Scarica PDF Scarica PDF

Scrivere un'autovalutazione può essere stressante e talvolta può perfino fare paura, ma può essere fondamentale per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di carriera e contribuire alla tua organizzazione. Che tu debba farlo o che sia una tua scelta come parte di un piano di crescita personale, ne varrà la pena. Per scrivere un'autovalutazione efficace devi riflettere sui tuoi risultati, sostenere le tue affermazioni con prove concrete e stabilire nuovi obiettivi professionali.

Parte 1 di 3:
Riflettere sui propri Risultati

  1. 1
    Prenditi del tempo. La creazione di un'autovalutazione completa e utile richiede tempo, quindi assicurati di programmare abbastanza tempo per completare il processo. Se lo fai di fretta, probabilmente ti perderai importanti risultati o opportunità di crescita, cosa che renderà il tuo prodotto finito meno efficace perché non riflette veramente i progressi della tua carriera.[1]
    • Può essere utile creare uno schema con un po' di anticipo.
  2. 2
    Rivedi i tuoi obiettivi. La tua autovalutazione deve riflettere il fatto che stai raggiungendo gli obiettivi che ti eri prefissato e quelli dell'azienda in generale. Ancora più importante, per dimostrare alla tua organizzazione che sei un dipendente importante, devi dimostrare che ti stai dando da fare per raggiungere gli obiettivi organizzativi.[2]
    • Completare un'autovalutazione ti mostrerà se sei sulla buona strada per soddisfare le tue aspettative di carriera, perché puoi vedere se tutto il duro lavoro che stai facendo si ricollega ai tuoi obiettivi iniziali.
    • Tieni presente che è più facile attenersi a obiettivi a breve termine che si collegano chiaramente al quadro più ampio di ciò che alla fine vuoi nella vita e di che persona vuoi diventare.[3]
  3. 3
    Elenca i tuoi risultati. In base ai tuoi obiettivi, crea un inventario di tutto il lavoro che hai svolto nell'ultimo anno. Includi cose come progetti che hai portato a termine, comitati in cui hai prestato servizio e revisioni che hai redatto. Questo elenco includerà tutto: dai rapporti del cliente che hai fascicolato alla riunione che hai presieduto.[4]
    • Valuta i tuoi materiali di lavoro, come e-mail e rapporti, per avere esempi del tuo lavoro e supporto per i tuoi risultati.[5] Questi materiali possono aiutarti a rinfrescarti la memoria e potresti persino ricavarci qualche citazione interessante.
    • Mentre descrivi i tuoi risultati, pensa a come si adattano ai tuoi obiettivi e usali per aiutarti con la presentazione. Ad esempio, se il tuo obiettivo è aumentare le vendite e hai chiamato potenziali clienti, potresti dire di aver "avviato le vendite" o "aumentato le possibilità di punti vendita" anziché "fatto delle telefonate".
  4. 4
    Mantieni l'attenzione su di te. Poiché si tratta di un'autovalutazione, includi solo i tuoi risultati, non quelli dell'intero team. Dimostra come hai contribuito a qualsiasi incarico di gruppo, comprese le tue qualità come parte di una squadra.
  5. 5
    Spiega le tue difficoltà. Ogni lavoratore ha punti deboli; identificarli onestamente è l'unico modo per superarli. Devi riflettere sulle tue difficoltà per fissare nuovi obiettivi e scegliere opportunità di crescita efficaci.[7]
    • Pensa alle volte in cui sei rimasto indietro nel tuo lavoro, hai avuto bisogno di assistenza o non eri sicuro di aver completato correttamente un compito.
    • Fornisci esempi. Proprio come per i tuoi successi, includi esempi concreti per supportare il tuo bisogno di opportunità di crescita professionale.[8]
    • Se fai fatica a identificare i tuoi punti deboli, parla con un collega di cui ti fidi, un mentore o il tuo supervisore prima della valutazione. Questo ti darà il tempo di lavorarci sopra e dimostrare i tuoi progressi all'interno della valutazione.
  6. 6
    Spiega le cose che hai deciso di fare per crescere. Annota le tue attività di sviluppo professionale dell'anno precedente, collegandole ai tuoi obiettivi e ai tuoi punti deboli. Mostra come sei riuscito a superare le difficoltà e quanto hai lavorato duramente per diventare il tipo di dipendente di cui la tua organizzazione ha bisogno.
    • Includi le attività di crescita professionale che hai completato nel tuo tempo libero e quelle che hai svolto come parte del tuo lavoro.
  7. 7
    Raccogli i tuoi feedback. I feedback che hai ricevuto nell'ultimo anno saranno determinanti per supportare i tuoi risultati e aiutarti a identificare le aree di crescita. Ricorda di includere i feedback del tuo supervisore, di colleghi e clienti, se disponibili.
  8. 8
    Differenziati. Mostra alla tua organizzazione le qualità uniche che ti caratterizzano. Ad esempio, hai un background formativo originale o sei bilingue? Includi questi tratti nella tua autovalutazione per mostrare come stai contribuendo alla cultura aziendale.[9]
    • Che cosa ti rende un dipendente diverso dagli altri? Chiediti quali caratteristiche apporti al luogo di lavoro che vanno oltre la descrizione del lavoro stesso. Poiché questa valutazione è incentrata sulla tua performance, includi dettagli che dimostrino come contribuisci come individuo.
    • Se lo ritieni pertinente, segnala come i tuoi sforzi abbiano aiutato il tuo team a raggiungere o superare gli obiettivi aziendali.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Sostenere le proprie Affermazioni con Prove Concrete

  1. 1
    Supporta i tuoi risultati. Analizza la lista dei tuoi risultati e crea un elenco del lavoro che hai svolto come parte di tale risultato. Una volta che hai una panoramica dei lavori che hai completato, scrivi una breve spiegazione usando verbi di azione.[10]
    • I verbi d'azione mostrano ciò che hai fatto in termini concreti. Ad esempio, afferma di aver valutato i risultati di una ricerca, di aver formato un nuovo assunto o di aver avviato un nuovo progetto.
    • Sii sincero. Anche se vuoi esprimere i tuoi risultati in un modo che ti faccia apparire sotto una buona luce, assicurati di essere preciso. Ad esempio, non segnalare il tuo lavoro indipendente come esperienza manageriale solo perché sei riuscito a gestirlo da solo.
  2. 2
    Quantifica i tuoi risultati. Supporta i tuoi risultati con esempi quantificabili, come statistiche, percentuali o somme.[11] Per esempio, puoi dire: "Ho aumentato il mio portfolio clienti del 20%" o "Ho ridotto le segnalazioni di malfunzionamenti del 15%". Puoi anche utilizzare calcoli diretti, come "Ho completato 5 sondaggi" o "Ho seguito una media di 4 clienti al giorno".
  3. 3
    Fornisci dati qualitativi. Prepara un elenco di esempi qualitativi per supportare i tuoi risultati, specialmente nelle aree in cui non sei in grado di fornire numeri.[12] Gli esempi qualitativi mostrano che hai intrapreso azioni che non è possibile mostrare come dati numerici. Ad esempio, puoi dire: "Ho migliorato l'assistenza clienti creando una nuova app".
    • Gli esempi qualitativi sono di grande aiuto quando un'azione è significativa, indipendentemente dal suo successo. Ad esempio, se sei responsabile di un programma per prevenire il consumo di alcolici da parte degli adolescenti, qualsiasi azione che intraprendi è utile, anche se impedisci a un unico adolescente di bere.
  4. 4
    Unisci i tuoi feedback. Collega i tuoi feedback positivi ai risultati ottenuti per dimostrare che altri hanno notato i tuoi successi sul posto di lavoro. Includi solo feedback che supportano un risultato in modo chiaro, in modo che la tua autovalutazione risulti accurata e utile.[13]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Stabilire nuovi Obiettivi Professionali

  1. 1
    Rivedi i tuoi risultati. Rileggi la tua autovalutazione, prestando particolare attenzione a quanto a fondo hai raggiunto i tuoi obiettivi personali dell'anno precedente e quelli dell'azienda. Identifica le lacune in cui è necessario un ulteriore progresso, quindi studia le difficoltà che hai identificato, che ti mostreranno le aree in cui devi migliorare.[14]
  2. 2
    Stabilisci i tuoi nuovi obiettivi iniziali. Sulla base delle lacune e delle difficoltà identificate, sviluppa nuovi obiettivi professionali per il prossimo anno. Punta a due nuovi obiettivi e ricorda che continuerai a lavorare anche per quelli della tua azienda.[15]
    • Quando stabilisci i tuoi obiettivi, ricorda che dovrai dimostrare concretamente il loro raggiungimento e che dovrai essere in grado di prendere iniziative di crescita personale. Scrivi i tuoi obiettivi in un modo che ti consenta di soddisfare tali necessità.
    • Evita di stabilire obiettivi troppo elevati, che saranno difficili da raggiungere. Scegli obiettivi che sarai in grado di raggiungere prima della prossima revisione o valutazione.
  3. 3
    Discuti la tua autovalutazione. Fissa un incontro con il tuo supervisore per esaminare i tuoi risultati. Preparati a spiegare le informazioni che hai incluso. Mostra i tuoi nuovi obiettivi iniziali e spiega perché hai scelto di concentrarti su queste cose per il prossimo anno.[16]
  4. 4
    Chiedi un feedback. Dopo che il tuo supervisore ha esaminato i risultati della tua autovalutazione, chiedi la sua opinione sulle aree in cui puoi migliorare e su quelle in cui hai dimostrato di avere successo. Chiedigli cosa pensa dei tuoi nuovi obiettivi iniziali e di aiutarti a rimodellarli.[17]
  5. 5
    Suggerisci iniziative di crescita professionale. Discuti le tue precedenti difficoltà con il tuo supervisore e offrigli le tue idee per la crescita professionale del prossimo anno. Ascolta i suoi suggerimenti e sii aperto a seguire le sue idee. Mostragli che stai affrontando le tue debolezze all'inseguimento del successo.
  6. 6
    Definisci i tuoi nuovi obiettivi. Sulla base del feedback che hai ricevuto dal tuo supervisore, chiarisci i tuoi nuovi obiettivi e aggiorna la tua autovalutazione per riflettere i cambiamenti.[18]
    • Assicurati di conservare una copia della valutazione, in modo da poterla consultare se ne hai necessità.
    Pubblicità

Consigli

  • Pianifica la tua prossima valutazione con il tuo capo impostando obiettivi specifici e stabilendo come verrai valutato su tali obiettivi. Concorda in anticipo come sarai giudicato in base ai risultati; in questo modo tu e i tuoi superiori sarete sulla stessa lunghezza d'onda per quanto riguarda gli obiettivi.
  • Aggiorna il tuo curriculum dopo aver completato l'autovalutazione.
  • Organizza riunioni trimestrali con il tuo supervisore per discutere i miglioramenti e la definizione degli obiettivi, cosa che potrai utilizzare nella tua prossima autovalutazione.
  • Sii sincero riguardo ai tuoi risultati, punti di forza e debolezze.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Michael Stern
Co-redatto da:
Life Coach
Questo articolo è stato co-redatto da Michael Stern. Michael Stern è un life coach e titolare di Integral Alignment, un’attività di coaching e formazione focalizzata su un approccio olistico finalizzato a ottimizzare la propria salute, il lavoro, l'amore, il gioco e la spiritualità. Michael ha iniziato la sua formazione professionale nel 2011 come Integral Spiritual Mentor attraverso One Spirit Learning Alliance. Ha ricevuto sia la certificazione di istruttore di hatha yoga sia di Emotional Intelligence Coach grazie al centro GolemanEI. Si è laureato in Spagnolo alla Vanderbilt University e vive a Portland, nel Maine. Questo articolo è stato visualizzato 47 181 volte
Categorie: Il Mondo del Lavoro
Questa pagina è stata letta 47 181 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità