aver paura di scrivere fatti poco plausibili. La scienza è la base, ma lo è anche la finzione, perciò puoi distaccarti un po' dai fatti. La sfida più grande riguarda la credibilità dei personaggi.
  • Non sentirti in dovere di utilizzare le leggi fisiche che tutti conosciamo. Moltissima fantascienza ha avuto successo entro mondi inventati.
  • Il tuo pubblico tenderà ad accettare una grossa violazione della scienza reale. Sceglila con cura, e usala per spiegare tutti gli altri eventi fantastici e le tecnologie del tuo libro. Potresti persino cavartela modificando leggermente le leggi fisiche; la chiave sta nello stabilire una differenza sostanziale, ma in modo che la tecnologia attuale non sia visibile.
  • Leggi molta fantascienza prima di iniziare. Alcuni modelli da seguire per i principianti sono Madeline L'Engle, Michael Crichton, Garth Nix, Robin Cook, Philip Pullman, Margaret Peterson Haddix e James Patterson (nota: alcuni di questi autori scrivono anche libri in altri generi). Per lettori più esperti, si consigliano Frank Herbert, Eoin Colfer, Isaac Asimov, Arthur C. Clarke, Orson Scott Card, Steven Baxter, Ray Bradbury, Robert A. Heinlein.
  • Nel descrivere il tuo mondo, accertati che i mondi siano descritti chiaramente e cerca di fare in modo che il lettore possa facilmente visualizzarli nella sua testa.
  • Non aver paura di scrivere una parodia del genere. Uno dei migliori libri di fantascienza mai scritti, "Guida galattica per autostoppisti", è in realtà una parodia.
  • Studia ciò che scrivi. Esempi:
    • Non lasciare mai che un terrestre tolga la tuta spaziale nello spazio aperto, ma anche sui pianeti o satelliti naturali con atmosfere sconosciute (a meno che non sia Superman – che non è un terrestre, infatti). Un terrestre dovrebbe togliere la tuta solo sulla Terra e altri corpi celesti con atmosfere simili.
    • Solo le stelle brillano di luce propria. Pianeti, asteroidi e satelliti naturali brillano solo di luce riflessa.

Avvertenze

  • Se il tuo protagonista (o persino un personaggio secondario) è uno scienziato, accertati che non sia la risorsa di ogni informazione scientifica. La scienza copre numerose discipline. Significa che un biologo potrebbe non sapere nulla di robot, e viceversa. Stabilisci la sua specializzazione e limita la sua conoscenza a quel campo. Potrebbe sapere qualcosa degli altri ambiti, ma non dovresti avere un fisico quantistico che dà consigli su piante aliene velenose. Se devi rendere il tuo scienziato "onnisciente", assicurati almeno che non sia esperto in nessun campo.
  • Molti autori di fantascienza pensano che il protagonista debba essere un genio scientifico. Non è vero. Anche le persone normali vanno benissimo.
  • Uno scienziato non è necessariamente un ingegnere. Uno scienziato può formulare teoremi. L'ingegnere stabilisce se qualcosa può essere costruita. Non far costruire un'apparecchiatura a un fisico basandosi sulla teoria delle particelle appena formulata. L'ingegneria elettrica avanzata tende a non far parte delle conoscenze comuni di un fisico.
  • Quando ti blocchi, non arrenderti. Lascia passare del tempo. Se ti arrendi, finirai per pentirtene.
  • Fatti ispirare da altri autori, ma non rubare le loro idee. Potrebbe non essere tecnicamente plagio, ma un'idea diventa scontata dopo un po'. Evita.
  • La scienza reale non è affatto teatrale. Riguarda molte scartoffie, ricerche, pratiche e burocrazia. E molti scienziati tornano a casa la sera e hanno vite normali, famiglie, hobby, amori, amici, bollette e mutui da pagare, e tutto quello che dobbiamo affrontare tutti. Non tutti gli scienziati sono affascinanti avventurieri come Reed Richards o Bernard Quatermass. Inoltre, evita l'antica immagine dello scienziato pazzo ossessivo e inquietante, o del secchione. Gli scienziati si appassionano ai relativi campi.
  • Non discostarti troppo dalla scienza. C'è un limite a ciò che puoi portare la gente a credere.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Scrittura

In altre lingue:

English: Write Science Fiction, Français: écrire de la science fiction, Español: escribir una novela de ciencia ficción, Deutsch: Science Fiction schreiben, Português: Escrever Ficção Científica, Русский: писать научную фантастику, Bahasa Indonesia: Menulis Cerita Fiksi Ilmiah, Nederlands: SF verhalen schrijven

Questa pagina è stata letta 14 252 volte.
Hai trovato utile questo articolo?