Ricevere un insulto può far male, specialmente quando non sai come comportarti in quella situazione: sentirti sicuro di te e mostrarti tale quando qualcuno ti insulta non è sempre semplice, ma quando ci riesci dimostri di avere pieno controllo dei tuoi pensieri e delle tue emozioni. Esercitati quindi a sviluppare sicurezza di te, mostrando immediata compostezza quando ricevi un insulto, rafforzando la tua autostima come progetto a lungo termine ed escludendo i prepotenti dalla tua vita.

Metodo 1 di 3:
Reagire nell'Immediato

  1. 1
    Fai un respiro profondo. Dedica un momento a te stesso per riconcentrarti: inspira profondamente ed espira lentamente per allontanare i pensieri dalla critica esterna e focalizzarti su te stesso. Chiudi gli occhi e dedicati al respiro lento e profondo finché non ti senti più sollevato.[1]
    • Per restare concentrato sulla respirazione, prova a inspirare contando sino a tre, trattieni il respiro per due secondi ed espira contando di nuovo sino a tre; ripeti per quante volte è necessario.
    • È consigliabile trovare un posto tranquillo dove sederti o rilassarti per un minuto mentre ti riconcentri.
  2. 2
    Valuta l'insulto. Soffermati un momento a soppesare criticamente quanto ti è stato detto: c'è un fondo di verità? C'è un motivo, come un conflitto precedente, per cui una certa persona vorrebbe ferire di proposito i tuoi sentimenti?[2]
    • Per i contenuti dell'insulto che scopri essere veri, ammetti che è normale essere imperfetti: tutti hanno dei difetti ed è accettabile valutarli e lavorarci su.
    • Per i contenuti dell'insulto che non ritieni veri, ricordati che non ti riguardano, non essendo appunto reali.
    • Ricorda a te stesso una verità personale per controbilanciare l'insulto; se per esempio qualcuno ti dicesse "Sei stupido", ripensa ai tuoi successi, come esserti laureato con il massimo dei voti o aver ricevuto una promozione prestigiosa.
    Consiglio dell'Esperto
    Nicolette Tura, MA

    Nicolette Tura, MA

    Esperta di Benessere
    Nicolette Tura è un'Esperta di Benessere e fondatrice di The Illuminated Body, un servizio di consulenza benessere e relazioni con sede nella San Francisco Bay Area. Nicolette è un'Istruttrice di Yoga Registrata con una formazione di 500 ore e con una specializzazione in Psicologia e Mindfulness. È inoltre una Specialista in Esercizio Correttivo certificata dalla National Academy of Sports Medicine (NASM) e un'esperta in stile di vita olistico. Ha conseguito una Laurea di Primo Livello in Sociologia presso la University of California (Berkeley) e una Laurea Magistrale in Sociologia presso la SJSU.
    Nicolette Tura, MA
    Nicolette Tura, MA
    Esperta di Benessere

    Prenditi del tempo per permetterti di riconoscere le tue emozioni: esiste una reazione chiamata aggiramento spirituale che avviene se cerchi di agire come se qualcosa non ti facesse male. Chiediti quindi: "È vero?" e "Perché l'opinione di quella persona è così importante per me?". Paradossalmente, l'insulto potrebbe darti gli strumenti per disinnescare una credenza auto-limitante e rappresentare un'occasione di crescita, se lo desideri.

  3. 3
    Evita di replicare a tua volta con gli insulti. Potresti avere la tentazione di rispondere con occhio per occhio e dente per dente, ma indipendentemente dalla situazione in cui ti trovi, che si tratti di completare un discorso o semplicemente continuare a divertirti con gli amici o la famiglia, è sempre meglio ignorare anziché ripagare con la stessa moneta chi ti ha insultato.
    • Ricordati che, fondamentalmente, replicare con un insulto non fa bene.
    • Dici a te stesso: "Il modo migliore di dare una lezione a questa persona non è ricambiare con un insulto, ma farle capire che le sue parole non hanno alcun effetto su di me". Prova a battere chi ti insulta con la gentilezza, perché rispondere a un insulto con garbo a volte può aiutare le persone a riconoscere l'errore.
  4. 4
    Riprendi l'autocontrollo. Assentati per un momento oppure fermati e calmati per riprendere l'autocontrollo, perché avere una reazione negativa a un insulto è normale e chi ti è attorno capirà se hai bisogno di un momento per riprenderti.[3]
    • Prenditi del tempo per praticare la respirazione profonda oppure ripeti una citazione positiva o un mantra dentro di te.
    • Concediti tutto il tempo che ti serve per far passare il pianto o il risentimento. Evita di esplodere emotivamente prendendoti il tempo sufficiente per calmare i tuoi sentimenti a caldo.
  5. 5
    Ridici su. Ridere provoca il rilascio di endorfine, un gruppo di ormoni in grado di stimolare sensazioni di felicità o euforia, quindi prenditi un momento per ridere da solo e permetti alle endorfine di rimpiazzare il senso di panico con sensazioni migliori.[4]
    • Rammenta a te stesso che nessuno è immune da insulti o critiche: anche se non ridi all'insulto, trova qualche imperfezione personale e ridici su.
    • Prova un approccio diverso facendo "buon viso a cattivo gioco": anche se non ti sembra divertente, ridi nei momenti difficili; con il tempo, sarà più facile farlo con trasporto.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Costruire una Sicurezza di Sé Duratura

  1. 1
    Impara ad accettare gli insulti. Non occorre essere d'accordo con ciò che dice una persona, ma per accettare un insulto ci vuole una grande sicurezza: dimostra che, se l'insulto proviene da qualcuno a cui tieni, sei disposto a considerare il suo punto di vista; se proviene da qualcuno che non ti interessa, dimostra che non ha nessun effetto su di te.[5]
    • Allenati ad accettare gli insulti superando le critiche che hai ricevuto. Prova a dire a te stesso qualcosa come "Tu non sei un granché", quindi allenati ad accettarlo dicendo "Hai ragione, non sono un granché".
    • Ripeti l'esercizio finché non senti che il colpo dell'insulto si affievolisce; non è detto che svanisca del tutto, ma eliminare il senso di turbamento iniziale ti darà la prontezza di spirito per poter replicare quando qualcuno ti insulta.
    • Ricorda che questo esercizio non serve per dare ragione al prossimo; al contrario, ti fa acquisire più sicurezza accettando l'opinione altrui, ma sentendoti forte abbastanza da non lasciarti che ti domini.
  2. 2
    Organizza la tua crescita personale. Prenditi del tempo per riflettere su te stesso e individua quelle che consideri le tue debolezze personali: non lasciare che l'insulto determini ciò che vedi in te stesso, ma identifica gli aspetti di te che desideri migliorare.[6]
    • Stila una lista di obiettivi e azioni che ti permettono di affrontare le tue debolezze; per esempio, se ritieni di non essere un buon oratore, potresti chiacchierare più spesso del più e del meno con degli sconosciuti, allenarti davanti allo specchio o persino tenere lezioni in pubblico.
    • Quando qualcuno ti insulta, ricordati che stai facendo qualcosa per migliorarti e che non c'è da vergognarsi di tale percorso.
  3. 3
    Scegli di andare avanti. È più facile a dirsi che a farsi, ma uno dei modi migliori per acquisire una maggiore sicurezza a lungo termine quando affronti gli insulti, è ricordare a te stesso che un insulto è tale solo se lasci che ti faccia del male: se scegli di superare velocemente l'insulto e di concentrarti sulla crescita personale o su altri aspetti della tua personalità che sono già positivi, l'insulto perde la sua forza.[7]
    • Allenati a completare frasi come: "Non importa perché io sono ______"; dai una ragione a te stesso, sulla base delle tue qualità positive, per rigettare l'insulto.
    • Per esempio, se qualcuno ti insulta dicendo: "È stata proprio una brutta presentazione", di' a te stesso: "Non importa, perché ho preparato un'ottima relazione per questo progetto".
    • Comprendi che lasciarsi tutto alle spalle potrebbe richiedere tempo; considera l'essere in grado di rigettare gli insulti concentrandoti sulle tue qualità positive come un obiettivo anziché una soluzione immediata.
  4. 4
    Circondati di persone positive. Un modo per costruire la sicurezza di sé e ridurre al minimo la critica inutile è circondarti da influenze positive. Quindi coltiva le amicizie, i rapporti familiari e le connessioni scolastiche e lavorative che trovi appaganti e lascia stare quelli che invece consideri di intralcio.[8]
    • I rapporti positivi ti aiuteranno a diventare sicuro di te celebrando i tuoi successi nella vita e spronandoti a realizzare cose positive: prendi nota di chi è che lo fa nella tua vita.
    • Considera chi è che ti insulta: se si tratta di un familiare o di qualcuno che si definisce tuo amico, prendi in considerazione la possibilità di allentare o interrompere il tuo rapporto con tale persona e informalo dicendogli: "Mi critichi in continuazione e io non voglio questo tipo di energia negativa nella mia vita".
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Affrontare i Bulli

  1. 1
    Ignorali. La maggior parte dei bulli cerca attenzione: se resti male quando ti insultano, stai facendo esattamente quello che sperano, quindi spiazzali e mostrati sicuro e convinto semplicemente ignorando quello che dicono.[9]
    • Se un bullo ti interrompe per insultarti mentre parli, continua tranquillamente a parlare ignorando completamente quanto ha detto.
    • Sii coerente: un bullo potrebbe cercare di indurti a una reazione forzata parlando ad alta voce, ripetendo l'insulto o usando parole più pesanti, ma tu resta coerente e alla fine si arrenderà.
  2. 2
    Metti le distanze tra te e il bullo. Se ti insulta, guardalo e prosegui con sicurezza, con il sorriso e a testa alta, per dimostrargli che i suoi insulti non ti toccano minimamente.
    • Se ti segue, continua a camminare finché non se ne va o finché non arrivi a destinazione.
    • Non evitare di uscire per non incontrare il bullo: hai il diritto di andare dove ti pare, a scuola, al lavoro o altrove per la tua vita personale; supera il bullo con fiducia perché capisca che non domina le tue azioni.
  3. 3
    Informa qualcuno. Non esitare a informare le autorità se il bullo passa dagli insulti alle minacce di aggressione o all'aggressione fisica, coinvolgendo qualcuno che possa aiutarti a moderare o a proteggerti da quelle minacce, perché chiedere aiuto in caso di aggressione non è affatto un segno di debolezza.[10]
    • Considera di parlare al tuo insegnante, al tuo principale o con uno psicologo non appena il bullo passa dagli insulti alle minacce o all'aggressione fisica.
    • Se un bullo ti attacca fisicamente, denuncialo in Presidenza o alla polizia. Cerca aiuto appena puoi dicendo: "Ho bisogno di aiuto urgente. Sono vittima di un'aggressione".
    Pubblicità

Consigli

  • Non devi sentirti sicuro di te internamente per agire come se lo fossi: quando qualcuno ti insulta, mostrarsi sicuri di sé è spesso sufficiente a ingannarli e, se lo fai abbastanza, potresti anche convincerti che veramente lo sei.
  • Comprendi che c’è differenza tra critica costruttiva e insulto: la critica può aiutarti a migliorare laddove sei forte, mentre l'insulto è fatto principalmente per farti del male.
  • Se qualcuno ti insulta, pensa prima di parlare, altrimenti potresti solo peggiorare la situazione.

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Capire se Piaci a un Ragazzo

Come

Capire se Piaci a una Ragazza

Come

Scambiare Messaggi con il Ragazzo Che Ti Piace

Come

Fare Soldi (per Adolescenti)

Come

Eccitare il Tuo Ragazzo

Come

Creare un Piano d'Azione Efficace

Come

Capire se per un Ragazzo sei più di un'Amica

Come

Inventarsi un Bel Soprannome

Come

Divertirti con le tue Amiche (Per Ragazze Teenager)

Come

Capire se un Ragazzo ha una Cotta per Te

Come

Convincere i Tuoi Genitori a Prenderti un Cane

Come

Capire se ti Piace un Ragazzo

Come

Convincere i Tuoi Genitori a Farti Fare Qualsiasi Cosa

Come

Divertirti a Casa di un Amico
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Nicolette Tura, MA
Co-redatto da
Esperta di Benessere
Questo articolo è stato co-redatto da Nicolette Tura, MA. Nicolette Tura è un'Esperta di Benessere e fondatrice di The Illuminated Body, un servizio di consulenza benessere e relazioni con sede nella San Francisco Bay Area. Nicolette è un'Istruttrice di Yoga Registrata con una formazione di 500 ore e con una specializzazione in Psicologia e Mindfulness. È inoltre una Specialista in Esercizio Correttivo certificata dalla National Academy of Sports Medicine (NASM) e un'esperta in stile di vita olistico. Ha conseguito una Laurea di Primo Livello in Sociologia presso la University of California (Berkeley) e una Laurea Magistrale in Sociologia presso la SJSU.
Categorie: Gioventù
Questa pagina è stata letta 214 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità