Vivere con un neonato significa produrre moltissimi pannolini sporchi. Anche se doverli gestire non sarà mai un’attività divertente, non deve nemmeno necessariamente rovinarti la giornata. Sia che vengano buttati nella spazzatura a casa o mentre si è in giro, sia che vengano compostati localmente, è possibile gestire i pannolini usa e getta nel modo più piacevole e sicuro possibile.

Metodo 1 di 3:
Buttare Via i Pannolini a Casa

  1. 1
    Non gettare i pannolini nei bidoni della raccolta differenziata. Indipendentemente da dove abiti e da quanto sia importante per te la raccolta differenziata, ricorda che i pannolini normalmente non sono riciclabili. Gli impianti di riciclaggio devono gestire tonnellate di pannolini e separarli dagli altri rifiuti per assicurarsi che non contaminino materiali riciclabili come la carta e la plastica. Se gettassi i pannolini nei bidoni della raccolta differenziata, l’intero sistema diventerebbe meno efficiente e più costoso.[1]
    • Se sei preoccupato dell’impatto ecologico dei pannolini (dopotutto, quelli usa e getta si decompongono in un arco di tempo di 500 anni) prova ad acquistare marche classificate come ecosostenibili o biodegradabili.[2]
  2. 2
    Acquista un cestino separato con pedale per lo smaltimento dei pannolini. È necessario tenerli separati dal resto della spazzatura e dagli avanzi di cibo, pertanto è fondamentale avere un contenitore separato, lavabile e con il coperchio. Acquistane uno provvisto di pedale per aprire il coperchio senza doverlo toccare con le mani sporche; assicurati anche di rivestirlo con un sacchetto di plastica, cosicché la spazzatura non ne tocchi i lati.
    • Anche se hai un armadio chiuso o un ripostiglio in cui riporre il cestino per i pannolini, assicurati che il contenitore sia a prova di bambino. Acquistane uno alto e più pesante sul fondo, in modo che il bambino non possa rovesciarlo né aprirlo.
    • Alcuni genitori preferiscono acquistare un bidoncino (il cosiddetto mangiapannolini) che sigilla ciascun pannolino in un singolo sacchetto. Se opti per questa opzione, sappi che questo sistema probabilmente non eliminerà completamente gli odori e i rischi igienici connessi, ma li limiterà soltanto.[3]
  3. 3
    Getta le feci nel water. Eliminarle dal pannolino prima di procedere al suo smaltimento ridurrà odori e batteri, inoltre farà in modo che il bidone non si riempia troppo in fretta. Usando dei guanti o un pezzetto di carta igienica, rimuovi le feci più solide con una mano e gettale nel water.
    • A seconda di dove vivi, questo passaggio potrebbe non essere necessario. In Italia, per esempio, i pannolini usa e getta – insieme al loro contenuto – sono considerati rifiuti solidi urbani, quindi possono essere eliminati senza dover essere prima vuotati dell’eventuale rifiuto solido.[4]
  4. 4
    Avvolgi il pannolino attorno allo strato sporco interno. Per evitare che il contenuto si rovesci e sporchi il bidone, avvolgilo su se stesso in un rotolo stretto e usa le strisce adesive sui lati per sigillarlo.
  5. 5
    Butta il pannolino così avvolto nel bidone, poi chiudi il coperchio. Conservare i pannolini sporchi in un bidone speciale e richiudibile eviterà che i batteri contenuti nei rifiuti contaminino altre superfici e oggetti della casa. Assicurati semplicemente di riporre il pannolino nel bidone usando il pedale, in quanto aprendo il coperchio con le mani potresti contaminare quest’ultimo, nonché la superficie esterna del contenitore.
    • Se indossi i guanti di lattice a protezione delle mani, getta anche questi nel bidone insieme al pannolino.
  6. 6
    Rimuovi il sacchetto di plastica dal bidone quando è pieno. Non appena il cestino è colmo, dovresti trasferire il sacchetto in un bidone fuori casa. Non aspettare che sia pieno zeppo o che trabocchi, in quanto potrebbe aumentare il rischio di contaminazione batterica.
    • Se sei a corto di spazio, svuotane il contenuto e trasferiscilo in un bidone fuori casa, oppure acquista un secondo cestino in cui conservare la spazzatura in eccesso.
  7. 7
    Sanifica l’interno del bidone con sapone e disinfettante. Quando il contenitore è vuoto puliscine l’interno con acqua e sapone per eliminare lo sporco, quindi spruzzalo con un disinfettante per la casa o con la candeggina per uccidere germi e batteri.[5]
    • Se avverti un odore persistente all’interno del bidone anche dopo averlo pulito e disinfettato più volte, prova a spargere sul fondo del bicarbonato, dei chiodi di garofano o qualche fondo di caffè. Anche i foglietti antistatici per l’asciugatrice e i filtri del caffè americano possono contribuire a mitigare gli odori più insistenti.[6]
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Smaltire i Pannolini Fuori Casa

  1. 1
    Aggiungi alcuni sacchetti di plastica ermetici nella tua borsa per il cambio del neonato. Probabilmente possiedi già una borsa contenente tutto il necessario per il bambino, come pannolini, snacks, salviette e giocattoli. Per avere sempre la possibilità di smaltire i pannolini in modo discreto e sicuro, infila nella borsa qualche sacchetto di plastica resistente e assicurati di rinnovarne la scorta quotidianamente.
    • I sacchetti in plastica con chiusura a zip sono particolarmente utili, in quanto trattengono all’interno i rifiuti e l’umidità nel caso in cui tu debba restare in giro per un periodo di tempo prolungato. Puoi anche trovare sacchetti profumati presso molti negozi per bambini e supermercati.[7]
  2. 2
    Avvolgi il pannolino usato all’interno di un sacchetto di plastica. Non è indispensabile eseguire questo passaggio quando si è a casa, ma è essenziale farlo mentre si è in giro. Infila il pannolino all’interno di uno dei sacchetti che hai portato con te e sigillalo prima di cercare un cestino adatto in cui gettarlo.[8]
    • Se ti trovi vicino a un bagno, puoi gettare nel water le eventuali feci prima di chiudere il pannolino per limitarne il volume e l’odore.
  3. 3
    Cerca un bidone della spazzatura che sia ubicato in un luogo adeguato. Forse può sembrare che tutti i rifiuti si possano smaltire allo stesso modo, tuttavia prova a riflettere un attimo: buttare un pannolino a casa di qualcuno, in un ristorante, in ufficio o fuori dal finestrino non è né igienico né appropriato. Getta il sacchetto con i pannolini sporchi soltanto in un cestino situato all’aperto o in un bagno; se ti trovi a casa di amici, chiedi loro dove puoi buttarlo.[9]
    • Se nessuna di queste alternative igieniche è a immediata disposizione, dovrai conservare il sacchetto finché non ne trovi una.
  4. 4
    Quando ti trovi in mezzo alla natura, riponi i pannolini sporchi in un sacchetto a parte. Si tratta di rifiuti inquinanti se abbandonati all’esterno, pertanto dovrai portarli con te mentre sei in campeggio, fai trekking o altre attività all’aperto. Se questa idea ti disgusta, serviti di un campeggio pubblico o usa sentieri ben tenuti che mettano a disposizione bidoni per la spazzatura.[10]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Smaltire i Pannolini nel Compost

  1. 1
    Verifica le norme locali e i servizi disponibili nella zona in cui vivi. Nonostante nella maggior parte delle città del mondo i pannolini usa e getta debbano essere gettati nei bidoni della raccolta del secco da destinare alla discarica, alcune città stanno cercando di ridurre i rifiuti fornendo servizi di compostaggio. A Toronto, per esempio, è possibile smaltire i pannolini usati (come le lettiere feline e i rifiuti animali) in bidoni separati che vengono convogliati verso gli impianti di compostaggio.[11]
    • Assicurati di leggere attentamente il regolamento del servizio di compostaggio locale per verificare che accetti anche i pannolini. La maggior parte delle città in Italia, infatti, gestisce programmi di compostaggio che raccolgono scarti di cibo e altri rifiuti organici, ma non i pannolini.[12]
  2. 2
    Valuta se hai la possibilità di fare il compostaggio a casa. Se possiedi un giardino e una compostiera, probabilmente puoi realizzare il tuo compost con i pannolini, a patto che questi siano certificati come compostabili, altrimenti prendi in considerazione di contattare un servizio di compostaggio, qualora fosse presente nella tua città. Si tratta di servizi che prelevano i pannolini usati e li convogliano verso un impianto di compostaggio per smaltirli.
    • Assicurati soltanto di non smaltire i pannolini nel compost per l’orto, ma in quello che usi esclusivamente per i fiori, gli arbusti e altre piante non adatte al consumo, in quanto si tratta di rifiuti ricchi di batteri.
  3. 3
    Separa i pannolini bagnati di pipì da quelli con rifiuto solido. Il compostaggio è un ottimo modo per ridurre questo tipo di rifiuti, ma dovrebbe essere fatto soltanto con i pannolini bagnati di urina. Gli impianti di compostaggio professionali accettano entrambi i tipi di rifiuti, in quanto sono in grado di raggiungere la temperatura necessaria per sterminare i batteri, mentre il compostaggio domestico no.[13]
    • Smaltisci i pannolini che contengono rifiuti solidi con la solita modalità.
  4. 4
    Strappa a metà il pannolino in modo che l’imbottitura fuoriesca. Quando hai accumulato pannolini bagnati di pipì per 2-3 giorni di fila, indossa un paio di guanti e portali fuori nella compostiera. Reggi il pannolino sopra la compostiera per strapparlo, cominciando dal lato indossato dal bimbo sulla parte frontale. L’imbottitura è completamente compostabile e, nella maggior parte dei casi, realizzata in poliacrilato di sodio e pasta di legno, ovvero cellulosa.[14][15]
    • Il rivestimento dei pannolini, realizzato in plastica e carta, non è compostabile: mettilo da parte e gettalo insieme ai pannolini che contengono rifiuti solidi.
  5. 5
    Mescola l’imbottitura all’interno della compostiera. Con l’aiuto di una pala o di una zappa lunga distribuiscila all’interno del contenitore, in modo che non sia tutta ammassata in un solo punto. Falla penetrare all’interno dello strato superficiale di compost, in modo che le fibre comincino a disintegrarsi.[16]
  6. 6
    Ricopri di terriccio o compost eventuali parti di imbottitura visibili. Un compost ben funzionante disintegrerà i materiali che lo compongono senza produrre alcun odore. Per assicurarti che l’imbottitura del pannolino inizi a disintegrarsi il prima possibile, distribuisci un sottile strato di terriccio o di compost al di sopra di questa. Se svolgi questa operazione correttamente, dovresti ottenere risultati visibili nell’arco di un mese.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Lavati sempre le mani dopo aver cambiato un pannolino o aver toccato pannolini usati perché contengono batteri.
  • L’imbottitura del pannolino non è irritante per la pelle, tuttavia le vie aeree potrebbero essere sensibili all’inalazione di piccole particelle quando lo apri. Indossa una mascherina se provi fastidio, ma non preoccuparti: non si tratta di materiale tossico.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Bidone per i pannolini
  • Sacchetti per il bidone
  • Detergente multiuso
  • Carta assorbente
  • Sacchetti in plastica
  • Guanti
  • Pala
  • Compostiera
  • Terriccio


wikiHow Correlati

Come

Vivere Senza Elettricità

Come

Alzare il pH di una Piscina

Come

Calcolare le Ore Necessarie al Filtraggio della Piscina

Come

Diagnosticare e Pulire l'Acqua Torbida in una Piscina

Come

Scassinare una Serratura con una Forcina

Come

Togliere le Macchie dagli Indumenti Bianchi

Come

Sbarazzarsi dell'Acqua Verde in Piscina

Come

Ritrovare degli Oggetti Smarriti

Come

Usare un Deumidificatore

Come

Eliminare e Prevenire le Alghe Verdi in una Piscina

Come

Uccidere una Vespa

Come

Eliminare il Troncone di un Albero

Come

Potare la Menta

Come

Controllare un Motore Elettrico
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Sarah Gehrke, RN, MS
Co-redatto da
Infermiera Registrata
Questo articolo è stato co-redatto da Sarah Gehrke, RN, MS. Sarah Gehrke lavora come Infermiera Registrata in Texas. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Phoenix nel 2013.
Questa pagina è stata letta 370 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità