Come Scrivere una Valutazione del Rischio

Come parte della gestione della salute e della sicurezza della tua attività commerciale, devi controllare i rischi nell'ambiente di lavoro. È tua responsabilità pensare a cosa può arrecare danno ai tuoi dipendenti e decidere quali misure preventive adottare. Questa procedura è nota come valutazione del rischio e quasi tutte le attività devono completarla per legge. Una relazione di questo tipo non richiede grandi quantità di scartoffie. Al contrario, ti aiuta a considerare tutti i possibili pericoli nel tuo ambiente di lavoro e i modi in cui mantenere le persone al sicuro. Per creare una valutazione del rischio completa, devi seguire una serie di passaggi, poi scrivere la relazione.

Parte 1 di 4:
Individuare i Pericoli

  1. 1
    Impara le definizioni di "pericolo" e di "rischio" nell'ambiente di lavoro. È importante conoscere la distinzione tra questi due termini e utilizzarli correttamente nella tua valutazione.
    • Un pericolo è qualsiasi cosa possa arrecare danno. Ad esempio: sostanze chimiche, elettricità, un cassetto aperto o lavorare ad altezze considerevoli, ad esempio su una scala.[1]
    • Un rischio è la probabilità che questi pericoli provochino danni alle persone. Ad esempio: un'ustione chimica o una folgorazione, una caduta o un infortunio dovuto allo scontro con un cassetto aperto.
  2. 2
    Passeggia nell'ambiente di lavoro. Pensa ai pericoli che noti mentre cammini. Chiediti quali attività, processi o sostanze possono infortunare i tuoi dipendenti o nuocere alla loro salute?[2]
    • Osserva tutti gli oggetti, le forniture d'ufficio e i pezzi dei macchinari che possono rappresentare pericoli. Esamina tutte le sostanze nell'ambiente di lavoro, dagli agenti chimici al caffè bollente. Pensa a come queste sostanze possono ferire i dipendenti.[3]
    • Se lavori in ufficio, cerca cavi lunghi nei corridoi o sotto le scrivanie, oltre a cassetti, armadietti e banconi rotti. Esamina le sedie delle stazioni di lavoro dei dipendenti, le finestre e le porte. Cerca tutti i pericoli nelle zone comuni, come un microonde difettoso o una sezione scoperta della macchina del caffè.
    • Se lavori in un centro commerciale o in un magazzino, cerca i macchinari pericolosi. Nota tutti gli oggetti, come gli appendiabiti o le clip di sicurezza che possono cadere o colpire un dipendente. Cerca tutti i pericoli nei corridoi nel negozio, come scaffali troppo stretti o sezioni rotte del pavimento.
  3. 3
    Chiedi ai dipendenti se hanno notato potenziali pericoli. I tuoi dipendenti possono aiutarti a identificare i pericoli che hanno rilevato nello svolgimento delle loro mansioni. Invia un'e-mail o discuti con loro di persona, chiedendo il loro parere sui potenziali pericoli nell'ambiente di lavoro.[4]
    • Poni una domanda specifica sui pericoli che secondo i dipendenti possono provocare in danni gravi, come scivolate e inciampi, pericoli di incendio e cadute.
  4. 4
    Controlla le istruzioni del produttore e le schede tecniche delle sostanze e delle attrezzature. Questi materiali informativi ti aiutano a spiegare i pericoli e a valutarli in base all'utilizzo corretto o scorretto delle attrezzature.[5]
    • Di solito troverai le istruzioni del produttore sulle etichette di tutte le attrezzature e le sostanze. Puoi anche controllare il manuale d'uso per trovare maggiori informazioni sui possibili pericoli associati all'utilizzo di una sostanza o un macchinario.
  5. 5
    Consulta i rapporti sugli incidenti e le malattie che hanno colpito i dipendenti. Questi documenti ti aiutano a identificare i pericoli meno evidenti e tutti quelli che si sono verificati in passato nell'ambiente di lavoro.[6]
    • Se sei un manager, probabilmente puoi accedere a questi rapporti su internet o nell'archivio della società.
  6. 6
    Pensa ai possibili pericoli a lungo termine. I pericoli di questo tipo sono quelli che hanno un impatto sui lavoratori che vi sono esposti per lungo tempo.
    • Alcuni esempi sono esposizione a rumori forti o a sostanze pericolose per lungo tempo. Rientrano in questa categoria anche i rischi per la sicurezza dovuti all'uso ripetuto di un'attrezzatura, da una leva in una fabbrica a una tastiera in ufficio.[7]
  7. 7
    Consulta un sito web governativo sulle linee guida per la salute e la sicurezza. In base allo stato in cui vivi, puoi accedere a linee guida pratiche sui pericoli sul posto di lavoro sui siti del governo. Queste pagine web contengono un elenco di pericoli e possibili metodi per controllarli, incluse attività comuni come lavorare a grandi altezze, con agenti chimici e con macchinari.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Determinare Chi Può Essere Ferito

  1. 1
    Identifica i gruppi di persone a rischio. Stai creando una panoramica di tutti gli individui potenzialmente a rischio, quindi evita di elencare i dipendenti per nome. Al contrario, crea una lista di gruppi di persone che frequentano un ambiente.
    • Ad esempio, "le persone che lavorano in magazzino" o "i passanti per la strada".
  2. 2
    Determina le cause dei danni a ciascun gruppo. In seguito dovrai identificare che tipo di infortuni o malattie possono colpire i gruppi.
    • Ad esempio: "chi si occupa di riempire gli scaffali del magazzino può subire infortuni alla schiena dovuti al ripetuto sollevamento di carichi pesanti". Oppure: "chi utilizza i macchinari può soffrire dolori articolari dovuti all'uso ripetuto di una leva".
    • Puoi anche considerare infortuni più specifici, come "I lavoratori potrebbero restare bruciati dalla macchina da stampa" oppure "il personale che si occupa delle pulizie può inciampare sui cavi sotto le scrivanie".
    • Ricorda che alcuni lavoratori possono avere requisiti particolari, come quelli appena assunti e giovani, le neomamme e le donne in gravidanza, oltre alle persone con disabilità.
    • Devi anche considerare chi si occupa delle pulizie, i visitatori, i tecnici e il personale di manutenzione che non sono sempre presenti nell'ambiente di lavoro. È importante identificare anche i pericoli potenziali per il pubblico generale o i "passanti".
  3. 3
    Chiedi ai dipendenti chi è a rischio. Se l'ambiente di lavoro viene diviso da molti dipendenti o persino centinaia, è importante consultarli e chiedere chi secondo loro è esposto a dei rischi. Pensa a che impatto ha il tuo lavoro sulle altre persone presenti e a come il loro lavoro influisce sul tuo staff.
    • Chiedi al tuo staff se hai trascurato un gruppo specifico quando hai identificato chi è esposto a certi pericoli. Ad esempio, potresti non aver pensato che il personale che si occupa delle pulizie deve sollevare delle scatole per pulire le scrivanie dei dipendenti oppure potresti non essere a conoscenza che un certo macchinario è un pericolo acustico per i passanti in strada.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Valutare i Rischi

  1. 1
    Determina la probabilità che il pericolo si presenti nell'ambiente di lavoro. Il rischio fa parte della vita di tutti i giorni e anche se sei tu il capo o il responsabile, non ci si aspetta che tu sia in grado di eliminare completamente tutti i rischi. Tuttavia, devi assicurarti di conoscere i rischi principali e di saperli gestire. Di conseguenza, devi prendere tutte le misure "ragionevolmente praticabili" per proteggere le persone dai pericoli. Questo significa bilanciare il livello di rischio e le misure necessarie per controllarlo, in termini di denaro, tempo o impegno.[8]
    • Ricorda che non devi prendere misure considerate sproporzionate al livello di rischio. Non esagerare con la tua valutazione. Dovresti solo includere gli elementi che ragionevolmente devi conoscere, in base al buon senso. Non ti viene chiesto di anticipare rischi imprevedibili.
    • Ad esempio, il rischio di fuoriuscita di agenti chimici deve essere preso sul serio e considerato un pericolo grave. Tuttavia, le correzioni per i rischi più piccoli, come una spillatrice che ferisce un dipendente o il coperchio di un vasetto che colpisce qualcuno, non sono considerati "ragionevolmente praticabili". Fai il possibile per identificare i pericoli grandi e piccoli, ma non cercare di considerare tutti i pericoli possibili nell'ambiente di lavoro.
  2. 2
    Elenca le misure di controllo che puoi applicare per ciascun pericolo. Ad esempio, potresti fornire a chi si occupa degli scaffali del magazzino attrezzature di sicurezza in grado di proteggere la schiena. Tuttavia, devi chiederti: posso eliminare del tutto il pericolo? C'è un modo per ridisporre il magazzino in modo che il personale non debba sollevare le scatole da terra? Se non è possibile, chiediti: come posso controllare il rischio, in modo che i danni siano improbabili? Le soluzioni pratiche includono:[9]
    • Trovare un'alternativa meno rischiosa. Ad esempio disporre le scatole su piattaforme sopraelevate o su ripiani, in modo che il personale debba sollevarle per una distanza inferiore.
    • Prevenire l'accesso ai pericoli o organizzare l'ambiente di lavoro in modo da ridurre l'esposizione agli stessi. Ad esempio, ridisporre il magazzino in modo che le scatole siano posizionate a un livello che non richiede al personale di sollevarle.
    • Fornire attrezzature protettive ai dipendenti o istruirli sulle pratiche di sicurezza. Ad esempio occhiali protettivi, fasce per la schiena e informazioni su come completare una mansione senza correre rischi. Potresti addestrare i dipendenti del magazzino a sollevare correttamente una scatola da terra, piegando le ginocchia, senza incurvare la schiena.
    • Fornendo strutture per il benessere dei dipendenti, come infermerie e docce. Ad esempio, se i tuoi dipendenti lavorano con agenti chimici, dovresti fornire loro spazi per lavarsi e infermerie vicini alle loro postazioni.
  3. 3
    Cerca soluzioni efficaci e a basso costo. Migliorare la salute e la sicurezza dei dipendenti non significa necessariamente spendere molti soldi della società. Delle piccole modifiche, come piazzare uno specchio dietro un angolo cieco per prevenire gli incidenti con i mezzi, oppure organizzare un breve corso di addestramento su come sollevare gli oggetti correttamente sono tutte precauzioni a basso costo.[10]
    • In realtà, non prendere semplici precauzioni può costarti molto di più in caso di incidente. La sicurezza dei tuoi dipendenti dovrebbe essere più importante dei profitti. Quindi, se possibile, applica le soluzioni più costose quando sono l'unica opzione. Spendere denaro per la prevenzione è meglio di doversi prendere cura di un lavoratore infortunato.
  4. 4
    Leggi le valutazioni modello sviluppate dalle associazioni degli imprenditori e dai sindacati. Molti di questi enti propongono valutazioni del rischio per attività particolari, come lavorare a grandi altezze o con agenti chimici. Cerca su internet siti dedicati alla sicurezza sul lavoro[11] e che si concentrano su settori specifici, come l'industria mineraria[12] o l'amministrazione.
    • Cerca di applicare queste valutazioni al tuo ambiente di lavoro e adattale se necessario. Ad esempio, una valutazione modello può contenere suggerimenti su come prevenire le cadute dalle scale, oppure su come rendere più sicuri i cavi liberi in ufficio. Puoi applicare quelle idee nella tua valutazione del rischio, in base alle specifiche del tuo ambiente di lavoro.
  5. 5
    Chiedi un parere ai dipendenti. È importante coinvolgerli nel processo di valutazione del rischio e ascoltare le loro proposte per eventuali precauzioni. In questo modo sarai certo che le tue proposte funzioneranno e non introdurrai nuovi pericoli nell'ambiente di lavoro.[13]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Esporre la Tua Ricerca in una Valutazione

  1. 1
    Scrivi una valutazione semplice e facile da seguire. Dovresti elencare i pericoli, il modo in cui possono arrecare danno alle persone e le misure che hai preso per controllare i rischi.
    • Se hai meno di cinque dipendenti, per legge non sei obbligato a scrivere una valutazione del rischio. Tuttavia, è utile farlo, in modo da poterla rileggere in futuro e aggiornarla.[14]
    • Se hai più di cinque dipendenti, la valutazione del rischio è richiesta per legge.
  2. 2
    Usa un modello per realizzare la valutazione. Su internet ne troverai molti disponibili, personalizzati in base all'ambiente di lavoro.[15] In una valutazione del rischio di base deve essere dimostrato che:
    • È stato svolto un controllo appropriato dei pericoli.
    • Hai chiesto al personale chi può essere a rischio.
    • Hai affrontato i pericoli più evidenti e gravi, oltre ad aver preso in considerazione il numero di persone che potrebbero essere coinvolte.
    • Le precauzioni prese sono ragionevoli e pratiche.
    • Il rischio residuo è basso o gestibile.
    • Hai coinvolto i dipendenti nel processo.
    • Se la natura del lavoro cambia spesso o se l'ambiente di lavoro si modifica e si sviluppa, come in un cantiere, devi allargare la tua valutazione a tutti i rischi prevedibili. Questo significa considerare lo stato del sito in cui i dipendenti lavoreranno, i possibili pericoli fisici dell'area, come alberi caduti o rocce.
  3. 3
    Ordina i pericoli dal più grave al meno grave. Se nella tua valutazione del rischio identifichi più di un pericolo, devi classificarli in ordine di importanza. Ad esempio, una fuoriuscita di sostanze chimiche in una fabbrica è probabilmente il rischio più grave, mentre un infortunio alla schiena dovuto al sollevamento di un barile nello stesso impianto è probabilmente un rischio meno grave.
    • La classificazione dei pericoli di solito viene effettuata in base al buon senso. Considera i pericoli che possono portare a infortuni gravi, come il decesso, la perdita di un arto, un'ustione o un taglio gravi. Poi, prosegui fino al rischio meno significativo.
  4. 4
    Individua delle soluzioni a lungo termine per i rischi con le conseguenze più gravi, come malattia e decesso. Potresti migliorare la prevenzione delle fuoriuscite di materiale chimico per un impianto o predisporre una procedura di evacuazione chiara in caso di perdite. Potresti anche fornire ai dipendenti attrezzature protettive di alta qualità, in modo da prevenire l'esposizione agli agenti chimici.
    • Nota se puoi applicare in breve tempo questi miglioramenti o soluzioni, oppure se puoi adottare correttivi temporanei, finché non potrai passare a sistemi di controllo più affidabili.
    • Ricorda che più è grande il pericolo, più affidabili ed efficaci devono essere le misure di controllo.
  5. 5
    Nota se sono necessari corsi di addestramento per i dipendenti. Nella valutazione del rischio puoi includere se i dipendenti devono essere istruiti sulle misure di sicurezza, come sollevare correttamente una scatola da terra, o su come affrontare una fuoriuscita di materiale chimico.
  6. 6
    Crea una matrice di valutazione del rischio. Un altro approccio è usare una matrice, che ti aiuta a capire quanto è probabile che un rischio si materializzi nel tuo ambiente di lavoro. La matrice avrà una colonna per "Conseguenze e probabilità", divisa in:
    • Raro: può accadere solo in circostanze eccezionali.
    • Improbabile: può capitare talvolta.
    • Possibile: può capitare spesso.
    • Probabile: probabilmente capiterà nella maggior parte dei casi.
    • Quasi certo: ci si attende che capiterà quasi sempre.
    • La colonna superiore poi sarà divisa nelle sezioni seguenti:
    • Insignificante: perdita finanziaria minima, nessun ostacolo alla capacità produttiva e nessuna perdita di immagine per la società.
    • Minore: perdita finanziaria media, lieve ostacolo alla capacità produttiva e impatto minore sull'immagine della società.
    • Grave: perdita finanziaria alta, ostacoli temporanei alla capacità produttiva, impatto modesto sull'immagine della società.
    • Disastroso: perdita finanziaria ingente, ostacoli di lunga durata alla capacità produttiva, grande impatto sull'immagine della società.
    • Catastrofico: perdita finanziaria critica per il futuro dell'azienda, limitazioni permanenti alla capacità produttiva e impatto rovinoso sull'immagine della società.
  7. 7
    Condividi la valutazione del rischio con i tuoi dipendenti. Non sei obbligato per legge a farlo, ma si tratta di una buona pratica professionale.[16]
    • Archivia una copia cartacea della valutazione del rischio e conservane una digitale nel server condiviso della società. Devi avere la possibilità di accedere facilmente al documento, in modo da poterlo aggiornare e modificare.
  8. 8
    Riconsidera regolarmente la valutazione del rischio. Pochi ambienti di lavoro restano immutati e presto o tardi, saranno introdotte nuove attrezzature, sostanze e processi che possono provocare nuovi pericoli. Riconsidera tutti i giorni le pratiche di lavoro dei dipendenti e aggiorna la valutazione del rischio di conseguenza. Chiediti:[17]
    • Ci sono stati dei cambiamenti?
    • Hai imparato qualcosa dagli incidenti e dalle situazioni di pericolo?
    • Fissa una data per la revisione della valutazione del rischio tra un anno. Se avvengono cambiamenti importanti nell'ambiente di lavoro durante l'anno, aggiorna la valutazione del rischio il prima possibile.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 11 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Management
Questa pagina è stata letta 482 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità